1945

Dopo aver raccolto una messe di premi, arriva nelle nostre sale 1945 di Ferenc Török. Ispirato al racconto Homecoming di Gábor T. Szántó, una preziosa riflessione su Shoah, destini nazionali e universali, ed egoismo dell’uomo.

La polvere sotto il tappeto

Nell’agosto del 1945, in un villaggio della campagna ungherese giunge una coppia sconosciuta di ebrei ortodossi, uno anziano e l’altro più giovane, che trascinano due misteriose casse di legno. Il villaggio si appresta a festeggiare il matrimonio del figlio del vicario locale con una giovane donzella, ma gli abitanti, che a suo tempo collaborarono coi nazisti per le deportazioni degli ebrei, si scuotono nell’inquietudine interrogandosi sulle ragioni dell’arrivo dei due. A poco a poco molti degli abitanti iniziano a fare i conti con la propria coscienza: chi denunciò i concittadini ebrei condannandoli ai campi di concentramento, chi ha sfruttato la situazione razziando i loro beni, case e possedimenti. Intanto il previsto matrimonio vacilla, poiché la sposa, guardata di sbieco dalla futura suocera, è segretamente innamorata di un giovane che simpatizza per gli occupanti sovietici… [sinossi]

Nella lunga lista dei film sulla Shoah, meno percorsa appare l’occasione narrativa del ritorno a casa. Su questo primo tratto di originalità l’ungherese Ferenc Török costruisce 1945, ispirato a un racconto di Gábor T. Szántó e avvitato intorno a una situazione a suo modo pure paradossale, ossia il ripresentarsi di sopravvissuti allo sterminio ebreo in un villaggio dove gli abitanti non solo si sono abituati alla loro assenza facendo razzia di beni e possedimenti, ma hanno anche contribuito alla deportazione collaborando a suo tempo con i nazisti. A far correre brividi lungo la schiena della popolazione locale è una coppia di ebrei ortodossi, uno anziano e l’altro più giovane, che in un’afosa giornata dell’agosto 1945 scendono da un treno trascinando due misteriose casse di legno. In quel giorno il villaggio ungherese si appresta a festeggiare il matrimonio (non d’amore) tra il figlio del vicario locale e una giovane donzella di umili origini, ma i preparativi sono scossi dall’apparire inaspettato dei due sconosciuti, che silenziosamente attraversano il paese scatenando rabbia e preoccupazione intorno alle ragioni recondite della loro venuta. Ovviamente è lo sguardo dell’altro a vedere nel loro arrivo secondi fini non meglio precisati. In una struttura fortemente metaforica, i due assumono il ruolo dell’incarnazione della cattiva coscienza dei locali, che in un attimo vedono rimesse in discussione certezze acquisite, case e cose preziose accaparrate, e che soprattutto assistono allo squarciarsi del velo dell’ipocrisia nelle loro pregresse scelte di avidità ed egoismo. Hanno collaborato alla deportazione, hanno perpetrato crimini indicibili provocati dalla loro debolezza e cupidigia. Niente perciò può essere peggiore, per loro, che veder passare due incarnazioni delle loro colpe per le strade del paese, (in)volontari inneschi di meccanismi di autodifesa e disprezzo per se stessi.

In realtà Ferenc Török sembra voler ampliare la portata del suo film fin dalla scelta fortemente iconica del titolo, quel 1945 che segna uno spartiacque storico non soltanto tra guerra e dopoguerra, ma tra un prima e un dopo politico e sociale. Török muove da intenti di riflessione storica a carattere decisamente locale, cogliendo in un villaggio della campagna ungherese una sorta di sineddoche allegorica per il destino del proprio paese. In Ungheria il 1945 apre una breve stagione di transizione, che muovendo dall’imminente fine della monarchia filonazista darà la luce a una fugace, debole e contrastata esperienza democratica per approdare poi pochi anni dopo al conclamato regime comunista. Il 1945, insomma, è una sorta di ribollente luogo franco, dove necessariamente si fanno i conti col recentissimo passato a fianco della Germania, con tutte le relative infamie, dove si vive una stordente condizione di perdita delle coordinate consolidate con la speranza di poter conservare l’esistente tramite una falsa democrazia (le elezioni sono alle porte, e gli ex-fiancheggiatori del nazismo vedono i comunisti come fumo negli occhi), e al contempo negli occupanti sovietici già s’intravedono prodromi del futuro destino.
L’elaborazione della Shoah si tramuta così in epifenomeno di una più generale resa dei conti, sottolineata nella sua contraddittoria inquietudine dal convivere di entusiasmi libertari e retaggi di un’avida borghesia che, come si conviene in ambiente-cinema riguardo al nazismo, è morbosa e decadente, estenuata da psiche torturate e rapporti malsani (come d’uso, il figlio è un debole bamboccio e il padre ha brigato per evitargli la guerra; la madre è arpia e possessiva, arcignamente gelosa della futura nuora, la depressione della donna si fa a fette…). Tuttavia, tale scorcio inquadrato nel destino nazionale ungherese si converte a sua volta in sineddoche di tutta Europa. Quel 1945 è infatti spartiacque per un’intera realtà sovranazionale che a guerra più o meno finita si trova di fronte a un bilancio schiacciante. Le coscienze messe spalle al muro nel villaggio riverberano di un’unica e gigantesca coscienza, che probabilmente non lascia nessuno incolpevole, paesi filonazisti e non. I primi, per aver elevato lo sterminio a sistema industriale tramite un’ulteriore “industrializzazione” della collaborazione: i secondi, per essere intervenuti tardivamente e non aver saputo/potuto impedire il genocidio. In senso ancora più ampio, quel 1945 è luogo franco per tutti, la Storia è in via di farsi e di lì a poco la frattura ungherese tra passato e futuro prenderà forma su scala mondiale con la nascita dei due contrapposti blocchi filoamericani e filosovietici.

In tal senso il film di Török si pone compiti alti all’interno di un essenziale e “minimale” progetto filmico. L’universale nel particolare, l’allegoria e la realtà locale. Breve la durata, minimale l’idea narrativa (i due sconosciuti e le relative inquietudini degli altri), secco e stringente l’approccio narrativo, una catena immediata di azioni e reazioni necessaria nella sua tragicità. E sul finale, anzi, tale spietato meccanismo di azione/reazione e autodifesa s’increspa di un’ulteriore, intelligente notazione politico-antropologica. Una volta che l’antico persecutore si trova a sua volta perseguitato, la comunità si richiude su se stessa, in un silenzioso moto collettivo che tende a individualizzare le responsabilità lavandosi delle proprie. Un procedimento a suo modo sacrale (l’antico rito, vecchio come l’uomo, del capro espiatorio), che non a caso in 1945 ha luogo all’interno di una chiesa. Nell’esclusione e sacrificio del singolo avviene l’atto fondante di una nuova/vecchia società. Chi una volta escluse, adesso è escluso, e su questa nuova nascita il mondo può ripartire. La comunità è già pronta a un nuovo conformismo al quale allinearsi, basta che esso si manifesti.

Mosso da un profondo pessimismo nei confronti dell’essere umano, nel finale appena smussato con atto quasi forzato e volontaristico dalla fiducia nelle future generazioni (che tuttavia, per riscattarsi, devono andare altrove), Ferenc Török espande la portata del suo film collocandolo in un territorio tra l’intervento politico e la gelida e universale riflessione antropologica. Certo vi è anche la chiara intenzione di fare memoria storica sulla Shoah, e forse in questo il film tradisce un unico eccesso accademico nella scelta di rovesciare prevedibilmente le attese della meschinità degli abitanti chiudendo il vagabondaggio dei due sconosciuti nel semplice intento di dare degna sepoltura a oggetti delle famiglie sterminate nei campi di concentramento. Quelle casse, splendido McGuffin per tutta la durata del film, si aprono in prefinale secondo i modi più prevedibili, e tuttavia l’apparire di quegli oggetti, enfatizzati dall’estrema plasticità simbolica del bianco e nero scelto da Török, conserva la stessa potenza drammatica dei cimeli accatastati ad Auschwitz dietro le vetrate.
Resta comunque più decisivo e convincente l’intento di ampliare il discorso ai destini di un’intera cultura, colta nel suo momento di massima sospensione nell’anno-zero tra passato e presente.
Destini tragici per un paese come l’Ungheria che raramente nella sua storia ha potuto vivere vere stagioni di democrazia, dalla monarchia filonazista alle ingerenze sovietiche, fino agli ultimi tetri sviluppi sotto il governo di Viktor Orbán. Destini tragici per un’Europa che incessantemente rinnova steccati tra inclusi ed esclusi, in nome di una stabilità che spesso è solo sinonimo di egoismo e paura. Sorretto da una messinscena solida ed essenziale, appena compiaciuta nei preziosismi del bianco e nero e secondo linee drammaturgiche ben consolidate tra tòpoi letterari e convenzioni, 1945 mostra anche una spiccata capacità di lavorare su un racconto d’impianto corale, dove alla solitudine dei due ebrei si contrappone una massa inquieta e spaventata, per lo più da se stessa. Si nascondono le posate preziose, ci si dà all’alcool per annegare il senso di colpa, qualcuno si suicida. Molti altri sopravvivono, pronti a nuovi conformismi, o sostenuti dall’alba di uno splendente futuro. Giusto un’illusione, che dura quanto un’alba.

Info
Il trailer di 1945.
  • 1945-2017-Ferenc-Török-001.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-002.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-003.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-004.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-005.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-006.jpg
  • 1945-2017-Ferenc-Török-007.jpg

Articoli correlati

  • Cult

    Hitler, un film dalla Germania RecensioneHitler, un film dalla Germania

    di A distanza di quarant'anni dalla sua realizzazione, il capolavoro di Hans-Jürgen Syberberg è stato rimosso dalla memoria collettiva. I motivi sono molti, e attraversano lo spettro estetico e politico degli ultimi decenni. Ma è giunto il momento di una rilettura.
  • In sala

    La testimonianza

    di Esordio dell’israeliano Amichai Greenberg, La testimonianza ha il merito di affrontare il tema della Shoah, e del suo rapporto col presente, da un punto di vista originale, facendo della doppia dimensione di ricerca storica, e di esplorazione dell’identità personale, il proprio faro narrativo.
  • In sala

    Un sacchetto di biglie

    di Racconto “a misura di bambino” dell’occupazione nazista in Francia, Un sacchetto di biglie fonde abbastanza bene intrattenimento e impegno pedagogico, malgrado alcune forzature e un poco approfondito sguardo sul contesto storico.
  • DVD

    Amen.

    di Film-scandalo per più ragioni, Amen. di Costa-Gavras rinnova alle soglie degli anni 2000 un'idea di cinema polemico e civile, riconoscendogli saldamente una specifica funzione di attore sociale. In dvd per Minerva-Mustang e CG.
  • Pordenone 2017

    Intervista ad Art Spiegelman

    Come si può rappresentare una tragedia estrema quale l'Olocausto con i mezzi del cinema o dei fumetti? Ne abbiamo parlato con Art Spiegelman, il fumettista autore di Maus, che abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto 2017.
  • Archivio

    A German Life RecensioneA German Life

    di , , , A German Life è una nuova riflessione sull’orrore dell’Olocausto. La vegliarda Brunhilde Pomsel è l’ultimo residuo di quell’establishment che organizzò un sistema così crudele quanto efficiente di eliminazione.
  • In sala

    denial-la-verita-negataLa verità negata

    di Regista parco, e dai conseguimenti finora tutt’altro che memorabili, Mick Jackson dirige con La verità negata un’apprezzabile (ancorché imperfetta) ricostruzione storica, sospesa tra il filone di denuncia e quello processuale. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • DVD

    Il falsario – Operazione Bernhard

    di Per Archibald e CG in dvd Il falsario - Operazione Bernhard, premiato con l'Oscar al miglior film straniero 2008. Dramma sulla Shoah da un punto di vista particolare, in un frullato di generi popolari.
  • In sala

    L’uomo per bene – Le lettere segrete di Heinrich Himmler

    di Sulla scia delle migliori opere di found footage, un film che si avvale di quegli straordinari documenti che sono i diari riesumati di Himmler. Un nuova riflessione sulla banalità del male.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento