Under the Shadow – Il diavolo nell’ombra

Under the Shadow – Il diavolo nell’ombra

di

Edizione in blu-ray targata Midnight Factory e Kock Media per il sorprendente, doloroso (e anche spaventoso) horror Under the Shadow – Il diavolo nell’ombra, diretto da Babak Anvari e scelto dal Regno Unito per la corsa al premio Oscar 2017 come miglior film straniero. Da segnalare, come contenuto extra, il booklet realizzato da Manlio Gomarasca e Davide Pulici della rivista Nocturno.

Teheran, 1988. Shideh e sua famiglia vivono nel caos del conflitto tra Iran e Iraq. Accusata di eversione dal governo post-rivoluzionario ed espulsa dalla facoltà di medicina, Shideh affronta un periodo difficile, che si acuisce quando suo marito viene arruolato e spedito al fronte, lasciandola da sola a occuparsi della figlioletta Dorsa. I bombardamenti sulla città e la sanguinaria ribellione nel paese allontanano madre e figlia l’una dall’altra: Dorsa mostra segnali di squilibrio, mentre la donna oscilla nelle sue ossessioni tra ciò che è reale e ciò che non lo è. Mentre madre e figlia lottano per restare unite, una misteriosa forza maligna irrompe nella casa, minando il loro contatto con la realtà… [sinossi]

Avevamo avuto modo di vedere e recensire Under the Shadow – Il diavolo nell’ombra al Trieste Science+Fiction Festival 2016, contribuendo col nostro piccolo voto all’assegnazione del premio Stars’ War (nel 2017 ha trionfato il lungometraggio d’animazione Zombillenium). Una visione stordente, persino raggelante per la capacità del regista e sceneggiatore Babak Anvari di sovrapporre l’orrore sovrannaturale all’orrore della Storia: la lotta per la sopravvivenza contro i jinna di Shideh e Dorsa, madre e figlia, è un’acuta quanto drammatica metafora della soffocante dittatura khomeynista, di un vento reazionario che sembra non placarsi mai.
Stratificato, scandito da immagini significative e penetranti (come le crepe sui muri che fanno passare il vento sibilante e minaccioso), Under the Shadow funziona perfettamente come meccanismo orrorifico, si concede più di un preziosismo nella messa in scena, e riesce soprattutto a rendere palpabile quel senso di paura e oppressione che permeava gli anni successivi alla rivoluzione iraniana. Anni oscuri, tragici, pronti a tornare.

Un film che resta avvinghiato allo spettatore, che penetra sotto pelle, sottilmente inquietante. In un certo senso, ci aveva fatto pensare a It Follows, entrambi horror che (ci) pedinano. Le due pellicole si (ri)trovano nel vasto catalogo della Midnight Factory, etichetta che sta portando nel Bel Paese un ventaglio assai interessante di titoli – ci limitiamo a citare gli zombeschi Train to Busan e Seoul Station, atipico dittico live action & animazione; il rockeggiante e gustoso Devil’s Candy; il rarefatto e autoriale February – L’innocenza del male; la sontuosa versione restaurata di Zombi del compianto Romero; il tanto discusso The Neon Demon di Nicolas Winding Refn.

L’edizione blu-ray di Under the Shadow può vantare le caratteristiche che ci si aspetta da un titolo così recente e di alto livello tecnico-artistico: in sostanza, ottima resa video e audio, con traccia originale (in farsi) e in italiano in 5.1 DTS HD. Sottotitoli in italiano, per una visione come sempre preferibile della versione originale. Gli extra su disco si limitano al trailer, ma in questo caso non è un problema: all’interno della confezione troviamo infatti un booklet realizzato da Manlio Gomarasca e Davide Pulici di Nocturno, rivista che dalla metà degli anni Novanta si occupa del cinema di genere, con particolare attenzione per l’horror. Nell’agile libretto troviamo informazioni sul regista, un’intervista, un’analisi della pellicola e dei suoi significati e alcune riflessioni sui jinna – e qualche buon suggerimento su film in tema da recuperare, come il poco fortunato Djinn (2013) di Tobe Hooper, altro maestro dell’horror che ci ha abbandonato nel corso del 2017. Insomma, il genio della lampada di Aladdin o la Jeannie di Strega per amore hanno qualche pecora nera in famiglia…

Info
Under the Shadow sul sito del Trieste Science+Fiction.
Il trailer di Under the Shadow.
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-06.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-04.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-08.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-07.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-05.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-03.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-09.jpg
  • Under-the-Shadow-2016-Babak-Anvari-01.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    The Devil’s Candy

    di Interessante tentativo di fondere le inquietudini dell’horror con la più standardizzata iconografia heavy metal, The Devil's Candy trasmette genuina inquietudine, restando tuttavia un po' involuto.
  • Cult

    Zombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Trieste S+F 2016

    Under the Shadow

    di Vincitore del premio Stars' War del Trieste Science+Fiction 2016, Under the Shadow intreccia l'immaginario horror e i relativi meccanismi della messa in scena con un disperato e claustrofobico affresco dell'Iran khomeynista.
  • Trieste S+F 2016

    seoul-stationSeoul Station

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d'animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake.
  • Cannes 2016

    The-Neon-DemonThe Neon Demon

    di In concorso a Cannes, The Neon Demon è un thriller/horror che prosegue la radicale stilizzazione narrativa e la costante ricerca estetica/estetizzante di Only God Forgives. Refn tratteggia una metafora piuttosto scarnificata ed evidente, caricandola di una sovrastruttura visiva coerente, ricercatissima.
  • Cannes 2016

    Train to Busan RecensioneTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Torino 2015

    February

    di Esordio alla regia per Osgood Perkins, illustre figlio di Anthony, per un horror inconsueto e molto ambizioso. February raccoglie meno di quanto semina, ma fa ben sperare per il futuro artistico dell'autore debuttante. Al TFF 2015 per la sezione After Hours.
  • Archivio

    It Follows RecensioneIt Follows

    di L'opera seconda di David Robert Mitchell è un teen-horror non privo di ironia che metaforizza la paura del contagio dell'AIDS. Presentato alla Semaine de la critique di Cannes e selezionato al TFF 2014.
  • Blu-ray

    Train to Busan + Seoul Station

    di La Limited Edition targata Midnight Factory/Koch Media & Tucker Film del dittico zombesco realizzato da Yeon Sang-ho: l'adrenalinico live action Train to Busan e il prequel animato dai riflessi romeriani Seoul Station. Tra gli extra making of, B-roll e un booklet.
  • Blu-ray

    The Devil's Candy RecensioneThe Devil’s Candy

    di The Devil's Candy è un vigoroso prodotto "medio" che gioca con l'heavy metal e il maligno. Quasi naturale ritrovarlo nel grandguignolesco listino di Midnight Factory, nella consueta limited edition in blu-ray con booklet nocturniano.
  • Blu-ray

    L'armata delle tenebre RecensioneL’armata delle tenebre

    di Un cofanetto con sette dischi, un libro e il Necronomicon. Fluorescente. Le versioni International, Director's Cut e Theatrical. Ore di contenuti speciali. I commenti di ieri e di oggi di Sam Raimi, Ivan Raimi, Bruce Campbell, Greg Nicotero. È l'edizione speciale 25° anniversario de L'armata delle tenebre, targata Midnight Factory.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento