Ash is Purest White

Ash is Purest White

di

Con Ash Is Purest White, in concorso a Cannes, Jia Zhangke prosegue il discorso sulle trasformazioni violente della Cina contemporanea e arriva a descrivere un mondo in cui la realtà, mutata repentinamente, non esiste più ed è rimasta solo la sua immagine, da guardare ammutoliti.

Figli di una Cina sparita

Nel 2001, nell’impoverita città mineraria cinese di Datong, vive una ex ballerina di nome Qiao che è innamorata di Bin, un gangster locale. Durante un combattimento con gang rivali Qiao spara per proteggere Bin e viene condannata a cinque anni di prigione. Al termine della detenzione si mette alla ricerca di Bin per provare a cominciare tutto da capo. [sinossi]

Inizia con delle riprese risalenti al 2001 il nuovo film di Jia Zhangke, Ash Is Purest White, presentato in concorso a Cannes 2018. A bordo di un autobus scalcagnato vi sono degli anziani che fumano, insieme a varia altra umanità. Vi è insomma quel popolino che farà da coro muto per il resto del film, silente e sgomento osservatore delle azioni dei protagonisti. E poi, sempre sull’autobus, si vede una bambina che sembra dormire e che, invece, improvvisamente guarda in macchina, ci guarda, con uno sguardo tanto serio e preoccupato da gelare il sangue: è la scoperta dell’immagine, dell’invadente osservazione altrui, dell’occhio della macchina-cinema che sconvolge e lascia sconvolti.
Come già in Al di là delle montagne, Jia Zhangke è partito perciò da delle immagini girate da lui stesso in passato per costruire, pensare e inventare il suo nuovo film. Così, paradossalmente, Ash Is Purest White nasce da riprese scartate e prende forma a partire da quelle: la scena d’amore di Unknown Pleasures (2002) e quella di Still Life (2006), tagliate dai montaggi definitivi, hanno suggerito al cineasta cinese l’idea di un altro film nascosto tra quelle pieghe, un film con protagonista sempre Zhao Tao, moglie e attrice feticcio del regista – prima giovane e illusa, poi malinconica e disillusa -, un film che è diventato per l’appunto Ash Is Purest White, in cui comunque quelle sequenze d’amore non ci sono. Ma ce ne sono altre, che servono da contestualizzazione storica: la prima, già citata, sull’autobus e la seconda nello scenario delle Tre Gole, filmata proprio durante la lavorazione di Still Life.
Potrebbe sembrare un’operazione cervellotica, quella di Jia, e invece racchiude il senso stesso della sua vita e del suo cinema, perché con questo gesto l’autore di The World ci vuole dire che la sua medesima esistenza è racchiusa dalle immagini che ha girato nel corso degli anni. E, al contempo, questa operazione allude al senso della parabola della protagonista di Ash Is Purest White che, nell’amaro finale, si ritrova trasformata in immagine digitalizzata e spappolata, in un blow-up che ha perso il referente con il reale, perché lei è diventata ormai un’icona del passato, destinata a sparire, così come in pochi anni di industrializzazione selvaggia è sparita l’ultra-millenaria storia della civiltà cinese.

La consapevolezza teorica di Jia però non gli fa mai perdere il polso del racconto, che – come in Al di là delle montagne è tripartito: una prima parte nel 2001 nello Shanxi (la regione in cui è nato il regista), una seconda nel 2006 nelle Tre Gole (che facevano da scenario al suo film Leone d’Oro, Still Life) e una terza nel 2018 di nuovo nello Shanxi, totalmente trasformato. In questi luoghi e in questi tempi si muove Qiao, interpretata da una magnifica Zhao Tao, che è la donna del boss locale Bin. All’inizio Qiao vuole velocemente dimenticare il passato comunista del paese, incarnato da suo padre, un vecchio nostalgico di Mao che protesta da un altoparlante per la chiusura della miniera ed etichetta i nemici del popolo come tigri di carta (come da celebre definizione di Mao Zedong, riservata ai reazionari, incapaci di incutere vero timore). Qiao stacca letteralmente la spina dell’altoparlante e chiude così i conti con la Rivoluzione Culturale, i cui ultimi retaggi sopravvivono nell’incipit del film. Quindi Jia ci mostra come Qiao abbia intenzione di seguire il modello del neonato capitalismo cinese, quello fatto di piccoli intrallazzi, di speculazioni edilizie di varia natura, di alleanze tra la polizia e i boss locali (tra cui, ovviamente il suo Bin) e di risse in strada sul genere dei film hongkonghesi. Tanto che, addirittura, ad un certo punto, tutti quanti guardano religiosamente in TV Tragic Hero, film del 1987 con protagonista Chow Yun-fat; lo guardano per studiare e per prendere esempio. E lei stessa infatti finisce per imbracciare un’arma e sparare in aria, ormai totalmente entrata nella parte di un film action (e si tratta di un’impressionante scena di violenza sanguinaria che rimanda a A Touch of Sin). Dopo la galera, perché le armi da fuoco sono vietate, il suo mondo è totalmente cambiato e lo stesso Bin non accetta più le regole d’onore della Triade e se ne frega di sentimenti e affetti. Persino il carcere in cui è stata imprigionata Qiao è stato demolito, perché troppo antiquato – e, infatti, nel cortile si facevano ancora dei balletti sincronizzati come nella Cina maoista.

Il tema del cambiamento resta dunque centrale nel cinema di Jia Zhangke, eppure ancora una volta possiamo osservare come tale ossessione riesca sempre a trovare nuove declinazioni e nuovi sviluppi. Appare impressionante in tal senso la prima parte di Ash Is Purest White dove coabitano le diverse Cine, quella antica e povera delle modeste abitazioni e dei vicini di casa di Qiao – una Cina atemporale e millenaria -, ma anche quella comunista i cui ultimi riverberi vengono allusi nella dismissione della miniera e, infine, quella neocapitalista e arraffona, incarnata in primis da Bin. Basta prendere un autobus, quell’autobus iniziale, per passare da un ingenuo show di avanspettacolo (un uomo che solleva una bicicletta con i denti) a una discoteca in cui si balla YMCA dei Village People, sparata a tutto volume. Sono le contraddizioni della Storia e quelle di un paese attraversato simultaneamente da passato, presente e futuro.
Poi, però, non resta più nulla, rimane solo la scenografia del passato, quel locale che apparteneva a Bin e che Qiao rimette in sesto e gestisce come se volesse catapultare tutti quanti in un Truman Show della memoria. Ma quel passato per l’appunto è solo un simulacro: i treni corrono ora a velocità inaudite e non si può più osservare il paesaggio, la forma della città è completamente sparita e per capirci qualcosa è necessario guardare il navigatore sul cellulare e il drone volteggia nel cielo a mostrare quello che dovrebbe essere il paese natale dei protagonisti e che invece è diventato qualcosa di altro, allo stesso tempo familiare ed estraneo.

E ancora una volta, il titolo cinese ci dice molto di più di quello internazionale: come già accadeva ad esempio per Still Life che ha in patria un titolo completamente diverso (Sānxiá hǎorén, che si può tradurre come Gli uomini buoni delle Tre Gole), Ash Is Purest White si intitola in mandarino Jiānghú érnǚ, vale a dire Figli della Triade, o anche Figli di una minoranza, di un residuo, o persino Figli di fiumi e laghi, visto che jiānghú significa letteralmente fiumi e laghi e poi il suo significato si è allargato nel tempo, a includere tutto ciò che è contrario al mainstream. E, per un gioco di specchi potenzialmente infinito, il titolo cinese non è di Jia, ma appartiene a un progetto irrealizzato di Fei Mu, lo storico autore di Spring in a Small Town (1948), regista amatissimo da Jia. Un film che poi si fece nel ’52, dopo che Fei Mu era già morto, e che nulla ha a che vedere con il film di Jia, ma serve – come dire – a segnare e a sottolineare un legame, una radice evidentemente necessaria, una continuità con il cinema del proprio paese che appare indispensabile per continuare a sentirsi parte di un immaginario visivo e a percepire una qualche forma di filiazione. Perché, come succede in una scena geniale del film, si può rischiare in un bel momento di ritrovarsi a essere totalmente fuori dal proprio tempo, quando la cellula di una porta scorrevole non ci riconosce in quanto esseri umani e non percepisce la nostra corporeità. E allora, se tutto è immagine, se tutto è simulacro, se la vita di Qiao si rivela essere banale e comunissima come una modesta canzone d’amore pop, cosa ci resta? Quell’immagine stessa, quel ricordo di un tempo in cui le storie d’amore sembravano avere una loro profondità e una loro drammaticità, e in cui il reale ancora esisteva.

Info
Ash Is Purest White sul sito del Festival di Cannes
  • ash-is-purest-white-2018-jia-zhangke-recensione-03.jpg
  • ash-is-purest-white-2018-jia-zhangke-recensione-02.jpg
  • ash-is-purest-white-2018-jia-zhangke-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Venezia 2017

    Angels Wear White

    di Dopo il folgorante esordio con Trap Street, Vivian Qu fa un passo indietro: Angels Wear White è un dramma di denuncia dal grossolano simbolismo. In concorso a Venezia 74.
  • Cannes 2017

    Walking Past the Future

    di Tra dramma sociale e melò urbano, Walking Past the Future del cinese Li Ruijun è l'ennesima imitazione malriuscita del cinema di Jia Zhangke. In Un certain regard alla 70esima edizione del Festival di Cannes.
  • Locarno 2016

    The Hedonists

    di Affiancando alla solita lucidità politica inedite incursioni nel surreale, Jia Zhangke mette ancora una volta in scena le trasformazioni della Cina odierna narrando la “seconda vita” di Liangzi, personaggio già abbandonato dall'amore in Al di là delle montagne e ora licenziato anche in miniera. Fuori concorso a Locarno 2016.
  • Archivio

    Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.
  • Roma 2014

    Jia Zhangke, un gars de Fenyang

    di Il linguaggio cinematografico come esperanto. Un regista brasiliano, Walter Salles, si innamora del cinema di un regista cinese, Jia Zhangke, e realizza su di lui un film commovente e pieno d'amore verso la Settima Arte: Jia Zhangke, un gars de Fenyang, evento speciale al Festival di Roma.
  • Interviste

    Intervista a Diao Yinan

    Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao Yinan è stato presentato in anteprima italiana al Far East. Abbiamo intervistato il regista per parlare del suo film ma anche dello stato delle cose nel sistema cinematografico cinese.
  • FEFF 2014

    Einstein and Einstein

    di Forse il capolavoro del Far East 2014: il terzo lungometraggio del regista cinese Cao Baoping racconta il passaggio all’età adulta di una tredicenne attraverso una serie di terribili prove, costruendo il ritratto impietoso della nuova piccola borghesia urbana.
  • Torino 2013

    Intervista a Yu Likwai

    Omaggiato da una retrospettiva al TFF, all'interno della sezione Onde, il cineata hongkonghese ci ha raccontato la sua idea di cinema, il rapporto con Jia Zhangke (con cui collabora da direttore della fotografia) e il suo approccio verso il digitale.
  • Archivio

    Il tocco del peccato – A Touch of Sin

    di Il ritorno alla regia di Jia Zhangke, in un grande affresco umano sulla Cina contemporanea, in cui vita e morte si intrecciano in modo inestricabile.
  • AltreVisioni

    I Wish I Knew RecensioneI Wish I Knew

    di I Wish I Knew di Jia Zhangke, in cui il regista cinese rielabora e perfeziona il discorso estetico-narrativo del precedente 24 City. In Un certain regard a Cannes 2010.
  • AltreVisioni

    24 City

    di 24 City, il viaggio del regista cinese Jia Zhangke a metà tra documentario e totale ricreazione della realtà. In concorso al Festival di Cannes nel 2008.
  • AltreVisioni

    Cry me a river

    di Con il cortometraggio Cry me a river Jia Zhangke sceglie come location la Venezia d'Asia, Suzhou. Un'occasione per un viaggio nella memoria, intima e di una nazione. A Venezia 2008.
  • Archivio

    Still Life

    di Still Life, parto geniale del regista cinese Jia Zhangke, vince a sorpresa il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia del 2006. Un evento a suo modo epocale
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Cannes 2018

    Long Day's Journey Into Night RecensioneLong Day’s Journey Into Night

    di Già autore di Kaili Blues, il giovane regista cinese Bi Gan porta a Cannes il suo secondo lungometraggio, Long Day's Journey Into Night, che ne conferma le grandi doti da metteur en scène, ma che trasmette anche un vago senso di vacuità, forse già in odore di maniera.
  • Cannes 2018

    The Pluto Moment RecensioneThe Pluto Moment

    di Raccontando la storia di un regista che non riesce a finire la sua sceneggiatura, The Pluto Moment di Zhang Ming - presentato alla Quinzaine - ragiona con nettezza intorno al tema della crisi e dell'isolamento dell'intellettuale, che sente estranea sia la Cina urbanizzata sia quella rurale.
  • Archivio

    Io sono Li RecensioneIo sono Li

    di Shun Li lavora in un laboratorio tessile della periferia romana per ottenere i documenti e riuscire a far venire in Italia suo figlio di otto anni. All’improvviso viene trasferita a Chioggia, una piccola città isola della laguna veneta per fare la barista in un’osteria...
  • Bologna 2018

    This Whole Life of Mine RecensioneThis Whole Life of Mine

    di Presentato al Cinema ritrovato nell'ambito dell'omaggio al cinema cinese degli anni Quaranta, This Whole Life of Mine del regista e attore Shi Hui metteva in scena le disgrazie e le umiliazioni di un pover'uomo al cospetto dei rovesci della storia mandarina della prima metà del Novecento.
  • Festival

    Pingyao International Film Festival 2018 - PresentazionePingyao International Film Festival 2018 – Presentazione

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, sta per iniziare la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, la manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Pingyao 2018

    Half the Sky RecensioneHalf the Sky

    di , , , , Presentato in apertura del Pingyao International Film Festival, Half the Sky è un film di cinque episodi assegnati ad altrettante registe di paesi emergenti sul tema della condizione femminile nel proprio paese. Un'operazione guidata da Jia Zhangke non del tutto riuscita.
  • Pingyao 2018

    Patrolman Baoyin RecensionePatrolman Baoyin

    di Presentato nella sezione Made in Shanxi del 2° Pingyao International Film Festival, Patrolman Baoyin è un film di genere poliziesco distillato nelle lande della Mongolia, dove tutto è imperniato alla lentezza, alla piccolezza e alla tranquillità.
  • Festival

    Pingyao 2018Pingyao 2018

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Pingyao 2018

    Intervista a Marco Müller

    Direttore artistico del Pingyao Film Festival, la manifestazione fondata da Jia Zhangke, Marco Müller porta avanti percorsi, idee, filoni di cinema che hanno caratterizzato la sua carriera, di oltre 35 anni, di direttore. Ne abbiamo parlato con lui in una lunga chiacchierata, durante l'ultimo giorno del festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento