Gelosia

Gelosia

di

Presentato ai Mille occhi nell’ambito di una mattinata di “gelosie”, Gelosia è un’opera giovanile di Pietro Germi, secondo adattamento del romanzo verista di Luigi Capuana, Il marchese di Roccaverdina, già portato su grande schermo dieci anni prima da Ferdinando Maria Poggioli.

Gelosia all’italiana

Il marchese di Roccaverdina è innamorato di una donna della servitù, Agrippina, ma questa relazione viene ostacolata dalla sua nobile famiglia. Il marchese trova così un marito per Agrippina e si sposa a sua volta con una donna del suo lignaggio. Accecato però dalla gelosia, uccide il marito di Agrippina e per l’omicidio verrà incolpato e condannato un innocente. Il marchese finirà così roso dai rimorsi… [sinossi]

Secondo adattamento dal romanzo di Luigi Capuana Il marchese di Roccaverdina del 1901, la pellicola di Pietro Germi del 1953 succede alla versione di Ferdinando Maria Poggioli nel 1942 in un film dallo stesso titolo, Gelosia. Raffrontando le due versioni, com’è stato possibile nella matinée sulla “gelosia” dei Mille Occhi, possiamo trovare in quest’opera giovanile, generalmente sottovalutata, già la capacità autoriale di Germi, capace di andare bel oltre il testo narrativo di partenza.
Se nel film di Poggioli veniva preservata la follia finale del marchese, un comodo punto di fuga a ben vedere, Germi toglie anche questo spiraglio per schiacciare la vicenda e i suoi protagonisti in una prospettiva di desolazione assoluta senza possibilità di consolazione o redenzione se non i rimorsi del protagonista. Rimorsi che quasi non ha neanche Fefè, il protagonista di Divorzio all’italiana, figura che, con il marchese di Roccaverdina presenta non pochi punti in comune, entrambi appartenenti a un’aristocrazia latifondista decadente ancora al potere in Sicilia. Entrambi in grado di stare al di sopra delle leggi riservate ai comuni mortali, o di volgerle a proprio favore.
Il protagonista di Gelosia sembra intoccabile dalla giustizia e per l’omicidio da lui compiuto viene incolpato un altro, nessuno si permetterebbe di indagare su di lui. L’omicidio commesso da Fefè è invece volutamente manifesto e dichiarato, in un sistema giuridico che è accondiscendente al delitto d’onore per cui prevede pene irrisorie. E tra i due personaggi si sviluppano anche delle specularità, entrambi amano due donne, una per un’attrazione carnale e l’altra come moglie stabilita da regole sociali. Il marchese di Roccaverdina passa dalla donna del primo tipo alla seconda, mentre per Fefè il rapporto è cronologiamente invertito e in entrambi i casi tra le due relazioni intercorre uno sparo. Destinato in Gelosia al marito della donna carnale per poter continuare idealmente a possederla, anche considerando che per il suo strato sociale un tale lutto non sarebbe diventato un divorzio all’italiana. Destinato alla moglie in Divorzio all’italiana per poter far assurgere all’amante il ruolo di nuova moglie.

Sono passati nove anni tra i due film e nel ritratto della società siciliana, e italiana, tratteggiato dall’autore poco è cambiato, e se è cambiato è stato in senso gattopardesco. Dal romanzo di Capuana, Germi distilla il forte senso anti-aristocratico e anti-borghese nella rappresentazione di una società che continua a celebrare i propri fasti, a erigersi al di sopra delle leggi e delle regole comuni, vivendo secondo propri codici morali e moralistici. Società incarnata nella figura della opprimente e austera matrona. Ma, e ancora spicca nel confronto con la versione di Poggioli, l’adattamento di Germi che passa dal verismo del romanzo a una chiave di genere noir e melò, usando luci espressioniste in quei reticoli di ombre disegnati negli ampi corridoi e negli interni della villa patronale, dove colpiscono simboli religiosi come la scultura di Cristo in croce. Dimora che a sua volta, con quelle grandi scalinate divergenti e convergenti esterne richiama quelle analoghe in interni delle architetture patrizie tipiche dei melò, come quelli a venire di Douglas Sirk. Una conversione al cinema di genere della letteratura come quella, clamorosa, che Germi avrebbe fatto “normalizzando” Quer pasticciaccio brutto de via Merulana in Un maledetto imbroglio.

Info
La pagina Wikipedia di Gelosia.
Il sito de I Mille Occhi.
  • gelosia-1953-pietro-germi-1.jpg
  • gelosia-1953-pietro-germi-2.jpg
  • gelosia-1953-pietro-germi-3.jpg
  • gelosia-1953-pietro-germi-4.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    I Mille Occhi 2017

    La 16a edizione del festival triestino, dal 15 al 21 settembre. Ospiti d'onore Dagmar Lassander e Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno. Tanti i percorsi di visioni possibili, a partire dalle corrispondenze di cineasti italiani con film di Damiani, Petri, Germi, Zampa, De Santis, Genina...
  • Cannes 2016

    Signore & signori

    di A cinquant'anni dalla vittoria a Cannes, ex-aequo con Un uomo, una donna di Lelouch, viene riproposto sulla Croisette in versione restaurata Signore & signori di Germi, probabilmente l'apice della sua filmografia, disamina crudele dell'ipocrisia italiota.
  • Cult

    Divorzio all’italiana

    di Grande successo all'epoca della sua uscita, pluripremiato in tutto il mondo, Oscar compreso, Divorzio all'italiana mostra più di tutto una penetrante modernità di linguaggio espressivo.
  • Blu-ray

    Sedotta e abbandonata

    di Per Cristaldi Film e CG Home Video esce per la prima volta in blu-ray uno dei film migliori di Pietro Germi. Commedia grottesca su onore, matrimonio riparatore e angosciose ipocrisie sociali, Sedotta e abbandonata è in realtà una cupissima parabola esistenziale e una lezione di linguaggio.
  • Festival

    I Mille Occhi 2017 – Presentazione

    Si tiene dal 15 al 21 settembre a Trieste la 16esima edizione de I Mille Occhi, con ospiti d'onore l'attrice Dagmar Lassander e il cineasta greco Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno.
  • Mille Occhi 2017

    Il cammino della speranza

    di Nel mettere in scena la tragedia dell'immigrazione di un gruppo di siciliani, Il cammino della speranza di Pietro Germi è un film che si mostra - a quasi settant'anni dalla sua realizzazione - di un'attualità stringente e dolorosa.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento