Black Panther

Black Panther

di

Sovrabbondanza di pixel, paesaggi mozzafiato e cast altisonante per il supereroe creato nel 1966 da Stan Lee e Jack Kirby. Accolto trionfalmente in patria, Black Panther non si discosta dai consueti valori produttivi, narrativi ed estetici del Marvel Cinematic Universe, nonostante le utopie del Regno di Wakanda, il Black Power e la colata di buoni sentimenti e propositi. Asgard e la Galassia sono distanti. Zamunda un po’ meno.

Eusébio da Silva Ferreira

T’Challa torna nell’isolata e tecnologicamente avanzata nazione africana del Wakanda dopo la morte di suo padre, il re del Wakanda, per succedergli al trono e prendere il suo posto come legittimo sovrano. Ma quando un vecchio e potente nemico farà ritorno, il suo ruolo di re e la sua identità di Black Panther verranno messe alla prova e T’Challa sarà trascinato in un tremendo conflitto che metterà a rischio il destino del Wakanda e di tutto il mondo. Costretto ad affrontare tradimenti e pericoli, il giovane re dovrà radunare i suoi alleati e scatenare tutto il potere di Black Panther per sconfiggere i suoi nemici, mantenere il Wakanda al sicuro e preservare lo stile di vita del suo popolo… [sinossi]

Direttamente o indirettamente, Black Panther si muove in varie direzioni, ci indica nuovi sentieri e percorsi. Alcuni già battuti. Prendiamo, ad esempio, una serie di punti in comune con Wonder Woman, pellicola della rivale di sempre DC Comics che è stata frettolosamente salutata come una sorta di manifesto femminista. Girl Power e tutto quel che segue. Il film della Marvel cavalca un altro potere, quello nero, mettendo in scena un cinecomic (un blockbuster!) che pochi anni addietro sarebbe stato impensabile, impossibile, irrealizzabile. Anzi, realizzabile, ma un probabile fiasco al botteghino – la mente torna al progetto mai andato in porto di Wesley Snipes, che forse avrebbe dato vita a una pantera nera meno politically correct.

Sono proprio le pastoie del politicamente corretto a dettare le traiettorie narrative e produttive di questo cinecomic, così assetato di spettatori, linfa vitale di progetti faraonici in cerca di entrate sicure – non dissimile, in questo senso, la superflua sortita in Corea del Sud (quindi, più in generale, in Asia), specchietto per le numerosissime allodole di un mercato in continua espansione.
Traiettorie che riecheggiano flebilmente l’indipendenza africana e i movimenti degli anni Sessanta, quando le suggestioni kennedyane venivano superate di gran carriera dalle idee, dalle parole e dalle azioni di Martin Luther King e Malcolm X. Riflessi opachi che ritroviamo nello scontro fratricida tra il buono T’Challa e il cattivo Erik Killmonger, attori di una messa in scena depotenziata – politicamente, culturalmente, umanamente – del dualismo Martin Luther King/Malcolm X. La rabbia, il rancore e la sete di sangue sono all’acqua di rose. Come la consapevolezza e tutto quel che dovrebbe seguire.
Si resta in superficie. Anche visivamente. Anche nelle scelte coreografiche, nella messa in scena degli scontri fisici, di quella lotta che non è mai realmente e liberamente ferina, tribale. La rabbia è mitigata dalle strizzatine d’occhio, dalle immancabili gag, da quell’eterno ritorno al family friendly. Anche quando non sarebbe proprio il caso.

Le blande parentesi sulle risorse naturali ed economiche, sullo sviluppo tecnologico negato e sulla guida dell’Africa hanno lo stesso peso specifico di questa sorta di CIA delle favole, coi siparietti prima comici e poi eroici serviti su un piatto d’argento (o era vibranio?) all’agente Everett K. Ross – Martin Freeman, nato per essere sempre e comunque bravo. Il mercato globale è anche trasversale e allora bisogna sedurre e conquistare zone geografiche, rendere malleabili target, diventare bandiera che sventola sui ponti col vento in poppa. È tempo di modulare le scelte estetiche, narrative, di casting e di location sulla scia degli hashtag, magari proprio #BlackLivesMatter. Nulla di nuovo, ma portato avanti con rigore marziale e con un perfetto mix di politicamente corretto e cinismo imprenditoriale.
Come detto, nuovi sentieri e percorsi. Alcuni già battuti. Come il sentiero delle valutazioni iperboliche che arrivano dalla terra dell’abbondanza. Abbondanza di voti. Abbondanza di sensi di colpa? Potremmo tornare a Wonder Woman e ai peana per Gal Gadot, ma andiamo oltre.

Godibile e altrettanto prevedibile, sorretto da un apparato grafico a tratti mirabolante, Black Panther ricalca alcune dinamiche di Thor: Ragnarok, dai rapporti padre/figlio al legame con il luogo natio, con la patria (Wakanda) o con l’idea di patria, di popolo e non di luogo (Asgard). La Marvel cerca e trova luoghi altri, dalla galassia alle dimensioni plasmate dal Signore delle Arti Mistiche, da Asgard e Wakanda, in attesa dei fuochi d’artificio di Avengers: Infinity War. Però l’impresione, tra suggestioni shakespeariane filtrate da Il re leone e parabole sportivo/tribali à la Rocky III, è di trovarsi non troppo lontani dai confini di Zamunda e dai tamburi di Hakuna Matata.

La sete marveliana di nuovi personaggi, di nuovi supereroi e (soprattutto) di gruppi di supereroi, possibilmente declinabili a seconda della aree geografiche e dei gruppi di riferimento, è la cartina tornasole dell’eccessiva e frettolosa espansione del Marvel Cinematic Universe, coraggioso anche se sbalestrato quando decide di mutare pelle a Thor e Hulk (Thor: Ragnarok) e così platealmente ligio al dovere del politicamente corretto quando deve mettere piede nel regno di T’Challa. Sarà colpa dei grandi poteri e delle grandi responsabilità?

Alla fine, a farne le spese è il (primo) cinema di Ryan Coogler. Ne restano poche tracce, automatismi svuotati di senso: la periferia, la strada e la comunità nera di Fruitvale Station si sono trasformate nel blockbuster marveliano in cliché spendibili in questa era dominata dagli hashtag. Una parabola discendente, rapidamente discendente: dal 2013 di Fruitvale Station al 2018 di Black Panther, passando per Creed (2015), già scricchiolante. Anche sul piano della messa in scena, in primis le sequenza d’azione, il Marvel Cinematic Universe non sembra il terreno più adatto per il giovane regista e sceneggiatore di Oakland – un cerchio che non si chiude, nonostante il Black Panther Party for Self-Defence, il 1966, la stessa Oakland, al tempo culla del potere nero e di un roboante spirito rivoluzionario.

Forse non tutti sanno che…
Le pantere del Wakanda hanno boicottato la Coppa del Mondo del 1966.
Info
Il trailer italiano di Black Panther.
Una clip tratta da Black Panther.
Il sito ufficiale di Black Panther.
Black Panther su facebook.
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-46.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-45.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-44.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-43.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-42.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-41.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-40.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-39.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-38.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-37.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-36.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-35.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-34.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-33.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-32.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-31.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-30.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-29.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-24.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-21.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-20.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-18.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-17.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-16.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-15.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-14.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-13.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-12.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-11.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-10.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-09.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-08.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-07.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-06.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-05.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-04.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-03.jpg
  • Black-Panther-2018-Ryan-Coogler-01.jpg

 

Articoli correlati

  • Archivio

    Thor: Ragnarok RecensioneThor: Ragnarok

    di Proseguono a rotta di collo le avventure dei supereroi marveliani, sempre più vicini all'apoteosi di Infinity War. In questo percorso non privo di incidenti di percorso e brusche marce indietro, Thor: Ragnarok si rivela una tappa a suo modo significativa...
  • Archivio

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...
  • Archivio

    Wonder Woman

    di Sospeso tra il biopic superomistico e il revival del peplum anni '50, Wonder Woman di Patty Jenkins si concentra tutto sulla formazione della supereroina e su un epos un po' naïf.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia Vol. 2 RecensioneGuardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • Archivio

    Logan – The Wolverine

    di Mangold costruisce una realtà parallela, futuribile, assai distante dai colori sgargianti e dalle spacconate del Marvel Cinematic Universe. Polvere, sangue, carne e sofferenza: l'ultima avventura di Logan è una ballata dolente.
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Suicide Squad RecensioneSuicide Squad

    di Tutto costruito sugli icastici ammiccamenti dei suoi folli personaggi, Suicide Squad è un cinecomic fracassone molto rock, ma il suo è un rock bambino.
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • In Sala

    CreedCreed – Nato per combattere

    di Nelle due ore e poco più di Creed c'è Stallone, c'è Rocky. Poi ci sono dei riflessi più o meno pallidi, tracce di una saga troppo lunga, di un primo capitolo inimitabile, di un'opera d'esordio che sembra già lontanissima. Creed è e resta uno spin-off, un titolo minore che ha bisogno di aggrapparsi a Stallone, allo “stallone italiano”, per restare a galla.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia RecensioneGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Prossima fermata: Fruitvale Station RecensioneProssima fermata: Fruitvale Station

    di I frammenti che compongono Fruitvale Station ricostruiscono uno scenario ben più complesso dei tragici eventi raccontati. È una parte per il tutto, è la storia che si ripete...
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Animazione

    Il re leone 3D

    di , Dopo la morte del padre, il leoncino Simba fugge dalla sua terra e viene accolto da Timon e Pumbaa, ma tornerà per riconquistare il regno, usurpato dal perfido zio Scar...
  • Archivio

    Avengers: Infinity War RecensioneAvengers: Infinity War

    di , Miracolosamente in equilibrio tra le mille star che mette in scena, Avengers: Infinity War è l'attesa e riuscita resa dei conti all'interno del Marvel Cinematic Universe, dove tutto si tiene e nulla sfugge.
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • In sala

    Deadpool 2 RecensioneDeadpool 2

    di Il sequel del fortunato Deadpool spinge a tutto spiano sul medesimo pedale dell’acceleratore del primo, abbondando ulteriormente con le stilizzazioni pulp, l’ironia irriverente, il fiume in piena di scorrettezze, strizzate d’occhio e volgarità assortite. Rispetto al primo film però c’è poco di cui stupirsi.
  • Archivio

    Ant-Man and the Wasp RecensioneAnt-Man and the Wasp

    di Come il suo protagonista maschile, Ant-Man and the Wasp funziona bene nella dimensione micro della spensieratezza, meno quando le sue dimensioni si fanno titaniche per misurarsi con i veri giganti della squadra Marvel.
  • In sala

    venom recensioneVenom

    di A forza di raschiare il fondo del barile dei personaggi Marvel (che però qui si tiene a debita distanza) si è arrivati anche a Venom, uno dei più apprezzati antagonisti di Spider-Man. Qui di Peter Parker non c'è l'ombra, e neanche di una sceneggiatura credibile, purtroppo...
  • Animazione

    Spider-Man: Un nuovo universo RecensioneSpider-Man: Un nuovo universo

    di , , un blockbuster trascinante, ipercinetico, ispiratissimo dal punto di vista grafico e immaginifico: un bombardamento visivo che riesce a cogliere meglio di altre pellicole lo spirito dell’Uomo Ragno e che indica possibili nuove strade ai cinecomic e, soprattutto, all’animazione mainstream.
  • In sala

    Creed II RecensioneCreed II

    di Con pochi match e molto melodramma familiare, Creed II di Steven Caple Jr. vive di un equilibrio precario e di emozioni intermittenti.
  • Archivio

    Captain Marvel RecensioneCaptain Marvel

    di , Prendendo le distanze dai facili schematismi di una "storia delle origini" e concentrandosi sulle caratteristiche umane della sua protagonista, Captain Marvel di Anna Boden e Ryan Fleck conferma il talento narrativo e autorigenerativo del Marvel Cinematic Universe.
  • Rotterdam 2019

    Intervista a Samson WongIntervista a Samson Wong

    Samson Wong ha lavorato per le compagnie di effetti visivi Image Engine e Digital Domain, occupandosi degli effetti speciali di blockbuster quali Watchmen e X-Men: Apocalisse. Nel 2018 Zhang Yimou lo mette a capo dell'intero processo degli effetti visivi per il suo film Shadow. Abbiamo incontrato Samson Wong a Rotterdam.
  • In Sala

    Avengers: Endgame RecensioneAvengers: Endgame

    di , È imponente Avengers: Endgame, ma a tratti anche impotente, costretto a scendere a patti coi film che lo hanno preceduto e lo seguiranno, con regole contrattuali e paletti disneyani, col bilancino del dramma e della commedia...
  • Trento 2019

    Return to Mount Kennedy RecensioneReturn to Mount Kennedy

    di Presentato in concorso al Trento Film Festival 2019, Return to Mount Kennedy di Eric Becker racconta una scalata che ne rievoca un'altra di cinquant'anni prima, che vide protagonisti l'alpinista Jim Whittaker e il senatore Robert Kennedy.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento