Bergman – A Year in a Life

Bergman – A Year in a Life

di

La svedese Jane Magnusson dedica un documentario al suo celeberrimo connazionale: Bergman – A Year in a Life, presentato in Cannes Classics. Lo fa però in maniera confusa e poco centrata abbandonando troppo presto la chiave di lettura che si era scelta, vale a dire raccontare il 1957, anno de Il settimo sigillo e di Il posto delle fragole.

Too Much Bergman

Il 1957 è stato un anno decisivo nella vita di Bergman, di grandissima intensità lavorativa e di eccellenti risultati artistici, a partire dalla realizzazione di due dei suoi più celebrati capolavori, Il settimo sigillo e Il posto delle fragole… [sinossi]

È tutt’altro che facile realizzare dei documentari dedicati a cineasti che hanno fatto la storia del cinema. Lo abbiamo potuto ri-verificare a Cannes 71, non solo vedendo The Eyes of Orson Welles di Mark Cousins, ma anche Bergman – A Year in a Life di Jane Magnusson, presentato anch’esso in Cannes Classics.
La difficoltà sta in primis nel provare – vanamente – a resistere alla tentazione di voler raccontare tutti gli aspetti che riguardano la vita e l’opera del genio in questione: l’infanzia, gli amori, le difficoltà, le ascese e le cadute, ma soprattutto gli aneddoti, che magari tutti conoscono ma che si ha sempre voglia di ri-raccontare. Cousins in The Eyes od Orson Welles non si è posto neppure il problema e ha scelto di rievocare l’autore di Quarto potere senza provare a cercare delle chiavi di lettura particolari o dei punti di vista inusuali attraverso cui guardare l’oggetto della sua disamina. La svedese Jane Magnusson, al contrario, deve almeno essersi interrogata, e così il suo film inizia con una chiara dichiarazione di intenti: ci racconterà, come suggerisce d’altronde anche il titolo del documentario, un anno nella vita di Bergman, vale a dire quel 1957 decisivo nella carriera del Maestro perché realizzò due dei suoi più celebrati capolavori, Il settimo sigillo e Il posto delle fragole, che lo consacrarono finalmente a livello internazionale. E quell’anno oltetutto fu caratterizzato da un’intensa attività artistica: Bergman infatti diresse addirittura un terzo film, il troppo sottovalutato Alle soglie della vita, e poi un film per la TV, un paio di adattamenti teatrali, tra cui l’impegnativo Peer Gynt di Ibsen, e perfino delle trasposizioni radiofoniche. Un anno dunque intensissimo che meritava di essere raccontato, anche perché tra le altre cose, verso il maggio del ’57 il regista venne ricoverato per un esaurimento nervoso, e proprio nel letto d’ospedale scrisse la sceneggiatura de Il posto delle fragole.

Grande invece è la sorpresa quando, pian piano, si capisce che le cose non stanno così: la Magnusson non ci sta raccontando veramente il 1957 di Bergman, ma sta usando il 1957 per spaziare come una trottola lungo tutta la vita del suo celebre connazionale. E dunque si passa dall’infanzia difficile per la rigida educazione, all’odio per la figura paterna – con tanto di abusatissimo riferimento al personaggio del crudelissimo pastore Vergerus in Fanny e Alexander – fino alle tante donne, mogli e figli avuti dal cineasta. Senza dimenticare le ben note simpatie naziste, che Bergman non ha mai negato e che ha confessato con vergogna e grande pentimento nella sua autobiografia Lanterna magica, non dandosi pace per aver dato credito al Terzo Reich fin subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Allora diventa chiaro che Bergman – A Year in a Life non fa eccezione, connotandosi come il solito bignamino in cui sono affastellate alla meno peggio le informazioni fondamentali riguardanti un genio del cinema, dove non vi sono scoperte particolari – se non quella, risibile, della sua maniaca passione per una certa marca di biscotti – e dove si usano e si mostrano materiali, come vecchie interviste, tutt’altro che inediti. In più, naturalmente, l’occasione – produttivamente parlando – era ghiotta, visto che quest’anno – come già ci ha ricordato il Palazzo delle Esposizioni di Roma con la rassegna dei mesi scorsi – ricorre il centenario della nascita del Maestro svedese. E allora la Magnusson prova a dare anche una veste internazionale al suo film, sperando evidentemente di provare a venderlo anche al di là dei confini della Svezia: vanno lette in tal senso le interviste – brevissime, tra l’altro (e per fortuna, viene da aggiungere) – a Barbra Streisand, Holly Hunter, John Landis e, persino, Zhang Yimou (per ingraziarsi il pubblico asiatico), i quali si limitano a dire quanto apprezzino il suo cinema e quanto lo trovino fondamentale. Manca Woody Allen, il cui bergmanismo è ben noto. Ma lui, insieme a tanti altri, era stato già intervistato dalla Magnusson nel 2008 per una serie di puntate televisive dedicate sempre a Bergman.

Per tornare dunque al discorso iniziale, l’aggravante – nel caso di Bergman – A Year in a Life – è quella di aver trovato una chiave di lettura – il 1957, per l’appunto – e di non averla seguita, provocando una confusione ulteriore nella disposizione del racconto, che saltabecca in maniera illogica, confusionaria e superficiale tra i mille prismi del mondo bergmaniano.
Ora, viene da chiedersi: perché? Perché Cannes Classics seleziona dei film così basici come documentari per il cinema? Film che sono evidentemente pensati per un pubblico televisivo, quasi totalmente digiuno dei personaggi di cui si parla. Possibile che in giro non vi siano film sul cinema più interessanti, più arguti, più originali, più sensati? Ai posteri l’ardua sentenza.

Info
La scheda di Bergman – A Year in a Life sul sito del Festival di Cannes.
  • Bergman-a-year-in-a-life-2018-Jane-Magnusson-001.jpg
  • Bergman-a-year-in-a-life-2018-Jane-Magnusson-002.jpg
  • Bergman-a-year-in-a-life-2018-Jane-Magnusson-003.jpg
  • Bergman-a-year-in-a-life-2018-Jane-Magnusson-004.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    Lo sguardo di Orson Welles (2018) Mark Cousins - Recensione | Quinlan.it RecensioneLo sguardo di Orson Welles

    di L'autore dell'enciclopedico The Story of Film, Mark Cousins, si lancia nell'intemerata impresa di realizzare l'ennesimo documentario dedicato al cineasta americano: superficiale, gonfio di retorica e ampiamente prevedibile. Presentato in Cannes Classics.
  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Bergman 100

    Il volto RecensioneIl volto

    di Tra verità e menzogna, maschera e smascheramento, scienza e fede, teatro e vita, Il volto - girato da Ingmar Bergman nell'estate del 1958 - costruisce il ritratto del cinema quale perfetto meccanismo illusionistico.
  • Bergman 100

    Luci d'inverno RecensioneLuci d’inverno

    di Secondo e più esplicito capitolo della Trilogia del silenzio di Dio, Luci d'inverno scava con ineguagliabile profondità nelle crisi della Fede e nei tormenti dell'uomo, delineando la personale parabola di Passione di un pastore/padre non più in grado di offrire conforto nemmeno a se stesso.
  • Bergman 100

    Il silenzio RecensioneIl silenzio

    di Film scandalo nel '63, censurato in Italia, Il silenzio appare oggi, nella sua carnalità di messa in scena e nel contemporaneo scacco del linguaggio verbale, un fondamentale film di passaggio da una fase all'altra della filmografia di Ingmar Bergman.
  • Bergman 100

    Fanny e Alexander RecensioneFanny e Alexander

    di Fanny e Alexander sono i piccoli protagonisti del fluviale racconto televisivo che Ingmar Bergman dedicò alla famiglia Ekdahl, liberi teatranti a Uppsala nella Svezia di inizio Novecento. Un'opera che racchiude forse la summa del pensiero bergmaniano sulla memoria, il tempo, e la vita.
  • Bergman 100

    Il posto delle fragole

    di Terzo titolo dalla rassegna Bergman 100, Il posto delle fragole è una delle pellicole più note del cineasta scandinavo, un road movie catartico e intriso di rimpianti per una giovinezza e una felicità oramai lontanissime, per una vita che sta inevitabilmente volgendo al termine.
  • Bergman 100

    Il settimo sigillo RecensioneIl settimo sigillo

    di Titolo di apertura della rassegna Bergman 100, Il settimo sigillo mantiene inalterata la sua ossimorica levità, mostrandosi anche oggi, a sessant'anni di distanza, una straordinaria allegoria della vita e della morte, dell'esistenza umana, della fede...
  • Rassegne

    Bergman 100Bergman 100

    Nel centenario della nascita la rassegna Bergman 100 omaggia il cinema del maestro svedese con una selezione dei suoi film più celebri, rigorosamente proiettati in 35mm. Al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 18 gennaio al 4 marzo.
  • Cannes 2018

    Iene RecensioneIene

    di Ispirato a La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt, Iene è il secondo lungometraggio del senegalese Djibril Diop Mambéty, diretto nel 1992 a venti anni dall'esordio. Uno sguardo sull'Africa (mai davvero) post-coloniale che è anche riflessione sui rapporti con l'Europa e sulla colpa individuale e collettiva.
  • Cannes 2018

    L'ora dei forni RecensioneL’ora dei forni

    di Al Festival di Cannes è stata presentata solo la prima parte de L'ora dei forni ("Neocolonialismo e violenza"), lasciando fuori per evidenti ragioni di spazio "Atto a favore della liberazione" e "Violenza e liberazione". A cinquant'anni dalla sua presentazione a Pesaro, uno dei film militanti più rilevanti di sempre.
  • DVD

    Il pranzo di Babette RecensioneIl pranzo di Babette

    di Oscar 1988 al miglior film straniero, Il pranzo di Babette di Gabriel Axel è una graziosa fiaba allegorica su dono, arte e responsabilità. Tratto da un racconto di Karen Blixen compreso nella raccolta "Capricci del destino". In dvd e blu-ray per CG Entertainment.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento