CinePalium Fest 2017

CinePalium Fest 2017

La prima edizione del CinePalium Fest si svolge a Palo del Colle, splendida cittadina alle porte di Bari, e ospita un concorso internazionale, un corposo numero di omaggi e alcuni recuperi per cinefili e bambini dal passato recente.

Cosa hanno in comune Amir Naderi e Želimir Žilnik, Renato Berta e Jonathan Rosenbaum, Bahman Maghsoudlou e Malastrada? Sicuramente il fatto di convergere, nell’uggioso metà novembre, in quel di Palo del Colle, poco più di ventimila abitanti alle porte di Bari, per la prima edizione del Cinepalium Fest, organizzato da Sun Film Group e diretto da Gemma Lanzo, già editrice della collana Moviement e tra i membri del consiglio nazionale del SNCCI.
Un progetto tutt’altro che da sottostimare, quello del Cinepalium Fest, anche perché sembra rincorrere un ideale punto di incontro tra le necessità più strettamente legate al territorio – un aspetto fondamentale per chi, come questa kermesse, si trova come interlocutori diretti gli amministratori dello stesso – con la voglia di aprire a una riflessione continua sulla macchina-cinema, sul suo senso, sulle infinite possibilità che cela al proprio interno.

Ecco dunque che all’interno del festival si trovano le esigenze più disparate, ma solo a uno sguardo superficiale in contrapposizione tra loro: se si apre CinePalium Fest con un incontro con l’attore Andrea Sartoretti lo si fa certo per la sua qualità di personaggio noto al pubblico televisivo (con partecipazioni a serie quali Squadra antimafia, Il bosco e Fuoco amico), ma anche e soprattutto per la sua interpretazione nello splendido Monte di Amir Naderi, scelto non a caso come film d’apertura del festival. In questo continuo gioco di equilibri, mai forzato e all’apparenza in realtà completamente naturale e lineare, si trovano l’uno a fianco all’altro La mia vita da zucchina e l’omaggio che Donatello Fumarola dedica a Želimir Žilnik, Smoking no Smoking di Resnais e Alarm di Malastrada, i film della critica per il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (che dovrebbero permettere al pubblico locale di recuperare gemme degli ultimi due anni che con difficoltà possono aver raggiunto Palo del Colle, come L’altro volto della speranza di Aki Kaurismäki, Tutti vogliono qualcosa di Richard Linklater, It Follows di David Robert Mitchell e Al di là delle montagne di Jia Zhangke) e quelli per i più piccoli, tra i quali anche I cormorani di Fabio Bobbio. [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale del CinePalium Fest.

Articoli correlati

  • Festival

    CinePalium Fest 2017 – Presentazione

    Dal 14 al 18 novembre la piccola cittadina pugliese Palo del Colle, alle porte di Bari, accoglierà la prima edizione di un festival che cerca di coniugare la necessità di lavoro sul territorio (per l'alfabetizzazione culturale e cinematografica delle persone che lo abitano) a un istinto concreto alla ricerca, e allo studio.
  • In sala

    L’altro volto della speranza

    di In concorso alla Berlinale il nuovo lavoro di Aki Kaurismäki, L'altro volto della speranza: tra colori pastello e musica country la storia di un rifugiato siriano e la satira di una società che vede le culture diverse solo come cibo etnico.
  • Archivio

    I cormorani

    di I cormorani di Fabio Bobbio è con ogni probabilità il miglior esordio italiano degli ultimi anni, una scheggia di cinema del reale che non teme la scrittura, ispirato viaggio nella 'quasi' adolescenza.
  • Torino 2016

    Moo Ya

    di Il viaggio di un chitarrista cieco nell'Uganda "pacificata", contrappuntato da testimonianze di sopravvissuti alle atrocità dell'LRA di Joseph Kony. Moo Ya di Filippo Ticozzi, in Italiana.doc al Torino Film Festival.
  • Animazione

    Kubo e la spada magica

    di Commovente ed epico, Kubo e la spada magica aggiunge un altro mattoncino alla intramontabile storia di Starewicz, O' Brien, Harryhausen, Mochinaga, Vinton, Trnka, Švankmajer, Selick...
  • Archivio

    Mine

    di , Al loro esordio nel lungometraggio, forti di una co-produzione internazionale, Fabio Guaglione e Fabio Resinaro confezionano con Mine un insolito esempio di thriller contaminato con l’estetica del war movie.
  • Venezia 2016

    Monte RecensioneMonte

    di La lotta di un uomo e della sua famiglia contro un monte. Il film italiano di Amir Naderi, che approda a Venezia nel fuori concorso ma avrebbe meritato la competizione.
  • Archivio

    tutti-vogliono-qualcosaTutti vogliono qualcosa

    di Il nuovo film di Richard Linklater torna una volta di più sull'adolescenza, sul passato, su un'età dell'oro che non è mai esistita, se non nel sogno. E forse nemmeno lì.
  • In sala

    Elle

    di La borghesia cattolica e il suo ineludibile sadomasochismo sono al centro di Elle di Paul Verhoeven, thriller-commedia spietata e spassosissima presentata in concorso a Cannes 2016.
  • Animazione

    ma-vie-de-courgetteLa mia vita da zucchina

    di La Quinzaine ritaglia spazi preziosi per il cinema d'animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l'ennesima dimostrazione della vitalità della stop motion e dell'animazione transalpina.
  • Animazione

    La tartaruga rossa

    di Presentato nella sezione Un Certain Regard, La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit è l’ennesimo miracolo artistico e produttivo dello Studio Ghibli, in coproduzione con le francesi Prima Linea Productions, Why Not Production e Wild Bunch.
  • Archivio

    Il GGG – Il grande gigante gentile

    di Steven Spielberg adatta per il grande schermo il celebre romanzo di Roald Dahl, racchiudendo in un film per l'infanzia tutta la sua poetica, il suo immaginario e la sua umanità. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • Animazione

    La-ricompensa-del-gattoLa ricompensa del gatto

    di Arriva nelle sale per due giorni La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita, singolare spin-off de I sospiri del mio cuore ed ennesimo ripescaggio della Lucky Red tra gli inediti dello Studio Ghibli. Un'operina graziosa, spumeggiante, indubbiamente minore.
  • Archivio

    Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.
  • In Sala

    Il Club

    di Dopo la dittatura di Pinochet, stavolta con Il Club Pablo Larraín scaglia il suo feroce sguardo sulla Chiesa cattolica e conferma la mirabile qualità di un cinema che si alimenta della militanza politica e non si annulla in essa. Orso d'Argento alla Berlinale nel 2015.
  • Archivio

    It Follows RecensioneIt Follows

    di L'opera seconda di David Robert Mitchell è un teen-horror non privo di ironia che metaforizza la paura del contagio dell'AIDS. Presentato alla Semaine de la critique di Cannes e selezionato al TFF 2014.
  • Archivio

    Gebo e l’ombra

    di L’ennesimo miracolo di un cineasta ultracentenario, che dal muto e dal bianco e nero è giunto fino ai giorni nostri, più prolifico che mai.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento