ISVN – Io sono Valentina Nappi

ISVN – Io sono Valentina Nappi

di

Dopo la presentazione in vari festival tematici, esce ora in sala ISVN – Io sono Valentina Nappi, il secondo film del sodalizio tra la regista Monica Stambrini e la pornodiva Valentina Nappi, dove vengono messi in pratica i principi delle Ragazze del porno, il collettivo di cui Stambrini è stata una delle fondatrici.

Orgasmi in salsa barbecue

ISVN segue Valentina Nappi nel corso di una notte apparentemente come tante: rimasta sola in una città che non è la sua, ospite per una notte nello studio di un artista, Valentina manda un messaggio a Lorenzo e, nell’attesa che la raggiunga, si spoglia, mette su un disco, curiosa in giro, aspetta. Quando Lorenzo arriva, deve ancora cenare. Chiacchierano mentre lui mangia il suo hamburger. Hanno opinioni diverse sulla complicità tra sesso e cibo. Poi finalmente si spogliano, si baciano, ridono. Si sono mancati. Sono amanti, hanno vent’anni, fanno l’amore a lungo fino ad addormentarsi… [sinossi]

Presentato a vari festival – quali il torinese Fish&Chips, il romano Hacker Porn Film Festival, e Viva Erotica di Helsinki curato da Olaf Möller –, ISVN – Io sono Valentina Nappi, esce ora distribuito in sala. Si tratta del secondo lavoro, dopo Queen Kong, del sodalizio tra la filmmaker Monica Stambrini e la pornostar Valentina Nappi. La prima è stata tra le fondatrici del collettivo di registe Le ragazze del porno, di cui questo film è espressione. La seconda è LA pornodiva 2.0, intellettuale e impegnata nelle battaglie civili per la libertà sessuale, che alterna il set a luci rosse con i corsivi sul suo blog su Micromega, con le sue presenze ai Gay Pride, con le sue polemiche contro Lega e Movimento 5 Stelle. Ed è una delle performer più richieste dagli studios pornografici americani e non più importanti, e ora si attende l’uscita della parodia porno di Solo: A Star Wars Story intitolata significativamente Hand Solo.

Ma la Valentina Nappi fulcro di un sistema e business dell’hardcore si esaurisce nell’attimo iniziale in cui, in taxi, appena giunta a Roma, controlla sull’iphone i suoi siti e i suoi social network. La Valentina che vedremo da quel momento in poi è un’altra, quella più vera, più genuina, con la sua verace parlata napoletana. E finanche in un film dove l’atto sessuale occupa una buona parte, l’approccio di Monica Stambrini si configura come antipornografico, evitando tutti i cliché e con un linguaggio agli antipodi di quello dei filmati XXX comuni. Quello che in questi non si vedrà mai sono i momenti di vera intimità che precedeno l’incontro, sopratutto il ciclo, che ci riporta alle coordinate femminili. E poi mettersi gli assorbenti, l’igiene intima e non, lavarsi, pulirsi, lavarsi i denti, vestirsi. Così è per il ‘fuckfriend’ che raggiunge Valentina, sul quale la regista indugia mentre mangia l’hamburger con le patatine, sulle mani sporche, con cui fa scarpetta della salsa rimasta sulla scatola, e sulle labbra unte. La stessa Valentina richiama l’aspetto olfattivo, ironizzando sull’alito alla cipolla. La sessualità che viene colta è verace, genuina, non è quella asetticamente patinata, seriosa e stereotipata dei film porno. Il fatto stesso che i due si conoscano già garantisce la spontaneità dello scivolare nel sesso, senza morbosità né forzature. Ancora diversa dalle scene preparatorie d’atmosfera – il postino, il pizzaiolo, la massaggiatrice –, dei porno, tanto sbrigative quanto mal realizzate. Se nel riprendere l’atto sessuale Monica Stambrini non usa inquadrature, punti di vista diversi da quelli di un normale video hard, tuttavia abbiamo comunque l’impressione che sia reale, continuo, improvvisato e libero e non un assemblaggio di pezzi ripresi magari in tempi diversi. L’orgasmo arriva davvero al momento giusto. La regista li segue sotto le coperte, ne coglie l’intimità e la complicità scherzosa. Forse ha filmato la prima scopata vera nella storia del cinema.

Monica Stambrini rimane una presenza invisibile, giocando anche con un’assenza dichiarata. Sappiamo che c’è lei dietro l’unica videocamera, e peraltro la vediamo anche un attimo in un riflesso, ma Valentina all’inizio, parlando al telefono la colloca altrove, dicendo che Monica non può ospitarla perché ha i bambini a casa e non ha spazio. E curiosamente dall’altro capo del telefono, quindi pure in un’altra città, c’è il fidanzato Giovanni Lagnese, che però compare nei titoli di coda come fotografo di scena. Quel momento della telefonata è l’unica messa in scena, l’unica finzione architettata per poter raccontare al meglio la verità.

Dagli albori dell’hardcore cinematografico c’è sempre stato chi ha cercato il punto di vista femminile, per differenziarsi dal monopolio di quello maschile. Già in quel senso era il capotistipite Gola profonda, e poi sono arrivate registe e attrici come Gail Palmer, Annie Sprinkle e Candida Royalle fino a giungere a Erika Lust, Mia Engberg. Ora sembra importante non fare semplicemente una pornografia femminile ma cercare vie diverse, nuove, di rappresentare al femminile la sessualità, come la via tracciata dalle Ragazze del porno.

Info
Il trailer di ISVN – Io sono Valentina Nappi.
  • Io-sono-Valentina-Nappi-2017-Monica-Stambrini-001.jpg
  • Io-sono-Valentina-Nappi-2017-Monica-Stambrini-002.jpg
  • Io-sono-Valentina-Nappi-2017-Monica-Stambrini-003.jpg
  • Io-sono-Valentina-Nappi-2017-Monica-Stambrini-004.jpg
  • Io-sono-Valentina-Nappi-2017-Monica-Stambrini-005.jpg

Articoli correlati

  • Far East 2018

    Women Hell Song RecensioneWomen Hell Song

    di Tra i classici restaurati presentati al Far East Film Festival 20 non potevano mancare i pinku eiga. Women Hell Song appartiene alla fase d'oro del genere ed è opera di due storici specialisti quali il regista Mamoru Watanabe e lo sceneggiatore Atsushi Yamatoya.
  • Far East 2018

    Blue Film Woman RecensioneBlue Film Woman

    di Pinku eiga diretto dal maestro del genere Kan Mukai, Blue Film Woman mostra il volto più livido, incestuoso e deforme del Giappone 'occidentalizzato', teso verso il capitalismo più sfrenato. Un luogo in cui le famiglie vengono distrutte e le donne devono cedere al potere maschile, che è anche il potere del denaro.
  • Mille Occhi 2017

    La cugina del prete RecensioneLa cugina del prete

    di Presentata ai Mille Occhi la versione italiana del film hard di Wes Craven The Fireworks Woman, che da noi era uscito con il titolo La cugina del prete. Un prodotto tipico della Golden Age of Porn.
  • Cannes 2017

    Ecco l'impero dei sensi RecensioneEcco l’impero dei sensi

    di Il film più controverso (e celebre) dell'intera carriera di Ōshima, che scandalizzò l'occidente con la sua riflessione sull'eros, la politica dei corpi e sui corpi; in Italia, per esempio, uscì a dir poco massacrato rispetto al metraggio originale. Cannes lo ospita tra i molti 'classici' restaurati, ma a distanza di quarant'anni appare ancora un oggetto rivoluzionario.
  • Pesaro 2016

    Uscire dall’eremo: “vecchio” e “nuovo” a Pesaro

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2016 conferma le impressione ricevute lo scorso anno, dopo la prima edizione diretta da Pedro Armocida. Il tentativo di far dialogare tra loro universi distinti del fare e del pensare il cinema è forse l'unico modo per far sopravvivere uno dei festival storici del panorama nazionale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento