Uscite in sala 05 luglio 2018

Uscite in sala 05 luglio 2018

Il solito imperdibile Steven Soderbergh, l’ottimo Estate 1993 che la Spagna ha anche candidato all’Oscar, il solido dramma sulla riabilitazione fisica ma ancor più sociale diretto da David Gordon Green. È un peccato che una settimana così interessante (c’è anche il prequel de La notte del giudizio) arrivi a inizio luglio, quando la stragrande maggioranza degli spettatori ha già deciso che il buio della sala debba andare in ferie per un paio di mesi…

 

UNSANE
di Steven Soderbergh

Prima o poi qualcuno dovrà interrogarsi davvero e in maniera approfondita sul valore inestimabile di un regista come Steven Soderbergh, in grado di trasformare in materia esaltante – e personalissima – praticamente qualsiasi storia gli passi tra le mani. Un regista e un teorico del cinema, che non perde però mai occasione di confrontarsi col genere (nel caso specifico il thriller psicologico) e la natural popolare del racconto. Fa caldo, è ovvio, ma andate in sala a godere di questa nuova gemma. Non ve ne pentirete.

Sawyer Valentini, una giovane donna in carriera, lascia la sua città natale per sfuggire a un passato travagliato e iniziare un nuovo lavoro. Quando si affida involontariamente a un istituto psichiatrico, si trova di fronte alla sua più grande paura – ma è reale o è solo la sua delusione? Con nessuno apparentemente pronto a crederle e le autorità incapaci o riluttanti ad aiutarla, Sawyer deve affrontare le proprie paure. Percezione della realtà, istinto di sopravvivenza e un sistema che dovrebbe prendersi cura di noi… [sinossi]

 

ESTATE 1993
di Carla Simón

Carla Simón non è una regista nota ai più, e dopotutto nonostante i premi ricevuti in patria Estiu 1993 non è che il suo esordio. Ma la delicatezza del racconto, la profondità dello sguardo e la capacità di lavorare sul sentimento senza mai scadere nella retorica fanno di quest’opera prima un lavoro maturo e sorprendente, che sarebbe un peccato vedersi sfuggire sotto gli occhi senza concederle l’attenzione che merita. Un plauso particolare alla piccola protagonista Laia Artigas.

Spagna, estate 1993. Dopo la morte dei genitori, Frida, una bambina di sei anni, affronta la prima estate con la sua nuova famiglia adottiva nella provincia catalana. In campagna tutto è una sfida: il tempo scorre diversamente nella nuova casa e la natura che la circonda è misteriosa. Ora Frida ha anche una sorella di cui prendersi cura e deve fare i conti con sentimenti come la gelosia. Lo zio e la zia, i suoi affidatari, fanno ciò che possono per raggiungere un nuovo, seppur fragile, equilibrio quotidiano. Prima che la stagione finisca, Frida dovrà imparare ad affrontare le sue emozioni e i suoi nuovi genitori ad amarla come una figlia… [sinossi]

 

STRONGER – IO SONO PIÙ FORTE
di David Gordon Green

Presentato lo scorso autunno al Festival/Festa di Roma, il film di David Gordon Green parte da una matrice biografica – la storia di Jeff Bauman è vera, e negli Stati Uniti è arcinota – per allargare il discorso da un lato al dramma del riscatto di un uomo che ha perso le gambe, e dall’altro al risveglio di una nazione che si sente sempre sotto attacco, almeno dal 2001 in poi. Un lavoro epico e che basa gran parte della sua essenza su una natura retorica, seguendo i dettami della Hollywood classica. Molto bravo, come d’abitudine, Jake Gyllenhaal.

La storia vera di Jeff Bauman, un uomo comune la cui vicenda ha appassionato il mondo intero e lo ha reso un simbolo di speranza dopo l’attentato del 2013 durante la maratona di Boston. Il percorso eroico e profondamente personale di Jeff metterà alla prova i legami familiari, definirà l’orgoglio di una comunità e gli darà il coraggio per superare le straordinarie avversità, mentre tenterà di ricostruire la sua vita al fianco della compagna Erin… [sinossi]

 

LA PRIMA NOTTE DEL GIUDIZIO
di Gerard McMurray

James DeMonaco, ideatore della saga fanta-horror-politica La notte del giudizio, per la prima volta – dopo tre capitoli – decide di cedere la regia. E non si è trattato decisamente di un buon affare, perché Gerard McMurray non pare in grado di tenere alta la bandiera carpenter-romeriana del paradosso secondo il quale, negli Stati Uniti dei Nuovi Padri Fondatori, per dodici ore si può infrangere liberamente la legge. Tutto improntato a un orgoglio black, infatti, il quarto capitolo della Notte del giudizio annaspa tra personaggi moralisteggianti e scene d’azione maldestre. C’è tanto sangue, ma non si capisce bene come venga versato, e il discorso sulla scienza, che – pur di ottenere risultati e pur di poter sperimentare sulla natura umana – è disposta ad allearsi con delle dittature, non riesce a farsi discorso simbolico e annaspa nella confusione narrativa, come tutto il resto.

Per abbassare il tasso di criminalità sotto l’1 percento per il resto dell’anno, i Nuovi Padri Fondatori d’America (NFFA) sperimentano una teoria sociologica che dà libero sfogo all’aggressione per la durata di una notte in una comunità isolata. Quando però la violenza degli oppressori incontra la rabbia degli emarginati, il contagio esploderà dai confini periferici della città espandendosi per tutta la nazione. [sinossi]

 

L’INCREDIBILE VIAGGIO DEL FACHIRO
di Ken Scott

Tutto già visto, tutto già digerito, tutto già dimenticato in fretta e furia. Il racconto pseudo-favolistico, la moralina multietnica ma priva di reale fondamento politico – e quindi labile – le tematiche sociali messe in scena a uso e consumo di uno sguardo edificante, piccolo borghese, fastidiosamente ottimista. Nel 2018 un racconto sull’immigrazione dovrebbe avere un coraggio e un’onesta che qui, in questo bozzetto privo di identità diretto da Ken Scott, mancano completamente.

Dopo la morte della madre, l’indiano Aja parte per Parigi sulle tracce del padre mai conosciuto prima, un prestigiatore parigino recatosi in India ad imparare l’arte dei fachiri. Giunto a destinazione, si rifugia in uno store Ikea affascinato da questo strano mondo così distante dalla sua India. Da qui, inizieranno una serie di disavventure che lo porteranno a girare l’Europa e a trovare l’amore della sua vita. Questa è la storia di come un semplice viaggio può diventare straordinario. [sinossi]

 

Questa settimana escono anche Prendimi! (2018) di Jeff Tomsic, e Doraemon – La grande avventura in Antartide (2017) di Takahashi Atsushi. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Stronger.

Articoli correlati

  • Notizie

    Nelle sale: Tully, Il sacrificio del cervo sacro, Papillon...Uscite in sala 28 giugno 2018

    L'estate incombe con la sua afa, e i pronostici d'incasso volgono verso il pessimismo. Difficile che ad andare controtendenza possano essere titoli come quelli di Jason Reitman, Yorgos Lanthimos, Olivier Marchal, Hafsteinn Gunnar Sigurdsson o il remake di Papillon con Charlie Hunnam al posto di Steve McQueen.
  • Notizie

    Nelle sale: A Quiet Passion, Wondestruck, Blue Kids...Uscite in sala 14 giugno 2018

    Settimana con un paio di autori non nella loro forma migliore (Todd Haynes con La stanza delle meraviglie e Terence Davies con A Quiet Passion), un vorrei-ma-non-posso di Hiromasa Yonebayashi, e un mucchietto di altri titoli davvero dimenticabili. Si sta approssimando l'estate, e si vede...
  • Notizie

    Nelle sale: La terra dell'abbastanza, Jurassic World, L'Atelier...Uscite in sala 07 giugno 2018

    Settimana di distruzioni e mondi morenti, quella che si inaugura oggi: i dinosauri, gli alieni, le lotte operaie del tempo che fu, le borgate sottoproletarie, dal Canaro in versione gore all'esordio alla regia dei fratelli D'Innocenzo. L'estate però si avvicina: come andranno gli incassi?
  • Notizie

    Uscite in sala 31 maggio 2018

    Lunedì prossimo, il 4 giugno, uscirà di nuovo sul grande schermo 2001: Odissea nello spazio, ma nel frattempo il fine settimana potrete godervi tra gli altri un divertentissimo caper movie di Steven Soderbergh e il film di Alice Rohrwacher premiato a Cannes.
  • Notizie

    Nelle sale: Giochi di potere, Una luna chiamata Europa...Uscite in sala 12 luglio 2018

    Potrà il fascino del mare, della risacca sulla battigia, della birra gustata sul calar del sole, essere messo in crisi dall'uscita in sala di un thriller sullo scandalo Oil for Food, da uno pseudo-fantasy sull'immigrazione e da due commedie demenziali che più demenziali non si può?
  • Notizie

    Nelle sale: Hereditary, Ocean's 8, Io Dio e Bin Laden...Uscite in sala 26 luglio 2018

    Ci si prepara alle vacanze ma in modo forse anche casuale le uscite in sala regalano una settimana più interessante e variegata del solito, a partire dall'horror di Ari Aster Hereditary per continuare con Nicolas Cage a caccia di Bin Laden e le 8 capitanate dalla sorella di Danny Ocean...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento