FID Marseille 2018

FID Marseille 2018

Si svolge dal 10 al 16 luglio la 29esima edizione del FID Marseille, Festival International de Cinéma Marseille, con un programma che va dal nuovo film di Albert Serra, Roi Soleil, a una retrospettiva dedicata a Isabelle Huppert.

Al via il FID Marseille 2018 (Festival International de Cinéma Marseille), giunto alla 29a edizione, in programma dal 10 al 16 luglio, dove c’è grande attesa per il nuovo film di Albert Serra, Roi Soleil, che torna sulla figura di Luigi XIV, stavolta interpretato dall’attore Lluís Serrat, che già ha lavorato con il regista catalano, in un’opera breve di poco più di un’ora originata da una videoinstallazione.
Al concorso internazionale se ne affianca uno di sole opere francesi, tra cui spicca l’ultimo lavoro di Éric Baudelaire dal titolo Walked the Way Home, che si prospetta, in quanto sequenza di riprese del regista con il suo cellulare nei tragitti quotidiani verso il suo studio e partendo dalla suggestione di un territorio videocontrollato sistematicamente per motivi di antiterrorismo, come un’ulteriore derivazione dalla teoria del paesaggio di Masao Adachi, come lo era il suo precedente Also Known As Jihadi. Ulteriori concorsi sono quelli per le opere prime e per le opere del Groupement national des cinémas de recherche – GNCR.

A fianco dei concorsi il FID Marseille 2018 prevede una serie di ‘écrans parallèles’, tra cui spicca una retrospettiva dedicata a Isabelle Huppert, che parteciperà anche a una masterclass. Tredici film significativi di una grande carriera internazionale, che vanno da I cancelli del cielo a Violette Nozière, da Loulou a Passion fino all’ultimo Elle.
Altra retrospettiva quella dedicata a Edie Sedgwick, musa di Andy Warhol, dei quali verranno presentati una quindicina di film, tra cui The Chelsea Girls e Vinyl. Altra sezione parallela è Livre d’image, omaggio all’editore da poco scomparso Paul Otchakovsky-Laurens, fondatore della casa editrice P.O.L, che nella sua vita si è mosso tra libri e film ricoprendo la carica di presidente del consiglio d’amministrazione del FID. Verrà proiettato uno dei due film da lui realizzati, Éditeur, e poi opere come ★ – Star di Johann Lurf, appena passato a Pesaro, o La telenovela errante, il film postumo di Raúl Ruiz.
Altri écrans parallèles sono We’re gonna rock him, sulla musica nel cinema, e Histoire(s) de Portrait. In quest’ultima spiccano Dead Souls, la nuova opera di Wang Bing reduce da Cannes, Hyènes di Djibril Diop Mambéty nella versione recentemente restaurata e un episodio della storia serie di ritratti cinematografici Cinéastes de notre temps di André S. Labarthe, dedicato a Josef von Sternberg.
150 film provenienti da 37 paesi diversi nella città del polar, de Il braccio violento della legge come di Guédiguian: il cinema passa ancora di qui.

Info
Il sito di FID Marseille 2018.
[themoneytizer id=”16987-28″]

Articoli correlati

  • Pesaro 2018

    ★ Star Recensione★ – Star

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, ★ è il primo lungometraggio del filmmaker austriaco Johann Lurf, un lavoro di found-footage con i cieli stellati della storia del cinema.
  • Cannes 2018

    Dead Souls RecensioneDead Souls

    di Dead Souls è il nuovo fluviale documentario di Wang Bing, che in otto ore e un quarto torna a lavorare sulla memoria di uno dei momenti più bui dell’intera storia cinese, la deportazione nei campi di rieducazione dei cosiddetti controrivoluzionari durante il “Grande balzo in avanti”.
  • AltreVisioni

    Also Known as Jihadi

    di Vincitore al 58° Festival dei Popoli, Also Known as Jihadi di Eric Baudelaire è la storia di un jihadista che ha combattuto in Siria, ed è stato catturato e processato in Francia.
  • Locarno 2017

    Intervista a Wang Bing

    Con il trionfo a Locarno con Mrs. Fang, che segue gli ultimi giorni di vita di una donna allettata in un villaggio degradato di pescatori, Wang Bing si conferma tra i più importanti cineasti indipendenti contemporanei.
  • Locarno 2017

    La telenovela errante

    di , Raúl Ruiz torna a vivere con un'opera datata 1990, a suo tempo inconclusa e lasciata nel cassetto. Ritrovato e reintegrato ora dalla moglie Valeria Sarmiento, La telenovela errante è in concorso a Locarno 2017.
  • Berlinale 2016

    Isabelle Huppert intervistaIntervista a Isabelle Huppert

    Violette Nozière e La pianista, e poi Loulou, I cancelli del cielo, Si salvi chi può (la vita), Storia di Piera. L’elenco dei film in cui l’interpretazione di Isabelle Huppert ha segnato la storia del cinema sono davvero tanti. L'abbiamo incontrata durante la Berlinale, dove ha presentato L’avenir di Mia Hansen-Løve.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento