Uscite in sala 28 giugno 2018

Uscite in sala 28 giugno 2018

L’estate incombe con la sua afa, e i pronostici d’incasso volgono verso il pessimismo. Difficile che ad andare controtendenza possano essere titoli come quelli di Jason Reitman, Yorgos Lanthimos, Olivier Marchal, Hafsteinn Gunnar Sigurdsson o il remake di Papillon con Charlie Hunnam al posto di Steve McQueen.

 

TULLY
di Jason Reitman

Jason Reitman torna a dialogare con le sceneggiature di Diablo Cody, ma i risultati di Juno e Young Adult sembrano abbastanza lontani. In realtà di temi interessanti questa nuova commedia, agrodolce il necessario, ne solleva non pochi; peccato però che li abbandoni ben presto per una tirata tutt’altro che necessaria sui valori della famiglia e sull’accettazione del proprio ruolo di donna/madre. Era lecito aspettarsi di più, per quanto non se ne possa scrivere “male”.

Marlo sta per avere il terzo figlio, sebbene lei e il marito non siano certo ricchi, abbiano già due bambini che danno parecchio da fare e il tempo scarseggi. All’arrivo della neonata, Marlo si fa convincere dal fratello benestante a ingaggiare Tully, una giovane “tata per la notte” che pagherà lui e che permetterà a Marlo almeno di dormire e prendersi più cura di se stessa. [sinossi]

 

IL SACRIFICIO DEL CERVO SACRO
di Yorgos Lanthimos

Il cinema di Yorgos Lanthimos continua ad apparire freddo, calcolatore, misurato e geometrico fino alle estreme conseguenze ma di fatto vuoto, senza sostanza reale al di là di una confezione che appare film dopo film sempre più perfetta. Questa sua creatura, che arriva in Italia a oltre un anno di distanza dalla sua presentazione a Cannes e che la Lucky Red ha rimandato più volte – probabilmente perché non sapeva come gestirla – è solo l’ennesima conferma di un talento visivo che non sembra però avere in fin dei conti granché da dire.

Steven, carismatico chirurgo, è obbligato a fare un sacrificio impensabile quando il figlio di un suo paziente deceduto inizia a perseguitarlo… [sinossi]

 

LA TRUFFA DEL SECOLO
di Olivier Marchal

Olivier Marchal firma forse la sua opera meno ispirata, pur mantenendosi nei solchi del polar che tanto gli è caro e muovendosi in un sottobosco criminale che prende spunto dalla realtà recente transalpina. Un paio di sequenze ben costruite servono a destare l’attenzione del pubblico, ma si rimpiangono i tempi di Gangsters e 36 Quai des Orfèvres.

Antoine Roca è un imprenditore in grosse difficoltà economiche e finanziarie. Per salvare la propria situazione decide di aggirare lo stato francese sfruttando una scappatoia nel sistema di tassazione del carbone. Una truffa che lo condurrà in una spirale discendente fatta di banditismo finanziario e corruzione. [sinossi]

 

L’ALBERO DEL VICINO
di Hafsteinn Gunnar Sigurdsson

Il cinema islandese non è più una novità per il popolo cinefilo, così come il nome di Hafsteinn Gunnar Sigurdsson, che sette anni fa tornò trionfante dal Torino Film Festival con Either Way, poi perfino rifatto da David Gordon Green negli States con Prince Avalanche; stavolta sono le faide familiari a interessare il regista islandese, che si lancia in un dramma grottesco con qualche lampo ma in fin dei conti canonico, e alla lunga perfino stancante.

Agnes scopre il compagno Atli mentre guarda un video porno di cui lui stesso è protagonista, ma lei no: scoprendosi tradita, lo caccia di casa e gli impedisce di vedere la figlia. Atli va a stare dai genitori, immersi a loro volta in una guerra a bassa intensità: motivo del conflitto è l’albero frondoso dei genitori di Atli, che non consente alla moglie del vicino di casa di prendere il sole in veranda come vorrebbe. [sinossi]

 

PAPILLON
di Michael Noer

Si potrebbe aprire una diatriba lunga e complessa sulla necessità di riportare alla luce le gesta di Papillon in una nuova versione, ma è meglio soprassedere. Quel che è certo è che la coppia McQueen/Hoffman si mangia a colazione gli scipiti Charlie Hunnam e Rami Malek…

Lo scassinatore Henry “Papillon” Chàrriere viene incastrato per un omicidio che non ha mai commesso, e rinchiuso in una colonia penale di massima sicurezza della Guiana Francese. Qui, il malvivente conosce il falsario Louis Dega, offrendogli protezione in cambio di un supporto per il suo progetto di fuga. [sinossi]

 

Questa settimana escono anche Hurricane – Allerta uragano (2018) di Rob Cohen, e Fotograf (2015) di Irena Pavlásková. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Papillon.

Articoli correlati

  • Notizie

    Nelle sale: A Quiet Passion, Wondestruck, Blue Kids...Uscite in sala 14 giugno 2018

    Settimana con un paio di autori non nella loro forma migliore (Todd Haynes con La stanza delle meraviglie e Terence Davies con A Quiet Passion), un vorrei-ma-non-posso di Hiromasa Yonebayashi, e un mucchietto di altri titoli davvero dimenticabili. Si sta approssimando l'estate, e si vede...
  • Notizie

    Nelle sale: La terra dell'abbastanza, Jurassic World, L'Atelier...Uscite in sala 07 giugno 2018

    Settimana di distruzioni e mondi morenti, quella che si inaugura oggi: i dinosauri, gli alieni, le lotte operaie del tempo che fu, le borgate sottoproletarie, dal Canaro in versione gore all'esordio alla regia dei fratelli D'Innocenzo. L'estate però si avvicina: come andranno gli incassi?
  • Notizie

    Uscite in sala 31 maggio 2018

    Lunedì prossimo, il 4 giugno, uscirà di nuovo sul grande schermo 2001: Odissea nello spazio, ma nel frattempo il fine settimana potrete godervi tra gli altri un divertentissimo caper movie di Steven Soderbergh e il film di Alice Rohrwacher premiato a Cannes.
  • Notizie

    Nelle sale: Mektoub, My Love, Solo: A Star Wars Story...Uscite in sala 24 maggio 2018

    Dopo la pausa dovuta al Festival di Cannes torna la pagina delle uscite in sala, per festeggiare la distribuzione dello splendido Mektoub My Love di Abdellatif Kechiche e, perché no, la nuova avventura della saga di Star Wars, dedicata alla giovinezza di Han Solo. Per il resto, a parte la Caméra d'Or 2017, nulla da segnalare.
  • Notizie

    Nelle sale: Unsane, Estate 1993, Stronger...Uscite in sala 05 luglio 2018

    Il solito imperdibile Steven Soderbergh, l'ottimo Estate 1993 che la Spagna ha anche candidato all'Oscar, il solido dramma sulla riabilitazione fisica ma ancor più sociale diretto da David Gordon Green. È un peccato che una settimana così interessante arrivi a inizio luglio.
  • Notizie

    Nelle sale: Giochi di potere, Una luna chiamata Europa...Uscite in sala 12 luglio 2018

    Potrà il fascino del mare, della risacca sulla battigia, della birra gustata sul calar del sole, essere messo in crisi dall'uscita in sala di un thriller sullo scandalo Oil for Food, da uno pseudo-fantasy sull'immigrazione e da due commedie demenziali che più demenziali non si può?
  • Notizie

    Nelle sale: Hereditary, Ocean's 8, Io Dio e Bin Laden...Uscite in sala 26 luglio 2018

    Ci si prepara alle vacanze ma in modo forse anche casuale le uscite in sala regalano una settimana più interessante e variegata del solito, a partire dall'horror di Ari Aster Hereditary per continuare con Nicolas Cage a caccia di Bin Laden e le 8 capitanate dalla sorella di Danny Ocean...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento