Napoli velata

Napoli velata

di

Ferzan Özpetek si lancia con Napoli velata nel sabba misterico partenopeo, affidando a Giovanna Mezzogiorno le chiavi di un thriller psicologico che sconfina nel soprannaturale e ha luogo alle pendici del Vesuvio. Un’occasione sprecata, per i difetti insiti nel cinema del regista italo-turco.

Desiderando Andrea

Una sera a una festa Adriana incrocia gli sguardi seducenti e provocatori di Andrea, un giovane attraente e sicuro di sé. Lei non riesce a sottrarsi a quella schermaglia sensuale e i due trascorrono così la notte insieme. Ma non sembra chiudersi tutto lì: si danno, infatti, appuntamento per il giorno dopo. In lei cresce rapidamente un sentimento più forte, forse l’inizio di un grande amore che potrebbe cambiarle la vita. La svolta arriva, ma diversamente da come si aspettava. La situazione precipita quando rimane coinvolta in un delitto che la trascina al centro di un’indagine dai contorni inquietanti. Uno scossone capace di minare ogni sua certezza. Involontariamente, senza possibilità di scampo, s’infila in un percorso dentro la più segreta zona d’ombra della propria personalità. [sinossi]

La Napoli velata cantata da Ferzan Özpetek in questa ballata mesta e misterica che arriverà in sala nel cuore delle feste, sfidando i residui delle uscite natalizie e un altro film a suo modo mortuario, quel Coco che riporta ad alti livelli la produzione Pixar, è la città del “gabinetto segreto” del Museo Archeologico, la città dei doccioni che appaiono all’improvviso a ridosso di un portone, la città del culto di Priapo, delle sculture celate sul fondo del mare, la città che mantiene il culto delle anime pezzentelle. Il regista turco ma da oltre quarant’anni adottato dall’Italia cerca di muoversi tra i venti del lungomare Caracciolo trasportando la sua naturale propensione al melodramma intimo (e per lo più femminile) nella sguaiata eloquenza partenopea, che non ha timore di urlare la propria visceralità: l’esatto opposto di Adriana, che da bambina ha assistito a qualcosa di inenarrabile e che è donna mite, appagata nel lavoro – è medico legale all’ospedale – ma non nella vita intima, che trascorre sola soletta, eccezion fatta per la frequentazione della ricchissima magione della zia materna, e del salotto letterario che prende vita lì, tra teatranti che metteno in scena un parto maschile, e ricercatrici di opere d’arte dell’antichità. Proprio durante uno spettacolo Adriana conosce e si invaghisce al volo di Andrea, sub campione di immersione in apnea che ricambia l’attrazione e con fare sicuro prende in mano la situazione. Da quella notte d’amore rovente – che Özpetek mette in scena con sguardo carnale ma sfiorando in più di un’occasione lo sconfinamento nel ridicolo involontario – Adriana non si riprenderà più.
Napoli velata è in fin dei conti tutto qui, per quanto la storia si dilunghi in un intrico infinito di sottotrame, personaggi secondari, misteri che spuntano fuori da ogni dove: anzi, è proprio l’urgenza del regista di accumulare materiale degno più di Un posto al sole che di un film d’autore a recludere il significato intimo del film solo in quell’incipit d’amor fou e focoso. È lo stesso Pasquale, l’amico di sempre interpretato da Peppe Barra, a far notare come le ossessioni di Adriana sembrino quelle della protagonista di una telenovela. E non si discosta molto da quel riferimento culturale, Özpetek, per quanto cerchi di farsi prendere la mano da movimenti di macchina sinuosi, come quello iniziale che ruota sulla tromba delle scale di un palazzo d’epoca, rincorrendo Hitchcock e perdendosi dentro se stesso, vuoto come lo stesso scenario che sta riprendendo (e ben diverso da un movimento di macchina non troppo dissimile che rappresentava il punto focale de L’amore molesto di Mario Martone, un regista che invece ha sempre avuto molto chiaro cosa si muove nel cuore di Napoli e dei suoi abitanti).

Vorrebbe essere il ritratto di una mente in frantumi da ricostruire, Napoli velata, così come la città matrigna e solo all’apparenza solare nella quale il film è ambientato: ma il gioco mostra fin troppo facilmente i propri punti deboli, la mancata raffinatezza nella scrittura dei personaggi, il rincorrersi di situazioni sempre più paradossali che però Özpetek non sa tratteggiare con il gusto del paradosso dell’Almodóvar dei tempi andati (quello rimane in ogni caso il riferimento artistico principale), la voglia di mostrare ciò che dovrebbe essere celato e che invece viene sbattuto in faccia al pubblico: il gioco di raffronti tra le sculture dell’epoca classica e le memorie di Adriana del corpo dormiente e nudo di Andrea raffigurano con una certa precisione le defaillance di un’opera come sempre esagerata, ma senza una reale motivazione.
Tra prospettive mèlo portate alle estreme conseguenze e una napoletanità fittizia, costruita per l’occasione, Napoli velata sembra essere suggestionato con forza più che altro da Personal Shopper di Olivier Assayas, senza però averne chiaro il senso; l’utilizzo della scarnificata struttura della città guarda nella stessa direzione, ma non approda a molto, se non alla recitazione sofferta e comunque encomiabile di Giovanna Mezzogiorno, che riesce a donare una credibilità pur minima a un personaggio scritto davvero con superficialità. Regista che non ama lavorare sul dettaglio, Ferzan Özpetek mette in scena una città misterica svelando tutti i segreti dei suoi personaggi e della sua trama solo attraverso una continua e stancante verbalizzazione: è così per ciò che si agita nella mente di Adriana, ma non solo. Napoli velata si dimostra dunque come un’opera vetusta, che al contrario delle sculture antiche non sa parlare all’oggi. Un’opera di misteri che non sa coprirsi col velo, e che crede ancora come un pubescente che il nudo sia erotico, e l’evidenza sia più scioccante di ciò che si cela nell’ombra. Si arriverà forse a materializzare i tarli che si agitano nella mente di Adriana, ma a rimanere impalpabile sarà un’intera città, con il suo mistero.

Info
Il trailer di Napoli velata.
  • napoli-velata-2017-ferzan-ozpetek-01.jpg
  • napoli-velata-2017-ferzan-ozpetek-02.jpg
  • napoli-velata-2017-ferzan-ozpetek-03.jpg
  • napoli-velata-2017-ferzan-ozpetek-04.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Rosso Istanbul

    di Tra frasi fatte sul rapporto arte e vita e l'eterno ritorno della casa abitata dai fantasmi del passato, Ozpetek con Rosso Istanbul dichiara apertamente la crisi in cui versa il suo cinema.
  • Archivio

    Personal Shopper

    di Olivier Assayas porta in concorso a Cannes (e ora in sala) una ghost-story che è riflessione sul desiderio, sul proibito e sull'immateriale. Con una splendida Kristen Stewart.
  • Archivio

    Allacciate le cinture

    di Dopo la vacuità assoluta di Magnifica presenza, Ozpetek prova a tornare a raccontare qualcosa: ma il suo nuovo film è indeciso se mettere in scena la storia di un amore o quella di una malattia.
  • Archivio

    Magnifica presenza RecensioneMagnifica presenza

    di Con il suo nuovo film, Özpetek preleva un po' dal De Filippo di Questi fantasmi, un po' dal Pirandello di Sei personaggi in cerca d'autore e molto - troppo - da se stesso.
  • Archivio

    Mine vaganti RecensioneMine vaganti

    di Özpetek abbandona finalmente il microcosmo di Testaccio per trasferire armi e bagagli in Puglia: ne nasce una commedia diseguale con un buon cast.
  • Archivio

    un-giorno-perfettoUn giorno perfetto

    di Emma e Antonio, sposati con due figli, sono separati da circa un anno. Antonio vive da solo nella casa dove abitava con la moglie, mentre Emma è tornata da sua madre, portando con sé i bambini. Poi, una notte qualunque, una volante viene chiamata nel palazzo...
  • Venezia 2018

    Capri-Revolution RecensioneCapri-Revolution

    di Capri-Revolution sembra chiudere un'ipotetica trilogia in cui Mario Martone riflette sul Tempo e sulla Storia. Stavolta l'occasione per parlare di molte rivoluzioni mancate nel Novecento è l'isola di Capri e la comune che vi si installò sotto la guida di Karl Wilhelm Diefenbach.
  • Festival

    Rencontres du Cinéma Italien 2018 - De Rome à ParisRencontres du Cinéma Italien 2018 – De Rome à Paris

    Arrivata all'undicesima edizione, si tiene a Parigi fino all'undici dicembre Rencontres du Cinéma Italien - De Rome à Paris, manifestazione che permette agli spettatori francesi di vedere film italiani per loro inediti, che non hanno una distribuzione oltralpe.
  • Roma 2019

    Tornare RecensioneTornare

    di Accartocciato nel passato della sua protagonista, interpretata da Giovanna Mezzogiorno, Tornare di Cristina Comencini si risolve, al cospetto di un disarmante schematismo narrativo, in un misogino monito verso le ragazze "leggere". Alla Festa del Cinema di Roma.
  • In sala

    La dea Fortuna recensioneLa dea Fortuna

    di La dea Fortuna, tredicesimo lungometraggio diretto da Ferzan Ozpetek, contiene al proprio interno tutti i temi portanti della poetica del regista, dalla smitizzazione della famiglia borghese alla riflessione sul concetto di 'tradimento'. Con i temi però affiorano tutti i limiti del cinema di Ozpetek.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento