Cannes 2018

Cannes 2018

Al via il Festival di Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie (in sala?), incontri/scontri tra la stampa e Thierry Frémaux e fluviali lettere dell’ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition, Séances spéciales, Séances de minuit) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage.

Da dove partire? Il Festival di Cannes 2018 sembra un’edizione diversa dalle precedenti, nonostante quel filo rosso che da anni lega alla Croisette nomi ricorrenti, molto glamour, a volte un po’ fiacchi. Insomma, difficile aspettarsi una pioggia di sorprese da Frémaux e i suoi collaboratori: Cannes si autoalimenta innalzando autori, ponendosi in cima alla vetta, puntando su una visibilità da copertina. Le novità, semmai, vanno cercate tra Quinzaine, Semaine e ACID – e un po’ Un Certain Regard. Tutte cose che già sappiamo. Quindi cosa è cambiato?
A bocce ancora ferme, il cambiamento potremmo chiamarlo confusione. O indecisione. L’iniziale indecisione con Netflix, poi tramutata in esclusione, figlia di un sistema distributivo/protettivo che indubbiamente funziona. La confusione generata dalla querelle selfie, dal cambiamento significativo delle proiezioni stampa, dalle conferenze stampa spalmate forse troppo più in là rispetto alla prima proiezione. Forse. Volendola guardare da diverse angolazioni professionali, la ristrutturazione del calendario delle proiezioni stampa potrebbe essere un problema per i quotidianisti e una lieta novella per il resto del mondo. Forse. Vedremo. In fin dei conti, al mondo interessa poco.
Potremmo aprire un’ampia parentesi sulla questione molestie e sul nuovo numero telefonico attivato per far fronte a eventuali spiacevolissimi incidenti. E potremmo (ri)aprire, per restare in tema, il discorso Polanski/Academy. Potremmo. E invece guardiamo un po’ ai film, a quello che dovrebbe sempre essere il cuore pulsante di un festival. Proviamo a snocciolare alcuni titoli: Burning di Lee Chang-dong, Dogman di Matteo Garrone, Le livre d’image di Jean-Luc Godard… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale del Festival di Cannes 2018.
La selezione del Festival di Cannes 2018.

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    Mirai RecensioneMirai

    di Presentato alla Quinzaine, Mirai è una declinazione in piccolo della poetica di Hosoda, ad altezza bimbetto. Come sempre in bilico tra realismo e derive fantasy, Hosoda coglie con puntualità le difficoltà di un bimbo alle prese con l’arrivo di una sorellina...
  • Cannes 2018

    The Man Who Killed Don Quixote RecensioneL’uomo che uccise Don Chisciotte

    di L'uomo che uccise Don Chisciotte è il testamento in vita di un regista che ha combattuto per anni contro i mulini a vento/giganti, ed è costretto a fronteggiare una realtà deridente e crudele. Gilliam dà vita a una creatura deforme e sbalestrata, quasi commovente nella sua tragicità in-volontaria.
  • Cannes 2018

    Raptor RecensioneRaptor

    di Serrato e lucidissimo, Raptor di Felipe Gálvez, cortometraggio presentato alla Semaine de la critique, è un vero e proprio monito lanciato a un’umanità la cui aggressività trova origine, come sempre accade, da insoddisfazioni di natura economica. Su Festival Scope fino al 27 maggio.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Bilancio

    Proviamo a tracciare un piccolo bilancio, qualche riflessione sul festival, sui film, sui premi, sulla spedizione italiana. Suggestioni in modalità random, un mosaico incompleto già in partenza, perché anche questo Festival di Cannes 2018 si è dimostrato non a misura d'uomo, e nemmeno di film.
  • Festival

    Palma d'OroCannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2018

    L'Albo d'Oro 1939-2018 del Festival di Cannes, dalla vittoria di Union Pacific di Cecil B. DeMille trionfo di Hirokazu Kore-eda con Shoplifters.
  • Festival

    I premi di Cannes 2018I premi di Cannes 2018

    Ultimo atto della settantunesima edizione del Festival di Cannes, con la Palma d'oro a Hirokazu Kore-Eda per Shoplifters, regia Pawel Pawlikowski per Cold War, Gran Premio a Spike Lee per Blackkklansman. Premiati Alice Rohrwacher (Lazzaro felice) e Marcello Fonte (Dogman). Palma d'oro speciale per Godard.
  • Cannes 2018

    L'albero dei frutti selvatici RecensioneL’albero dei frutti selvatici

    di Tra impasse esistenziali e inutilità del confronto dialogico, Nuri Bilge Ceylan costruisce ne L'albero dei frutti selvatici il ritratto di una borghesia intellettuale che non riesce a liberarsi dalla sua accidia. In concorso a Cannes 71, a quattro anni dalla Palma d'Oro per Il regno d'inverno.
  • Cannes 2018

    Whitney RecensioneWhitney

    di È come sempre solidissimo il cinema di Macdonald, a Cannes 2018 con Whitney, documentario che ricompone tassello dopo tassello la parabola di Whitney Houston, icona pop degli anni Ottanta e Novanta, risucchiata in un pozzo oscuro, fino alla morte prematura.
  • Cannes 2018

    Ayka RecensioneAyka

    di Pur girato con una certa personalità, Ayka di Sergej Dvortsevoj - in concorso a Cannes 71 - è costruito su un fastidioso determinismo sociale, che non permette mai di aderire alle mille disgrazie che capitano alla protagonista, una ragazza kirghisa che vive clandestinamente a Mosca.
  • Cannes 2018

    L'ora dei forni RecensioneL’ora dei forni

    di Al Festival di Cannes è stata presentata solo la prima parte de L'ora dei forni ("Neocolonialismo e violenza"), lasciando fuori per evidenti ragioni di spazio "Atto a favore della liberazione" e "Violenza e liberazione". A cinquant'anni dalla sua presentazione a Pesaro, uno dei film militanti più rilevanti di sempre.
  • Cannes 2018

    Burning RecensioneBurning

    di A otto anni da Poetry, Lee Chang-dong torna alla regia con Burning, in concorso a Cannes 2018. Un oggetto strano, sfuggente, che si presta a diverse letture: un film di contrapposizioni e di scrittura (sulla scrittura), di tasselli che non troveranno mai una definitiva collocazione.
  • Cannes 2018

    Un couteau dans le coeur RecensioneUn couteau dans le coeur

    di Teorico, derivativo e assai ripetitivo, Un couteau dans le coeur di Yann Gonzalez a tratti diverte con le sue brillanti trovate, ma resta evidente il suo status di operazione. In concorso a Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Hector Malot: The Last Day of the Year RecensioneHector Malot: The Last Day of the Year

    di Vincitore della sezione-cortometraggi della Semaine de la Critique, Hector Malot - The Last Day of the Year di Jacqueline Lentzou è un penetrante ritratto di una giovane ragazza alle prese con solitudine e assenza. Su Festival Scope fino al 27 maggio.
  • Cannes 2018

    Libre RecensioneLibre

    di Girato in maniera sporca e pauperistica, il documentario Libre di Michel Toesca riesce comunque a raccontare con chiarezza il dramma dei migranti al confine tra la Francia e l'Italia, avendo come protagonista un eroe locale, l'agricoltore Cédric Herrou, che fa di tutto per aiutare gli esiliati, ben sapendo di infrangere la legge.
  • Cannes 2018

    Capharnaüm RecensioneCapharnaüm

    di C'è di tutto in Capharnaüm per cercare di convincere una giuria festivaliera ad attribuire un premio: baraccopoli, bambini maltrattati dai genitori, spose-bambine, carcere minorile, immigrazione clandestina, sguardo ad altezza bimbo, il traffico d’infanti.
  • Cannes 2018

    In My Room RecensioneIn My Room

    di Capace di cambiare più volte registro, In My Room di Ulrich Köhler è un dramma, un western, una love story e soprattutto un’ironica parabola sull’autarchia della Germania contemporanea. In Un certain regard.
  • Cannes 2018

    Solo: A Star Wars Story RecensioneSolo: A Star Wars Story

    di Lo spin-off di Howard non ha la portata emotiva e la vigorosa messa in scena di Rogue One, ma riesce a colmare l’incolmabile vuoto lasciato dall’icona fordiana: Ehrenreich si cala nei panni di un Solo giovane, in fieri, dimostrando di aver studiato a fondo la caratterizzazione di Ford.
  • Cannes 2018

    La traversée RecensioneLa traversée

    di L'ex leader del Maggio transalpino, Daniel Cohn-Bendit, percorre la Francia facendosi riprendere da Romain Goupil e cercando di capire lo stato in cui versa il paese: La traversée - fuori concorso a Cannes - è un film interessante, ma paradossalmente troppo poco politico e anche troppo benevolo nei confronti del potere.
  • Cannes 2018

    La lotta RecensioneLa lotta

    di Nuovo corto di Marco Bellocchio, presentato stavolta alla Quinzaine, La lotta riflette in maniera abbastanza basica - ma con una bella intuizione - sul compulsivo desiderio di tornare a trovare uno scopo, guardando a quel mondo di partigiani che non si rimpiangerà mai abbastanza.
  • Cannes 2018

    Dogman RecensioneDogman

    di Dogman potrebbe essere considerato il capitolo finale di un'ideale trilogia composta anche da L'imbalsamatore e Primo amore; un film sul desiderio di un rapporto umano impossibile, sullo squilibrio tra lettura della realtà e realtà stessa, sul conflitto interiore con le proprie pulsioni naturali.
  • Cannes 2018

    Troppa grazia RecensioneTroppa grazia

    di Commedia insolita e originale che affronta con un sorprendente realismo la realtà lavorativa odierna, Troppa grazia di Gianni Zanasi è un oggetto curioso quanto prezioso nel panorama del cinema italiano odierno. Film di chiusura della Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Under the Silver Lake RecensioneUnder the Silver Lake

    di L'opera terza di David Robert Mitchell, Under the Silver Lake, è un ambizioso racconto di ricerca e perdizione losangeline; sulle tracce di una ragazza, ma forse del senso stesso della cultura pop. Debordante e slabbrato, nonostante alcune idee piuttosto interessanti. In concorso a Cannes.
  • Cannes 2018

    I corti della Semaine de la Critique su Festival ScopeI corti della Semaine su Festival Scope

    A partire da oggi, 17 maggio, e fino al 27 torna la possibilità di vedere i corti della selezione della Semaine de la Critique di Cannes sul sito di Festival Scope: 500 biglietti gratuiti per ciascun cortometraggio.
  • Cannes 2018

    Sofia RecensioneSofia

    di Puzzle morale con qualche dichiarata ascendenza farhadiana, Sofia di Meryem Benm'barek combina l'approccio a tematiche contingenti con un tentativo di riflessione universale intorno al paradosso della legge e dell'ipocrisia. Per Un certain regard.
  • Cannes 2018

    The Pluto Moment RecensioneThe Pluto Moment

    di Raccontando la storia di un regista che non riesce a finire la sua sceneggiatura, The Pluto Moment di Zhang Ming - presentato alla Quinzaine - ragiona con nettezza intorno al tema della crisi e dell'isolamento dell'intellettuale, che sente estranea sia la Cina urbanizzata sia quella rurale.
  • Cannes 2018

    Angel Face RecensioneAngel Face

    di Opera prima della regista Vanessa Filho, Angel Face, presentato in Un certain regard a Cannes 2018, poggia tutto sulla performance delle sua star: una bionda e dannata Marion Cotillard.
  • Cannes 2018

    Fuga RecensioneFuga

    di Thriller dell'anima fondato sull'ambiguità e la doppiezza, Fuga di Agnieszka Smoczyńska si avvia su buone premesse narrative e una spiccata cura formale, approdando però a esiti piuttosto prevedibili. Alla Semaine de la Critique.
  • Cannes 2018

    Long Day's Journey Into Night RecensioneLong Day’s Journey Into Night

    di Già autore di Kaili Blues, il giovane regista cinese Bi Gan porta a Cannes il suo secondo lungometraggio, Long Day's Journey Into Night, che ne conferma le grandi doti da metteur en scène, ma che trasmette anche un vago senso di vacuità, forse già in odore di maniera.
  • Cannes 2018

    Euforia RecensioneEuforia

    di Tutto incentrato sui suoi interpreti, Euforia, opera seconda di Valeria Golino, sconta a lungo andare l’esilità sostanziale del suo plot, configurandosi come il resoconto di un frammento di vita tra l’oggi e la fine, riempito di incontri, bugie, metafore, sentimenti. In Un certain regard.
  • Cannes 2018

    En guerre RecensioneEn guerre

    di En guerre riporta in concorso a Cannes Stephan Brizé a tre anni di distanza da La legge del mercato. Protagonista è ancora Vincent Lindon, e il tema resta quello della crisi del capitalismo e dell'imbarbarimento della società. Qui il tutto viene declinato attraverso la lotta degli operai di una fabbrica contro la sua chiusura.
  • Cannes 2018

    BlacKkKlansman RecensioneBlacKkKlansman

    di In concorso a Cannes, BlacKkKlansman ci restituisce almeno in parte uno Spike Lee graffiante e ispirato. Tra dramma, commedia e cronaca di una lotta senza fine, BlacKkKlansman cerca di rimettere a posto i tasselli storici e politici della supremazia bianca e del potere nero.
  • Cannes 2018

    The House That Jack Built RecensioneThe House That Jack Built

    di The House That Jack Built era il film-scandalo di Cannes già al momento del suo annuncio in selezione; lo era per il tema che affronta, lo era per il ritorno di Lars Von Trier sul "luogo del delitto" a sette anni di distanza da Melancholia. Colto, arguto, crudele, spietato e in grado una volta di più di scandagliare l'animo umano.
  • Cannes 2018

    Asako I & II RecensioneAsako I & II

    di Con il nuovo lungometraggio, Asako I & II, il regista giapponese Ryūsuke Hamaguchi approda in concorso al Festival di Cannes. La storia di Asako e dei suoi due amori (il secondo è il sosia del primo) è un'intelligente anche se non completamente riuscita riflessione sull'egoismo e sull'incapacità di relazione con l'esterno da sé.
  • Cannes 2018

    En liberté! RecensioneEn liberté!

    di Commedia e film d'azione, parodia del poliziesco, isterie post-carcere e divertenti espiazioni. En liberté! di Pierre Salvadori corre via su ritmi sostenuti e indiavolati, sorretto da buone prove attoriali di Adèle Haenel e Pio Marmaï. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Le grand bain RecensioneLe grand bain

    di Commedia convenzionale solo a tratti divertente, Le grand bain di Gilles Lellouche, punta tutto sul semplice e un po' banale inserimento del suo cast stellare in una situazione bizzarra. Fuori concorso a Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Cassandro the Exotico! RecensioneCassandro the Exotico!

    di Presentato nella sezione autonoma di ACID, Cassandro the Exotico! della francese Marie Losier è un documentario e saggio visivo intimo, doloroso e disperato intorno alla figura di un wrestler messicano dichiaratamente gay, giunto in solitudine a fine carriera e coccolato solo dalle paillettes dei suoi vestiti ultra-kitsch.
  • Cannes 2018

    Leave No Trace RecensioneLeave No Trace

    di Presentato alla Quinzaine, Leave No Trace segna il ritorno alla regia di Debra Granik, otto anni dopo Un gelido inverno e quattro anni dopo il documentario Stray Dog. Un’attesa non vana, che ci restituisce un’autrice dallo sguardo limpido, umanista, sottilmente politico.
  • Cannes 2018

    Girl RecensioneGirl

    di Opera prima, a Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, Girl è la complessa e ambiziosa messa in scena di un percorso adolescenziale sui generis, di una trasformazione dolorosa e irreversibile. Da ragazzo a ragazza, da ballerina a étoile. Victor Polster è abbacinante.
  • Cannes 2018

    Papa Francesco - Un uomo di parola RecensionePapa Francesco – Un uomo di parola

    di Il globetrotter del cinema contemporaneo, Wim Wenders, segue stavolta il papa nelle sue peregrinazioni: il documentario Papa Francesco - Un uomo di parola è un inchino lungo 96 minuti, senza asperità, senza questioni, senza interrogativi. Uno spropositato mega-spot della Santa Sede.
  • Cannes 2018

    The Spy Gone North RecensioneThe Spy Gone North

    di Presentato fuori concorso a Cannes, The Spy Gone North è una solidissima spy story, innervata di Storia e politica. Teso e incisivo, ci riporta a Seoul e Pyongyang, dal 1993 al 1997, ripercorrendo uno dei momenti chiave della storia coreana.
  • Cannes 2018

    Fahrenheit 451 RecensioneFahrenheit 451

    di Poco interessato all’azione e tutto devoto a scenografie e dialoghi, il Fahrenheit 451 di Ramin Bahrani non snatura le riflessioni apocalittiche di Ray Bradbury, ma non le riesce nemmeno a spingere più in là come vorrebbe. Fuori Concorso a Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    un affare di famiglia recensioneUn affare di famiglia

    di Il cinema di Hirokazu Kore-eda è uno dei pochi, nel Giappone contemporaneo, a interrogarsi in modo sempre fertile sul significato del legame affettivo, sul suo valore sociale e su quello strettamente intimo. In Un affare di famiglia lo fa raccontando un nucleo umano che ha scelto di crearsi come 'consanguinei'.
  • Cannes 2018

    Lazzaro felice RecensioneLazzaro felice

    di L'opera terza di Alice Rohrwacher, Lazzaro felice, conferma il talento della regista fiesolana, che torna a ragionare sul mondo rurale lavorando in modo ancora più estremo e diretto sul tema di un realismo magico che arriva a sfiorare il sovrannaturale. Un racconto morale sulla coscienza dell'umanità.
  • Cannes 2018

    Chris the Swiss RecensioneChris the Swiss

    di Un documentario-inchiesta sulle circostanze della morte di un giornalista nella guerra civile jugoslava, condotta dalla cugina che usa gli strumenti della sua arte, l'animazione, riuscendo a sposarla perfettamente con la cruda realtà. Alla Semaine de la Critique 2018.
  • Cannes 2018

    3 Faces Recensione3 Faces

    di Cinema e vita, la necessità della (auto)rappresentazione, i tempi passati e presenti dell'immaginario di un popolo. 3 Faces di Jafar Panahi riflette sull'urgenza dell'espressione, sulle lusinghe dell'illusione. In concorso a Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Les filles du soleil RecensioneLes filles du soleil

    di In concorso a Cannes 71, Eva Husson vorrebbe raccontare il senso di orgoglio e riscatto delle donne curde che hanno imbracciato il fucile contro l'Isis. E, invece, trasforma il suo film in una maldestra storia di vittimismo, tutta rivolta al passato della protagonista.
  • Cannes 2018

    Iene RecensioneIene

    di Ispirato a La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt, Iene è il secondo lungometraggio del senegalese Djibril Diop Mambéty, diretto nel 1992 a venti anni dall'esordio. Uno sguardo sull'Africa (mai davvero) post-coloniale che è anche riflessione sui rapporti con l'Europa e sulla colpa individuale e collettiva.
  • Cannes 2018

    I diamanti della notte RecensioneI diamanti della notte

    di I diamanti della notte è l’esordio alla regia di Jan Němec, che il cineasta cecoslovacco diresse come saggio di diploma per l’Akademie múzických umění v Praze. Un viaggio allucinatorio nell’Olocausto che è anche viaggio nella notte del cinema, nel sogno di un rinnovamento che si trasforma in incubo della rassegnazione al presente.
  • Cannes 2018

    Bergman - A Year in a Life RecensioneBergman – A Year in a Life

    di La svedese Jane Magnusson dedica un documentario al suo celeberrimo connazionale: Bergman - A Year in a Life, presentato in Cannes Classics. Lo fa però in maniera confusa e poco centrata abbandonando troppo presto la chiave di lettura che si era scelta, vale a dire raccontare il 1957, anno de Il settimo sigillo e di Il posto delle fragole.
  • Cannes 2018

    Woman at War RecensioneWoman at War

    di Una galleria di personaggi grotteschi eppure umanissimi, cieli e volti battuti dal vento, tante pecore ad animare il paesaggio: torna la comicità surreale dell’islandese Benedikt Erlingsson con Woman at War. Alla Semaine.
  • Cannes 2018

    Mandy RecensioneMandy

    di Mandy dimostra tutta l'irritante vacuità dell'approccio registico di Panos Cosmatos, già autore del futile Beyond the Black Rainbow. Tra idee sgraffignate a Lynch e Raimi (senza capirne il senso) un horror sguaiato e ambizioso allo stesso tempo. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Plaire, aimer et courir vite RecensionePlaire, aimer et courir vite

    di Inforca direzioni quasi opposte Plaire, aimer et courir vite. Centrifugo e centripeto, verbosissimo e sfuggente. Leggiadro e amarissimo. Costruito fotogramma per fotogramma, parola per parola, eppure sincero, vivissimo. In concorso al Festival di Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Pájaros de verano RecensionePájaros de verano

    di , Avvincente, appassionante, potente, ambizioso. Pájaros de verano di Ciro Guerra e Cristina Gallego sposa l'approccio para-antropologico a un'ampia stratificazione verso riflessioni politiche e cinema di genere. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Ten Years Thailand RecensioneTen Years Thailand

    di , , , Tra le Séances spéciales di Cannes c'è stato spazio anche per questo lavoro collettivo sul futuro ipotetico - e in alcuni casi tristemente credibile - della Thailandia. A dirigere i quattro episodi Aditya Assarat, Apichatpong Weerasethakul, Chulayarnnon Siriphol e Wisit Sasanatieng. Un'operazione intelligente e ricca di spunti politici e cinematografici.
  • Cannes 2018

    Border RecensioneBorder

    di Il regista danese di origine iraniana Ali Abbasi porta sullo schermo Border, tratto da un romanzo di John Ajvide Lindqvist, già noto per Lasciami entrare. Qui la bizzarria di una storia d'amore tra troll nella Svezia odierna non riesce ad allargarsi davvero a discorso sul diverso e sul concetto di umano.
  • Cannes 2018

    La strada dei Samouni RecensioneLa strada dei Samouni

    di La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv.
  • Cannes 2018

    Ash Is Purest White RecensioneAsh is Purest White

    di Con Ash is Purest White, in concorso a Cannes, Jia Zhangke prosegue il discorso sulle trasformazioni violente della Cina contemporanea e arriva a descrivere un mondo in cui la realtà, mutata repentinamente, non esiste più ed è rimasta solo la sua immagine, da guardare ammutoliti.
  • Cannes 2018

    Le livre d'image RecensioneLe livre d’image

    di Le livre d'image è il ritorno a Cannes in concorso di Jean-Luc Godard a quattro anni di distanza da Adieu au langage. Una riflessione sul cinema/feticcio, sulle religioni del libro e sulla fede incrollabile - ma destinata al fallimento - nelle potenzialità dell'immagine.
  • Cannes 2018

    Mon tissu préféré RecensioneMon tissu préféré

    di Lontano da intenti di diretta cronaca, Mon tissu préféré di Gaya Jiji indaga la guerra civile in Siria al suo primo manifestarsi in chiave di risonanza psicologica, culturale ed esistenziale. Intelligente, acuto, imprevedibile nel suo svolgimento. Per Un Certain Regard.
  • Cannes 2018

    Cold War RecensioneCold War

    di Girato con eleganza impeccabile, in formato 4:3 e splendidamente fotografato, Cold War di Pawel Pawlikowski si apre con un excursus su quel che resta del folclore nella Polonia post-bellica, per trasformarsi poi in una sorta di Giulietta e Romeo ai tempi della cortina di ferro. In concorso a Cannes.
  • Cannes 2018

    Arctic RecensioneArctic

    di Presentato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Séances de minuit, Arctic è l’opera prima del brasiliano Joe Penna, è un puntuale e solido survival film ed è soprattutto l’ennesima dimostrazione dello spessore attoriale e del magnetismo di Mads Mikkelsen.
  • Cannes 2018

    Diamantino RecensioneDiamantino

    di , Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt, due degli enfant prodige più seguiti dagli addetti ai lavori, approdano alla Semaine de la Critique con un folle pastiche multiforme e multicolore che tanto colpisce nel primo impatto quanto perde verve e consistenza nel corso dello sviluppo del film.
  • Cannes 2018

    Joueurs RecensioneJoueurs

    di Esordio della francese Marie Monge, Joueurs è una classica storia di amour fou senza grande personalità e senza guizzi, che punta tutto sulla presenza delle sue giovani e belle star, Stacy Martin e Tahar Rahim. Alla Quinzaine.
  • Cannes 2018

    Les confins du monde RecensioneLes confins du monde

    di Racconto bellico avvolto nel romanticismo decadente, Les confins du monde di Guillaume Nicloux sceglie una rilettura del genere alla luce di alti modelli. Ambizioso e spesso efficace. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Summer RecensioneSummer

    di Kirill Serebrennikov porta in concorso a Cannes, con Summer, la storia di due dei rocker fondamentali nella storia della musica sovietica, Mike Naumenko e Viktor Coj. Cercando di catturare l’aria di un’epoca in sommovimento Serebrennikov si perde dietro la ricercatezza delle proprie immagini.
  • Cannes 2018

    L'appartamento RecensioneL’appartamento

    di L'appartamento è la culla/prigione di C.C. Baxter, colletto bianco pavido che riscopre se stesso – e quindi l'umanità – attraverso l'amore. Uno dei capolavori immarcescibili di Billy Wilder e dell'intera storia della commedia, racconto anti-capitalista di un amore tra spiriti solinghi scritto in punta di penna dal regista con I.A.L. Diamond.
  • Cannes 2018

    Donbass RecensioneDonbass

    di Film d’apertura di Un Certain Regard, Donbass è la rigorosa quanto grottesca cronaca di un mondo alla rovescia, della fine di qualsiasi illusione, della (ennesima) sconfitta di un paese ex-comunista. Piani sequenza che si dilatano, restituendoci un mosaico completo e avvilente.
  • Cannes 2018

    Petra RecensionePetra

    di Con Petra, presentato alla Quinzaine, il catalano Jaime Rosales dirige una sorta di racconto morale alla Rohmer, girandolo però come se fosse Haneke. Il risultato è maldestro e sin troppo ambiguo nei confronti della storia che vorrebbe - o forse non vorrebbe - raccontarci.
  • Cannes 2018

    Yomeddine

    di Sorta di blockbuster festivaliero, Yomeddine, opera prima del giovane regista egiziano A.B. Shawky, è un'abile miscela di dramma, avventura, buoni sentimenti, location inedite, ampie spennellate di retorica. In concorso a Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    The Eyes of Orson Welles RecensioneThe Eyes of Orson Welles

    di L'autore dell'enciclopedico The Story of Film, Mark Cousins, si lancia nell'intemerata impresa di realizzare l'ennesimo documentario dedicato al cineasta americano: superficiale, gonfio di retorica e ampiamente prevedibile. Presentato in Cannes Classics.
  • Cannes 2018

    Wildlife RecensioneWildlife

    di Melodramma anaffettivo sulla crisi di un matrimonio, Wildlife segna l’esordio alla regia, un po’ acerbo ma non privo di interesse, del talentuoso attore statunitense Paul Dano. Film d’apertura della Semaine.
  • Cannes 2018

    Dead Souls RecensioneDead Souls

    di Dead Souls è il nuovo fluviale documentario di Wang Bing, che in otto ore e un quarto torna a lavorare sulla memoria di uno dei momenti più bui dell’intera storia cinese, la deportazione nei campi di rieducazione dei cosiddetti controrivoluzionari durante il “Grande balzo in avanti”.
  • Cannes 2018

    Rafiki RecensioneRafiki

    di Opera censurata in patria, Rafiki della kenyota Wanuri Kahiu è un coraggioso atto politico di rivendicazione LGBT. Inevitabilmente prevedibile nel suo svolgimento, come qualsiasi storia che narra l'universale e tragica difficoltà del vivere alla luce del sole. A Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Todos lo saben RecensioneTodos lo saben

    di Il denaro, la fede, la terra, il possesso, Asghar Farhadi con Todos lo saben mescola argomenti ponderosi a un impianto che oscilla tra thriller e melodramma, ma questa volta il suo meccanismo narrativo mostra qualche smagliatura. Film d’apertura di Cannes 2018.
  • Cannes 2018

    Enamorada RecensioneEnamorada

    di Enamorada di Emilio Fernández, presentato tra i “classics” al Festival di Cannes, conferma a oltre settant'anni dalla sua realizzazione tutta la potenza di un immaginario, quello del cosiddetto 'Indio' Fernández, in grado di coniugare l'epica hollywoodiana e il rigore.
  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Archivio

    Black Panther RecensioneBlack Panther

    di Accolto trionfalmente in patria, Black Panther non si discosta dai consueti valori produttivi, narrativi ed estetici del Marvel Cinematic Universe, nonostante le utopie del Regno di Wakanda, il Black Power e la colata di buoni sentimenti e propositi. Asgard e la Galassia sono distanti.
  • Bergman 100

    Il settimo sigillo RecensioneIl settimo sigillo

    di Titolo di apertura della rassegna Bergman 100, Il settimo sigillo mantiene inalterata la sua ossimorica levità, mostrandosi anche oggi, a sessant'anni di distanza, una straordinaria allegoria della vita e della morte, dell'esistenza umana, della fede...
  • Locarno 2017

    Verão Danado RecensioneVerão Danado

    di Presentato in Cineasti del Presente al Locarno Festival, Verão Danado è l'opera prima di Pedro Cabeleira. Un flusso di vita nella popolazione universitaria di Lisbona, tra droghe leggere e pesanti.
  • Berlinale 2017

    Colo

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2017, Colo di Teresa Villaverde: ritratto di una famiglia in crisi, specchio della crisi di una società, raccontato secondo i canoni non convenzionali della regista portoghese.
  • Classici

    Viaggio a Tokyo RecensioneViaggio a Tokyo

    di Il capolavoro di Yasujirō Ozu rinascerà a nuova vita sugli schermi italiani grazie all'intervento meritorio della friulana Tucker Film. Un modo per riscoprire una delle opere più monumentali della Settima Arte.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento