Torino 2017 – Presentazione

Torino 2017 – Presentazione

Torino 2017: tra gatti, opere prime seconde e terze, documentari, sperimentazioni più o meno ardite e ovviamente Brian De Palma prende corpo il programma della trentacinquesima edizione del Torino Film Festival, sempre sotto l’egida di Emanuela Martini.

Il Torino Film Festival torna, confermando una volta di più la struttura che oramai lo sorregge da un buon decennio a questa parte: un concorso internazionale dedicato alle opere prime, seconde e terze, una terra di mezzo in cui trovano spazio le derive, mainstream e indie, più disparate, uno spazio dedicato al documentario – o cinema del reale che dir si voglia – e un altro interessato a esplorare più da vicino le infinite possibilità della Settima Arte, anche in un’epoca in cui va di moda decretarne la morte per asfissia, il decesso ineluttabile, la fine. Torna il Torino Film Festival, sotto l’egida di Emanuela Martini, e le sensazioni che rilascia la lettura del programma riguardano la certezza di un lavoro che continua nella più totale coerenza con il passato e l’impressione allo stesso tempo di un consolidamento che non ha più tempo o voglia di sperimentare su se stesso, di mettersi in gioco, di rischiare. In questo senso si affida più al puro sberleffo che a una reale intuizione l’idea di creare uno spazio in più, “Non dire gatto…”, dedicato alla presenza degli amati felini sul grande schermo: in che direzione dovrebbe andare questa sotto-sotto-sezione? Diventa difficile comprendere il perché di una simile scelta, al di là del piacere di (ri)vedere sugli schermi della città sabauda titoli come Alice nel paese delle meraviglie, Black Cat di Lucio Fulci o Il gatto milionario di Arthur Rubin. Allo stesso tempo anche la mini-sezione gestita, come guest director, da Asia Argento, sembra guardare al passato del festival e a quell’Americana che era terreno fertile curato da Giulia D’Agnolo Vallan: anche il titolo, Amerikana, sembra giocare forse involontariamente con una simile memoria, collocando uno accanto all’altro oggetti cinematografici spesso anche in contraddizione, o comunque legati solo dal tema o da un apparente mood (Payday e Out of the Blue, per esempio).

Per il resto invece si gioca sul sicuro, su quelle carte che hanno reso Torino un festival vincente nel campo del rapporto con il territorio e con le necessità di trovare uno spazio autonomo all’interno del sistema italiano: uno spazio vivo in cui gli addetti ai lavori potranno scoprire qualche gioiello smarrito nel corso dell’anno e gli spettatori, il pubblico, avrà la possibilità di confrontarsi con una materia che spesso, troppo spesso, non trova poi il modo di raggiungere la sala. Questa duplice valenza fa sì che Torino possa pescare in acque già increspate da altri festival senza che questo rappresenti un punto di reale debolezza, ma rivendicando invece il suo diritto di replica, perché teso alla costruzione di una cittadinanza-pubblico consapevole. A titoli scelti con cura e mai visti prima del quasi-inverno torinese ecco dunque altri già visti e apprezzati da Rotterdam alla Berlinale, da Cannes a Locarno: si pensi all’ottimo A fábrica de nada di Pedro Pinho, visto a Cannes come Un beau soleil intérieur di Claire Denis, La cordillera di Santiago Mitre e Wind River di Taylor Sheridan. Allo stesso modo c’è la certezza di poter contare su due sezioni, TFF.doc e Onde, che anno dopo anno cercano di fare il punto su microcosmi definiti, luoghi a sé stanti in cui muoversi quasi a occhi chiusi, certi di rintracciare le coordinate di un viaggio iniziato tanti anni fa, odissea senza un approdo reale. Perché l’approdo è il viaggio stesso.

In attesa ovviamente di scoprire nuovi culti, di vivificarne di vecchi (l’immortale Sion Sono, per esempio), e di godere della vita-festival tra via Verdi e i portici di via Roma, resta l’ultimo gigante, così grande da oscurare da solo i cieli di Torino. La retrospettiva integrale dedicata a Brian De Palma. Un evento abnorme, che ha riportato alla mente le grandi retrospettive dedicate ad americani viventi durante gli anni di Turigliatto/D’Agnolo Vallan. Sulla carta non c’è nulla da eccepire, si può solo applaudire una scelta simile. Ma resta qualche dubbio, che è giusto elencare per poi riprendere il discorso a festival finito. Ha senso organizzare un evento così corposo – 33 opere – senza avere la certezza della presenza in loco del regista? Non sarebbe stato prioritario accertarsi di questo e poi, nel caso, organizzare una retrospettiva? Ha davvero senso vedere tutti i film di un regista vivente senza poter sentire anche in una sola occasione che valore questi hanno avuto per bocca dello stesso autore? Il secondo dubbio riguarda invece l’annosa questione delle pellicole: solo 12 film saranno presentati in pellicola agli spettatori, una cifra davvero esigua per un cineasta che ha diretto il suo primo film in digitale solo pochissimi anni fa. Non si tratta ovviamente solo di feticismo cinefilo fine a se stesso, ma di un interrogativo che non riguarda tanto il rapporto con il film in sé e per sé, ma piuttosto la capacità del festival di dialogare con gli aventi diritto e con le cineteche sparse in giro per il mondo. Questo non toglie il piacere di godere dell’arte di De Palma sul grande schermo, che sarebbe valido anche se i film fossero proiettati in dvd. Ma è un altro discorso…
In attesa di vivere una kermesse in ogni caso da sempre evento imperdibile e coda ideale dell’anno festivaliero, ovviamente.

Info
Il sito ufficiale del Torino Film Festival.

Articoli correlati

  • Torino 2016

    Torino 2016 – Bilancio

    La trentaquattresima edizione del Torino Film Festival si chiude con la vittoria del neo-noir cinese The Donor e, metaforicamente, con la morte di Fidel Castro e del Novecento. Tra ipotesi di spostamento e conferma della struttura, il corso di Emanuela Martini procede.
  • Notizie

    torino-film-festival-2016-minuto-per-minutoTorino 2016 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2016, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte.
  • Festival

    torino-2016Torino 2016

    Il Torino Film Festival 2016, dal 18 al 26 novembre. La trentaquattresima edizione della kermesse piemontese, tra opere prime, sci-fi, punk, documentari, film di ricerca... Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2016

    Torino 2016 – Presentazione

    David Bowie che si muove sul palco è l'immagine scelta per il Torino Film Festival 2016, un omaggio che è anche dichiarazione di intenti. Tra passato punk e futuro che è forse a sua volta passato. Come il cinema.
  • Festival

    Torino 2015 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2015, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2015

    Il Torino Film Festival 2015, dal 20 al 28 novembre. La trentatreesima edizione del festival sabaudo, tra opere prime, sci-fi, documentari, film di ricerca, passato e futuro. Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2015

    Torino 2015 – Presentazione

    Con uno sguardo al passato che è sguardo al futuro (e viceversa) il Torino Film Festival si conferma, sulla carta, l'evento metropolitano più ricco dell'attuale panorama festivaliero italiano.
  • Festival

    Torino Film Festival 2014Torino 2014 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2014, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • Festival

    Torino 2014 – Presentazione

    È stata presentata a Roma la trentaduesima edizione del Torino Film Festival, la prima in cui Emanuela Martini assume anche da un punto di vista formale il ruolo di direttrice artistica.
  • Festival

    Torino 2013 – Minuto per minuto

    Approdiamo all'ombra della Mole e arriva il tradizionale momento del minuto per minuto. Tra opere prime, documentari italiani e internazionali, eversioni visive e detonazioni pop, ecco a voi il TFF 2013...
  • Festival

    Torino 2013

    Ormai stanchi di polemiche che tornano in campo, anche quando sembravano sopite, polemiche che ruotano sempre intorno alla competizione tra la triade Venezia-Torino-Roma, finalmente ci si può concentrare sui film, con la 31esima edizione del TFF.
  • Torino 2013

    Torino 2013 – Presentazione

    Giunto alla trentunesima edizione il festival piemontese, che si affida per la prima volta al regista Paolo Virzì, prova a confermare una tradizione nobilmente cinefila.
  • Torino 2017

    Omicidio a luci rosse

    di La summa delle reminiscenze hitchcockiane nel cinema di Brian De Palma si trova in Omicidio a luci rosse, ritratto di un voyeur che soffre di claustrofobia e l'unica azione che conosce è guardare, desiderare attraverso lo sguardo. Un mini-saggio divertito sul cinema, e sul suo impalpabile potere.
  • Torino 2017

    Omicidio in diretta RecensioneOmicidio in diretta

    di Con Omicidio in diretta Brian De Palma firma un thriller tesissimo, che una volta di più ragiona sull'immagine e sulla sua presunta 'verità'; con uno splendido Nicolas Cage e uno dei più elaborati piano-sequenza della storia del cinema.
  • Torino 2017

    Fury

    di Onirico, seducente, inquietante, Fury di Brian De Palma è un miscuglio ardito di generi che esplora tutte le spaventose inquietudini dell'adolescenza, e del suo autore.
  • Torino 2017

    Arpón

    di Dramma intimista, rarefatto, di ambientazione scolastica. Toni mesti, distanze generazionali e incomunicabilità per un'idea di cinema che guarda a un'estetica più legata alle traiettorie festivaliere/autoriali che alla realtà che vorrebbe sondare. In concorso al TFF 2017.
  • Torino 2017

    Kiss & Cry RecensioneKiss & Cry

    di , In concorso a Torino, il film di Mahieu e Pinell riesce a calarsi nella complicata dimensione di un gruppo di ragazzine divise tra aspirazioni sportive e turbamenti dell'adolescenza. Piglio documentaristico e adesione emotiva sorprendente.
  • Torino 2017

    Bamy

    di Presentato in concorso al Torino Film Festival, Bamy vorrebbe essere una versione esistenzialista, intimista, 2.0, del j-horror, dove i fantasmi sono una proiezione mentale, una condizione e prerogativa di alcuni personaggi.
  • Torino 2017

    Daphne

    di Inquietudini e frammentazioni esistenziali, commedia ricca di humour e di intelligenza introspettiva. Daphne di Peter Mackie Burns è una bella opera prima finemente scritta, che parla (anche) del nostro tempo senza enfasi o didascalismi. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    They

    di La libertà di (non) scegliere. L'essere umano esiste prima di qualsiasi configurazione individuale, biologica o culturale. They di Anahita Ghazvinizadeh, in concorso al TFF, è una gradevole commedia mai riduttiva nei confronti di un tema di portata esistenziale.
  • Festival

    Torino 2017

    Il Torino Film Festival 2017, dal 24 novembre al 2 dicembre. La trentacinquesima edizione della kermesse piemontese, tra opere prime, documentari, film di ricerca, la sezione Amerikana, la retrospettiva dedicata a De Palma... Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2017

    Ricomincio da noi

    di Con protagonisti Imelda Staunton e Timothy Spall, Ricomincio da noi di Richard Loncraine è una commedia inglese per la terza età, buonista e piena di forzata fiducia nel prossimo. Al Torino Film Festival in Festa mobile.
  • Torino 2017

    Revenge RecensioneRevenge

    di Presentato al Torino Film Festival 2017 nell'adrenalinica sezione After Hours, Revenge è l'opera prima della francese Coralie Fargeat: un action thriller che non arretra di fronte all'inverosimile, spargendo in lungo e in largo sangue e budella, violenza e vendetta.
  • In sala

    Tito e gli alieni RecensioneTito e gli alieni

    di Si muove tra echi dell'indie americano e reminiscenze della fantascienza spielberghiana il nuovo film di Paola Randi, Tito e gli alieni, presentato in Festa Mobile al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Alice nel paese delle meraviglie RecensioneAlice nel paese delle meraviglie

    di , , Tra i capolavori visionari di Walt Disney Alice nel paese delle meraviglie riveste un ruolo di primaria importanza, anche per l'ossessione del creatore della Casa del Topo verso il testo di Lewis Carroll. Un'opera lisergica e liquida, viaggio anti-sistema nelle voragini della mente infantile.
  • Torino 2017

    Dionisio nel ’69

    di , Presentato nell'omaggio a Brian De Palma del Torino Film Festival, Dionisio nel '69 è uno dei primi film del regista, una ripresa teatrale di un lavoro di William Finley, da cui trapelano le inquietudini dell'epoca.
  • Torino 2017

    Blow Out

    di Brian De Palma riflette sul cinema che ama e sul suo cinema, in un thriller fantapolitico e giocosamente postmoderno, perché certo, Blow Up è già stato fatto, ma si può comunque fare Blow Out.
  • Torino 2017

    Final Portrait

    di Ritorno alla regia per Stanley Tucci con Final Portrait, dedicato alla figura dell'artista svizzero Alberto Giacometti. Piccolo film per un tema enorme, operazione riuscita solo a metà. Al TFF per Festa Mobile.
  • Torino 2017

    ’77 No Commercial Use

    di Grazie all'uso quasi esclusivo di immagini repertorio, montate in continua correlazione e contrapposizione concettuale, '77 No Commercial Use riesce a raccontare l'anno 1977 con sguardo appassionato e non riconciliato.
  • Torino 2017

    Kings

    di Dopo i successi di Mustang, con Kings l'autrice franco-turca Deniz Gamze Ergüven approda in terra americana per confrontarsi nientemenoché con le rivolte di Los Angeles del 1992 a seguito della triste vicenda di Rodney King. Occasione del tutto sprecata, film sbagliato, confuso e infelice. Nel programma del Torino Film Festival all'interno della sezione non competitiva Festa Mobile.
  • Torino 2017

    Nella golena dei morti felici

    di Con Nella golena dei morti felici il ravennate Marco Morandi si introduce nella filosofia campestre romagnola, partendo dalla rappresentazione tra il documentale e il teatrale della grande arena di balle di fieno allestita dalla popolazione di Cotignola, ampia e fertile pianura alluvionale che circonda Ravenna, sulle sponde del fiume Senio.
  • Torino 2017

    Al di là dell’uno

    di L'esistenza come relazione, il superamento dell'individuo nell'incontro, le insidie dell'esclusività. Al di là dell'uno di Anna Marziano, in concorso al Torino Film Festival per Italiana.doc, adotta la forma del film-saggio per riflettere sull'essenza stessa della rappresentazione.
  • Torino 2017

    Lorello e Brunello

    di Sacche di resistenza alla globalizzazione in piena Maremma toscana. Lorello e Brunello di Jacopo Quadri mira al racconto di una cocciuta estraneità in un mondo sempre più vittima dell'omologazione. Lirico e prezioso. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Riccardo va all’inferno

    di Riccardo va all'inferno è la rilettura in salsa borgatara (il supposto regno è quello del 'Tiburtino Terzo') del Riccardo III di Shakespeare; tra musical e grottesco iperreale Roberta Torre firma un'opera non priva di ambizioni e di fascino, ma troppo sbrindellata sotto il profilo narrativo.
  • Torino 2017

    My War is Not Over

    di Presentato nella sezione Festa mobile del Torino Film Festival, My War is Not Over, il documentario di Bruno Bigoni su Harry Shindler, il veterano di guerra che ha passato la vita a identificare i militi ignoti. Un'agiografia necessaria.
  • Torino 2017

    Complesso di colpa

    di Sosia, doppiezza, melodramma fiammeggiante, Dante, donne-schermo e ironia dell'eccesso. Complesso di colpa è tra le prime produzioni di Brian De Palma a budget più consistente, con omaggi più espliciti all'universo hitchcockiano e location parzialmente fiorentine.
  • Torino 2017

    Mary Shelley RecensioneMary Shelley

    di Anticonformismo che si traduce nel suo contrario: Mary Shelley di Haifaa al-Mansour vorrebbe inneggiare a una proto-femminista, ma l'operazione naufraga nel prodotto di vaglia. Con Elle Fanning protagonista. Al TFF per Festa Mobile.
  • Torino 2017

    a voce alta recensioneA voce alta – La forza della parola

    di , A voce alta di Stéphane De Freitas e Ladj Ly, in concorso al Torino Film Festival, filma la preparazione alla sfida per diventare il miglior oratore dell'Università di Saint-Denis cercando di raccontare la resistenza contro chi vorrebbe limitare la libertà d'espressione.
  • Torino 2017

    Essi bruciano ancora RecensioneEssi bruciano ancora

    di , Con Essi bruciano ancora Felice D’Agostino e Arturo Lavorato ripartono dalla Calabria per cercare di narrare la storia di una sottomissione culturale e politica che viene oggi celebrata come Unità d'Italia. Un lavoro affascinante e stratificato, ma non privo di contraddizioni. In Onde al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    The Scope of Separation

    di Presentato in concorso al Torino Film Festival il film cinese The Scope of Separation di Chen Yue, una storia ambientata nella classe di giovani rampanti della nuova Cina. Un'opera dove torna lo spirito del primo Wong Kar-wai.
  • Torino 2017

    L’ombra del gatto

    di Gioiello noir gotico con ambientazione vittoriana, L'ombra del gatto di John Gilling approda sugli schermi del Torino Film Festival in occasione del piccolo omaggio ai gatti. E chi più della splendida soriana Tabitha può meritare un omaggio?
  • Torino 2017

    Appennino

    di Come per le fatiche di Sisifo, i terremoti dell'Italia centrale condannano chi li subisce a operare una inesausta rimessa in forma di architetture, esistenze e immagini: Appennino di Emiliano Dante, in concorso in Italiana.doc a Torino 2017.
  • Torino 2017

    Balon

    di Torna al cinema Pasquale Scimeca, ma il suo Balon è un rovinoso tentativo di film etnografico fuori tempo massimo, girato male, recitato peggio e anche poco appassionato nel raccontare l'odissea di due fratelli africani in fuga verso l'Europa.
  • Torino 2017

    Vittime di guerra

    di Con l'apparenza di un film bellico a carattere civile, Vittime di guerra di Brian De Palma riconferma in realtà la profonda coscienza critica del suo autore, dedito al racconto di doppiezze morali e mistificazioni in immagini.
  • In sala

    Blue Kids RecensioneBlue Kids

    di Visivamente affascinante e con un interessante utilizzo delle location, Blue Kids di Andrea Tagliaferri si crogiola nel maledettismo della sua coppia di protagonisti e dimentica di fornire un movente alla sua storia. In concorso al TFF.
  • Torino 2017

    Payday

    di Al Torino Film Festival, nella sezione Amerikana curata da Asia Argento, risorge dalle tenebre del tempo Payday, che nel 1973 segnò l'esordio alla regia per il cinema di Daryl Duke, cineasta canadese oramai quasi completamente dimenticato. Un viaggio nel microcosmo country che anticipa molti dei temi della New Hollywood.
  • Torino 2017

    Tokyo Vampire Hotel

    di Tokyo Vampire Hotel è la versione cinematografica, ridotta a due ore e venti, di un film per la televisione diretto da Sion Sono; apparentemente pasticciato e in alcuni passi prossimo al giocattolone, è in realtà molto più politico di quanto si possa pensare. Non privo di difetti, ma ad averne di opere così libere sul piccolo schermo!
  • Torino 2017

    L’ora più buia

    di Winston Churchill bonario e accattivante, al fatale crocevia tra etica e politica. Tramite una figura storica controversa, L'ora più buia di Joe Wright si traduce in veicolo di populismo di ultima generazione. Con Gary Oldman e Kristin Scott-Thomas. Al TFF per Festa Mobile e da gennaio in sala.
  • Torino 2017

    Dickens: l’uomo che inventò il Natale

    di Lezioso ed edificante, Dickens: l’uomo che inventò il Natale di Bharat Nalluri mette in scena il nascere del capolavoro di Dickens Racconto di Natale. In Festa mobile al TFF.
  • In sala

    non dimenticarmi recensioneNon dimenticarmi

    di Non dimenticarmi dell'israeliano Ram Nehari si propone come una rilettura della rom-com, rivista con inedita franchezza e approccio doloroso. Tuttavia il risultato finale è più esile delle sue intenzioni. Vincitore della 35esima edizione del TFF.
  • Torino 2017

    Racconti di cenere e lapilli

    di Racconti di cenere e lapilli, presentato nel concorso di Italiana.doc al Torino Film Festival, è un viaggio sensoriale nel magma di Napoli, nei suoi vicoli, nella percezione di una città che è teatro prima ancora che architettura.
  • Torino 2017

    The Disaster Artist

    di Ultima fatica da regista per James Franco, The Disaster Artist è un'esilarante commedia che rievoca la realizzazione nel 2003 di The Room, cult definito uno dei film più brutti della storia. Con Franco protagonista, affiancato da suo fratello Dave e uno stuolo di star in partecipazione amichevole.
  • Torino 2017

    Tesnota RecensioneTesnota

    di Sbalorditivo esordio del russo Kantemir Balagov, allievo di Sokurov, Tesnota è un melodramma familiare senza scampo che fa un uso espressivo della sua povertà di mezzi. In Festa mobile al Torino Film Festival.
  • Torino 2017

    Vento di soave

    di In concorso in Italiana.doc al festival di Torino, Vento di soave di Corrado Punzi è il ritratto - duro, esatto, ma forse troppo freddo - di una città, Brindisi, ostaggio dell'inquinamento industriale.
  • Torino 2017

    Talien

    di Padri e figli, il distacco dagli affetti e dalla seconda patria, un bilancio di vita e una riflessione sulla storia italiana degli ultimi 40 anni. Talien di Elia Mouatamid è un road-movie tenero e divertente. Al TFF in concorso per Italiana.doc.
  • Torino 2017

    Diorama

    di Vincitore della sezione Italiana.doc al festival di Torino, Diorama è un documentario che segue tre storie emblematiche sul rapporto dell'uomo con la fauna che popola le città e i luoghi antropizzati.
  • Torino 2017

    The White Girl

    di , Presentato in concorso al Torino Film Festival, The White Girl, esordio alla regia di Jenny Suen insieme a Christopher Doyle, di cui aveva già prodotto Hong Kong Trilogy. Ancora una volta è protagonista la metropoli-stato.
  • Torino 2017

    Torino 2018Torino 2017 – Bilancio

    La trentacinquesima edizione del Torino Film Festival è terminata lasciando un enorme dubbio sul futuro dell'evento: le intenzioni della presidenza del Museo del Cinema sembrano quelle di smantellare l'idea stessa che regge la base del TFF.
  • Torino 2017

    Intervista a Pino Donaggio

    Gli studi al conservatorio, le canzoni sanremesi e non, l'incontro con il cinema e con Brian De Palma. In occasione del Torino Film Festival, abbiamo incontrato il maestro Pino Donaggio, per parlare di musica e canzoni.
  • Festival

    Torino 2018Torino 2018 – Presentazione

    L'edizione numero trentasei del Torino Film Festival si muove con coerenza lungo il percorso intrapreso nel corso degli anni, tra sguardi retrospettivi, cinema "giovane" e ricerca. Un viaggio intrapreso con un'intera città, a differenza di altre realtà italiane...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento