Bande à part

Bande à part

di

Movies Inspired, seguendo la linea già tracciata da Cinema Ritrovato e Lab 80, riporta in sala in versione restaurata Bande à part di Jean-Luc Godard, uno dei titoli più iconoclasti e celebri tra i primi lavori del cineasta svizzero trapiantato in Francia. Un omaggio ai noir low budget d’oltreoceano, ma non solo… Con Anna Karina, Sami Frey e Claude Brasseur.

L’atto superfluo

Odile rivela ai suoi compagni di classe, Frantz e Arthur, che il pensionante di sua zia Victoria possiede una grossa somma di denaro nascosta in soffitta. I due progettano di compiere una rapina e, per convincere Odile a lasciarli entrare dalla zia, la corteggiano a turno, passandole bigliettini d’amore e portandola a ballare… Finalmente Odile cede e porta gli amici a casa, ma il bottino non si trova… [sinossi]

Bande à part ritorna in sala in Italia a distanza di 54 anni dalla sua realizzazione mentre il mondo cinefilo si getta nell’agone che vorrebbe distinguere in fazioni nette posizioni pro e contro l’ultimo Eastwood, o disquisisce con toni sempre più barricaderi – e faticosamente noiosi – su ogni film, da Chiamami col tuo nome a La forma dell’acqua, da The Post a A casa tutti bene. Il dibattito culturale langue, e quando non langue dimostra tutta la propria intrinseca mediocrità. Mancano strutture, si smarriscono sguardi sistemici, l’ozio mentale del singolo si erge a speculazione filosofica. La critica, già rischiosamente vicina allo svolazzo dell’idea (ma non dell’ideale), veste gli abiti del quotidiano velleitario, scavando una trincea in grado di separarla sempre di più dal mondo reale, dalle concretezze dell’esistenza. Rinchiuso in un iperuranio di cartapesta, il mondo del cinema assolve se stesso da qualsiasi iniquità. In uno scenario simile rivedere o scoprire per la prima volta Bande à part è un atto rivoluzionario. Il gesto superfluo godardiano che denuda la passività organica spettatoriale ieri come oggi. Come domani. Basta quel titolo che compare sul montaggio frenetico dei volti dei tre protagonisti, Anna Karina, al quarto dei sette film con l’allora marito (e all’ultimo come sua sposa [1]), Sami Frey e Claude Brasseur, per rendere evidente la vita che corre per 24 fotogrammi al secondo sullo schermo: mentre si compone “bande à part” si triangolano gli sguardi. Un triangolo scaleno. Un triangolo impossibile per una storia impossibile, per un furto impossibile. Per un cinema solo allora – e solo per poco – davvero possibile. È un noir, Bande à part, ma nessuno sembra interessato davvero a condurlo fino alla fine; certo, il morto non può mancare, ma è un tassello, la pedina di un domino interminabile. Non si muore sullo schermo, se non per finta. Finge Jean-Luc Godard, e così agendo elimina qualsiasi filtro palese o meno in grado di separarlo dagli spettatori. Finge la morte anche Claude Brasseur nell’incipit del film, rotolandosi a terra come Billy the Kid, freddato a Tombstone nel 1891. Anche il celeberrimo omonimo del personaggio che interpreta, Arthur Rimbaud, morì nel 1891 nel letto di un ospedale di Marsiglia, costretto al ritorno in patria da un tumore. Quella patria da cui era fuggito per cercare aria d’avventura nell’Harar. Fuggiranno anche Franz e Odile nel finale di Bande à part, su una nave in rotta verso i mari del sud…

Bande à part torna in sala e a colpire l’immaginario arriva dirompente la naturale semplicità con cui Godard affronta una narrazione, una storia. Un canovaccio, e nulla più. Perché non c’è mai bisogno di nulla più di un canovaccio, forse, per descrivere i rapporti basilari – o meglio, basici – tra gli esseri umani. Lei, e due lui che giocano a sedurla e giocano ancora più a fingersi criminali, sognando quel colpo nella casa della zia di Odile, alla ricerca di un tesoro che chissà se esiste, e chissà perché esiste. Ma Godard è già consapevole che il cinema è solo una distrazione, un passatempo ozioso, il modo migliore per riempire due ore di vuoto in una vita che si finge di aver piena fino all’orlo. Così, dopo neanche dieci minuti dall’inizio del film, ecco la sua voce narrante irrompere sulla scena – mentre Odile se ne va in giro in bicicletta e i due amici a bordo della SIMCA che ha diritto di essere considerata una delle protagoniste della storia – per affermare “Per lo spettatore che entra in sala solo adesso tutto ciò che si può dire sono poche parole a caso: tre settimane fa, parecchi soldi, un corso di inglese, una casa vicino al fiume, una ragazza romantica”. Il riassunto delle puntate precedenti arriva subito, perché i ritardatari o i disattenti possano avere la possibilità di riprendere da zero, di ricominciare, di non sentirsi persi. Godard gioca, in quella tensione alla decostruzione del letterario che è parte consistente della sua prima fase autoriale, quella che grossomodo va da Fino all’ultimo respiro a Due o tre cose che so di lei; è il Godard pre-marxista, già propenso alla scarnificazione dell’iconografia della società consumista del Capitale ma ancora proiettato in una dimensione in cui è il reale a dover trovare conferme nel cinema, e non l’inverso.

Ecco dunque che Godard prende spunto da un romanzo della scrittrice texana Dolores Hitchens, Fool’s Gold, pubblicato nel 1958 e tradotto in Francia da Gallimard con il titolo Pigeon vole; ma nel metterlo in scena lo svuota di qualsiasi psicologia. I personaggi sono ridotti a tipi, costretti a muoversi, coatti all’azione dalla quale non possono svicolare, se vogliono dimostrare di essere vivi. E in effetti quella che dovrebbe essere la storia di un crimine si trasforma nel racconto di una “oisive jeunesse”, per rubare le parole ancora a Rimbaud – quello vero, non il personaggio di Brasseur –, una gioventù che non ha strumenti dialettici per esprimersi. Una gioventù che preferisce il silenzio alla parola. Che preferisce la corsa a perdifiato per battere il record di attraversamento del Louvre (record che, di film in film, sarà migliorato nel 2003 dai protagonisti – anche loro tre – di The Dreamers di Bernardo Bertolucci). Che preferisce una Madison Dance in un caffè parigino.
Una gioventù che di lì a pochi anni arrosserà le strade francesi nel maggio ma che ignara ancora si accontenta del gesto superfluo, privo di conseguenze, atto eccedente e inessenziale, forse anche ridondante, ma in grado di smuovere la prassi. Samuel Fuller ammirato ricordava la sequenza in cui Franz e Arthur, con le calze infilate sulla testa per non farsi riconoscere, si aggirano per la casa chi aggiustandosi la cravatta chi infilandosi libri nelle tasche: anche nel più rigoroso rispetto dei b-movie che fecero (ancor più) grande Hollywood non c’è modo di evitare uno scarto netto, scorbutico, improvviso, infantile e teorico allo stesso tempo. Infantile perché teorico, e teorico in quanto davvero infantile.

La disarticolazione della trama non è per Godard una parodia della stessa, né una sonora smentita del suo senso. È semplicemente l’unico modo per non mentire – mentendo – di fronte agli spettatori. Si sta avverando quel passaggio a un cinema che si immerge nel reale che sarà il passo determinante della carriera del regista, e i primi vagiti sono già evidenti in Bande à part, e probabilmente in gran parte inconsapevoli. La scelta di una Parigi periferica, distante dal rutilare che era già il centro nevralgico per esempio dei film precedenti di Godard (Fino all’ultimo respiro respira l’aria di Montparnasse e Notre Dame…), da un lato rispecchia il mood suburbano dei b-movie di riferimento, e dall’altro acquista un valore quasi politico: nel gesto di superare a bordo della SIMCA la Marna, per ritrovarsi dalle parti di Quai Fernand Saguet, c’è una rivendicazione di senso, di posizionamento sistemico, di (non) accettazione dell’esistente e dell’ovvio.
A distanza di cinquantaquattro anni dalla sua realizzazione – il set si sviluppò tra il 17 febbraio e il 17 marzo del 1964 – Bande à part rivela un’anima in eterno divenire, una freschezza di sguardo che non ha tempo, e non si ferma di fronte a nessun tempo. Una rivoluzione nel senso più puro, poetico ed espressivo del termine. Ed è curioso, in conclusione, notare come quella che è forse la sequenza più libertaria del film, la fuga tra le aule austere e immobili del Louvre, fu resa possibile solo dall’intercessione del ministro della cultura, quell’André Malraux che aveva conosciuto Trotzky, aveva sposato la causa repubblicana spagnola e quella anticoloniale laotiana, per poi finire come gaullista duro e puro. Il suo La condition humaine rimane uno spettro che si aggira per l’Europa – e anche a lui è dedicato il sublime Calamari Union di Aki Kaurismäki – ma Malraux rimarrà inevitabilmente legato alla contestazione sessantottina, che non potè mai perdonargli (tra le tante cose) la scelta di rimuovere dall’incarico di conservatore della Cinémathèque Henri Langlois. Contro di lui nel 1968 manifesterà in prima linea proprio Jean-Luc Godard. Una nuova fase era aperta.

NOTE
1. In ordine cronologico: Le Petit soldat, La donna è donna, Questa è la mia vita, Bande à part, Agente Lemmy Caution: missione Alphaville, Pierrot le fou, Una storia americana. Karina e Godard furono sposati dal 1961 al 1964.
Info
Il trailer di Bande à part.
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-01.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-02.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-03.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-04.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-05.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-06.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-07.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-08.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-09.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-10.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-11.jpg
  • bande-a-part-1964-jean-luc-godard-12.jpg

Articoli correlati

  • Blu-ray

    Sympathy for the Devil

    di Sympathy for the Devil è One Plus One, vale a dire il titolo del produttore contro il titolo dell'autore. Jean-Luc Godard incontra i Rolling Stones, affronta il maggio parigino, si confronta con se stesso e si combatte, fuori e dentro la scena. In un doppio imperdibile blu-ray per la Koch Media le due versioni di un film (s)perduto.
  • Buone feste!

    Charlotte et Véronique

    di Charlotte et Véronique, noto anche con il titolo (in realtà un sottotitolo) Tous les garçons s'appellent Patrick, è il terzo cortometraggio diretto da Jean-Luc Godard, stavolta su sceneggiatura di Eric Rohmer.
  • Locarno 2017

    Grandeur et décadence d’un petit commerce de cinéma

    di Presentata in versione restaurata al Locarno Festival questa opera poco nota di Jean-Luc Godard del 1986: Grandeur et décadence d'un petit commerce de cinéma è una riflessione sulla grandezza del cinema classico del passato.
  • Cannes 2017

    Il mio Godard

    di Godard interpretato da Garrel pontifica sulla falsità del recitare, sulla rivoluzione, sugli operai e i contadini, e ovviamente sul cinema. È Il mio Godard di Michel Hazanavicius, sbalestrato e reazionario sguardo sul padre della nouvelle vague. Incredibile ma vero, in concorso a Cannes 2017.
  • In sala

    Il disprezzo

    di Il disprezzo di Jean-Luc Godard torna in sala in versione integrale e restaurata, permettendo così finalmente agli spettatori italiani di incontrare sul grande schermo un capolavoro che all'epoca venne martoriato dalla produzione di Carlo Ponti.
  • DVD

    Vento dell’est

    di , , , Dopo il '68 e il Maggio francese nulla è più come prima, occorre un nuovo cinema davvero militante. Vento dell'est di Jean-Luc Godard è cinema nel suo (non-)farsi, è negazione del cinema e dell'idea d'autore. È negazione di se stesso e riflessione su un nuovo cinema più umile, vero attore di processi rivoluzionari. In dvd per Minerva/Rarovideo e CG.
  • DVD

    ariaAria

    di , , , , , , , , , Reperto anni Ottanta poco ricordato, l'opera collettiva Aria appare oggi come un progetto diseguale e interessante, ambizioso e inevitabilmente fallimentare. Con punte di genialità soprattutto grazie ad Altman e Godard. In dvd per Pulp Video e CG.
  • In Sala

    Adieu au langage

    di Il cinema di Jean-Luc Godard è sempre proteso in avanti e contemporaneamente ancorato a ciò che fu, e Adieu au langage non fa che confermarlo. Dolorosamente impossibile trovare un altro regista in grado di lavorare come lui sul senso della visione.
  • DVD

    Agente Lemmy Caution: missione Alphaville

    di Personale e orwelliana rilettura della fantascienza orchestrata da Godard a partire dalle suggestioni poetiche de La capitale de la douleur di Paul Eluard, Alphaville è un'opera che non assomiglia a nulla, forse neanche nella filmografia del regista svizzero.
  • AltreVisioni

    Film Socialisme RecensioneFilm Socialisme

    di Una sinfonia in tre atti a partire dal Mediterraneo e da una nave di crociera, dove si incrociano conversazioni, citazioni, lingue e formati video differenti: Film Socialisme di Jean-Luc Godard, presentato in Un certain regard alla 63esima edizione del Festival di Cannes.
  • Cannes 2018

    Le livre d'image RecensioneLe livre d’image

    di Le livre d'image è il ritorno a Cannes in concorso di Jean-Luc Godard a quattro anni di distanza da Adieu au langage. Una riflessione sul cinema/feticcio, sulle religioni del libro e sulla fede incrollabile - ma destinata al fallimento - nelle potenzialità dell'immagine.
  • Bologna 2018

    The Last Movie RecensioneThe Last Movie

    di Opera maledetta di Dennis Hopper, apice e caduta dello sperimentalismo della New Hollywood, The Last Movie mette in scena i ripetuti capitomboli di uno stuntman, interpretato dallo stesso Hopper, sul set di un western di Samuel Fuller. Uno dei film meta-cinematografici più radicali che siano mai stati fatti. Al Cinema ritrovato 2018.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento