Uscite in sala 04 gennaio 2018

Uscite in sala 04 gennaio 2018

Anno nuovo vita vecchia, vale a dire la solita cara pagina delle uscite in sala. Il 2018 si apre con l’Orso d’Oro della scorsa Berlinale, il rapimento del nipote di Jean Paul Getty, la morte di Stalin e il secondo capitolo della saga superomistica di Gabriele Salvatores. Si poteva sperare in qualcosa di più, e di meglio…

 

CORPO E ANIMA
di Ildikó Enyedi

Onde evitare fraintendimenti, è da festeggiare il fatto che un film di Ildikó Enyedi raggiunga le sale italiane, e la storia d’amore e sogno di Endre e Mária, tra cervi notturni e mucche macellate di giorno, è senza dubbio interessante e non priva di fascino. È un film che può trovare i suoi legittimi fan (e la recensione di Marco Romagna ne è una dimostrazione) ma qualche dubbio lo lascia. L’Orso d’Oro a Berlino non è un’eresia, ma se si pensa che in concorso c’era anche L’altro volto della speranza di Aki Kaurismäki

Non appena Mária iniziare a lavorare al controllo qualità, un macello a Budapest diventa il luogo di una strana storia d’amore. A pranzo la giovane donna sceglie sempre un tavolo da sola in mensa, dove si siede in silenzio. Il suo è un mondo che si compone di figure e dati che si sono impressi sulla sua memoria fin dalla prima infanzia. Endre, il direttore finanziario dello stesso macello, è un tipo tranquillo ormai di mezza età. Timidamente cominciano a conoscersi l’un l’altro, fino a scoprire che ogni notte si incontrano da oltre due anni nello stesso sogno. Con cautela, tentano di farlo diventare realtà… [sinossi]

 

TUTTI I SOLDI DEL MONDO
di Ridley Scott

Tra dieci anni di questo film ci si ricorderà solo per l’annosa querelle che ha fatto seguito alla scelta di Scott e della produzione di rimuovere dal montaggio Kevin Spacey rigirando tutte le sequenze che lo vedevano in scena con Christopher Plummer al suo posto; anche perché molto altro da dire su questa occasione sprecata non viene in mente. Un’opera priva di stratificazione sia sotto il profilo contenutistico che formale. Peccato.

Roma, 1973. Alcuni uomini mascherati rapiscono un ragazzo adolescente di nome Paul Getty III, nipote del magnate del petrolio Jean Paul Getty, noto per essere l’uomo più ricco al mondo e al tempo stesso il più avido. Il rapimento del nipote preferito, infatti, non è per lui ragione sufficientemente valida per rinunciare a parte delle sue fortune, tanto da costringere la madre del ragazzo Gail e l’uomo della sicurezza Fletcher Chace a una sfrenata corsa contro il tempo per raccogliere i soldi, pagare il riscatto e riabbracciare finalmente il giovane Paul. Una vicenda pubblica e privata che sconvolse il mondo per aver rivelato a tutti un’incredibile verità: che si può amare di più il denaro che la propria famiglia… [sinossi]

 

MORTO STALIN, SE NE FA UN ALTRO
di Armando Iannucci

Al di là dei legittimi dubbi sul fatto che il cinema possa permettersi di sbeffeggiare tutto, compresi coloro che perirono nei gulag siberiani, la commedia di Iannucci mostra presto la corda, nonostante un cast abbastanza in forma. La sceneggiatura non regge, le stesse gag colpiscono molto di rado il bersaglio, e tutto sembra sempre più pretestuoso, ogni minuto che passa. Da dimenticare.

Il 1953 sembra un anno come tanti per Stalin: sicuro del suo potere, continua a ordinare omicidi e deportazioni di dissidenti, a oscurare la libertà di espressione e a tenere in riga la corte di personaggi che gli ruota intorno. Quando, una mattina, viene trovato riverso sul pavimento, proprio tra questi ultimi scoppia il panico… E ovviamente anche la corsa per la sua successione. Chi la spunterà tra Chruščёv, più simile a un mafioso che a un politico, la mina vagante Molotov, il mite Žukov o il malvagio Berija? [sinossi]

 

IL RAGAZZO INVISIBILE – SECONDA GENERAZIONE
di Gabriele Salvatores

Va ancora peggio, va detto, con il secondo capitolo che narra le gesta – si fa per dire – di Michele. Ovviamente non c’era alcun bisogno di un sequel di questo tipo, che per di più oltre a una tecnica raffazzonata e a una certa diffusa sciatteria, non è neanche in grado di essere autoironico e di giocare con se stesso. Un tempo Salvatores era regista di ben altre ambizioni.

Dopo aver scoperto di essere “speciale”, Michele si trova ad affrontare i problemi di crescita comuni a tutti gli adolescenti: la ragazza dei suoi sogni ama un altro, mentre il mondo adulto sembra sempre più lontano e ostile. La sua vita, tuttavia, subisce un’improvvisa scossa con l’irruzione di due donne, che ne complicheranno ulteriormente il rebus: una è una misteriosa ragazza di nome Natasha, l’altra è Yelena, che si presenta come sua madre naturale. [sinossi]

 

Questa settimana nelle sale sono usciti anche Jumanji – Benvenuti nella giungla (2017) di Jake Kasdan (uscito il primo dell’anno) e Vi presento Christopher Robin (2017) di Simon Curtis. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Tutti i soldi del mondo.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in sala 28 dicembre 2017

    Il 2017 saluta gli spettatori cinematografici con appena tre film, tre titoli destinati ognuno a modo suo a scalare posizioni nel botteghino in questo e nel prossimo anno. Coco, nuovo gioiello della Pixar, è ovviamente il pezzo da novanta della settimana.
  • Notizie

    Uscite in sala 21 dicembre 2017

    A Natale i titoli forti rimangono quelli già usciti nelle scorse settimane; si aggiunge però Wonder di Stephen Chbosky, racconto d'infanzia e riscatto. Con lui nelle sale arrivano Dickens di Bharat Nalluri e The Greatest Showman di Michael Gracey.
  • Notizie

    Uscite in sala 14 dicembre 2017

    Si approssima il Natale, ed ecco arrivare l'orda (mai così barbarica e di basso profilo) dei cinepanettoni. A rispondere per le rime, fortunatamente, ci pensano un sublime Woody Allen, Belle dormant di Adolfo Arrieta e, in posizione defilata, anche il nuovo Star Wars...
  • Notizie

    Uscite in sala 07 dicembre 2017

    Inizia (sulla carta) la rincorsa al botteghino natalizio, e si parte con un George Clooney sceneggiato dai fratelli Coen, la sparatoria infinita di Ben Wheatley, e due titoli tra i più applauditi di Cannes e Venezia. Quanto resisteranno in sala?
  • Notizie

    Uscite in sala 11 gennaio 2018

    È la settimana di Tre manifesti a Ebbing, Missouri, che tanti consensi ha ottenuto all'ultima Mostra di Venezia lo scorso settembre. Per il resto settimana fiacca, anche per colpa di un Verdone sotto tono; ma lunedì 15 nelle sale arriva il restauro digitale de L'Atalante di Jean Vigo, e allora...
  • Notizie

    Uscite in sala 18 gennaio 2018

    Nonostante la presenza di due titoli 'ingombranti' come L'ora più buia ed Ella & John (entrambi in realtà profondamente deludenti), la settimana cinematografica si illumina grazie all'apparizione sugli schermi di Poesia senza fine, nuovo capitolo dell'autobiografia per immagini di Alejandro Jodorowsky.
  • Notizie

    Uscite in sala 25 gennaio 2018

    A un anno dalla proiezione al Sundance arriva nelle sale italiane Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, perfettamente in tempo per festeggiare le quattro nomination all'Oscar; con lui da questo giovedì Downsizing di Alexander Payne e La testimonianza di Amichai Greenberg.
  • Notizie

    Uscite in sala 01 febbraio 2018

    Dopo gli exploit commerciali delle scorse settimane il cinema italiano propone Sono tornato, versione in salsa fascistoide del tedesco Lui è tornato visto sugli schermi un paio di anni fa; il risultato lascia ampiamente a desiderare. Per fortuna giovedì trova la luce della sala The Post, la nuova meraviglia cinematografica di Steven Spielberg.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento