CinePalium Fest 2017 – Presentazione

CinePalium Fest 2017 – Presentazione

Dal 14 al 18 novembre la piccola cittadina pugliese Palo del Colle, alle porte di Bari, accoglierà la prima edizione di un festival che cerca di coniugare la necessità di lavoro sul territorio (per l’alfabetizzazione culturale e cinematografica delle persone che lo abitano) a un istinto concreto alla ricerca, e allo studio. Da Amir Naderi a Steven Spielberg, da Želimir Žilnik a Renato Berta, un viaggio nel cinema come elemento di apertura, e mai di chiusura. Quinlan sarà media partner dell’evento.

Cosa hanno in comune Amir Naderi e Želimir Žilnik, Renato Berta e Jonathan Rosenbaum, Bahman Maghsoudlou e Malastrada? Sicuramente il fatto di convergere, nell’uggioso metà novembre, in quel di Palo del Colle, poco più di ventimila abitanti alle porte di Bari, per la prima edizione del Cinepalium Fest, organizzato da Sun Film Group e diretto da Gemma Lanzo, già editrice della collana Moviement e tra i membri del consiglio nazionale del SNCCI.
Un progetto tutt’altro che da sottostimare, quello del Cinepalium Fest, anche perché sembra rincorrere un ideale punto di incontro tra le necessità più strettamente legate al territorio – un aspetto fondamentale per chi, come questa kermesse, si trova come interlocutori diretti gli amministratori dello stesso – con la voglia di aprire a una riflessione continua sulla macchina-cinema, sul suo senso, sulle infinite possibilità che cela al proprio interno.

Ecco dunque che all’interno del festival si trovano le esigenze più disparate, ma solo a uno sguardo superficiale in contrapposizione tra loro: se si apre CinePalium Fest con un incontro con l’attore Andrea Sartoretti lo si fa certo per la sua qualità di personaggio noto al pubblico televisivo (con partecipazioni a serie quali Squadra antimafia, Il bosco e Fuoco amico), ma anche e soprattutto per la sua interpretazione nello splendido Monte di Amir Naderi, scelto non a caso come film d’apertura del festival. In questo continuo gioco di equilibri, mai forzato e all’apparenza in realtà completamente naturale e lineare, si trovano l’uno a fianco all’altro La mia vita da zucchina e l’omaggio che Donatello Fumarola dedica a Želimir Žilnik, Smoking no Smoking di Resnais e Alarm di Malastrada, i film della critica per il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (che dovrebbero permettere al pubblico locale di recuperare gemme degli ultimi due anni che con difficoltà possono aver raggiunto Palo del Colle, come L’altro volto della speranza di Aki Kaurismäki, Tutti vogliono qualcosa di Richard Linklater, It Follows di David Robert Mitchell e Al di là delle montagne di Jia Zhangke) e quelli per i più piccoli, tra i quali anche I cormorani di Fabio Bobbio.

E poi convegni, masterclass, luoghi di incontro e di dibattito. Per finire ovviamente sui concorsi, la sezione ufficiale, rivolta a lungometraggi sul tema dell’identità; la sezione Filmmakers INPuglia, rivolta a cortometraggi girati in Puglia; la sezione dedicata ai giovani sceneggiatori tra i 18 e i 29 anni, rivolta a sceneggiature inedite per cortometraggi a tematica libera cha vedano la Puglia come fulcro narrativo.
Perché un evento come quello di Palo del Colle ha l’obbligo di dimostrare come i festival, spesso vituperati e considerati alla stregua di oggetti museali, siano in realtà ancora oggi un punto di incontro e di ripartenza, luogo aperto a tutti per confrontarsi, dialogare, aprire nuove e sempre vivide prospettive al futuro. Si vedrà cosa verrà partorito dal CinePalium in questi cinque giorni di cinema per tutti, dai semplici curiosi agli addetti ai lavori. L’impressione è che si sia partiti con il piede giusto, e che ci siano le carte in regola per crescere anno dopo anno. Chiudendo (per ora) su una curiosa, divertita e del tutto casuale coincidenza: la sindaca di Palo del Colle si chiama Anna Zaccheo. Quale festival può vantare un’amministrazione dai rimandi altrettanto cinefili?

Info
Il sito ufficiale del CinePalium Fest.

Articoli correlati

  • Venezia 2017

    Giona A. Nazzaro, delegato generale della Settimana della Critica

    La 32esima edizione della Settimana Internazionale della Critica ha permesso di scoprire alcune delle più interessanti novità viste al Lido, a partire da Les Garçons sauvages. Ne abbiamo parlato con Giona A. Nazzaro, delegato generale della SIC.
  • Interviste

    Intervista ad Amir Naderi

    Approda in Italia Amir Naderi, regista ormai apolide. Per Monte ha lavorato in alta quota in Alto Adige e in Friuli Venezia Giulia, raccontando la storia di Agostino e della sua lotta per la sopravvivenza contro la montagna che sovrasta il suo villaggio. Abbiamo incontrato il regista al festival di Venezia.
  • Venezia 2016

    Monte

    di La lotta di un uomo e della sua famiglia contro un monte. Il film italiano di Amir Naderi, che approda a Venezia nel fuori concorso ma avrebbe meritato la competizione.
  • Interviste

    Intervista a Renato Berta

    "La luce non sta lì solo per impressionare la pellicola o il sensore di una macchina digitale. La luce, in una maniera o nell’altra, deve narrare." In occasione della 29esima edizione del Cinema Ritrovato, abbiamo intervistato Renato Berta, direttore della fotografia per - tra gli altri - de Oliveira, Straub e Huillet, Godard, Resnais e Martone.
  • Interviste

    Intervista a Jonathan Rosenbaum

    Jonathan Rosenbaum è tra i più importanti studiosi del cinema di Orson Welles, curatore della versione integrale de L’infernale Quinlan e del libro-intervista di Bogdanovich. Lo abbiamo incontrato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato per parlare con lui di Don Chisciotte, di The Other Side of the Wind e delle altre questioni irrisolte intorno all’opera di Welles.
  • Festival

    CinePalium Fest 2017

    La prima edizione del CinePalium Fest si svolge a Palo del Colle, splendida cittadina alle porte di Bari, e ospita un concorso internazionale, un corposo numero di omaggi e alcuni recuperi per cinefili e bambini dal passato recente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento