Pacific Rim – La Rivolta

Pacific Rim – La Rivolta

di

A cinque anni di distanza dal primo capitolo, Pacific Rim – La Rivolta cerca di rilanciare una saga intrinsecamente fracassona, infarcita di computer grafica e protesa verso una non scontata scalata del box office. Del Toro resta a debita distanza, tra i produttori. Il budget è calato. L’ambizione pure.

Mechagodzilla

Il conflitto che ha coinvolto il nostro pianeta tra mostri alieni e super macchine pilotate dall’uomo e costruite per annientarli è stato solo il preludio a un nuovo devastante assalto nei confronti dell’umanità. Il ribelle Jake Pentecost, un tempo promettente pilota Jaeger e figlio dell’eroe che ha salvato il pianeta, ha abbandonato il suo addestramento per ritrovarsi coinvolto nel mondo della criminalità: quando una minaccia ancora più inarrestabile rischia di abbattersi sulle nostre città e di mettere in ginocchio l’umanità, la sorella Mako Mori – a capo di una nuova e coraggiosa generazione di piloti cresciuti all’ombra della guerra – dà a Jake un’ultima possibilità per dimostrarsi all’altezza dell’eredità lasciata dal padre… [sinossi]

Non aveva raccolto i frutti sperati Pacific Rim, amabilissimo giocattolone dal poderoso impianto visivo, un po’ zoppicante su piano narrativo. Tagliato volutamente con l’accetta, forse un po’ troppo, ma in grado di mescolare abilmente le carte di un immaginario spesso frainteso o sottostimato come quello delle serie robotiche nipponiche. I samurai d’acciaio di Gō Nagai, i kaijū di Ishirō Honda, l’evoluzione cyberpunk di Hideaki Anno e la grandeur produttiva hollywoodiana tornano quindi, in un superfluo 3D, col sequel Pacific Rim – La Rivolta, ma in tono decisamente minore. Minore nel budget, nelle ambizioni estetiche e (persino) narrative. Minore nelle prospettive future. La saga si è già spostata su altri binari, accodandosi (senza speranza) ai Transformers. Resta la suggestione di un crossover con il MonsterVerse, ovvero Godzilla, Kong: Skull Island e quel che seguirà. Vedremo.

Come spesso accade, più che di sequel si dovrebbe parlare di reboot. La continuità con l’originale è infatti legata al background del protagonista Jake Pentecost (John Boyega, meno efficace rispetto a Star Wars – Gli ultimi Jedi, Star Wars – Il risveglio della Forza e Attack the Block – Invasione aliena), che regala quantomeno un convincente incipit, ma delle idee, dello spirito e del cast di Pacific Rim resta poco. Troppo poco. I protagonisti diventano un gruppetto di ragazzi e ragazzini, con la conferma della strana coppia di scienziati Gottlieb (Burn Gorman) & Geiszler (Charlie Day) e l’aggiunta di qualche bella statuina orientale e occidentale. Se la presenza del personaggio affidato a Tian Jing ha quantomeno una ferrea logica produttiva e commerciale, e riesce a essere inserito nello script, lascia di stucco il trattamento riservato alla bella di turno, Adria Arjona, che sulla carta dovrebbe rappresentare una delle connessioni tra i due amici/rivali Pentecost e Nate Lambert (Scott Eastwood). Ma è forse proprio questo personaggio, così fastidiosamente meccanico e patinato, la cartina tornasole di una scrittura superficiale, scontata, persino svogliata – appena il ritmo accelera si aprono voragini di senso.

Torniamo all’incipit. L’eredità paterna, l’elaborazione del lutto, il rovesciamento dell’eroismo e dello spirito patriottico. E quel sottobosco di rottami, mercato nero e robot messi insieme illegalmente. Faceva ben sperare, ma dura poco, il tempo di ritrovarsi nel campo di addestramento di fronte a una serie di cliché poco oliati – si veda la contrapposizione tra Amara (Cailee Spaeny, volto e personaggio interessante) e Viktoria (Ivanna Sakhno) o l’escamotage che porta le reclute sugli jaeger.
Sul piano squisitamente spettacolare Pacific Rim – La Rivolta funziona, le sequenze di combattimento sono ben orchestrate dall’esordiente Steven S. DeKnight (con solida esperienza sul piccolo schermo: Angel, Smallville, Daredevil…) e l’imponenza degli jaeger e dei kaijū paga sempre [1]. Manca però il plusvalore estetico e drammatico deltoriano, che in Pacific Rim era impreziosito dal lavoro dell’altro Guillermo (Navarro, direttore della fotografia). L’assenza dei due cineasti messicani azzera qualsiasi afflato pittorico, normalizza scenari e sequenze action, perde di vista la grandeur dell’originale e getta al vento, sul piano emotivo/percettivo, tutto il discorso sulle dimensioni e la potenza degli jaeger e dei kaijū. I robot sembrano solo macchine, lontanissime dall’idea originale di samurai d’acciaio, di tutt’uno coi piloti, di sofferenza carne-metallo.
Tutto scivola tra le dita, a partire dall’elaborazione di un immaginario altro, che era la ragion d’essere del progetto deltoriano. DeKnight e soci hanno traslocato Pacific Rim – La Rivolta in una sorta di MarvelZone, restyling che potrebbe tornare utile per il box office, per futuri episodi, per il suddetto MonsterVerse. Tanti calcoli e poca anima. Peccato.

Note
1. Certo, in IMAX sarebbe un’altra cosa, ma è una visione riservata a una piccola fetta del pubblico italiano. Del tutto trascurabile il 3D, ma non è una novità.
Info
La pagina facebook di Pacific Rim – La Rivolta.
Il trailer italiano di Pacific Rim – La Rivolta.
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-01.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-02.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-03.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-04.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-05.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-06.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-07.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-08.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-09.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-10.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-11.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-12.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-13.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-14.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-15.jpg
  • Pacific-Rim-La-rivolta-2018-Pacific-Rim-Uprising-16.jpg

Articoli correlati

  • Trieste S+F 2017

    Godzilla il re dei mostri

    di , , Presentata al Trieste Science+Fiction Festival 2017, la rara edizione italiana di Godzilla, ottenuta e distribuita da Luigi Cozzi nel 1977, colorando l'originale film di Ishirō Honda del 1954.
  • Archivio

    Godzilla Resurgence RecensioneGodzilla Resurgence

    di , Il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un'opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all'immaginario di Anno.
  • In Sala

    Kong: Skull Island

    di Il re è tornato! È gigantesco, ma può ancora crescere. Il MonsterVerse della Legendary Pictures aggiusta il tiro dopo Godzilla di Gareth Edwards, scegliendo per Kong: Skull Island un tono più sguaiato e fracassone.
  • Classici

    King Kong RecensioneKing Kong

    di , King Kong che scala l'Empire State Building e viene attaccato dai mitra dei biplani è una delle immagini più iconiche della storia del cinema. Ma il film di Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack nasconde al suo interno molte storie, non solo cinematografiche.
  • Archivio

    Transformers 4 – L’era dell’estinzione

    di La saga degli Autobot rinasce a nuova vita (narrativa), ripartendo da zero o quasi. Con risultati non sempre convincenti.
  • Archivio

    Godzilla RecensioneGodzilla

    di Il re dei Mostri torna sul grande schermo, per il secondo adattamento statunitense del kaiju eiga più famoso di tutti i tempi. Ed è in forma...
  • Archivio

    Pacific Rim RecensionePacific Rim

    di Quando una legione di creature mostruose emerge dagli oceani, scoppia una guerra destinata a distruggere milioni di vite e consumare le risorse umane. Per combattere i giganteschi Kaiju viene creata un'arma speciale...
  • Animazione

    Mostri contro Alieni RecensioneMostri contro Alieni

    di , Il rischio che Mostri contro Alieni finisse per trasformarsi in un mero e stanco accumulo di citazioni era decisamente forte, ma Vernon e Letterman sono riusciti nell’impresa di amalgamare questo aspetto con il reale corpus narrativo dell’opera...
  • AltreVisioni

    Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!

    di Minoru Kawasaki firma un delirante omaggio ai kaiju eiga, recuperando dalle memorie del tempo cinematografico il mostro Guilala. Con uno spassoso cameo di Takeshi Kitano.
  • In Sala

    Rampage - Furia animale RecensioneRampage – Furia animale

    di In un'era produttiva contrassegnata da franchise e verse , Dwayne Johnson dimostra di possedere carisma e physique du rôle per ritagliarsi un proprio MonsterVerse. Forse dovremmo iniziare a delineare i confini di un TheRockVerse...
  • Cannes 2018

    Enamorada RecensioneEnamorada

    di Enamorada di Emilio Fernández, presentato tra i “classics” al Festival di Cannes, conferma a oltre settant'anni dalla sua realizzazione tutta la potenza di un immaginario, quello del cosiddetto 'Indio' Fernández, in grado di coniugare l'epica hollywoodiana e il rigore.
  • In sala

    Bumblebee RecensioneBumblebee

    di Tra il prequel e il reboot, Bumblebee prova a instillare nella saga di lungo corso dei Transformers un taglio a suo modo più “piccolo” e intimo; ma l’operazione, complice uno script privo di guizzi e un gusto vintage un po’ pedante, non va oltre l’anonimo blockbuster per famiglie.
  • In sala

    Godzilla II - King of the Monsters recensioneGodzilla II – King of the Monsters

    di Godzilla II - King of the Monsters abbandona ben presto la scrittura, sfruttando il proscenio per portare alla ribalta più mostri possibili da affiancare al lucertolone radioattivo: ecco dunque Mothra, King Ghidorah, Rodan. Tutti giganti pronti a combattere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento