EstAsia 2018 – Presentazione

EstAsia 2018 – Presentazione

Si terrà dall’11 al 18 giugno la terza edizione dell’EstAsia, il festival dedicato al cinema orientale che si svolge a Reggio Emilia. Diversi titoli in anteprima italiana, tra cui Operation Mekong di Dante Lam, e pre-apertura il 5 giugno con la proiezione del sudcoreano A Taxi Driver.

Anche quest’anno torna EstAsia, festival cinematografico di Reggio Emilia, organizzato da Cineclub Peyote, Fondazione Palazzo Magnani e Comune di Reggio Emilia, che si propone di offrire un momento di riflessione sul cinema asiatico, coinvolgendo e stimolando il dialogo con le comunità straniere presenti nel tessuto provinciale e regionale.
Arrivato alla terza edizione, EstAsia – di cui da quest’anno Quinlan è media-partner – avrà una pre-apertura il 5 giugno con la proiezione del sudcoreano A Taxi Driver di Jang Hun, che declina in maniera estremamente efficace e accattivante tutti i meccanismi e le scorciatoie retoriche dei blockbuster adattandoli a uno degli eventi più tragici e oscuri della storia sudcoreana, l’episodio noto come il Massacro di Gwangju, avvenuto nel 1980.
La manifestazione emiliana poi avrà il cuore della sua programmazione nei giorni che vanno dall’11 al 18 giugno, passando inoltre per la prima volta dallo status di rassegna a quello di vero e proprio festival cinematografico: ci sarà infatti un premio assegnato da una giuria, composta da Marcello Casarini (regista), Mirca Lazzaretti (fotografa e filmmaker) e Maico Morellini (scrittore vincitore del Premio Urania e critico cinematografico).

Gli ospiti di EstAsia saranno quest’anno il filippino Paolo Villaluna, che presenterà il suo film Pedicab, e il lituano Māris Martinsons, autore di un lavoro d’ambientazione giapponese dal titolo Magic Kimono.
Inoltre in programma sono previsti anche, tra gli altri: il nuovo action dell’hongkonghese Dante Lam Operation Mekong, la scatenata commedia thailandese Bad Genius di Nattawut Poonpiriya e la dark comedy taiwanese The Great Buddha + di Huang Hsin-yao.

Programma EstAsia

Martedì 5 giugno – Arena Stalloni
Anteprima EstAsia
Ore 21,45 – A Taxi Driver
Regia: Hun Jang
(Sud Corea 2017 134’)

Lunedì 11 giugno – Cinema Rosebud
Cina Criminale
Ore 19.45 Aperitivo inaugurale
Ore 20.15 – Operation Mekong
Regia: Dante Lam
(CIina, Hong Kong 2016 124’)
Anteprima italiana

22.30 – Free and easy
Regia: Jun Geng
(Cina 2017 97′)

Mercoledì 13 giugno – Cinema Rosebud
Architetture
Ore 20.30 – Columbus
Regia: Kogonada
(Corea del Sud, USA 2017 104’)

Ore 22.30 – Silent mist
Regia: Miaoyan Zhang
(Cina, Francia 2017 101’)
Anteprima italiana

Giovedì 14 giugno – Cinema Rosebud
Amori diversi
Ore 20.30 – Malila: the farewell flower
Regia: Anucha Boonyawatana
(Thailandia 2017 97′)

Ore 22.30 – The way station
Regia: Anh Hong
(Vietnam 2017 93’)
Anteprima italiana

Venerdì 15 giugno – Cinema Rosebud
Rivoluzione dello sguardo
Ore 20.30 – The great Buddha+
Regia: Hsin-yao Huang
(Taiwan 2017 104’)
Anteprima italiana
Ore 22.30 – Dragonfly eyes
Regia: Bing Xu
(Cina 2017 81′)

Sabato 16 giugno – Cinema Rosebud
Tra oriente e occidente
Ore 17.30 – Bad Genius
Regia: Nattawut Poonpiriya
(Thailandia 2017 130′)

Ore 20.15 incontro con il regista Māris Martinsons
A seguire – Magic Kimono
Regia: Māris Martinsons
(Giappone, Lettonia 2017 102′)
Anteprima italiana
Ore 22.30 – Oh Lucy!
Regia: Shinobu Terajima
(Giappone, USA 2017 95’)

Domenica 17 giugno – Cinema Rosebud
Children
Ore 17.00 – The seen and unseen
Regia: Kamila Andini
(Indonesia/Ned/Aus/Quatar, 2017, 86′)

Ore 18.30 – The night I swam
Regia: Kohei Igarashi; Damien Manivel
(Giappone, Francia 2017 79′)

Ore 20.15 Incontro con il regista Paolo Villaluna
A seguire – Pedicab
Regia: Paolo Villaluna
(Filippine 2016 122′)

Ore 22.30 – Ashwatthama
Regia: Pushpendra Singh
(India 2017 120′)
Anteprima europea

Lunedì 18 giugno – Cinema Rosebud
The end
Ore 20.15 – Cerimonia di premiazione del film vincitore
Ore 20.30 – Pop Aye
Regia: Kirsten Tan
(Thailandia, Singapore 2017 104′)

Ore 22.30 – Blank 13
Regia: Takumi Saitoh
(Giappone 2017 70′)
Anteprima europea

Info
Il sito di EstAsia.

Articoli correlati

  • Far East 2018

    Bad Genius RecensioneBad Genius

    di A cinque anni di distanza dal folgorante Countdown il regista thailandese Nattawut Poonpiriya colpisce nuovamente il centro del bersaglio con Bad Genius, folle racconto in salsa heist ambientata nel mondo dei sorvegliatissimi esami per accedere alle più prestigiose università statunitensi.
  • Far East 2018

    Intervista Brigitte LinIntervista a Brigitte Lin

    Diva per eccellenza di un cinema pan-cinese, Brigitte Lin Ching-hsia è stata la musa di Wong Kar-wai e ha lavorato con tanti registi come Tsui Hark, Ringo Lam, Jackie Chan. L'abbiamo incontrata al Far East Film Festival 2018, dove le è stato assegnato il Gelso d'Oro alla carriera.
  • Far East 2018

    The Bride with White Hair RecensioneThe Bride with White Hair

    di A distanza di venticinque anni dalla sua realizzazione The Bride with White Hair non solo si conferma come il tassello più lucente della filmografia di Ronny Yu, ma anche come uno dei migliori punti d'incontro tra il racconto di cavalieri erranti e il mélo amoroso. Al Far East 2018 nell'omaggio a Brigitte Lin.
  • Far East 2018

    Hong Kong Express RecensioneHong Kong Express

    di Presentato al Far East Film Festival 2018 il film simbolo del cinema di Hong Kong, della nouvelle vague della cinematografia degli ultimi scampoli della colonia britannica in Cina, del cinema d'autore di tutto il sud-est asiatico, il film cult che ha fatto nascere una generazione di appassionati.
  • Festival

    Far East 2018Far East 2018

    Tagliato il traguardo della ventesima edizione, il Far East 2018 mantiene il suo ruolo di grande mappatura dell'annata cinematografica in estremo oriente e sud-est asiatico, guardando con ancora maggiore insistenza dalle parti di Pechino.
  • Notizie

    Presentato a Udine il programma del Far East 2018Far East 2018 – Presentazione

    La ventesima edizione della kermesse friulana guarda con ancora maggiore insistenza dalle parti di Pechino, e il mandarino e il cantonese possono essere oramai considerate le lingue ufficiali del festival. Ma il FEFF è sempre una mappatura del cinema in estremo oriente e sud-est asiatico.
  • Torino 2017

    A Taxi Driver RecensioneA Taxi Driver

    di Campione d'incassi e scelto dalla Corea del Sud come rappresentante per la (mancata) corsa agli Oscar, A Taxi Driver declina tutti i meccanismi e le scorciatoie retoriche dei blockbuster adattandoli a uno degli eventi più tragici e oscuri della storia sudcoreana.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento