Twin Peaks – Ep. 14

Twin Peaks – Ep. 14

di

Siamo come il sognatore, che sogna e poi vive dentro al suo sogno. Ma chi è il sognatore? Twin Peaks prosegue verso la sua inevitabile fine, sempre che questo termine abbia un reale senso, e lo fa attraversando un episodio che è visione del nucleo, focalizzazione ulteriore del centro del discorso; solo attraverso l’onirico il reale acquista la propria essenza. Solo nella divaricazione l’unico ritrova la propria funzione. Un segmento teorico, ma dalla forte impronta narrativa.

De rerum natura

Gordon chiama l’ufficio dello sceriffo di Twin Peaks; Frank gli parla delle pagine del diario di Laura Palmer trovate da Hawk che suggeriscono l’esistenza di due Cooper. Albert racconta a Tammy l’origine del termine Rosa Blu. Albert e Gordon parlano con Diane dell’anello trovato nello stomaco di Garland Briggs, e Diane rivela che Janey-E è la sua sorellastra. Gordon incarica l’ufficio dell’FBI di Las Vegas di arrestare i Jones come sospetti per un duplice omicidio. Chad viene arrestato per le sue attività criminali. Bobby, Andy, Frank e Hawk seguono le istruzioni lasciate dal maggiore Briggs e trovano Naido svenuta nel bosco; Andy viene trasportato alla presenza del Fuochista, che gli mostra la verità su Cooper… [sinossi]

Ci sono due passaggi, nel Libro I del De rerum natura di Tito Lucrezio Caro, che incredibile anche solo a pensarsi, sembrano sposarsi alla perfezione con l’intero intrico filosofico e visivo di Twin Peaks, e in particolar modo con la quattordicesima parte: il primo recita «Hunc igitur terrorem animi tenebrasque necessest non radii solis neque lucida tela diei discutiant, sed naturae species ratioque» (“Occorre dunque che l’errore dell’animo e queste tenebre non siano dissolte dai raggi del sole, né dai lucidi dardi del giorno, ma dall’aspetto e dall’intima legge della natura”), mentre il secondo insegna che «Haud igitur penitus pereunt quaecumque videntur, quando alit ex alio reficit natura nec ullam rem gigni patitur nisi morte adiuta aliena» (“Dunque ogni cosa visibile non perisce del tutto, poiché una cosa dall’altra la natura ricrea, e non lascia che alcuna ne nasca se non dalla morte di un’altra”). Per quanto possa sembrare azzardato andare a ricercare il senso intimo della nuova avventura firmata da David Lynch e Mark Frost nelle parole di un poeta epicureo romano del I secolo avanti Cristo, non c’è dubbio che siano molte le suggestioni sprigionate dall’episodio numero quattordici, il quintultimo. Nella oramai consueta ricerca del punto di incontro tra apparato onirico e percezione del vero, la storia con protagonisti Cooper, il suo doppelganger, e tutto il microcosmo che ruota loro attorno pone l’accento su un punto cruciale, una domanda di fronte alla quale non è possibile ritrarsi all’infinito: cosa può essere davvero considerato naturale? Non è certo tale la Loggia Nera, dove il male prolifera e si rigenera di volta in volta, sotto le forme più mostruose ma anche nelle vesti dell’anonimo umano; ma è forse più naturale il mondo di Mr. Jackpot, o ancora quella piccola Twin Peaks dove ogni singolo personaggio ha dovuto combattere una battaglia infinita in sé e al di fuori di sé contro il male?
Mentre i nodi vengono al pettine, e le sottotrame o si sbrindellano oppure in modo progressivo confluiscono in un unico magma, alveo di un fiume che scorre con sorprendente potenza e vigore anche ora che si sono sfiorate le quattordici ore di racconto, Lynch pone i suoi “eroi” e i suoi antagonisti di fronte al più naturale dei congegni: la mente umana nello stato di sonno.

Prende l’abbrivio da un sogno, in qualche modo, il quattordicesimo segmento: Gordon Cole racconta ad Albert e Tammy un frammento onirico della notte precedente, nel quale è a bere un caffé a Parigi con Monica Bellucci e due suoi amici, e la modella e attrice gli rammenta una massima destinata a non passare mai di moda. “Siamo come il sognatore, che sogna e poi vive dentro al suo sogno. Ma chi è il sognatore?”, Già, altra domanda ineludibile. Chi è il sognatore? E perché sta sognando quel che sta sognando? Come già anticipato in alcune letture delle precedenti puntate, Twin Peaks risveglia nel 2017 il mostro dormiente nell’incoscio di Lynch/Frost, e di milioni di appassionati seguaci in giro per il mondo. Risveglia un sogno. Lo rende di nuovo reale, e dunque naturale. Rende una particella della fase REM oggetto. Lo trasforma in materia, che non è quella di cui sono fatti i sogni, evidentemente… Siamo come il sognatore, scava nella mente questo passaggio. Siamo-come-il-sognatore. Stiamo eternamente sognando dentro il nostro stesso sogno, e il sogno è quello di sognare. Siamo in un loop, come il woodsman che ripete ossessivamente “Got a Light”, e che torna ad apparire agli occhi di un incredulo Andy, a sua volta costretto al sogno, a scardinarsi dalla propria struttura e a sprofondare in nuove concezioni del reale, del concreto, del credibile.
Si sviluppa attraverso alcuni passaggi onirici, la parte numero quattordici: il sogno tornato alla mente di Cole; l’assunzione nella Loggia Bianca di Andy, che si ritrova a cospetto del “fireman”, il gigante interpretato da Carel Struycken, e “salva” Naido, la donna cieca già apparsa a Cooper nell’incipit del terzo episodio; anche l’inglese Freddie Sykes incontra in sogno il “fireman”, e segue poi una volta svegliatosi le direttive ricevute, come confida a James Hurley. Tre oltrepassamenti della soglia del tangibile, là dove solo l’immagine può trovare una propria consistenza. Perché non è detto che ciò che si può toccare sia vero, né il contrario: ci si può imbattere in “tulpa”, come li definisce Tammy.

C’è un momento in cui le cose smettono di diventare tangibili, ma non perdono la propria verità. Lo testimonia anche la presenza più assente (o il contrario, se si preferisce) di Twin Peaks, quella di Phillip Jeffries che in Fuoco cammina con me venne interpretato da David Bowie. Non c’è stato modo di girare neanche un’inquadratura con il morente Bowie, privilegio invece ottenuto per altri “cadaveri eccellenti” della serie – ovviamente su tutti Miguel Ferrer e Catherine Coulson, ma non solo – eppure Jeffries è lì, fantasma duplice perché già ectoplasma in scena venticinque anni fa e di nuovo spettro ora, spettro reale, non più in vita se non in quell’immagine che permette a Cole e a Cooper di essere ancora giovani. In bianco e nero come sempre il passato, che a sua volta è sempre evanescente e in dissolvenza incrociata. Finisce in sé per rigenerarsi all’infinito, quell’immagine, dolorosa e bellissima di Bowie in scena. Finisce in sé e si rigenera all’infinito anche il corpo dell’immagine di Twin Peaks, in cui eroi solo all’apparenza sprovveduti – Andy e tutti gli uomini al servizio dello sceriffo Truman, eccezion fatta per il manigoldo Chad che si ritrova finalmente dietro le sbarre – possono ancora riuscire a cambiare lo stato delle cose. Per sempre? Improbabile. Ma ha davvero importanza?
Intanto, solitaria come sempre, la tragica figura di Sarah Palmer si aggira nella notte alla ricerca di un bicchiere da buttar giù al bancone di un fetido locale, dove un fetido avventore la aggredisce verbalmente. Nella risposta della madre di Laura, in quel volto/buco nero dal quale spunta l’ombra di una mano e di una bocca dentata prima di vibrare un colpo mortale alla giugulare – con la tecnica dei felini che Sarah guardava di notte in televisione, intenti ad aggredire e scarnificare un bufalo – si pone di nuovo l’interrogativo di fondo: cos’è reale? Cosa è davvero tangibile? Ma soprattutto: cos’è naturale? Può esserlo anche il male più mostruoso e misterico, quello che non ha nome se non nei miti ancestrali? Una risposta, in attesa che la forniscano Lynch e Frost, la si può trovare una volta di più in Tito Lucrezio Caro: «Omnis cum in tenebris […] vita laboret». Poiché tutta nelle tenebre la vita si travaglia…

Info
La sigla della nuova serie di Twin Peaks.
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-07.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-06.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-05.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-04.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-03.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-02.jpg
  • twin-peaks-ep-14-2017-david-lynch-01.jpg

Articoli correlati

  • Altrevisioni

    Twin Peaks – Ep. 13

    di James Hurley suona la canzone che scrisse per Laura e Donna al Roadhouse; nei suoi occhi c'è ancora la Twin Peaks di quando era un ragazzo, la stessa che si riflette negli occhi di Shelley Johnson, e nell'isteria di Audrey Horne. Non c'è rifugio neanche a casa.
  • Altrevisioni

    Twin Peaks – Ep. 12

    di Tutti gli spettatori aspettano la svolta decisiva alle indagini dell'FBI e della polizia di Twin Peaks, ma Lynch e Frost vanno fuori pista per raccontare l'intimo dolore dei propri personaggi, e la ricerca di una tenerezza forse impossbile.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 11

    di I figli ripetono gli errori dei genitori, incapaci di interrompere una linea continua, la tensione verso l'oscuro che attira anche Gordon Cole, in quel vortice di orrore e mistero che tutto sovrasta e avvolge. David Lynch, le sue ossessioni e le sue memorie.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 10

    di Mentre Janey-E Jones (ri)scopre le qualità virili del marito Dougie, il male si aggira per le strade di Twin Peaks, veicolato dall'incontrollabile Richard Horne. Un continuo campo-controcampo tra tragedia e farsa, tra orrore e commedia.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 9

    di Twin Peaks torna dopo la pausa per i festeggiamenti del 4 luglio e dopo l'episodio numero otto, che ha sconvolto la prassi seriale proponendo una discesa negli abissi della visione, fino all'origine dello sguardo, e del male.
  • Cult

    Cuore selvaggio

    di Nel bel mezzo della lavorazione di Twin Peaks David Lynch estrae dal cappello Cuore selvaggio, traendolo da un romanzo di Barry Gifford. Un'opera deflagrante, sudata, umorale e priva di freni inibitori, che scava in profondità nelle ossessioni del regista.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 8

    di Tra non-morte e imitazione della vita l'ottavo episodio di Twin Peaks si lancia nella messa in scena della genesi del male nel Ventesimo Secolo. David Lynch firma uno schizzo sperimentale di poco meno di un'ora, oltrepassando qualsiasi confine del piccolo schermo.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 7

    di Tutti a Twin Peaks iniziano a 'ricordare', come se stessero uscendo dallo stesso coma in cui piombò (così si dice) Audrey Horne, uno dei personaggi che ancora tardano a ritornare in scena. Intanto il Cooper "cattivo" ritrova la libertà...
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 6

    di Il sesto episodio di Twin Peaks marca il confine 'affettivo' del cinema di David Lynch, con l'apparizione di alcuni attori-feticcio del regista, da Laura Dern a Harry Dean Stanton, fino a Balthazar Getty. Prosegue intanto il viaggio nel corpo-non-corpo di Dougie Jones.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 5

    di Il quinto episodio di Twin Peaks, il primo a essere mandato in onda “spaiato”, palesa uno dei tratti essenziali di questa come della serie "originale": la scrittura di Mark Frost, anello di congiunzione tra l'immaginario di David Lynch e le necessità televisive.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 3 & 4

    di Il blocco che contiene terzo e quarto episodio di Twin peaks inizia con una dichiarazione d'intenti autoriale di David Lynch, un flusso onirico d'immagini che sfonda la norma e ne restituisce una forma inedita; ma è anche l'ingresso nel racconto...
  • Cannes 2017

    Twin Peaks – Ep. 1 & 2

    di Si torna a Twin Peaks. Per viaggiare a New York, nel Sud Dakota, a Las Vegas. Si torna a Twin Peaks, e alla Loggia Nera. Ci si risveglia dopo venticinque anni, con il gigante, Mike e Laura Palmer al fianco. C'è ancora il buon Dale Cooper, ma anche il suo doppelganger libero di muoversi nel mondo "reale". Bentornato, David Lynch!
  • Cult

    Fuoco cammina con me

    di Fuoco cammina con me, braccio estendibile di Twin Peaks, è il film con cui si apre in maniera ufficiale l'incomprensione tra David Lynch e parte del pubblico e degli addetti ai lavori. Una limpida dichiarazione di poetica visionaria.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks

    di , , , , , , , , , , , , , In attesa che venga trasmessa la terza stagione, Twin Peaks rimane una delle più clamorose demitizzazioni dell'idea stessa di serialità televisiva...
  • Classici

    Velluto blu RecensioneVelluto blu

    di A trent'anni di distanza il capolavoro di David Lynch emerge dalle nebbie del tempo più sfavillante che mai, esempio di revisione del classico che ha ben pochi eguali nella storia di Hollywood.
  • Documentari

    David Lynch: The Art Life

    di , , Tre registi hanno seguito David Lynch, riprendendolo al lavoro e ascoltando le narrazioni sulla sua vita, negli anni che anticiparono Eraserhead. Tra i documentari di Venezia Classici.
  • Cult

    Eraserhead - La mente che cancella RecensioneEraserhead – La mente che cancella

    di Apparso come midnight movie in alcune sale statunitensi nel 1977, Eraserhead - La mente che cancella è un oggetto difficile da classificare, e ancor meno semplice da maneggiare, ma penetra sottopelle nell'arco di pochi minuti, senza più abbandonare l'epidermide
  • Blu-ray

    Strade perdute

    di In blu-ray per la Koch Media una tra le creature meno comprese e amate partorite dalla mente di David Lynch. Un'occasione per riscoprire un gioiello degli anni Novanta.
  • DVD

    Eraserhead

    di L'esordio al lungometraggio di David Lynch, oggetto di culto per milioni di cinefili, torna in dvd grazie alla RaroVideo.
  • Video

    The Alphabet

    di Quando porta a termine questo corto David Lynch ha solo ventidue anni. Ne viene fuori un bizzarro oggetto d'avanguardia, che gioca con la fiaba nera.
  • Archivio

    INLAND EMPIRE

    di L'ennesimo capolavoro partorito dalla mente di David Lynch. Un viaggio nel sogno/incubo del cinema, senza via d'uscita alcuna.
  • Saggi

    Il sogno nel cinema di David LynchIl sogno in Lynch. Una fine?

    Giungere alla fine di un viaggio, per quanto breve, episodico e incompleto, non è possibile quando si affronta il cinema di David Lynch. Un cinema alla perenne ricerca della (con)fusione tra realtà e parentesi onirica.
  • Saggi

    Un cerchio che si chiude: Lynch e MoebiusUn cerchio che si chiude: Lynch e Moebius

    La ciclicità insita nella figura geometrica detta Nastro di Moebius permette di cogliere la centralità di un'opera come Lost Highway, spesso considerata minore dalla maggior parte della critica e di fatto non compresa.
  • Saggi

    David Lynch. La memoria americana e la cultura popolareDavid Lynch. La memoria americana

    David Lynch trasporta sul grande e sul piccolo schermo un cinema dell’inesprimibile che prende corpo nell’ovvietà delle situazioni, passaggio onirico che non interpreta un ruolo antitetico alla realtà.
  • Saggi

    David Lynch. L'incubo industriale e la serialitàDavid Lynch. L’incubo industriale e la serialità

    All’elemento industriale, anima dello stridore e del disturbo, si affianca la fascinazione di Lynch per la serialità: l’atmosfera lynchiana, più volte celebrata all’alba del nuovo millennio, si fonda sulla reiterazione di oggetti e luoghi.
  • Saggi

    David Lynch, un alchimista intrappolato nel sognoDavid Lynch, un alchimista intrappolato nel sogno

    Il cinema di David Lynch, fra le esperienza autoriali più ammalianti e stratificate degli ultimi trent'anni, si muove nella sottile linea di demarcazione che divide l'avanguardia dal popolare.
  • Archivio

    Mulholland Drive RecensioneMulholland Drive

    di Con Mulholland Drive David Lynch decompone tutti gli elementi narrativi del suo cinema, e del cinema tour court, per celebrarlo con un magnifico epitaffio.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 15

    di L'addio alla 'Log Lady' si consuma in uno dei passaggi più intensi e commoventi di una serie che, tra un'immersione nell'incubo e l'altra, continua a rappresentare un continuo colpo al cuore; c'è anche l'addio a Bowie, ma fuori campo e "fuori voce".
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 16

    di Con una capacità unica di fondere lo studio dell'immagine allo sviluppo narrativo, David Lynch e Mark Frost hanno fatto tornare in vita una creatura mitica senza in nessun modo idolatrarla o oltraggiarla; un risveglio che è lo stesso dell'agente Cooper...
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 17 & 18

    di Tutto prima o poi deve finire (forse...); è così anche per la nuova serie di Twin Peaks, che saluta il suo esiguo ma appassionato pubblico con due ore scisse in due parti, dove l'una smentisce l'altra e allo stesso tempo la fortifica. Un capolavoro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento