Petra

Con Petra, presentato alla Quinzaine des réalisateurs, il catalano Jaime Rosales dirige una sorta di racconto morale alla Rohmer, girandolo però come se fosse Haneke. Il risultato è maldestro e sin troppo ambiguo nei confronti della storia che vorrebbe – o forse non vorrebbe – raccontarci.

Il raggio nebuloso

Petra non sa chi è suo padre. Alla morte di sua madre, si lancia in una ricerca che porta a Jaume, un celebre artista, potente e senza pietà. Sul suo cammino per conoscere la verità, Petra si innamora di Lucas, figlio di Jaume, che intrattiene pessimi rapporti con suo padre. [sinossi]

Il catalano Jaime Rosales è un habitué qui sulla Croisette, particolarmente legato alla Quinzaine des réalisateurs, dove per l’appunto ha presentato quest’anno il suo sesto lungometraggio da regista, Petra. È dunque uno di quegli autori coltivati e coccolati dal festival, come ad esempio l’ungherese Kornél Mundruczó, i cui film vengono selezionati nelle sezioni collaterali in attesa di fare un bel giorno il gran salto nel concorso ufficiale. Cosa che è accaduta puntualmente a Mundruczó lo scorso anno (con il pessimo Jupiter’s Moon), e che forse toccherà anche a Rosales in futuro. Eppure questa pratica, se da un lato porta innegabilmente a dei vantaggi – quando l’autore sarà cresciuto non potrà che scegliere Cannes – dall’altro rischia di indurre a una fedeltà cieca e a una sorta di dorata placenta in cui questi registi si formano, finendo probabilmente per non crescere mai. Rosales, in particolare, sembra avere un gran talento da metteur en scène, mentre al contrario non pare avere molto chiaro – oppure, non ha intenzione di precisarlo con cura – quel che ci vuole dire.
In tal senso, Petra – per come è costruito e per come si sviluppa – appare paradigmatico: della vicenda che riguarda la protagonista, e cioè la sua ricerca della figura paterna, Rosales si disinteressa, prima in maniera accennata e poi – man mano che il film prosegue – in modo sempre più palese, fino agli eccessi di grottesco di tutta la parte finale.

In Petra è come se su una storia campestre in odore di racconto morale rohmeriano si fosse messo dietro la macchina da presa il sulfureo sguardo di Haneke. L’operazione perciò è interessante, ma schizofrenica ed è priva della personalità necessaria per maneggiare con cura tutti i rischi cui si può incorrere. La camera di Rosales si muove infatti fluida di fronte e di lato ai suoi personaggi, insistendo con precisione e con coerenza su mini-long-take che si chiudono quasi sempre su nature morte o paesaggi privi di figure umane. Ma quel che all’inizio potrebbe suggerire una buona serie di chiavi di lettura – aderenza al paesaggio, condizionamento dei personaggi nei confronti del contesto in cui si trovano a vivere, finzione della vita campestre nel mondo contemporaneo – si rivela semplicemente essere uno sguardo volutamente distante rispetto a ciò che si racconta, uno stare in cattedra a giudicare i personaggi e le loro risibili viltà.

D’altronde anche la riflessione sull’arte – e dunque sul cinema – si rivela ben presto pretestuosa: Petra dipinge e incontra il rinomato pittore Jaume, che crede essere suo padre; questi è convinto che l’arte sia finzione e ottenimento di soddisfazione economica – anche se non lo dice mai – mentre lei ingenuamente riflette affermando che lo scopo della sua pratica artistica è raggiungere la verità, di qualsiasi tipo essa sia. Ovviamente, in modo neppure troppo sottile, Rosales ci sta parlando di se stesso e del film che stiamo vedendo, in un incastro tra verità e finzione: non a caso, Petra è strutturato in capitoli disordinati (prima il secondo, poi dopo parecchio il primo, per poi addirittura tornare indietro nel pre-finale, come se fosse Pulp Fiction), occhieggiando dunque persino al surrealismo buñueliano. Ma, oltre a preparare maldestramente il terreno per le scomposte rivelazioni della seconda parte, questo spunto non diventa mai discorso e si limita a caratterizzarsi semplicemente come boutade. Ed è un peccato, perché un inquieto senso del vivere e un’opprimente e inquietante atmosfera Rosales le sa descrivere perfettamente. Solo che poi butta tutto via, mal consigliato dal suo narcisismo, che non può che finire per indispettire lo spettatore.

Info
La scheda di Petra sul sito della Quinzaine.
  • Petra-2018-Jaime-Rosales-001.jpg
  • Petra-2018-Jaime-Rosales-002.jpg
  • Petra-2018-Jaime-Rosales-003.jpg
  • Petra-2018-Jaime-Rosales-004.jpg
  • Petra-2018-Jaime-Rosales-005.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • In sala

    Una luna chiamata Europa RecensioneUna luna chiamata Europa

    di Girato come se fosse Il figlio di Saul innestato da Michael Bay, Una luna chiamata Europa (Jupiter's Moon) di Kornél Mundruczó, nel voler raccontare la crisi del Vecchio Continente, colleziona una impressionante serie di schizofrenie.
  • Cannes 2018

    La strada dei Samouni RecensioneLa strada dei Samouni

    di La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv.
  • Queer 2019

    Intervista a Michaël DacheuxIntervista a Michaël Dacheux

    Nato nel 1978 nel dipartimento delle Landes, Michaël Dacheux si trasferisce presto a Parigi per lavorare come apprendista sui set. L’Amour debout è il suo primo lungometraggio, ed è stato presentato all'Acid di Cannes 2018, al Torino Film Festival e nel concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019. Abbiamo incontrato il regista a Palermo in occasione del Sicilia Queer.
  • Venezia 2020

    Pieces of a Woman RecensionePieces of a Woman

    di Primo film in lingua inglese per l'ungherese Kornél Mundruczó, Pieces of a Woman, in concorso a Venezia 77, non cade nelle solite schizofrenie cui il regista ci aveva abituato con opere come White God, quanto piuttosto in una messinscena flemmatica e sin troppo classicheggiante, vicina all'inerzia.

1 Commento

  1. Trackback: Críticas de Cannes 2018: PETRA de Jaime Rosales [España] – Premios Óscar Latinos

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento