Fuori Orario per Angela Ricci Lucchi

Fuori Orario per Angela Ricci Lucchi

Nella notte di Fuori Orario RaiTre omaggia Angela Ricci Lucchi, in una programmazione notturna a cura di Fulvio Baglivi e Roberto Turigliatto. Verranno trasmessi A propos de nos voyages en Russie e i primi sei capitoli della serie dei Frammenti Elettrici, prodotti tra il 2001 e il 2012.

Per quanto in pochi sembrino essersene accorti – a parte i soliti noti, ovviamente – la morte di Angela Ricci Lucchi è un lutto terribile per il cinema italiano ed europeo, e per chiunque consideri l’immagine in movimento un modo per ricercare, riscoprire, (di)mostrare l’umano, la sua figura archetipica, il senso stesso dell’esistere e dell’evolversi. O non evolversi, a volte. Nel lavoro a prima vista inclassificabile di Ricci Lucchi e Yervant Gianikian, in grado di partecipare ai festival e trovarsi nelle mostre d’arte moderna e contemporanea senza che i due livelli prevedessero un conflitto, c’è il senso di una ricerca dell’umano, leggibile attraverso la Storia o attraverso gli strumenti che egli stesso ha forgiato. Nel concetto di viaggio, alla base di parte consistente del loro lavoro, è insito anche il tema fondamentale della ricerca, della scoperta, della ri-scoperta di qualcosa di esistito ed estistente, ma non per questo necessariamente codificato. Il loro progetto cinematografico è teso a non lasciar sepolto nulla, né la creazione da parte dell’uomo/artista, né le macerie obbrobriose di ciò che il potere umano ha permesso – il fascismo, il colonialismo.
La nottata di Fuori Orario, omaggio a un’amica che non c’è più ma ci sarà sempre, con le sue opere, è il doveroso punto non di arrivo ma di necessaria ripartenza. Perché il viaggio è sempre incessante, mai impossibile da negare o impedire.

Fuori Orario presenta in prima visione tv A propos de nos voyages en Russie, il film più recente di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, dei quali il programma di RaiTre ha seguito il lavoro nel corso degli anni programmando la maggior parte dei loro film. Tra questi anche la serie dei Frammenti Elettrici (2001-2012) di cui Fuori Orario è stato co-produttore e di cui nella notte si vedranno i primi sei numeri.
A propos de nos voyages en Russie (2012) è un’ulteriore tappa (dopo Notes sur nos voyages en Russie, 2010), del lungo, straordinario lavoro che i due cineasti hanno perseguito per rielaborare tutti i materiali sulle avanguardie russe raccolti in anni di ricerca e di incontri nel corso dei loro viaggi, fino a formare una vasta costellazione che è stata presentata recentemente sotto forma di installazione a Documenta di Kassel e al Festival di Rotterdam. Una notte imperdibile, una notte da vivere respirando e annusando questo cinema vivo, stratificato, mai prono al compromesso. Una notte per ricordare (o scoprire) Angela Ricci Lucchi. Buona visione.

In programma nella notte:

A PROPOS DE NOS VOYAGES EN RUSSIE (prima visione TV)
(Italia, 2016, b/n e col., 58′)
di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi

La Russia, la sua cultura e i suoi conflitti, gli anni Venti e Trenta le avanguardie artistiche perseguitate dal potere. Gianikian e Ricci Lucchi ci aprono il prezioso laboratorio della loro creazione: vecchie pellicole, fotografie dell’era zarista, della rivoluzione russa e degli anni a seguire, gli acquerelli di Angela Ricci Lucchi, commenti, testi (Cechov, Anna Achmatova, Nina Berberova, Tolstoj, Slovskij, Puskin, Mandel’stam), fiabe per bambini E poi le figure incontrate nei loro viaggi in Russia, “archivi viventi” ai quali i due cineasti vogliono restituire presenza e voce. Scopriamo così i materiali che nutrono il loro nuovo film, in preparazione, Nos voyages en Russie, che fanno di questo, come indica il suffisso del titolo, “A propos de”, “A proposito di” una sorta di catalogo. A poco a poco però questi appunti acquistano una dimensione autonoma che racchiude un universo poetico: la sfera intima degli artisti. (Dal catalogo FilmMakerFest, 2016)

FRAMMENTI ELETTRICI N. 1 – ROM
(Italia, 2001, col., 13’)
di Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi

FRAMMENTI ELETTRICI N. 2 – VIETNAM
(Italia, 2002, col., 9’)
di Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi

FRAMMENTI ELETTRICI N. 3 – CORPI
(Italia, 2002, col., 10’)
di Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi

I primi tre titoli della serie “Frammenti elettrici” – nella quale Gianikian e Ricci Lucchi lavorano su materiali amatoriali in formato ridotto ritrovati. ROM: Zingari in Italia. Anni ’40. Emigrazione di una famiglia su un carro tirato da un cavallo. La camera 8 mm crea un ritratto delicato, “Ospitale”. Attitudini “modello” del gruppo familiare che ospita gli zingari. VIETNAM. Vietnam francese. Primi anni cinquanta. Film di caserma coloniale. Aspetti della città sotto occupazione, percorsri a piedi, in bicicletta. Erotismi…su formato ridotto. CORPI. Voyeurismo amatoriale in epoca pre-televisiva, in casa. Il vedere e girare film privati.

FRAMMENTI ELETTRICI N. 4 – ASIA
(Italia, 2005, col., 32’22”)

FRAMMENTI ELETTRICI N. 5 – AFRICA
(Italia, 2005, col., 29’46”’)
di Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi

Nei numeri 4 e 5 della serie “Frammenti elettrici” gli autori esaminano incontro con l’Altro. Gianikian e Ricci Lucchi ripercorrono continenti e popolazioni attraverso film di privati che viaggiano in Asia e Africa nei primi anni ‘70. Un lavoro per smontare le propagande folcloristiche dello “sviluppo” del turismo in paesi che subiscono devastazioni, guerre, massacri.

FRAMMENTI ELETTRICI N. 6 – DIARIO 1989. DANCING IN THE DARK
(Italia 2009, col., 60’21”)
di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi

Il film più recente della serie “Frammenti elettrici”, in prima visione tv. Gianikian e Ricci Lucchi recuperano e lavorano le immagini che avevano girato vent’anni fa, rubate nelle varie feste dell’Unità, tra l’Emilia e la Romagna, alla vigilia della caduta del muro di Berlino.

Info
L’omaggio ad Angela Ricci Lucchi sul sito di Fuori Orario.

Articoli correlati

  • Torino 2013

    Pays Barbare (2013) di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, il posterPays barbare

    di , Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi scavano in una delle pagine più buie e vergognose della storia d'Italia, quella che riguarda la guerra coloniale in Etiopia. Nella sezione TFFdocumenti all'ultimo Torino Film Festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento