Tutti lo sanno

Tutti lo sanno

di

Il denaro, la fede, la terra, il possesso, Asghar Farhadi con Tutti lo sanno mescola argomenti ponderosi a un impianto che oscilla tra thriller e melodramma, ma questa volta il suo meccanismo narrativo mostra qualche smagliatura. Film d’apertura di Cannes 2018.

Questa è la mia terra

Laura, con i suoi figli, lascia Buenos Aires per tornare nel suo paese natale in Spagna in occasione del matrimonio della sorella. Quando la figlia adolescente viene rapita, i segreti del passato tornano ben presto a galla, turbando la tranquillità della sua vita e della sua famiglia. [sinossi]

Volendo ridurre la poetica di autore come Asghar Farhadi ai suoi minimi termini, il primo concetto che viene alla mente è quello dell’entropia. Abilissimo manipolatore dei meccanismi narrativi, il regista e sceneggiatore iraniano due volte premio Oscar (per Una separazione e Il cliente) ama instillare il disordine, con tutte le vertiginose conseguenze del caso, all’interno di sistemi sociali complessi (la famiglia, principalmente, quale paradigma della società tutta), lasciando che le varie reazioni intrattengano l’intelletto e, colpendo duro, anche lo stomaco dello spettatore.
Nel suo nuovo film, Tutti lo sanno (Todos lo saben) Farhadi mette subito allo scoperto il suo modus operandi, concentrandosi sull’antico e tuttavia perfetto meccanismo dell’orologio di un campanile, icastica e calzante metafora del funzionamento sempiterno del meccanismo narrativo della tragedia, che di lì a breve andrà a dispiegarsi. Protagonista del film, che segna la seconda incursione europea per l’autore, dopo l’interessante Il passato è Laura (Penelope Cruz) che, accompagnata dai due figli, ha appena fatto ritorno nel suo paese natio in Spagna (vive da tempo in Argentina), in occasione del matrimonio della sorella. Quando Irene, la sua figlia adolescente, viene rapita, un vortice di segreti, bugie e piccole e grandi ipocrisie investe la famiglia di Laura e la comunità che la circonda.

Film d’apertura di Cannes 2018, Tutti lo sanno rappresenta probabilmente il film meno ispirato, ad oggi, della filmografia di Farhadi e di certo quello in cui la sua solitamente impeccabile tessitura narrativa mostra qualche falla, e non solo per via di quella sua ontologica meccanicità di cui si è detto e che l’autore saggiamente denuncia fin dalla prima inquadratura.
Come spesso accade nel suo cinema, pensiamo soprattutto qui ad About Elly, Farhadi in Tutti lo sanno mescola il melodramma familiare con il thriller, ma a funzionare, va detto, è soprattutto quest’ultimo. L’ingranaggio dell’orologio, l’apparizione di due skaters, un vestito che non entra più, una deiezione di piccione che imbratta la giacca, una moto lanciata a tutta velocità, l’affitto di un drone che consente riprese aeree altrimenti inaccessibili all’occhio umano. Sono tanti e impeccabili gli indizi disseminati nel lungo prologo di Tutti lo sanno per preparare il terreno all’arrivo del trauma, che immancabilmente irrompe sulla scena. A partire dal rapimento della giovane – e oltretutto asmatica – Irene, ecco farsi largo tutta una serie di rancori sopiti e segreti taciuti, mentre si innesca un gioco al massacro che porta tutti i presenti – ovvero parenti e amici di famiglia di Laura – a scagliarsi l’uno contro l’altro. È il sospetto a farsi largo per primo e a seminare zizzania, poi però Farhadi inizia a dilazionare, quali accorte pugnalate, i temi portanti del suo film: il denaro, la fede, la terra, la proprietà e infine la proprietà della terra e della donna. Già perché Laura, ora sposata con l’argentino Alejandro (Ricardo Darin) è stata a lungo fidanzata con Paco (Javier Bardem) e proprio a lui ha venduto, prima di trasferirsi a Buenos Aires, la sua parte del terreno di famiglia, che l’uomo ha fatto fruttare diventando un abbiente produttore di vino. Proprio su Paco, ruspante e vivace personalità locale, ricadranno infine una serie di responsabilità decisive per lo scioglimento della vicenda.

Proprio quando il melodramma inizia a fiammeggiare, Tutti lo sanno mostra però qualche limite, soprattutto sul versante della messinscena dei sentimenti, che non riescono mai a manifestarsi con convinzione finendo per restare relegati nel passato, in un fuori campo a noi inaccessibile da cui emergono, tra agnizioni e segreti solo i loro simulacri, sotto forma di imperituri cliché.
Man mano che il racconto macina verso il suo epilogo vengono inoltre alla luce delle smagliature che riguardano soprattutto alcuni personaggi secondari (e la coralità, in ogni caso, resta una caratteristica fondamentale del cinema di Farhadi). Si pensi ad esempio al personaggio del detective in pensione, utile a rinfocolare il versante “thriller” del film, ma che di fatto non offre alcun contributo all’indagine in corso e infine scompare dalla scena senza più esservi richiamato.
Ancora più problematico è poi il ruolo, in questa storia della moglie di Paco: connotata come una donna che non ha voluto avere figli ed è interessata soprattutto al denaro, Bea è il personaggio negativo di questa storia, molto più dei responsabili del rapimento, e a lei il regista dedica un giudizio impietoso, e poche sfaccettature.

Sarebbe ingiusto addebitare i difetti di Tutti lo sanno al cambio di latitudine di un regista che già con Il passato aveva dimostrato la perfetta adattabilità delle sue indagini narrative e cinematografiche sul suolo, in quel caso, francese. Non è certo la penisola iberica ad aver inibito le sue geometrie adamantine, è solo che i meccanismi, talvolta, possono anche incepparsi, per poi tornare a funzionare. Il cinema, d’altronde, è fatto anche di questo.

Info
Il trailer di Tutti lo sanno.
  • todos-lo-saben-2018-asghar-farhadi-recensione-02.jpg
  • todos-lo-saben-2018-asghar-farhadi-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Cannes 2016

    Il cliente

    di Dopo Le passé, Asghar Farhadi torna a parlare dell'Iran, di censura e di pubbliche virtù, stratificando ulteriormente il suo discorso con il teatro e realizzando così un nuovo straordinario tassello della sua filmografia: Il cliente, in concorso a Cannes 2016.
  • Venezia 2014

    Tales

    di Storie che s'intrecciano nell'Iran contemporaneo, stretto tra crisi economica e regime: Tales di Rakhshan Banietemad - presentato in concorso a Venezia 71 - è un'opera umanistica e politica, che evita il tranello del film a tesi grazie a un'intensa galleria di ritratti.
  • Archivio

    Melbourne

    di Opera prima e pellicola d'apertura della Settimana della Critica 2014, nelle sale con Microcinema Distribuzione, Melbourne ci pone presto di fronte a spinose questioni morali, a un vis-à-vis con noi stessi che non lascia vie di fuga.
  • Archivio

    Un'immagine tratta da Il passato (2013) di Asghar FarhadiIl passato

    di Dopo quattro anni di separazione, Ahmad arriva a Parigi da Téhéran, per chiudere la pratica di divorzio da Marie...
  • Archivio

    Una separazione

    di Oscar come miglior film straniero, Orso d'Oro per Farhadi e Orso d'Argento per tutto il cast alla Berlinale 2011: Una separazione è uno dei film più premiati e celebrati degli ultimi anni.
  • In sala

    Il dubbio - Un caso di coscienza RecensioneIl dubbio – Un caso di coscienza

    di Un film farhadiano fino al midollo, Il dubbio - Un caso di coscienza di Vahid Jalilvand, che si avvale di due ottime prove d’attori e di una riflessione sul dubbio e sulla colpevolezza come principi indispensabili per setacciare l’umanità e le sue implicazioni.
  • In sala

    La casa dei libri RecensioneLa casa dei libri

    di Ispirandosi a un romanzo del 1978, che raccontava una società in transizione, La casa dei libri sembra voler cantare un peana all’oggetto-libro e al suo potere salvifico, peccando però di eccessiva schematicità nella trama.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento