Uscite in sala 29 marzo 2018

Uscite in sala 29 marzo 2018

La settimana di Pasqua regala agli spettatori italiani due pezzi da novanta di questi primi mesi del 2018, Ready Player One di Steven Spielberg e Tonya di Craig Gillespie; peccato che le due commedie italiane, dirette da Alessandro Aronadio e Antonio Albanese, e il resto del panorama svaniscano al confronto, abbassando la media. Il grande cinema dopotutto non è materia per tutti…

 

READY PLAYER ONE
di Steven Spielberg

Quando Spielberg piazza le “doppiette”, proponendo due film apparentemente antiteci nel corso della stessa stagione cinematografica, di solito c’è da fidarsi… Così, dopo il 1993 che vide sugli schermi uno dopo l’altro Jurassic Park e Schindler’s List, e il 2005 che rispose con La guerra dei mondi e Munich, ecco che nel 2018 italiano, a neanche sessanta giorni di distanza l’uno dall’altro, arrivano prima The Post e ora questo Ready Player One che immerge il pubblico in un futuro distopico che vive sulla memoria nostalgica dei nostri anni Ottanta, dalla videoludica al cinema. Un’avventura che lascia sempre senza fiato e sbaraglia la concorrenza, marcando in maniera netta il territorio tra coloro che hanno davvero qualcosa da dire sull’immaginario e tutti gli altri, la maggioranza, che si aggrappa all’immagine senza capirla, sfiorandone appena la superficie. Spassoso, avvincente e perfino teorico. Si può pretendere di più?

Nel 2045 la terra è diventata un luogo inquinato, funestato da guerre, povertà e crisi energetica. Gli abitanti versano in condizioni precarie, stipati in grossi container spogli, senz’altra evasione che il nostalgico mondo virtuale di OASIS. L’universo ispirato ai ruggenti anni ottanta, creato dal milionario James Donovan Halliday, conta milioni di login al giorno per la facilità d’accesso (sono sufficienti un visore e un paio di guanti aptici) e gli scenari iperrealistici in cui sfuggire al mondo tetro e pericoloso. La notizia della morte di Halliday arriva insieme con l’ultima, stimolante sfida lanciata dall’eccentrico creatore: una caccia al tesoro da miliardi di dollari. L’adolescente Wade, da sempre affascinato dalla figura del programmatore, ha collezionato informazioni sulla sua vita e il suo lavoro. Attraverso l’avatar Parzival proverà ad aggiudicarsi il premio in palio, contro i potenti nemici di una malvagia multinazionale (la IOI) e un nutrito gruppo di concorrenti senza scrupoli. [sinossi]

 

TONYA
di Craig Gillespie

Un missile che arriva in pieno volto con tanto di pattini da ghiaccio, ecco cos’è questo folle biopic firmato da Craig Gillespie, che dopo essere stato accolto nelle realtà festivaliere che l’hanno selezionato – in Italia Roma – raggiunge le sale con Lucky Red. Un’opera sguaiata, crudele, spiazzante, tragicamente divertente e spassosamente tragica, con una gigantesca Margot Robbie e una Allison Janney perfettamente alla sua pari. Già cult.

La storia vera della pattinatrice di fama mondiale Tonya Harding. Conosciuta per il temperamento focoso, Tonya fu protagonista di una carriera eccezionale e di uno degli scandali più grandi della storia degli Stati Uniti. Cresciuta in un clima di perenne conflitto con una madre violenta, Tonya dovette combattere per tutto ciò che aveva. Malgrado fosse una pattinatrice tecnicamente compiuta, convincere i giudici si dimostrò assai difficile: venne criticata infatti per la sua mancanza di maestria e per la bellezza sciatta. Quando incontrò Jeff Gillooly, questi le garantì la tanto attesa fuga dalla madre, una voce incoraggiante nel suo angolo e, fatalmente, una serie di connessioni con uno squallido sottobosco… [sinossi]

 

CONTROMANO
di Antonio Albanese

Non si può invece immaginare, se non facendo ricorso a una buona dose di fantasia, che il quarto lungometraggio da regista di Antonio Albanese – a sedici anni dal precedente, Il nostro matrimonio è in crisi – possa restare nella memoria cinefila per più di qualche giorno; un’intuizione anche lodevole, e una brillante idea di partenza che non trovano però nel costrutto narrativo la forza necessario per ergersi fino all’ora e quaranta prevista dalla sceneggiatura. Si resta nel campo delle buone intenzioni, ma è difficile riuscire ad accontentarsi.

Mario Cavallaro si sveglia tutte le mattine nello stesso modo, nella stessa casa, nello stesso quartiere, nella stessa città, Milano. Mario ama l’ordine, la precisione, lo stare ognuno al proprio posto. La sua vita si divide tra il negozio di calze ereditato dal padre e un orto, messo in piedi sul terrazzo della sua abitazione. Ogni cambiamento gli fa paura, figuriamoci se il suo vecchio bar viene venduto a un egiziano e se davanti alla sua bottega arriva Oba, giovane senegalese venditore di calzini a prezzi estremamente concorrenziali. Per Mario la soluzione è semplice: “Rimettere le cose a posto”. Così decide di rapire Oba per riportarlo a casa sua, Milano-Senegal solo andata. Ma questo paradossale on the road si complicherà terribilmente. [sinossi]

 

L’ULTIMO VIAGGIO
di Nick Baker-Monteys

Ecco un altro film del tutto incapace di reggere il peso della propria ambizione; Nick Baker-Monteys vorrebbe tramutare la storia del suo anziano protagonista in un detour tutto europeo sulla colpa, sulle vittime e i carnefici, sull’orrore della guerra. Peccato che si perda subito dietro situazioni affettive tagliate con l’accetta e abusate come metafore dell’esistente. Tutto chiaro, nulla di interessante. Se ne può fare a meno senza alcun rimpianto.

Dopo la morte della moglie il 92enne Eduard Leander decide di partire da Berlino alla volta dell’Ucraina, dove ha combattuto durante la Seconda guerra mondiale e ha lasciato in sospeso una parte della propria identità. La nipote Adele si ritrova suo malgrado ad accompagnarlo in un viaggio che cambierà anche il suo modo di percepire le proprie radici. [sinossi]

 

IO C’È
di Alessandro Aronadio

Il nadir della settimana spetta invece a questa commedia religiosa che potrebbe anche risultare bizzarra e iconoclasta se solo non si inquadrasse fin dalle prime battute nelle regole non scritte – e per questo ancora più pericolose – della produzione cinematografica italiana. La solita commedia prevedibile e poco divertente, che regge – male – sui birignao di un pessimo Edoardo Leo. Peccato per Aronadio, che qualche idea dimostra di averla ma viene letteralmente soffocato nel passaggio al mainstream.

Massimo Alberti è il proprietario del “Miracolo Italiano”, bed and breakfast un tempo di lusso ridotto ormai ad una fatiscente palazzina. La crisi che ha messo in ginocchio l’attività sembra non aver scalfito i suoi dirimpettai, un convento gestito da suore sempre pieno di turisti a cui le pie donne offrono rifugio in cambio di una spontanea donazione. Esentasse. Ecco l’illuminazione di cui Massimo aveva bisogno: se vuole sopravvivere deve trasformare il “Miracolo Italiano” in luogo di culto. Ma per farlo deve prima fondare una sua religione. È la genesi dello “Ionismo”, la prima fede che non mette Dio al centro dell’universo, ma l’Io. Ad accompagnare Massimo nella sua missione verso l’assoluzione da tasse e contributi la sorella Adriana, inquadrata commercialista, e Marco, scrittore senza lettori e ideologo perfetto del nuovo credo. Preparatevi a essere convertiti! [sinossi]

 

Questa settimana escono anche Nelle pieghe del tempo (2018) di Ava DuVernay, Era giovane e aveva gli occhi chiari (2016) di Giovanni Mazzitelli, Rabbit School – I guardiani dell’uovo d’oro (2017) di Ute von Münchow-Pohl, Molly Monster (2016) di Ted Sieger, Matthias Bruhn, Michael Ekbladh. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Ready Player One.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in sala 22 marzo 2018

    Settimana ricca di uscite, e nella quale spicca Un sogno chiamato Florida, brillante panorama indie fotografato da Sean Baker. Mentre Lab 80 con coraggio porta in sala ben due film del cineasta rumeno Adrian Sitaru sono da segnalare anche il western Hostiles, la Francia 'bovina' di Petit Paysan e l'israeliano Foxtrot, Leone d'Argento a Venezia.
  • Notizie

    Uscite in sala 15 marzo 2018

    Se non fosse per Visages villages, pregevole gioiello partorito dall'ottuagenaria e sempre lucidissima Agnès Varda con l'artista visuale JR si potrebbe forse parlare di peggior settimana di uscite da molti e molti anni a questa parte: da Maria Maddalena a Rachel, fino a Tomb Raider, è davvero difficile trovare qualcosa che si salvi.
  • Notizie

    Uscite in sala 08 marzo 2018

    Dopo la sbornia degli Oscar in sala arriva poco o nulla di realmente atteso: il titolo su cui si potrebbe accentrare l'attenzione è il remake di Death Wish orchestrato da Eli Roth e con Bruce Willis come protagonista; il pessimo film 'femminista' di Marco Tullio Giordana guida poi una schiera di titoli mediocri...
  • Notizie

    Uscite in sala 01 marzo 2018

    Nella settimana più gelida degli ultimi anni le sale (quelle rimaste aperte) saranno invase da un nugolo di nuovi titoli, tra i quali spiccano l'ottimo thriller di Roman Polanski e Lady Bird di Greta Gerwig che domenica scoprirà se avrà portato a casa o meno qualche premio Oscar...
  • Notizie

    Uscite in sala 22 febbraio 2018

    Paul Thomas Anderson con il suo Il filo nascosto domina la settimana, ma la sorpresa viene da Omicidio al Cairo di Tarik Saleh. C'è poi spazio per James Franco e il suo The Disaster Artist, per un horror di medio cabotaggio con Helen Mirren e per due titoli italiani, Figlia mia di Laura Bispuri e Sconnessi di Christian Marazziti.
  • Notizie

    Uscite in sala 05 aprile 2018

    Senza entrare nel campo della blasfemia si può parlare per questa settimana post Pasqu(ett)a di una resurrezione delle uscite in sala. Arrivano infatti ben quattro titoli meritevoli di attenzione, dal thriller innevato di Taylor Sheridan al biopic su Marx ed Engels, dall'horror di John Krasinski alle avventure del giovane Charley Thompson.
  • Notizie

    Nelle sale: La casa sul mare, Il prigioniero coreano, Il cratereUscite in sala 12 aprile 2018

    In sala arriva il nuovo film di Robert Guédiguian, già apprezzato lo scorso settembre a Venezia; è poi la volta di un altro titolo lidense, Il cratere di Bellino e Luzi (in concorso alla SIC), di Kim Ki-duk con la sua messa in scena del conflitto eterno tra nord e sud Corea, dell'affascinante Icaros.
  • Notizie

    Nelle sale: Untitled, Ex Libris, Molly's Game, Akira...Uscite in sala 19 aprile 2018

    In un mondo migliore la settimana sarebbe dedicata tutta ai festeggiamenti per i trent'anni di Akira, il capolavoro d'animazione di Katsuhiro Ōtomo. Ma la settimana delle uscite è particolarmente ricca, tra un Michael Glawogger postumo, Frederick Wiseman, Claire Denis e l'esordio alla regia di Aaron Sorkin...
  • Notizie

    Uscite in sala 26 aprile 2018

    Non c'è dubbio che questa settimana sia fagocitata dall'uscita di Loro 1, prima parte del dittico che Paolo Sorrentino ha dedicato a Silvio Berlusconi. Sarebbe però sbagliato non dare peso a titoli come I fantasmi d'Ismael di Arnaud Desplechin, la nuova avventura degli Avengers e Gli indesiderati d'Europa di Fabrizio Ferraro.
  • Notizie

    Nelle sale: L'isola dei cani, 1945, Manuel, A Beautiful Day...Uscite in sala 03 maggio 2018

    L'isola dei cani, tra i parti creativi più convincenti dell'intera carriera di Wes Anderson, catalizza l'attenzione cinefila (e cinofila) della settimana, che pure regala un'interessante riflessione sulla deportazione ebraica - l'ungherese 1945 - e l'esordio nel lungometraggio di finzione di Dario Albertini.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento