Obbligo o verità

Obbligo o verità

di

Tornata sul versante più ludico della sua produzione, la Blumhouse offre con Obbligo o verità un intrattenimento orrorifico facile, effimero nella concezione ma anche poco incisivo nella messa in scena.

Gioco dannato

Durante una vacanza in Messico, un gruppo di studenti viene avvicinato da un misterioso coetaneo, che li conduce in un santuario abbandonato dove propone loro il classico gioco dell’”obbligo o verità”. Il gruppo, annoiato, accetta di giocare: ma, al suo ritorno a casa, scoprirà che il gioco prosegue inspiegabilmente anche nella vita reale, con conseguenze potenzialmente mortali… [sinossi]

Dopo i riconoscimenti ottenuti per Scappa – Get Out, con la nomination all’Oscar e lo sdoganamento presso un target cinefilo non necessariamente (solo) legato al genere horror, dopo la “resurrezione” di un autore come M. Night Shyamalan, favorito di un’insperata seconda giovinezza, la Blumhouse continua ad alternare ai suoi progetti più ricercati e ragionati, un buon numero di prodotti di più modeste dimensioni e più facile consumo, pensati per tenere vivo il sempre redditizio mercato dei teen horror. Proprio a questo tipo di target, fin dall’inizio parte importante del bacino di spettatori della factory di Jason Blum, si rivolge in primis Obbligo o verità, variante sul tema dei vari Final Destination con un po’ dello sguardo cinico sul mondo post-adolescenziale di film come Unfriended, e un pizzico (ma solo un pizzico) della logica orrorifica del contagio e del male pervasivo di un’opera come It Follows. Può sembrare quasi una bestemmia citare un film come quello di David Robert Mitchell, certo tra i più interessanti e riusciti horror degli ultimi anni, accanto a un prodotto di ben diverse ambizioni (e riuscita) come il film di Jeff Wadlow: ma l’accostamento può servire, se non altro, a dare un’idea di come soggetti parzialmente affini, almeno nei concetti di base, possano condurre a risultati completamente diversi per spessore, atmosfere, approccio al genere e sua lettura.

L’idea del contagio e del male che si riproduce e replica, in effetti, poteva trovare una diversa sistemazione (e un altro peso) in un soggetto come quello del film di Wadlow, pur basato su un materiale di base, in sé, abbastanza standardizzato: ma lo script, fedele al titolo e al suo elemento di partenza, sceglie di dare al tutto un approccio squisitamente ludico e da (pur macabro) scherzo adolescenziale, affine a quella divagazione orrorifica, da cui la trama muove, dello spring break che saluta la fine della giovinezza. Si gioca, insomma, e in questo senso siamo abbastanza vicini a un altro prodotto Blumhouse come l’inoffensivo Ouija (con relativo sequel): le morti dei giovani che si susseguono nel racconto sembrano non turbare più di tanto il sempre più ristretto gruppo di superstiti, mentre il sangue (forse per non limitare il target di riferimento nel mercato americano) viene sparso solo per il minimo indispensabile, restando sempre al di qua del dettaglio cruento e splatter. Più che veri e propri limiti di realizzazione, quindi, a questo in parte godibile, quanto effimero, Obbligo o verità, vanno imputati semmai limiti di concezione: risaputi, e tagliati narrativamente con l’accetta, tutti i personaggi che compongono il gruppo che si confronterà col gioco maledetto al centro della trama, scontate le dinamiche interpersonali che li legano, tutt’altro che imprevedibili i principali snodi di trama.

Certo, il richiamo alla sincerità (e alle sue conseguenze) di un gioco come quello del titolo poteva dar adito a qualche interessante riflessione sul peso della menzogna nel mantenimento dei legami sociali (specie in un universo come quello giovanile): ma lo script, anche da questo punto di vista, sceglie di volare basso, limitandosi a delineare un susseguirsi di schermaglie sentimentali sconvolte (a volte in modo volutamente grottesco) dall’irrompere della maledizione; alzando un po’ il tiro in questo senso solo nella parte conclusiva, quando viene tirato in ballo il lutto di uno dei personaggi principali. Di nuovo, siamo di fronte a consapevoli scelte, nel segno di un approccio dichiaratamente facile, ludico e volutamente stereotipato. Resta comunque, nel film di Jeff Wadlow, una regia tutt’altro che memorabile, priva di fantasia anche nella rappresentazione delle morti (al netto della già ricordata mancanza di graficità), capace di appiattire anche alcune delle sequenze a più alto potenziale di tensione: tra queste, citeremmo quella, sciupata per come viene diretta, della passeggiata di un personaggio su un cornicione. Se quindi, da una parte, l’approccio easy ed evanescente al soggetto costituisce il principale limite del film, la regia poco incisiva e priva di guizzi ne castra ulteriormente il potenziale d’intrattenimento. Da questo punto di vista, invero, l’unica intuizione degna di nota (e con un qualche elemento di originalità) resta il lavoro sulle espressioni facciali degli individui posseduti, rese con una distorsione effettivamente non priva di inquietudine.

Sarebbe inutile (e tutto sommato anche ingeneroso, in un genere in cui un certo grado di forzatura può essere fisiologico, e persino accettabile) stare a elencare i passaggi a vuoto della trama e gli elementi più meccanici e pretestuosi che l’intreccio presenta: ci limitiamo qui a rimarcare come la conclusione, da questo punto di vista, appaia fuori tono e un po’ posticcia, forse frutto di una mancanza di soluzioni credibili all’interno dei confini che il soggetto si era dato. Il regista e i co-sceneggiatori, in questo senso, hanno dimostrato (ancora una volta) scarsa dimestichezza nella gestione di un soggetto che finisce per avvitarsi su se stesso, prima vittima del “gioco” da esso stesso messo in moto. Un gioco che comunque, fermi restando i suoi limiti intrinseci, riesce a offrire un discreto intrattenimento nelle premesse ludiche che offre, facendosi poi rapidamente (e altrettanto inconsapevolmente) dimenticare.

Info
Il trailer di Obbligo o verità.
  • Obbligo-o-verità-2018-Jeff-Wadlow-001.jpg
  • Obbligo-o-verità-2018-Jeff-Wadlow-002.jpg
  • Obbligo-o-verità-2018-Jeff-Wadlow-003.jpg
  • Obbligo-o-verità-2018-Jeff-Wadlow-004.jpg
  • Obbligo-o-verità-2018-Jeff-Wadlow-005.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Insidious: L’ultima chiave

    di Quarto capitolo della saga horror prodotta dalla Blumhouse, Insidious: L'ultima chiave sembra più interessato a giustificare in modo quasi maniacale la serialità in cui è inserito che a spaventare.
  • Archivio

    Auguri per la tua morte RecensioneAuguri per la tua morte

    di Declinando in chiave slasher Ricomincio da capo, senza rinunciare alla verve comica, Auguri per la tua morte (Happy Death Day) è un susseguirsi di variazioni, di immediati e plurimi remake, di reboot che si cannibalizzano nel giro di pochi minuti, addirittura secondi.
  • In sala

    Amityville – Il risveglio

    di Ennesimo tassello di una infinita saga horror cominciata nel 1979, Amityville - Il risveglio riporta in scena la celebre casa stregata, ma lo fa con poche timide idee.
  • Archivio

    Scappa - Get Out RecensioneScappa – Get Out

    di Esiste razzismo negli States post-Obama? E se sì, in che modo si articola? Con Scappa - Get Out, l'attore Jordan Peele esordisce alla regia per la Blumhouse tracciando con intelligenza i contorni di un thriller che guarda agli stati d'allucinazione degli anni '70.
  • Archivio

    split recensioneSplit

    di Secondo film realizzato con la Blumhouse Production, Split è un tesissimo thriller che ci riporta alla poetica originaria di Shyamalan, agli spazi chiusi, alle geometrie della scrittura e della messa in scena, a quel passato che credevamo perduto.
  • Archivio

    Ouija – L’origine del male

    di Con Ouija - L’origine del male, Mike Flanagan prova a dare un prequel allo stanco horror datato 2014; ma le buone premesse della prima parte si sfaldano rapidamente in un’evoluzione risaputa e derivativa.
  • Archivio

    La notte del giudizio Election Year RecensioneLa notte del giudizio – Election Year

    di Terzo capitolo della saga neocarpenteriana, La notte del giudizio - Election Year costruisce una metafora politica di inquietante attualità. La forza della tesi però si disperde a tratti nella pratica di personaggi appena abbozzati e di snodi narrativi grossolani.
  • Archivio

    The Visit RecensioneThe Visit

    di Il ritorno di M. Night Shyamalan alle timbriche dei primi film mostra un regista intelligente, acuto, perfettamente in grado di adattare la propria poetica a un budget ridotto.
  • In Sala

    Poltergeist

    di Sia che lo si guardi come remake (sbiadito) del classico di Hooper e Spielberg, sia come ghost story moderna, il nuovo Poltergeist si segnala per la sua mediocrità, e la sua natura di bignami di stilemi e topoi dell'horror di ieri e di oggi.
  • Archivio

    Insidious 3 RecensioneInsidious 3 – L’Inizio

    di Subentrando in cabina di regia a James Wan, Leigh Whannell dirige un prequel che si rivela fedele alle atmosfere e all'estetica del franchise; pagando però molto a livello di qualità della scrittura e configurandosi come un prodotto dedicato principalmente agli appassionati.
  • Archivio

    Ouija RecensioneOuija

    di Esordio alla regia di Stiles White, sceneggiatore specializzato in storie di occultismo, che confeziona un filmetto, un thriller annacquato, una sceneggiatura di chi non sa più, e mai, che pesci pigliare.
  • Archivio

    It Follows RecensioneIt Follows

    di L'opera seconda di David Robert Mitchell è un teen-horror non privo di ironia che metaforizza la paura del contagio dell'AIDS. Presentato alla Semaine de la critique di Cannes e selezionato al TFF 2014.
  • Archivio

    Oculus

    di Partendo da un corto del 2006, Mike Flanagan realizza un horror più interessante che spaventoso, focalizzandosi (forse troppo) sugli incastri della sceneggiatura e sull'intreccio dei piani temporali.
  • Archivio

    Unfriended RecensioneUnfriended

    di Horror derivativo dell’era ipermediale, Unfriended combina idee e luoghi di altri film con un’esecuzione frenetica e godibile.
  • Archivio

    Friend Request RecensioneFriend Request – La morte ha il tuo profilo

    di I social network come specchio (nero) del subconscio, la modernità e l'ancestrale, webcam e streghe. Thriller/horror originale, tra convenzione e modernità, Friend Request del tedesco Simon Verhoeven si rivela intelligente ed efficace malgrado qualche calo di tensione.
  • In sala

    shut in recensioneShut In

    di Esordio cinematografico per Farren Blackburn, Shut In è un thriller/horror scontato e prevedibile su una donna sola e isolata, interpretata da una affannata Naomi Watts.
  • In sala

    La prima notte del giudizio RecensioneLa prima notte del giudizio

    di Giunta al quarto capitolo, la saga ideata da James DeMonaco incappa in una seria battuta d'arresto: La prima notte del giudizio non riesce a tenere saldi i principi post-carpenteriani e naufraga in un confuso prequel con troppi personaggi, con maldestre scene d'azione e con accennate riflessioni simbolico-politiche.
  • DVD

    Le cinque chiavi del terroreLe cinque chiavi del terrore

    di Fantastico morale, natura e cultura, cabala e lettura dei tarocchi. Le cinque chiavi del terrore di Freddie Francis sposa un'idea di horror minimale ed elementare, che comprende in sé ironia beffarda e sberleffo ai limiti della razionalità umana. In dvd e blu-ray per Pulp Video e CG.
  • In sala

    Ancora auguri per la tua morte RecensioneAncora auguri per la tua morte

    di Tornando a declinare in chiave slasher Ricomincio da capo, Ancora auguri per la tua morte aggiunge una molteplicità di ingorghi spazio-temporali al precedente capitolo e alimenta, sulla carta, il godimento macabro da teen movie impazzito.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento