Giornate del Cinema Muto 2017 – Presentazione

Giornate del Cinema Muto 2017 – Presentazione

Cominciano con La folla di King Vidor e si chiudono con Il principe studente di Ernst Lubitsch le Giornate del Cinema Muto 2017, a Pordenone dal 30 settembre al 7 ottobre. Tra grandi classici e curiose riscoperte, come il frammento di un film ritrovato con Louise Brooks, un programma come al solito ricchissimo.

Al di là dei film d’apertura e di chiusura, La folla di King Vidor e Il principe studente di Ernst Lubitsch, saranno le dive a essere assolute protagoniste delle Giornate del Cinema Muto 2017, che si terranno a Pordenone dal 30 settembre al 7 ottobre. A partire da Louise Brooks, protagonista del frammento di un film considerato finora perduto, Now We’re in the Air del 1927, icona di bellezza e di stile del cinema di tutti i tempi.
Dive come le due attrici simbolo della femme fatale degli anni ‘10, Pola Negri, a cui è dedicata una mini rassegna con tre film del 1918 (tra cui un’esplosiva Carmen con la regia di Ernst Lubitsch) e Theda Bara, la donna-vampiro da cui deriva il termine “vamp”; e le italiane Anna Fougez, la sciantosa per eccellenza, Leda Gys e Gigetta Morano.
Donne che volano in alcuni cinegiornali dedicati a famose donne aviatrici e nel film L’autre aile del 1924 (costumi di Paul Poiret, il grande stilista parigino art deco, ritenuto il Picasso della moda) sulla prima donna ad ottenere un brevetto di volo nel 1910, Raimonde de la Roche. E, sempre sul versante femminile, è prevista anche la sezione “Nasty Women”, dedicata alle signore sboccate, spregiudicate, rissose della commedia americana degli anni ‘10.

Il viaggio e l’esotico è l’altro tema centrale delle Giornate del Cinema Muto 2017. C’è la scoperta dell’Asia centrale nella sezione dei viaggiatori sovietici degli anni ‘20, che ci porta nel grande mosaico delle repubbliche della neo-costituita Unione Sovietica, come la Cecenia, l’Azerbaigian, la Siberia, la Crimea, il Kirghizistan, e la scoperta del Caucaso e della Persia nelle immagini dell’italiano Mario Piacenza. Andiamo in Africa con i cortometraggi etnografici norvegesi sulle etnie dei Kavirondo, dei Kikuyu e dei Masai, e continuiamo il viaggio fino al Polo Nord seguendo il capitano Kleinschmidt nella sua “Caccia artica” del 1914.

Nel programma di questa 36esima edizione troviamo poi i nomi di grandi maestri come Dreyer, Méliès, Murnau, Keaton, Griffith, Protazanov e Ozu. Di quest’ultimo in particolare verrà mostrato Tokyo no yado (Una locanda di Tokyo, 1935), appartenente al genere del saundo-ban: film girati muti, ma distribuiti con una colonna sonora post-sincronizzata, composta di solito da una partitura musicale, da effetti sonori e da qualche canzone popolare. Fu questo un genere molto popolare in Giappone nei primi anni del sonoro, tra il 1930 e 1938, usato allo scopo di sminuire il peso che, durante il muto, aveva assunto il benshi, e dunque funzionale all’obiettivo di rivendicare la libertà artistica degli autori. In attesa di un omaggio più corposo, previsto per il prossimo anno, nel corso di questa edizione verranno proiettati due saundo-ban: oltre al già citato film di Ozu, è in programma anche Shima no musume di Hotei Nomura (1933).
Si concluderanno infine quest’anno due sezioni ormai abituali delle Giornate del Cinema Muto, quella sulle origini del western (stavolta incentrato sulle sperimentazioni del genere in Europa, come ci aveva già anticipato lo scorso anno il direttore del festival Jay Weissberg) e quella su Luca Comerio, entrambe giunte alla terza annata. Altre sezioni saranno infine dedicate sia al cinema delle origini, sia alla Cineteca Italiana di Milano per i suoi 70 anni, come pure al cinema scandinavo, la cui importanza viene sottolineata anche dall’immagine di copertina di questa edizione in cui è ritratto in riva al mare – in una immagine del 1927 – l’attore svedese Lars Hanson.

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto 2017.

Articoli correlati

  • Pordenone 2017

    La folla

    di Considerato uno dei vertici del cinema muto hollywoodiano, La folla di King Vidor ci appare ancora oggi miracolosamente in equilibrio tra il racconto minuzioso della vita di un uomo comune e la grande parabola morale.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto 2017

    Cominciano con La folla di King Vidor e si chiudono con Il principe studente di Ernst Lubitsch le Giornate del Cinema Muto 2017. Edizione numero trentasei per la kermesse di Pordenone, in programma dal 30 settembre al 7 ottobre.
  • Pordenone 2016

    Jay Weissberg: “Il muto non è nostalgia”

    La difesa della pellicola, l'apertura verso un pubblico che non sia fatto di soli specialisti e il tentativo di sganciare il cinema muto da una dimensione nostalgica: sono queste le linee guida di Jay Weissberg per le Giornate del Cinema Muto, festival che dirige da quest'anno. Lo abbiamo incontrato a Pordenone.
  • Pordenone 2015

    Intervista a Hisashi Okajima

    Chief curator del National Film Center di Tokyo dal 2005, Hisashi Okajima è stato un critico cinematografico e in passato ha ricoperto anche l’incarico di presidente della FIAF (International Federation of Film Archives). Lo abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone dove è intervenuto per presentare l’ultimo restauro del film A Diary of Chuji’s Travels.
  • Pordenone 2014

    Chaplin e il Giappone

    A Pordenone abbiamo incontrato il benshi Kataoka Ichiro insieme al nipote di Chaplin, Charly Sistovaris accompagnato dalla responsabile della Roy Export/Association Chaplin, Kate Guyonvarch, fondazione dedicata a Chaplin.
  • Pordenone 2014

    Il benshi alle Giornate del Cinema Muto

    Nel video realizzato dal festival il benshi Ichiro Kataoka parla del suo lavoro di 'narratore cinematografico' che quest'anno alle Giornate del Cinema Muto lo ha portato a confrontarsi anche con alcuni film di Chaplin.
  • Pordenone 2017

    Trappola

    di Alle Giornate del Cinema Muto è stato proiettato in 35mm Trappola, brillante satira del divismo del tempo e dell'ipocrisia delle istituzioni religiose, innestata nella casuale scalata di un'educanda ribelle fino all'Olimpo della celluloide.
  • Pordenone 2017

    The Island Girl

    di Presentato alle Giornate del cinema muto 2017, The Island Girl è un film dimenticato di un regista altrettanto dimenticato, Hotei Nomura, eppure un potente melodramma 'insulare', una storia di realismo sociale con una visione al femminile.
  • Pordenone 2017

    Forest People

    di Mezzo secolo prima che Kurosawa ricostruisse le spedizioni di Vladimir Arseniev nelle terre di Dersu Uzala, Alexander Litvinov documentava in Forest People la vita degli Udege nel momento della sovietizzazione. Alle Giornate del Cinema Muto 2017.
  • Pordenone 2017

    Schatten

    di Presentato alle Giornate del cinema muto nell'ambito dell'omaggio ai 70 anni della Fondazione Cineteca Italiana, Schatten di Artur Robison è un film-saggio sull'ombra in tutte le sue declinazioni possibili.
  • Pordenone 2017

    Love’s Crucible

    di Sospeso fra la tragedia di marca shakespeariana, il dramma di coscienza, la necessità di pentimento, espiazione e perdono, alle Giornate del Cinema Muto 2017 torna a brillare Love's Crucible, miracoloso capolavoro di Victor Sjöström.
  • Pordenone 2017

    The Right to Happiness

    di Due gemelle divise dalla Rivoluzione russa: in The Right to Happiness il dimenticato regista Allen Holubar raccontava la temperie politica che agitava gli americani subito dopo la Prima Guerra Mondiale.
  • Pordenone 2017

    Una campagna senza precedenti

    di Nato per celebrare la riuscita del primo Piano Quinquennale dell'URSS e ritrovato solo di recente, giunge sullo schermo delle Giornate del Cinema Muto Una campagna senza precedenti, regia in solitaria di Mikhail Kaufman.
  • Pordenone 2017

    Una locanda di Tokyo

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto, Una locanda di Tokyo di Yasujirō Ozu è un'opera di naturalismo sociale e di grande lirismo, dove al contempo emerge il rigore e la complessità formali del regista.
  • Pordenone 2017

    Intervista a Frank Bockius

    In occasione della 36ma edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, abbiamo incontrato Frank Bockius, musicista e accompagnatore di film muti con batteria e percussioni, per parlare del suo lavoro e della sua formazione.
  • Pordenone 2017

    Carmen

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto, Carmen è uno dei primi film a grande budget di Ernst Lubitsch, appartenente al periodo tedesco, in cui spicca la presenza conturbante di Pola Negri nel ruolo della celebre gitana.
  • Pordenone 2017

    La fidanzata di Glomdal

    di Ne La fidanzata di Glomdal, Carl Theodor Dreyer punta il dito contro i matrimoni combinati. Un titolo probabilmente minore, ma sono già molte le anticipazioni della sua grandezza e della sua classe. Alle Giornate del Cinema Muto 2017.
  • Pordenone 2017

    Il principe studente

    di Ha chiuso le Giornate del Cinema Muto 2017, Il principe studente, il classico film-operetta di Lubitsch.
  • Pordenone 2017

    Jay Weissberg: “Non c’è il cinema sonoro e quello muto. C’è solo il cinema”

    A conclusione della seconda edizione delle Giornate del Cinema Muto, con la direzione di Jay Weissberg abbiamo tracciato con lui un bilancio della manifestazione.
  • Pordenone 2017

    Settant’anni di Cineteca Italiana di Milano. Intervista a Luisa Comencini

    Fondata tra gli altri da Luigi Comencini e Alberto Lattuada, la Cineteca Italiana di Milano compie 70 anni. Per parlare della sua storia abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto Luisa Comencini, segretario generale della cineteca.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento