A Shot in the Dark

A Shot in the Dark

‘Spin off’ del Bergamo Film Meeting, A Shot in the Dark – in corso nella città lombarda fino al 24 settembre – è la prima edizione di un festival di cinema, arte, musica e letteratura che spaziano dal giallo al thriller.

Forse è il miglior film della serie della Pantera rosa, Uno sparo nel buio con quel folgorante incipit con i personaggi lascivi che vagano nel dedalo di corridoi di un pomposo edificio, per inseguire le loro avventure di quella notte, e quella sofisticata canzone, The Shadows of Paris di Henry Mancini. In fondo un giallo in chiave di commedia: chi ha sparato nel buio di quella notte? Dovrà scoprirlo l’ispettore Jacques Clouseau, paradigma dei detective con la lente d’ingrandimento che hanno da sempre popolato la letteratura e il cinema gialli. Sarà possibile vedere, o rivedere, questa opera miliare su grande schermo, al festival che si intitola appunto come il titolo originale del film, A Shot in the Dark, che si svolge a Bergamo, nell’Auditorium di Piazza Libertà dal 21 al 24 settembre. Festival che viene inaugurato con un altro film tra virgolette giallo, in cui la risoluzione dell’enigma forse non è proprio quella che ci si aspetta, Blow-Up di Michelangelo Antonioni, nell’edizione restaurata da poco.

A Shot in the Dark è la prima edizione di un festival di cinema, arte, musica e letteratura dal giallo al thriller, e in questo senso colma il vuoto lasciato dallo storico MystFest di Cattolica. Nasce come ‘spin off’ del Bergamo Film Meeting anche per valorizzare il Fondo Georges Simenon, istituito con la donazione del regista e scrittore Gianni Da Campo (1943-2014), nel 2003 quando il festival bergamasco organizzò una grande e importante retrospettiva delle opere cinematografiche tratte dallo scrittore belga. Un fondo che raccoglie oltre 1.000 documenti, tra monografie, edizioni in lingua straniera, edizioni originali numerate e a tiratura limitata, saggi di letteratura, estetica e altre arti; carteggi di Simenon con André Gide e Federico Fellini; una collezione video di film tratti dalle opere di Simenon e un ampio repertorio critico sull’autore. E attingendo dal fondo verrà allestita una mostra di fotografie, edizioni rare, carteggi nel foyer dell’auditorium.

La rassegna proseguirà con altri classici anomali del genere. Il lungo addio ispirato al romanzo di Raymond Chandler, versione della letteratura hard-boiled di Robert Altman, dove il detective Philip Marlowe, interpretato da Elliott Gould, deve fare anche i conti con i capricci alimentari del suo gatto. Ci sarà poi un caposaldo del polar francese Le Samouraï (meglio in questo caso usare il titolo originale in francese piuttosto che il risibile titolo italiano Frank Costello faccia d’angelo), il capolavoro di Jean-Pierre Melville, che con il killer interpretato da un glaciale Alain Delon ha creato un archetipo cui in tantissimi si rifanno. È il caso per esempio di The Killer, il capolavoro di John Woo, dove uno degli epigoni di chi abbiamo citato sopra, si manifesta nella figura di un Chow Yun-Fat che si aggira in corridoi dove gli spari nel buio saranno tanti, pronto a sterminare da solo una moltitudine di avversari. Spazio anche per la detective story mediterranea con Total Khéops di Alain Bévérini, tratto dall’omonimo romanzo di Jean-Claude Izzo, mentre l’omaggio a Georges Simenon avverrà con il film L’inconnu dans la maison di Georges Lautner, terzo adattamento per il grande schermo di Gli intrusi.

Spazio anche per momenti di approfondimento con il XXVIII convegno nazionale di studi – Il giallo tra cinema, scrittura e fumetto promosso dalla FIC – Federazione Italiana Cineforum, che venerdì 22 e sabato 23 offrirà numerosi approfondimenti da parte di saggisti ed esperti, critici e docenti. Si chiude in musica con il concerto di La Batteria, gruppo della scena musicale romana alternativa, con esperienze che vanno dal post-rock progressivo al jazz sperimentale, dall’hip hop fino alla world music, uniti dal comune amore per le colonne sonore e le sonorizzazioni degli anni ’60 e ’70, per gli strumenti vintage e per i film gialli e poliziotteschi all’italiana.

Info
Il sito di A Shot in the Dark.

Articoli correlati

  • Cannes 2017

    Blow-Up

    di Capolavoro pop-art di Michelangelo Antonioni, Blow-Up è stato presentato in versione restaurata nella sezione Cannes Classics, a cinquant'anni dalla sua vittoria alla Croisette.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento