Polish Film Festival 2018

Polish Film Festival 2018

Dal 17 al 22 settembre si tiene a Gdynia, nel nord della Polonia, sul Mar Baltico, la 43esima edizione del Polish Film Festival, storica manifestazione che promuove il cinema nazionale, con ospiti come Jerzy Skolimowski, che riceve un premio alla carriera.

Un festival come il Polish Film Festival, che si tiene dal 17 al 22 settembre a Gdynia, nel nord della Polonia vicino a Danzica, è una manifestazione certamente da invidiare, soprattutto in Italia, dove il sostegno al cinema nazionale, al di là di promesse mai (troppo) mantenute, è sempre altamente deficitario. E infatti questo festival, giunto alla 43esima edizione, ha un’importanza fondamentale per il cinema polacco, di cui rappresenta la vetrina – vengono selezionati i film di finzione prodotti nel corso della stagione appena conclusa, vale a dire quest’anno da agosto 2017 ad agosto 2018 -, ma in cui si fa anche un indispensabile punto della situazione, nel senso che in questa settimana a Gdynia cineasti, produttori, selezionatori e distributori si ritrovano per discutere della stagione appena passata e si confrontano sulle prospettive per ripartire con la nuova stagione cinematografica.
Un appuntamento imperdibile, dunque, per chiunque faccia parte di questa comunità e per chiunque voglia approfondire lo stato di salute di questa cinematografia, che negli ultimi anni ha riacquistato vitalità, come dimostra – solo per fare un esempio – il recente successo di un regista come Pawel Pawlikowski, vincitore nel 2015 dell’Oscar come miglior film straniero con Ida, oltre che del premio per la miglior regia alla scorsa edizione del Festival di Cannes con il più recente Cold War (titolo che, ovviamente è in selezione anche qui a Gdynia).
Nato nel 1974 per iniziativa del Cineclub di Danzica Zak e dell’associazione dei cineasti polacchi, il Polish Film Festival ha sempre avuto un’impronta anti-autoritaria, opponendosi in tutta la prima fase della sua storia alla censura comunista… [continua a leggere]

Info
Il sito del Polish Film Festival 2018 di Gdynia.

Articoli correlati

  • Gdynia 2018

    Le signorine di Wilko RecensioneLe signorine di Wilko

    di Alla 43esima edizione del Polish Film Festival, per la parte retrospettiva dedicata al grande cinema polacco, è stato presentato in versione restaurata Le signorine di Wilko, film del 1979 di Andrzej Wajda, raffinatissima riflessione su un uomo di mezza età che gioca con i sentimenti di cinque sorelle, senza mai decidersi a sceglierne una.
  • Gdynia 2018

    7 Emotions Recensione7 Emotions

    di In concorso alla 43esima edizione del Polish Film Festival di Gdynia, 7 Emotions è una commedia grottesca e malinconica sul tempo andato dell'infanzia, giocata su uno spassoso paradosso, dal sapore brechtiano, quello di far interpretare i bambini protagonisti a una serie di - bravissimi - attori adulti.
  • Gdynia 2018

    La ragazza del bagno pubblico RecensioneLa ragazza del bagno pubblico

    di Per l'omaggio a Jerzy Skolimowski, che riceve quest'anno il premio alla carriera del Polish Film Festival di Gdynia, è stato presentato un suo grande classico inglese, Deep End, malamente rititolato in Italia come La ragazza del bagno pubblico. Un'esplosione di erotismo, di colori e di libertà della macchina da presa.
  • Gdynia 2018

    Werewolf

    di Costruito a partire da un’interessante idea dai contorni orrorifici – otto bambini denutriti, sopravvissuti a un campo di prigionia nazista, vengono assediati in una villa abbandonata da dei cani, a loro volta affamati – Werewolf di Adrian Panek finisce però per non osare abbastanza. In concorso al Polish Film Festival di Gdynia.
  • Gdynia 2018

    Clergy RecensioneClergy

    di Crudelissima e straripante (anche troppo) satira anticlericale, impensabile da noi, Clergy è un esplicito atto d'accusa nei confronti della Chiesta cattolica polacca, tra pedofilia, corruzione, libertinaggio e vari altri vizi annessi e connessi. In concorso alla 43esima edizione del Polish Film Festival di Gdynia.
  • Gdynia 2018

    A Hole in the Head RecensioneA Hole in the Head

    di Presentato in concorso alla 43esima edizione del Polish Film Festival di Gdynia, A Hole in the Head - esordio al lungometraggio dello sceneggiatore Piotr Subbotko - è una raffinata riflessione, amara e grottesca, sull'attore come idiota e sull'idiota come attore.
  • Festival

    Polish Film Festival 2018 - PresentazionePolish Film Festival 2018 – Presentazione

    È in corso fino al 22 settembre il Polish Film Festival 2018, giunto alla 43esima edizione, con sede nella città di Gdynia, vicino a Danzica. Una manifestazione tesa a promuovere il cinema nazionale, con ospiti come Jerzy Skolimowski, e in cui Quinlan.it è quest'anno ospite per la prima volta.
  • Cannes 2018

    Fuga RecensioneFuga

    di Thriller dell'anima fondato sull'ambiguità e la doppiezza, Fuga di Agnieszka Smoczyńska si avvia su buone premesse narrative e una spiccata cura formale, approdando però a esiti piuttosto prevedibili. Alla Semaine de la Critique.
  • Cannes 2018

    Cold War RecensioneCold War

    di Girato con eleganza impeccabile, in formato 4:3 e splendidamente fotografato, Cold War di Pawel Pawlikowski si apre con un excursus su quel che resta del folclore nella Polonia post-bellica, per trasformarsi poi in una sorta di Giulietta e Romeo ai tempi della cortina di ferro. In concorso a Cannes.
  • Trieste 2018

    Frost

    di Sharunas Bartas sposta la sua macchina da presa verso sud, fino in Ucraina, per riflettere sugli orrori del conflitto fratricida in Donbass. Acuto e dolente, Frost mette in scena un viaggio verso il cuore degli scontri che poi è un viaggio verso la consapevolezza. Presentato nel concorso lungometraggi del 29mo Trieste Film Festival.
  • Trieste 2018

    Over the Limit RecensioneOver the Limit

    di Dai Mondiali di Stoccarda 2015 fino all'oro olimpico di Rio, Over the Limit segue l'ormai ex ginnasta russa Margarita Mamun tracciando attraverso la ginnastica ritmica una parabola dell'uomo alla ricerca di motivazioni. Al 29mo Trieste Film Festival nel concorso documentari.
  • TFF 2018

    53 wars recensione53 Wars

    di Esordio nel lungometraggio dell'attrice e sceneggiatrice polacca Ewa Bukowska, 53 Wars è un dramma ossessivo, cupo e asfissiante, che sfrutta deliri onirici puramente polanskiani all'interno di un approccio cinematografico in tutto e per tutto realistico. In concorso al Torino Film Festival.
  • Rassegne

    Cold War RecensioneCiakPolska 2018 – Presentazione

    Sesta edizione per il CiakPolska, che si tiene dal primo al sette dicembre a Roma, tra la Casa del cinema e la Sala Trevi. Inaugurazione stasera con Cold War di Paweł Pawlikowski. Per celebrare il centenario della Polonia, in programma anche il recupero di alcuni grandi classici proiettati in 35mm, come Il coltello nell'acqua di Polanski.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento