Jigoku

Jigoku è l’inferno visto con gli occhi di Nobuo Nakagawa, grande maestro dell’horror nipponico. Jigoku è una discesa agli inferi psichedelica e violentissima, che non ha pietà di niente e di nessuno. Jigoku è un racconto morale rosso come il sangue.

L’inferno

Una notte Shiro, uno studente universitario, investe ed uccide con la propria auto un ubriaco. Da quel momento la vita di Shiro viene sconvolta da tutta una serie di episodi, più o meno fortuiti, che causeranno la morte sua e di tutti i suoi conoscenti e parenti più stretti. Si ritroveranno tutti, dopo essere morti, all’Inferno, a patire le pene più atroci per i peccati che ciascuno di loro ha commesso in vita. [sinossi]

Per lungo tempo, decenni interi, Jigoku è finito nel limbo indistinto degli archivi cinematografici, del tutto ignorato da critici e addetti ai lavori. Certo, in Giappone Nobuo Nakagawa (il regista del film) era considerato un maestro, un rivoluzionario del linguaggio produttivo, il padre di un’intera progenie dedita all’oscuro, al macabro, al difforme. Uno come Teruo Ishii, altro regista all’epoca, metà degli anni Sessanta, pressoché sconosciuto in occidente. Non che si possa fare chissà quale addebito all’universo critico del periodo: i film avevano una circuitazione assai minore di quella attuale, il Giappone è sempre stato piuttosto avaro nella condivisione della propria arte e gli yamatologi si contavano sulla punta delle dita. Così Jigoku di Nobuo Nakagawa, come la stragrande maggioranza del cinema ‘popolare’ nipponico, rimase un segreto ben custodito per una quarantina d’anni, fino a quando il fenomeno del cosiddetto j-horror esplose a livello mondiale grazie ai successi commerciali delle saghe di Ringu e Ju-on. Film che devono tutto, ma proprio tutto, a Jigoku, senza riuscire a eguagliarlo sotto il profilo dell’inventiva.

Se ancora oggi il film riesce senza eccessivo sforzo a lasciare a bocca aperta lo spettatore gran parte del merito Nakagawa lo deve condividere con il direttore della fotografia Mamoru Morita e lo scenografo Haruyasu Kurosawa; muovendosi all’interno di un plot praticamente inesistente – la trama, che parte da un incidente automobilistico e dal senso di colpa che produce in una delle persone presenti nella vettura – Jigoku esplode in maniera letterale grazie alle acrobazie visionarie, all’utilizzo avant-pop dell’illuminazione e a una scenografia a tratti anche scabra ed essenziale, ma dominata da retaggi avanguardistici, reminiscenze pittoriche, svisamenti psichedelici.
Quello che ne viene fuori è un’esperienza stordente, ossessivamente alla ricerca di uno spaesamento spettatoriale che puntualmente raggiunge.

Per quanto sia inevitabile catalogarlo come horror, Jigoku è un oggetto alieno, che calca le mani sull’effettaccio gore per rinvigorire il concetto attorno al quale ruota la vicenda: tutti gli esseri umani sono peccatori, perché il vincolo della morale nella società moderna è stato irrimediabilmente spezzato. Avrebbe d’altro canto senso definire “horror” La Divina commedia o Paradiso perduto?
Ultima produzione di una Shintoho sull’orlo del fallimento (dettaglio che giustifica a suo modo la totale libertà creativa concessa alla troupe) Jigoku spezzò una volta per tutte il cordone ombelicale che legava il cinema dell’orrore giapponese ai kaidan eiga, le classiche storie di fantasmi cui avevano reso un eccellente contributo anche autori del calibro di Masahiro Kobayashi e Kaneto Shindo. La rarefazione lascia il posto alla furia, la creazione dell’atmosfera è sostituita da un sadismo mai compiaciuto.

Perché Nakagawa, oramai incoronato solamente come padre dell’horror giapponese moderno, diresse in vita sua solo otto film del terrore (mostrati in Italia anni fa in una bella retrospettiva al Future Film Festival di Bologna) e si dedicò per il resto a mélo famigliari, a drammi sociali sempre dalla parte del proletariato. Anche Jigoku non dimentica la sua funzione sociale, e propone una morale forse semplicistica ma accorata e sincera. Incastonato questo gioiello nella storia dell’horror mondiale e sdoganato una volta per tutte il genere prodotto dalle parti di Tokyo, sarebbe auspicabile una riscoperta del resto della ricca filmografia di Nakagawa. Prima che i nostri peccati ci conducano all’Inferno…

Info
Il trailer di Jigoku.
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-01.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-02.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-03.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-04.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-05.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-06.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-07.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-08.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-09.jpg
  • jigoku-1960-nobuo-nakagawa-10.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Charlotte et Véronique

    di Charlotte et Véronique, noto anche con il titolo (in realtà un sottotitolo) Tous les garçons s'appellent Patrick, è il terzo cortometraggio diretto da Jean-Luc Godard, stavolta su sceneggiatura di Eric Rohmer.
  • Buone feste!

    Gremlins RecensioneGremlins

    di Parte dai gremlins di Roald Dahl per arrivare a Steven Spielberg il film più celebrato di Joe Dante; un horror buffonesco e sadico, che si incunea nel corpo (in)sano di Hollywood.
  • Buone feste!

    La vita è meravigliosa

    di Il classico natalizio di Frank Capra non riscosse un grande successo al momento della sua uscita nelle sale, elogiato in Europa dal solo Sergej Ėjzenštejn e contrastato in patria dall'FBI che lo accusava di essere anti-americano. E solo il pubblico dominio gli donò la visibilità che merita...
  • Buone feste!

    Uomini di domenica

    di , Pensavate fosse impossibile trovare un film sul quale avessero lavorato insieme Billy Wilder, Fred Zinnemann, Robert e Curt Siodmak, Edgar G. Ulmer? Si vede che non avete mai avuto l'occasione di vedere Uomini di domenica, tra le opere fondamentali del cinema della Repubblica di Weimar.
  • Buone feste!

    La belva dell’autostrada

    di Ida Lupino è stata una rivoluzionaria, una donna in grado di affrontare il maschilismo hollywoodiano e di combatterlo a colpi di cinepresa; La belva dell'autostrada fu la sua quarta regia 'in solitaria', ed è una delle sue prove più convincenti.
  • Buone feste!

    Hiruko the Goblin

    di Subito dopo aver sconvolto il mondo con Tetsuo, Shinya Tsukamoto firma Hiruko the Goblin, una commedia-horror che corre a cento all'ora, sfrenata e libera. Un divertissement che non si fa ingabbiare dai reticoli di una grande produzione come la Shōchiku.
  • Buone feste!

    Qualcosa di travolgente RecensioneQualcosa di travolgente

    di A otto mesi dalla sua prematura scomparsa è doveroso omaggiare con Qualcosa di travolgente Jonathan Demme, tra i pochi registi in grado di mantenere intatta la propria identità nel passaggio dal panorama indipendente al mainstream hollywoodiano.
  • Buone feste!

    Il fantasma del pirata Barbanera

    di Il fantasma del pirata Barbanera è una commedia fantasy diretta da Robert Stevenson, e tra i più felici risultati live action della produzione Disney. Può essere considerato l'ultimo film 'dal vivo' prodotto con la benedizione dello zio Walt che morì durante le riprese.
  • Rotterdam 2015

    Over Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Udine 2013

    The Complex

    di Autore tutt'altro che esente da passaggi a vuoto, Hideo Nakata con The Complex riesce stavolta a sorprendere positivamente, superando le dinamiche del j-horror per tornare con spirito cinefilo a una sorta di classicità.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Bibliografia e filmografia

    Una bibliografia e una filmografia ragionate della letteratura e del cinema dedicati ai vampiri, suddivisa per generi e con riferimento alla data di prima pubblicazione, o di realizzazione. Una serie di consigli per la lettura e per la visione, più che altro.
  • Buone feste!

    Starship Troopers RecensioneStarship Troopers

    di Starship Troopers, rilettura rovesciata del romanzo di Robert A. Heinlein, è la dimostrazione forse più palese del ruolo svolto a Hollywood da Paul Verhoeven; quello del dissacratore, del ribaltatore di schemi, dell'annullatore di qualsiasi cliché.
  • Buone feste!

    Una pazza giornata di vacanza

    di Lo spirito di Ferris Bueller, ozioso bohemien anarcoide che fa del gesto gratuito e della scaltrezza le armi per inserirsi nel sistema statunitense senza esserne avvinto, è il centro nevralgico di Una pazza giornata di vacanza di John Hughes.
  • DVD

    Fiore secco RecensioneKawaita hana – Fiore secco

    di A far riemergere dalle ceneri del tempo una perla del cinema nipponico anni Sessanta come Fiore secco (Kawaita hana, 1964) di Masashiro Shinoda ci pensa come al solito RaroVideo, che regala al mercato nostrano un autentico pezzo da collezione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento