Rampage – Furia animale

Rampage – Furia animale

di

In un’era produttiva contrassegnata da franchise e verse , Dwayne “The Rock” Johnson dimostra di possedere carisma e physique du rôle per ritagliarsi un proprio MonsterVerse. Forse dovremmo iniziare a delineare i confini di un TheRockVerse intriso di suggestioni fantasy/fantascientifiche, di gag e di qualche lacrimuccia, a volte leggiadro (Jumanji), a volte più cupo (Skyscraper) e in alcuni casi piuttosto indeciso (Rampage).

Bigger than bigger

Il primatologo Davis Okoye è un uomo schivo. Condivide un legame indissolubile con George, un gorilla silverback straordinariamente intelligente di cui si occupa dalla nascita. Un esperimento genetico scorretto e dai risultati catastrofici trasforma la gentile scimmia in un’enorme creatura furiosa. A peggiorare le cose, ben presto si scopre che altri animali sono stati modificati nello stesso modo. Mentre questi nuovi predatori alfa devastano il Nord America, distruggendo ogni cosa che incontrano lungo il loro cammino, Okoye si allea con uno screditato ingegnere genetico per creare un antidoto, facendosi strada attraverso un campo di battaglia in continua evoluzione, non solo per impedire una catastrofe globale ma per salvare lo spaventoso primate che una volta era suo amico… [sinossi]

A parte le mirabilie digitali della Weta, l’aspetto più interessante del blockbuster fracassone Rampage – Furia animale è tutto carne e ossa. Soprattutto carne. Il possente Dwayne “The Rock” Johnson si conferma interprete ideale per queste avventure family friendly, un mattatore oversize che ha saputo fare tesoro della lunga carriera da wrestler (e quindi teatrante) e delle parabole attoriali e produttive di altri colossi hollywoodiani – la mente corre allo Schwarzenegger comico de I gemelli e soprattutto di Un poliziotto alle elementari e a quello che sarebbe potuto essere, quantomeno in ottica commerciale, Un poliziotto all’asilo con The Rock al posto di Dolph Lundgren.

Ben lontano dall’essere un attore shakespeariano, il wrestler di origini samoane sa calarsi con disinvoltura in scenari post-apocalittici, salta, corre, lancia a destra e sinistra poveri malcapitati, solleva senza fatica armi mastodontiche e – soprattutto – sfodera ironia e autoironia, tempi comici, faccette buffe e via discorrendo. Grosso, gigioneggiante, rassicurante. È tutta qui la ricetta, basta aggiungere una sovrabbondante sovrastruttura di effetti speciali (un plauso per le creature della Weta, che tra gorilla, scimpanzé e oranghi avrà oramai popolato un’intera foresta virtuale) e un po’ di scrittura. Già, la scrittura. Come ci aveva sorpreso il divertente Jumanji – Benvenuti nella giungla, così ci lascia un retrogusto amarognolo Rampage – Furia animale: definirlo un’occasione sprecata potrebbe sembrare eccessivo, viste le evidenti premesse da popcorn movie, ma sarebbe bastato davvero poco per alzare l’asticella. Ad esempio, un minimo di cura nel caratterizzare i due cattivi, qui declinati come una sorta di incompleto Trio Drombo. Identico discorso per lo stolido comandante dei soliti inefficienti militari o per il superfluo agente Russell, affidato a un Jeffrey Dean Morgan in modalità crociera (una sorta di Negan buono, ma senza Lucille). La cornice narrativa di dissolve rapidamente, le parentesi didascaliche sono pesci fuor d’acqua e la seconda parte implode narrativamente, facendo coincidere il videoludico ed esilissimo punto di partenza (il videogioco del 1986 Rampage) con l’altrettanto esile punto d’arrivo cinematografico. Peccato.

Il lavoro della Weta Digital porta con sé inevitabili echi jacksoniani, ma se King Kong regalava sequenze visivamente ed emotivamente memorabili (si veda la macrosequenza del gorillone alle prese coi t-rex), Rampage è più interessato ad accumulare esplosioni e palazzi che crollano, soffocando le potenzialità epiche e drammatiche. Apprezzabili alcuni slanci orrorifici e grandguignoleschi.
In sostanza, il peso narrativo del film è interamente caricato sulle spalle del primatologo sui generis interpretato da Johnson e su quelle digitali e smisurate del gorilla albino George, mentre i personaggi secondari sono puro contorno, con alcuni che si perdono per strada.

In un’era produttiva contrassegnata da franchise e verse (DC Extended Universe, Marvel Cinematic Universe, Dark Universe), The Rock dimostra di possedere carisma e physique du rôle per ritagliarsi un proprio MonsterVerse1. Forse dovremmo iniziare a delineare i confini di un TheRockVerse intriso di suggestioni fantasy/fantascientifiche, di gag e di qualche lacrimuccia, a volte leggiadro (Jumanji), a volte più cupo (Skyscraper) e in alcuni casi piuttosto indeciso (Rampage).

Note
1 Il MonsterVerse della Warner e della Legendary è composto da quattro film: Godzilla (2014), Kong: Skull Island (2017) e i già annunciati Godzilla: King of the Monsters (2019) e Godzilla vs. Kong (2020).
Info
Il sito ufficiale di Rampage – Furia animale.
La pagina facebook di Rampage – Furia animale.
Il trailer italiano di Rampage – Furia animale.
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-01.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-02.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-03.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-04.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-05.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-06.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-07.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-08.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-09.jpg
  • Rampage-Furia-animale-2018-Brad-Peyton-10.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Pacific Rim - La Rivolta RecensionePacific Rim – La Rivolta

    di A cinque anni di distanza dal primo capitolo, Pacific Rim - La Rivolta cerca di rilanciare una saga intrinsecamente fracassona, infarcita di computer grafica e protesa verso una non scontata scalata del box office. Del Toro resta a debita distanza. Il budget è calato. L'ambizione pure.
  • Trieste S+F 2017

    Godzilla il re dei mostri

    di , , Presentata al Trieste Science+Fiction Festival 2017, la rara edizione italiana di Godzilla, ottenuta e distribuita da Luigi Cozzi nel 1977, colorando l'originale film di Ishirō Honda del 1954.
  • In Sala

    The War – Il pianeta delle scimmie

    di Terzo capitolo di un reboot impreziosito dalle mirabilie della performance capture della Weta, The War - Il pianeta delle scimmie segue la parabola di Cesare e del suo popolo, contrapposta (colpo su colpo) alle traiettorie autodistruttive dell'umanità.
  • In Sala

    Godzilla Resurgence

    di , Il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un'opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all'immaginario di Anno.
  • In Sala

    Kong: Skull Island

    di Il re è tornato! È gigantesco, ma può ancora crescere. Il MonsterVerse della Legendary Pictures aggiusta il tiro dopo Godzilla di Gareth Edwards, scegliendo per Kong: Skull Island un tono più sguaiato e fracassone.
  • Classici

    King Kong

    di , King Kong che scala l'Empire State Building e viene attaccato dai mitra dei biplani è una delle immagini più iconiche della storia del cinema. Ma il film di Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack nasconde al suo interno molte storie, non solo cinematografiche.
  • Archivio

    San Andreas

    di Con San Andreas, il filone action/catastrofico sembra scegliere consapevolmente di fare a meno del racconto, e di puntare tutto sullo stordimento visivo e percettivo...
  • Archivio

    Apes Revolution Il pianeta delle scimmie RecensioneApes Revolution – Il pianeta delle scimmie

    di Il secondo capitolo della nuova saga conferma l'elevata qualità degli effetti speciali della Weta e l'efficacia della performance capture.
  • Archivio

    Godzilla RecensioneGodzilla

    di Il re dei Mostri torna sul grande schermo, per il secondo adattamento statunitense del kaiju eiga più famoso di tutti i tempi. Ed è in forma...
  • Archivio

    L'alba del pianeta delle scimmie RecensioneL’alba del pianeta delle scimmie

    di Superate alcune incongruenze, L'alba del pianeta delle scimmie decolla grazie alla componente action e ad alcune sequenze particolarmente commoventi, dimostrando di avere imboccato una strada assai diversa rispetto al film di Schaffner e alla saga post-sessantottina.
  • Archivio

    cani-e-gatti-la-vendetta-di-kittyCani & Gatti: la vendetta di Kitty 3D

    di Affidato alla regia di Brad Peyton, il film si affida quasi esclusivamente all'abilità dell'addestratore Boone Narr e dei suoi animali e alle meraviglie degli effetti animatronic di David Barclay.
  • Classici & Cult

    King Kong

    di King Kong è la messa in scena dell'utopia di Colin McKenzie, è il cinema bigger than life che celebra sé stesso, è il set della Salomè che emerge dalla giungla...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento