Thelma

Thelma

di

Girato con innegabile maestria, Thelma di Joachim Trier è un romanzo di formazione con venature horror che cade in qualche facile simbolismo e in un certo insistito intento educativo, ma che si rivela al contempo efficace e, a tratti, visionario.

Riesci ancora a volare?

Thelma è una timida ragazza di provincia cresciuta in una famiglia molto religiosa e appena arrivata a Oslo per frequentare l’università. Qui conosce Anja e presto l’amicizia tra le due si trasforma in un sentimento più profondo: proprio allora, però, Thelma scopre di avere dei poteri inquietanti e incontrollabili, legati a un terribile segreto del suo passato… [sinossi]

Nell’ambito di un cinema contemporaneo in cui i grandi maestri dell’horror-thriller come Dario Argento, John Carpenter, Brian De Palma e Joe Dante si sono auto-seppelliti o sono stati pensionati anticipatamente – con l’eccezione, pare, di De Palma – un film come Thelma del danese di nascita ma norvegese d’adozione Joachim Trier non può che apparire prezioso. Prendendo a modello una storia che ha uno scheletro molto simile a quello di Carrie – Lo sguardo di Satana, Trier mette in scena i turbamenti esistenzial-sessuali di una giovane donna, Thelma per l’appunto, che – provenendo da una famiglia molto religiosa e bigotta – scopre in sede universitaria di essere attratta da un’altra ragazza e di possedere dei poteri che non le riesce di controllare, legati evidentemente a delle pulsioni di natura sessuale.
Trier lavora in maniera certosina sulle premesse del film, costruendo un’atmosfera inquietante e affascinante e facendo ricorso anche a soluzioni visive ormai purtroppo dimenticate, come ad esempio degli imponenti campi lunghissimi dall’alto – dal sapore hitchcock-argentiano – in cui la figura della protagonista si confonde con quella dei passanti, creando così ulteriore spaesamento nello sguardo dello spettatore.
Ma, una volta che si è riusciti a creare l’empatia giusta con la protagonista e con la ragazza che ama, Thelma finisce inevitabilmente per scoprire un po’ troppo le carte e per insistere perciò – in modo forse poco opportuno – sul versante familiare di lei e dunque sulla sua educazione esasperatamente restrittiva che ha finito per reazione per far crescere nella ragazza delle oscure tentazioni verso il maligno. La descrizione del coté familiare appare infatti il lato più debole del racconto, quello più forzato e stereotipato, dove i personaggi del padre e della madre si rivelano esattamente per quello che sono, senza alcun rivolgimento: chiusi mentalmente, retrivi e ottusamente devoti a una certa idea del mondo che rifugge l’alcol, le relazioni omosessuali e qualunque altro aspetto dell’esistenza che possa fuorviare dalla norma di una condotta di vita ossequiosa dei dettami del Signore.

Nonostante ciò, il film di Trier riesce comunque a stare in piedi e a convincere soprattutto per la sopraffina capacità di costruire atmosfere di tensione, come ad esempio nella magnifica sequenza del teatro dell’opera in cui l’amica biricchinamente si rivela per la prima volta alla protagonista provocando in lei – e, soprattutto, nel mondo che la circonda, visti i suoi poteri – reazioni contrastanti e terremoti emotivi.
Su tutto, c’è un sentore da film educativo, da film sulla liberazione sessuale rispetto al confronto meccanico con l’ossessivo cristianesimo dei severi genitori; un sentore che pesa e che tarpa le ali, in particolare per via di certi grossolani simbolismi – il serpente a rappresentare, ovviamente, il sesso; l’uccellino a simboleggiare, naturalmente, la precarietà della vita e la sua voglia di continuare a volare. I maestri che Trier omaggia, Argento e De Palma in particolare, non si ponevano – e non si pongono – certi problemi, non hanno l’intento di insegnare qualcosa alle nuove generazioni, ma pensano piuttosto – esclusivamente – ad atterrire il pubblico e a sconvolgerlo con le loro riflessioni sullo sguardo che sono – caratteristicamente e caratterialmente – conformi a un’idea di cinema-cinema. Al contrario, Trier dà più volte l’impressione di non credere all’autosufficienza discorsiva della macchina cinematografica – e, in fin dei conti, come dargli torto di questi tempi? – finendo così per annacquare in parte la forza di un racconto sorretto comunque da una regia eccellente e, a tratti, visionaria.
Il nuovo lavoro di Trier finisce così per apparire come un film di grande – e spesso riuscita – ambizione e dalle preziose tendenze manieristiche, ma in cui forse si sarebbe dovuto osare ancora di più.

Info
Il trailer di Thelma.
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-001.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-002.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-003.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-004.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-005.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-006.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-007.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-008.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-009.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-010.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-011.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-012.jpg
  • Thelma-2017-Joachim-Trier-013.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2017

    Omicidio a luci rosse

    di La summa delle reminiscenze hitchcockiane nel cinema di Brian De Palma si trova in Omicidio a luci rosse, ritratto di un voyeur che soffre di claustrofobia e l'unica azione che conosce è guardare, desiderare attraverso lo sguardo. Un mini-saggio divertito sul cinema, e sul suo impalpabile potere.
  • Torino 2017

    Fury

    di Onirico, seducente, inquietante, Fury di Brian De Palma è un miscuglio ardito di generi che esplora tutte le spaventose inquietudini dell'adolescenza, e del suo autore.
  • Torino 2017

    Blow Out

    di Brian De Palma riflette sul cinema che ama e sul suo cinema, in un thriller fantapolitico e giocosamente postmoderno, perché certo, Blow Up è già stato fatto, ma si può comunque fare Blow Out.
  • Torino 2017

    Omicidio in diretta RecensioneOmicidio in diretta

    di Con Omicidio in diretta Brian De Palma firma un thriller tesissimo, che una volta di più ragiona sull'immagine e sulla sua presunta 'verità'; con uno splendido Nicolas Cage e uno dei più elaborati piano-sequenza della storia del cinema.
  • Torino 2017

    Le due sorelle RecensioneLe due sorelle

    di Ambiguità, doppiezza dell'anima e doppiezza dello sguardo. Traendo spunto da reminiscenze hitchcockiane, Le due sorelle di Brian De Palma interroga il cinema e i suoi strumenti consolidati, riflette su di essi.
  • Trieste S+F 2016

    Il gatto a nove code RecensioneIl gatto a nove code

    di Della tetralogia animale Il gatto a nove code è forse il titolo più rimosso, eppure dimostra al di là di ogni fraintendimento l'acume cinefilo e teorico di Dario Argento. Il Trieste Science+Fiction l'ha proiettato in 35mm.
  • Cult

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Uno dei capolavori di Dario Argento, Suspiria, festeggerà tra pochi mesi i quaranta anni; un'occasione ideale per tornare a ragionare su uno dei capisaldi del fantastico, italiano e mondiale.
  • In sala

    Segreti di famiglia

    di Produttivamente ambizioso e dal respiro hollywoodiano, Louder Than Bombs - in uscita nelle sale italiane con il titolo di Segreti di famiglia - è una montagna che partorisce un topolino, nonostante il lavoro di scrittura e di montaggio.
  • Torino 2014

    Profondo rosso RecensioneProfondo rosso

    di Al Torino Film Festival è stata presentata la versione restaurata in digitale del capolavoro di Dario Argento. L'occasione per aprire nuovamente gli occhi su uno dei titoli fondamentali del cinema thriller e horror degli ultimi quarant'anni.
  • Cannes 2011

    Oslo, 31. August

    di Joachim Trier firma un dramma teso, accorato e sinceramente coinvolgente, che ha forse nella sua prevedibilità narrativa l'unico difetto. A Cannes 2011.
  • TFF 2018

    The Guilty RecensioneIl colpevole – The Guilty

    di In concorso al Torino Film Festival 2018, Il colpevole - The Guilty è l'opera prima del danese Gustav Möller, incentrata su una regola semplice: tutto il film si svolge nel centralino di una stazione di polizia e tutte le storie sono raccontate indirettamente attraverso le chiamate d'emergenza.
  • Prossimamente

    blue my mind recensioneBlue My Mind – Il segreto dei miei anni

    di Blue My Mind è l'esordio alla regia della svizzera Lisa Brühlmann: un coming of age che ben presto dirazza muovendosi in direzione dell'horror e del fantastico. Non tutto viene risolto in modo convincente, ma il film è un'opera prima interessante e ricca di ambizioni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento