Locarno 2017

Locarno 2017

Dal 2 al 12 agosto, la 70esima edizione del Locarno Film Festival, per la quinta volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Il concorso, la Piazza Grande, la retrospettiva dedicata a Jacques Tourneur: tutti i nostri articoli.

Dal 2 al 12 agosto si tiene la settantesima edizione del Locarno Film Festival, sempre diretto da Carlo Chatrian e con una serie di novità, a partire dal nome, semplificato rispetto al “Festival del Film Locarno”. Così anche la voce registrata che presenta le proiezioni in Piazza Grande sarà più veloce. La manifestazione ticinese accoglierà quest’anno gli spettatori con ben tre nuove sale, facenti parte del nuovo Palazzo del Cinema. Insomma qui non si scavano buche che rimangono vuote come è successo da altre parti. Anche lo storico tempio dei cinefili, del cinema ritrovato locarnese, il Rex dove sono passate tante retrospettive, è stato ristrutturato e rinnovato. Non si chiamerà più Ex Rex, come negli ultimi anni quando ormai non era più funzionante come sala e rimaneva deserto al di fuori del festival, bensì GranRex Auditorium Leopard Club. Si spera che la ristrutturazione non abbia intaccato quel gusto retrò, le comode poltrone bianche, il grande spazio tra la prima fila e lo schermo addobbato di piante.
Anche in questa sala ruggiranno i grandi felini, come quello della sigla che precede ogni film del festival, con Il bacio della pantera (di cui al festival si potrà vedere anche il remake di Paul Schrader per l’omaggio a Nastassja Kinski) e L’uomo leopardo, presentati nella retrospettiva di quest’anno, dedicata a Jacques Tourneur. Una grande personale, curata da Rinaldo Censi e Roberto Turigliatto, quasi completamente in pellicola, coerentemente con il rigore delle retrospettive locarnesi.
E Jacques Tourneur avrà anche una proiezione, di Ho camminato con uno zombi, nel grande schermo della Piazza Grande, che avrà una programmazione più coraggiosa e meno da blockbuster. L’altra grande scommessa, che un po’ ricorda le vecchie scorribande dell’era Müller, sarà anche la proiezione in piazza di Sicilia! in occasione del Pardo d’onore assegnato a Jean-Marie Straub. E ancora tra le opere ritrovate e restaurate, come fuori concorso Grandeur et décadence d’un petit commerce de cinéma, film del 1986 di Jean-Luc Godard, incentrato su un regista dal nome Gaspard Bazin.[continua a leggere]

Info
Il sito del Festival di Locarno 2017.
Il programma del Festival di Locarno 2017.

Articoli correlati

  • Locarno 2017

    Intervista a Serge Bozon

    Attore, critico e regista, Serge Bozon ha portato a Locarno Madame Hyde, un adattamento ironico nel contesto delle banlieue francesi del romanzo di Stevenson. Lo abbiamo incontrato a Locarno.
  • Locarno 2017

    Intervista a Pedro Cabeleira

    Ha rappresentato un caso all'ultimo Locarno Festival il film Verão Danado, presentato nella sezione Cineasti del presente. Si tratta del primo film di Pedro Cabeleira, classe 1992, che abbiamo incontrato a Locarno.
  • In sala

    Easy – Un viaggio facile facile

    di Road movie sui generis, che guarda a certo indie europeo con una sensibilità tutta nostrana, Easy - Un viaggio facile facile si rivela un esordio interessante, capace di ragionare sui concetti di confine e frontiera.
  • Locarno 2017

    Intervista a Giovanni Columbu

    Con Surbiles, presentato al Locarno Festival nella sezione Signs of Life, Giovanni Columbu realizza il suo terzo lungometraggio, dopo Arcipelaghi e Su re. Lo abbiamo incontrato nei giorni del festival svizzero.
  • Locarno 2017

    Verão Danado

    di Presentato in Cineasti del Presente al Locarno Festival, Verão Danado è l'opera prima di Pedro Cabeleira. Un flusso di vita nella popolazione universitaria di Lisbona, tra droghe leggere e pesanti.
  • Locarno 2017

    3/4

    di Vincitore del concorso Cineasti del Presente, 3/4 è il primo lungometraggio di Ilian Metev, un film criptico come un gioco enigmistico che rimane aperto. Visionabile gratuitamente su Festival Scope fino al 20 agosto.
  • Locarno 2017

    Intervista a Michel Merkt

    Tutti lamentano che il sistema produttivo del cinema è sempre più un meccanismo rigido senza spiragli, governato da istituti bancari; che mancano i produttori veri, quelli coraggiosi di una volta, capaci di rischiare. Un'eccezione a questo trend è rappresentata dal produttore svizzero Michel Merkt, che abbiamo incontrato a Locarno70.
  • Locarno 2017

    Cocote

    di Vincitore della sezione Signs of Life del Locarno Festival, Cocote è un viaggio antropologico nella cultura religiosa di Santo Domingo, dove si mescolano credenze africane con la religione cristiana. Emerge un quadro desolante di un paese dal forte squilibrio sociale, dove i crimini rimangono impuniti, e dove le religioni stesse sono uno strumento per anestetizzare le masse.
  • Locarno 2017

    Nazidanie

    di , Partendo e sempre tornando alla testata sferrata da Zidane a Marco Materazzi, Nazidanie eleva il calcio e i suoi simboli a epica metafora del destino. Fuori concorso a Locarno70.
  • Locarno 2017

    Intervista a Wang Bing

    Con il trionfo a Locarno con Mrs. Fang, che segue gli ultimi giorni di vita di una donna allettata in un villaggio degradato di pescatori, Wang Bing si conferma tra i più importanti cineasti indipendenti contemporanei.
  • Locarno 2017

    Gli asteroidi

    di Unico film italiano in concorso al Locarno Festival, Gli asteroidi, esordio al lungometraggio di finzione di Germano Maccioni, è un racconto di desolazione umana nella provincia italiana. Un lavoro complessivamente ben realizzato in confronto alla media delle produzioni italiane di quel tipo, in cui tuttavia tornano inesorabili anche tutti i loro limiti.
  • Locarno 2017

    Dragonfly Eyes

    di In concorso al Locarno Festival, Dragonfly Eyes di Xu Bing racconta una storia di amori e solitudini nell'alienazione della moderna Cina, usando materiale proveniente dal footage di telecamere di sorveglianza.
  • Locarno 2017

    La telenovela errante

    di , Raúl Ruiz torna a vivere con un'opera datata 1990, a suo tempo inconclusa e lasciata nel cassetto. Ritrovato e reintegrato ora dalla moglie Valeria Sarmiento, La telenovela errante è in concorso a Locarno 2017.
  • Locarno 2017

    Mrs. Fang

    di L'occhio di Wang Bing si sofferma stavolta sulle ultime esalazioni della vita di una donna, allettata nella casa di famiglia. Si tratta di Mrs. Fang, che dà il titolo alla nuova opera del regista, Pardo d'Oro a Locarno 70.
  • Locarno 2017

    Surbiles

    di Presentato nella sezione Signs of Life del Locarno Festival, Surbiles è il nuovo lavoro di Giovanni Columbu, ancora uno sguardo antropologico nella Sardegna profonda, alla ricerca di creature fantastiche del folklore, tra vampiri e streghe.
  • Locarno 2017

    Grandeur et décadence d’un petit commerce de cinéma

    di Presentata in versione restaurata al Locarno Festival questa opera poco nota di Jean-Luc Godard del 1986: Grandeur et décadence d'un petit commerce de cinéma è una riflessione sulla grandezza del cinema classico del passato.
  • Locarno 2017

    Meteors

    di Meteors è il promettente esordio al lungometraggio del turco Gürcan Keltek, nella sezione Cineasti del Presente alla 70esima edizione del Locarno Festival; uno stratificato viaggio nel temporale della Storia e della guerra, gremito di ossessioni cosmiche ed esistenzialiste.
  • Locarno 2017

    Madame Hyde

    di In concorso al Locarno Festival, Madame Hyde di Serge Bozon riesuma con senso del grottesco il romanzo di Stevenson, utilizzandone i temi del doppio e della metamorfosi come metafora dell'insegnamento.
  • Locarno 2017

    Amori che non sanno stare al mondo

    di Amori che non sanno stare al mondo, il nuovo lavoro di Francesca Comencini, procede in altalena fra spunti interessanti e vertiginosi tonfi stilistici, con una scrittura non all'altezza. In Piazza Grande a Locarno 70.
  • Locarno 2017

    The Dead Nation

    di Presentato nella sezione Signs of Life del Locarno Festival, The Dead Nation (Țara moartă), ultimo tassello della storia della Romania del regista Radu Jude, abbina il racconto delle persecuzioni antisemite con delle fotografie d'epoca.
  • Locarno 2017

    Il bacio della pantera

    di Il capolavoro conclamato di Jacques Tourneur, prodotto sotto l'egida di Val Lewton, e senza dubbio tra i film più celebri della RKO. Il bacio della pantera è un viaggio nell'inconscio, alla ricerca di paure e desideri, compiuto attraverso i codici dell'orrore. Impareggiabile.
  • Locarno 2017

    Lucky

    di Esordio dietro la macchina da presa per l'attore John Carroll Lynch, Lucky è un film incentrato su un'icona del cinema quale Harry Dean Stanton, un film sulla senilità e sulla precarietà della vita. In concorso al Festival di Locarno.
  • Locarno 2017

    Il treno ferma a Berlino

    di Il treno ferma a Berlino (Berlin Express nel titolo originale) è un classico del noir statunitense, diretto con estrema eleganza da Jacques Tourneur, uno dei primi film a mostrare la capitale tedesca disgregata, e spartita tra le nazioni vincitrici della guerra. A Locarno 2017.
  • Locarno 2017

    Schiava del male

    di Hedy Lamarr è la protagonista assoluta di Schiava del male, melodramma ambientato nella New York di inizio Novecento, tra modernità strisciante e ataviche sopraffazioni. A Locarno nella retrospettiva dedicata al regista Jacques Tourneur.
  • Locarno 2017

    Tamara figlia della steppa

    di Il primo film diretto da Jacques Tourneur dopo la trilogia horror sotto l'egida di Val Lewton è Tamara figlia della steppa, originale war-movie (ancora a combattimenti in corso) che esalta l'eroismo sovietico. Esordio cinematografico per Gregory Peck e per la ballerina Tamara Tumanova.
  • Locarno 2017

    La leggenda dell’arciere di fuoco

    di All'interno della sua vasta filmografia, Jacques Tourneur si confrontò anche con il film di cappa e spada: lo testimonia La leggenda dell'arciere di fuoco, una fiammeggiante avventura con protagonisti Burt Lancaster e Virginia Mayo. A Locarno 2017.
  • Locarno 2017

    L’uomo leopardo

    di L'uomo leopardo è il terzo capitolo del trittico che vide lavorare insieme, alla RKO, Val Lewton e Jacques Tourneur; un thriller ante-litteram, che mette in scena uno dei primi killer seriali della storia del cinema. A Locarno nella retrospettiva dedicata al regista.
  • News

    A Locarno con Festival Scope

    Dieci film del Festival di Locarno, dalla sezione Cineasti del Presente, saranno disponibili su Festival Scope fino al 20 agosto. 400 biglietti, con un contest e anche un premio del pubblico.
  • Festival

    Locarno Festival 2017 – Presentazione

    È arrivato anche a Locarno, dopo Cannes, il tempo di festeggiare la settantesima edizione, che avrà luogo dal 2 al 12 agosto, sotto la direzione artistica di Carlo Chatrian.
  • In Sala

    Atomica bionda

    di Tra neon fluorescenti e spie a Berlino, Atomica Bionda di David Leitch fa della narrazione un mero accessorio, mentre celebra gli anni '80 e la sua protagonista, un'atletica Charlize Theron.
  • Bologna 2017

    Le catene della colpa

    di Un gangster diabolico, una torbida dark lady, un detective privato cinico e disilluso. È un vero e proprio prontuario dei codici del noir Le catene della colpa di Jacques Tourneur. In programma a Il cinema ritrovato.
  • Cannes 2017

    Good Time

    di , Torna il manierismo poetico di Ben e Joshua Safdie con Good Time, rocambolesca avventura urbana tra umane miserie e altruismo, truffe e affetti familiari. In concorso a Cannes 2017.
  • Cannes 2017

    Le vénérable W.

    di Fuori concorso a Cannes 2017, Le vénérable W. di Barbet Schroeder è un documentario sul monaco birmano islamofobico Wirathu che vive più del turbamento prodotto dai suoi contenuti che della presenza dello sguardo del suo autore.
  • Cannes 2017

    Wonderstruck

    di In concorso a Cannes 2017, Wonderstruck insegue per due ore la "meraviglia" senza mai raggiungerla. Per la prima volta, il cinema di Haynes sembra incapace di penetrare sotto la superficie delle immagini, incapace di andare oltre la luccicante messa in scena.
  • AltreVisioni

    Miséricorde

    di Miséricorde di Fulvio Bernasconi è un viaggio nel cuore nero dell'umanità, dominata dal senso di colpa e incapace di trovare una connessione con il mondo che la circonda. Presentato all'interno della rassegna Cinema Svizzero a Venezia.
  • Cult

    Zombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Cannes 2016

    La pazza gioia

    di Paolo Virzì torna alla regia raccontando un'amicizia tra donne, diverse per estrazione sociale ma legate dall'incapacità di relazionarsi con il mondo che le circonda. Alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes e in sala dal 17 maggio.
  • In sala

    Kommunisten

    di Il nuovo viaggio di Straub nel Novecento, ma non solo: partendo da Malraux, si aggira per declamazioni, letture, voci recitanti, mescolando tutto e donando sempre il fianco a una nuova interpretazione. Un’opera che non ha paura a definirsi intellettuale.
  • Cult

    La notte del demonio

    di Nel 1957 Jacques Tourneur torna al cinema dell'orrore, a quattordici anni di distanza dalla trilogia girata per la RKO di Val Lewton, e firma uno dei suoi capolavori più agghiaccianti.
  • Archivio

    maps-to-the-starsMaps to the Stars

    di Hollywood secondo David Cronenberg, un microcosmo attraversato da sensi di colpa, violenze segrete e stelle prive di luci. In concorso a Cannes 2014.
  • Archivio

    La-pelle-che-abitoLa pelle che abito

    di Almodóvar sembra incapace di muoversi in una direzione che non sia circolare, interna: La pelle che abito è un’operazione chirurgica, è un cambio (artificioso) di pelle che l’Almodóvar pre-Legami! impianta sull’Almodóvar de La mala educación e Gli abbracci spezzati.
  • Archivio

    Un’ora sola ti vorrei

    di Un'ora sola ti vorrei, il folgorante documentario che ha fatto conoscere al mondo cinefilo il nome di Alina Marazzi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento