Gordon & Paddy

Gordon & Paddy

di

Presentato alla Berlinale 2018 nella variopinta sezione Generation, Gordon & Paddy di Linda Hambäck è un lungometraggio d’animazione ad altezza bambino, realizzato con un budget limitato ma con ammirevole cura. Linee morbide, tonalità pastello e buoni sentimenti per una fedele trasposizione dei racconti dello scrittore svedese Ulf Nilsson.

Il mistero delle noci sparite e altre storie…

Avanti con l’età, il detective Gordon sgranocchia il suo biscotto pomeridiano e pensa al momento del ritiro, dell’agognata pensione. Per molti anni ha mantenuto la pace nel bosco, proteggendo gli altri piccoli animali dalla temuta volpe. Il fortuito incontro con Paddy, un sagace topolino, sembra spianare a Gordon la strada della pensione: Paddy sarà il suo degno successore! Quando tutto sembra sistemato, due cuccioli spariscono nel nulla e gli altri animali piombano nel panico: sarà stata la temuta volpe? [sinossi]

È piccino piccino il mondo del detective Gordon e del suo nuovo amico, il topolino Paddy. Un microcosmo nascosto al sicuro in un bosco, tra alberi e casette alte due mele e poco più. Un mondo racchiuso in tre libri per bambini, Detective Gordon: The First Case (2015), A Complicated Case (2016) e A Case in Any Case (2017), portato sullo schermo dalla produttrice e regista Linda Hambäck. Presentato alla Berlinale 2018 nella variopinta sezione Generation, Gordon & Paddy è ovviamente destinato a un pubblico altrettanto piccino, ma ben lontano da birignao o banalità. Semplificazioni, semmai. Ad altezza bambino, ma con estrema cura.

Le trame gialle di Gordon & Paddy si dipanano senza intoppi, tra buoni sentimenti, sorrisi ed evidenti intenti didascalici, mai forzati o esageratamente rimarcati. La breve durata, poco più di sessanta minuti, comprime inevitabilmente il racconto e gli snodi narrativi, lasciando spazi che l’immaginazione dei vivaci spettatori saprà colmare. Allo stesso modo, i messaggi veicolati hanno tempo di attecchire, in primis l’importanza della vita comunitaria, della conoscenza del prossimo e dell’altro. In questo senso, sono assai efficaci due sequenze di segno apparentemente opposto: l’incontro tra Gordon e Paddy e, seppure a distanza di sicurezza, l’incontro con la temuta volpe.

Sul piano tecnico-artistico e produttivo, Gordon & Paddy ci regala parecchie soddisfazioni. I colori pastello, le linee morbide e l’apprezzabile ricchezza dei dettagli sono un ottimo biglietto da visita per la casa di produzione Lee Film (che si affida ai talenti della Dockhus Animation) e per la sua fondatrice Linda Hambäck. Vale la pena soffermarsi su due lavori precedenti targati Lee/Hambäck/Dockhus: il cortometraggio Think If… (2014) e il mediometraggio The World of Dolores and Gunellen (2016). Se il corto Think If… ci riporta agli animali del bosco e a una dimensione narrativa minuta, accompagnata da una grafica stilizzata e assai interessante, il quasi lungometraggio The World of Dolores and Gunellen ha un taglio diverso, guarda a un pubblico più adulto e mette in mostra altre tecniche animate.

Insomma, il passo più lungo di Gordon & Paddy, una sorta di Ernest & Celestine in piccolo (anche nel budget), ha una solida base di partenza e ci ricorda ancora una volta come sia possibile declinare in mille modi diversi il concetto di animazione limitata. Come nel recente Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite di Enzo D’Alò, i naturali limiti di una produzione non faraonica sono coperti con la cura e il talento, persino rovesciati, trasformati in punti di forza: si vedano, ad esempio, le ricercate imprecisioni delle marcate linee del character design dei vari animaletti. Le linee marcate, addolcite da sfumature di bianco o colore, si sposano perfettamente con le tonalità pastello, donando vita e movimento alle illustrazioni di Gitte Spee e restituendo agli spettatori le atmosfere e il calore dei racconti di Ulf Nilsson.

Info
Il trailer originale di Gordon & Paddy.
La scheda di Gordon & Paddy sul sito della Berlinale.
Il sito di Gordon & Paddy.
La pagina facebook di Gordon & Paddy.
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-01.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-02.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-03.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-04.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-05.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-06.jpg
  • Gordon-and-Paddy-2017-Linda-Hamback-07.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2018Berlinale 2018

    Sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
  • Festival

    Berlinale 2018 PresentazioneBerlinale 2018 – Presentazione

    Al via la Berlinale 2018, sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
  • Animazione

    Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite RecensionePipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite

    di È il caleidoscopio di colori la cifra stilistica di Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite, il plus valore che si rivela una coperta abbastanza lunga, in grado di coprire i naturali limiti di un'animazione che non può e non vuole essere fluida o impeccabile.
  • Animazione

    McDull – The Pork of Music

    di Torna il simpatico maialino hongkonghese, alle prese con la musica e l'asilo da salvare. Presentato fuori concorso al Future Film Festival di Bologna.
  • Animazione

    La scuola più pazza del mondo

    di Nella scuola elementare St. Claire arrivano in visita tre simpatiche bambine: la peste Mako, la vanitosa Miko e la secchiona Mutsuko...
  • Berlinale 2014

    Loulou, l’incroyable secret

    di Presentato alla Berlinale, il film di Omond è l’ennesimo piccolo miracolo creativo della francese Prima Linea Productions.
  • Animazione

    Il grande orso

    di Sofia e Jonathan decidono di recarsi dal nonno che vive nel bosco. Dietro al suo cortile, da molti anni, è cresciuta una grande foresta in cui non vive più nessuno...
  • Animazione

    Anina

    di Anina Yatay Salas è una bambina coi capelli rossi che non sopporta il proprio nome. Anina Yatay Salas è infatti un triplo palindromo e tutti i compagni di scuola la prendono in giro...
  • Animazione

    Ernest & Celestine RecensioneErnest & Celestine

    di , , Nel mondo degli orsi non è ammessa l'amicizia coi topi. Ma Ernest, un grosso orso emarginato, clown e musicista, stringe amicizia con Célestine...
  • Animazione

    Nat e il segreto di Eleonora

    di Nathanaël riceve un'eredità davvero bizzarra lasciatagli da sua zia Eleonora: una biblioteca e tutti i libri che essa contiene. Ogni opera è un pezzo originale e, di notte, gli eroi della letteratura per ragazzi escono dai loro libri...
  • Archivio

    Tiffany e i tre briganti

    di Tiffany e i tre briganti di Hayo Freitag funziona alla perfezione come macchina ludica per i più piccini, ma è altresì una piccola gemma di eversione, come nei migliori slapstick del tempo che fu, dove scorrono germi di una disamina sociale ferma e rigorosa.
  • Animazione

    U

    di , Conferma dello stato di salute del cinema d'animazione francese, U di Serge Elissalde e Grégoire Solotareff è un piccolo film, che difficilmente troverà gloria e onori nel grande pubblico. Purtroppo.
  • Animazione

    McDull, prince de la Bun

    di Il piccolo McDull viene portato dalla madre in Cina, per visitare la località che un giorno ospiterà la sua tomba. In questo luogo di pace la madre racconta al buffo maialino una strana fiaba...
  • DVD

    Peanuts RecensionePeanuts

    di Portate sul piccolo schermo da Alexis Lavillat, le strisce animate dei Peanuts sono riunite dalla Koch Media in un cofanetto da otto dvd. Colori pastello, una rispettosa e più che apprezzabile adesione alle tavole originali e gli amabilissimi personaggi di sempre: Charlie Brown, Snoopy, Woodstock, Linus, Lucy, Schroeder...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento