Pesaro 2018

Pesaro 2018

La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 spegne le cinquantaquattro candeline tra futuro e passato, festeggiando il 1968 e cercando di preconizzare il cinema che verrà. Da Nostra signora dei turchi agli esordienti di oggi, autori di domani.

Con la proiezione in piazza dell’intramontabile Hollywood Party di Blake Edwards, si inaugura la 54a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, Pesaro 2018, con un programma molto fitto. Il concorso Pesaro Nuovo Cinema – Premio Lino Miccichè vede una competizione di sei film, scelti tra opere prime e seconde, accomunati da uno spirito non convenzionale e libero. Si passa da John McEnroe: In The Realm of Perfection del francese Julien Faraut, sul campione di tennis, a un viaggio surreale nel Sahara con Zerzura di Christopher Kirkley; da di Johann Lurf, film proteso in futuristiche e poetiche coordinate spaziotemporali, a Los años azules di Sofía Gómez Córdova, dramma generazionale nella provincia messicana, come ambientato in Messico, ma in interni, è América diretto dagli statunitensi Erick Stoll e Chase Whiteside; per terminare con l’italiano Beware! The Dona Ferentes del ravennate Daniele Pezzi (già presente lo scorso anno in Satellite con Tiresias (Un personaggio in tre corpi)), documentario avant-garde su un protagonista della scena musicale underground. Satellite è invece la vetrina, non competitiva, dedicata alla nuova scena avanguardistica italiana con, tra le tante, opere di filmmaker che sono già conosciuti nel mondo festivaliero, come Luca Ferri, che propone Ab Ovo, o Danilo Monte con Il viaggio di nozze.

Alle protagoniste femminili del nostro cinema è dedicato l’evento speciale We Want Cinema, a cui si abbina anche un volume edito da Marsilio. Sguardi di donne nel cinema italiano, che omaggia registe ‘classiche’ come Lina Wertmüller, fino ad arrivare alle più giovani Laura Bispuri, Giada Colagrande, Alina Marazzzi, Francesca Comencini… [continua a leggere]

Info
Il sito della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018.
Il programma della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018.

Articoli correlati

  • Pesaro 2018

    Beware! The Dona Ferentes RecensioneBeware! The Dona Ferentes

    di Visto in concorso all'ultima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, opera del filmmaker Daniele Pezzi, Beware! The Dona Ferentes segue il musicista sperimentale Dona Ferentes realizzando una riflessione su come musica e rumore possano essere tradotte in un equivalente di immagini filmiche.
  • Pesaro 2018

    Los años azules RecensioneLos años azules

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, Los años azules è un racconto di vita di alcuni ragazzi che vivono in una sorta di comune, un palazzo fatiscente che è un crocevia delle precarie vite di giovani tra i venti e i trent'anni.
  • Pesaro 2018

    ★ Star Recensione★ – Star

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, ★ è il primo lungometraggio del filmmaker austriaco Johann Lurf, un lavoro di found-footage con i cieli stellati della storia del cinema.
  • Pesaro 2018

    Zerzura RecensioneZerzura

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, Zerzura è l'odissea di un tuareg, il viaggio in un deserto dove echeggiano i miti ancestrali dell'umanità.
  • Pesaro 2018

    L'empire de la perfection RecensioneL’empire de la perfection

    di In concorso a Pesaro 2018, L'empire de la perfection è uno straordinario, ipnotico e stratificato film/saggio sul cinema e sul tennis. Sul cinema sportivo; sul gesto tecnico e atletico; su un microcosmo fatto di terra rossa. E su un campione probabilmente irripetibile: John McEnroe.
  • Festival

    Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 – Presentazione

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 spegne le cinquantaquattro candeline tra futuro e passato, festeggiando il 1968 e cercando di preconizzare il cinema che verrà. Da Nostra signora dei turchi agli esordienti di oggi, autori di domani.
  • Cannes 2018

    La strada dei Samouni RecensioneLa strada dei Samouni

    di La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv.
  • Archivio

    Figlia mia RecensioneFiglia mia

    di Figlia mia di Laura Bispuri, in concorso alla Berlinale e in uscita in sala, mette in mostra una lunga serie di difetti endemici, da una scrittura frettolosa a un'astrazione ingiustificata, che finisce per eliminare qualsiasi reale 'sangue' a una vicenda fin troppo schematica.
  • Torino 2017

    Riccardo va all’inferno

    di Riccardo va all'inferno è la rilettura in salsa borgatara (il supposto regno è quello del 'Tiburtino Terzo') del Riccardo III di Shakespeare; tra musical e grottesco iperreale Roberta Torre firma un'opera non priva di ambizioni e di fascino, ma troppo sbrindellata sotto il profilo narrativo.
  • Torino 2017

    Dionisio nel ’69

    di , Presentato nell'omaggio a Brian De Palma del Torino Film Festival, Dionisio nel '69 è uno dei primi film del regista, una ripresa teatrale di un lavoro di William Finley, da cui trapelano le inquietudini dell'epoca.
  • Locarno 2017

    Amori che non sanno stare al mondo

    di Amori che non sanno stare al mondo, il nuovo lavoro di Francesca Comencini, procede in altalena fra spunti interessanti e vertiginosi tonfi stilistici, con una scrittura non all'altezza. In Piazza Grande a Locarno 70.
  • Roma 2016

    La ragazza con la valigia RecensioneLa ragazza con la valigia

    di Secondo capitolo della trilogia adriatica di Valerio Zurlini, presentato nella retrospettiva dedicata al regista bolognese della Festa del Cinema di Roma. Lorenzo e Aida sono i protagonisti della tipica tempesta di passioni zurliniana, un amore impossibile per motivi sociali e generazionali che si snoda al ritmo di Verdi, Mina e Celentano.
  • DVD

    Nostra signora dei turchi

    di In dvd per Rarovideo e Mustang Entertainment il primo film di Carmelo Bene in versione restaurata. Un ricco cofanetto da edizione critica con due dischi e un libro. Tra i vari contributi, il cortometraggio Hermitage e una lunga intervista di Bene con Sandro Veronesi.
  • Archivio

    Vogliamo anche le rose

    di Vogliamo anche le rose è un atto d’amore, essenziale e sentito, alle donne che come la regista (prima di lei, considerando il fattore anagrafico) sentirono la necessità di riscoprire il loro ruolo, il loro senso, le proprie esigenze vitali.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento