Hale County This Morning, This Evening

Hale County This Morning, This Evening

di

Il regista esordiente RaMell Ross ci conduce in media res nella vita di una comunità afroamericana: Hale County This Morning, This Evening è la registrazione fedele, eppure poeticamente trasfigurata, di alcuni significativi segmenti di un ben più ampio insieme di storie. Vincitore del Perso – Perugia Social Film Festival 2018.

Bitter Home Alabama

La macchina da presa del regista RaMell Ross documenta la vita di una comunità della contea di Hale, nell’Arizona: tra episodi familiari, incontri e scontri, difesa delle radici e voglia di scappare, veniamo a contatto con le storie di Dale e Quincy, della loro squadra di pallacanestro liceale, della giovane Boosie, incinta di due gemelli, della sua famiglia, e di tutta una serie di figure più o meno collaterali. [sinossi]

Se è vero che il tema della condizione afroamericana, vero motivo trasversale che ha attraversato il cinema americano lungo tutto il corso della sua storia, ha vissuto negli ultimi anni un ritorno di interesse specifico, tanto nel panorama mainstream quanto in quello indipendente, è anche vero che approcciarsi all’argomento, nel 2018, con gli strumenti del cinéma vérité, è senz’altro compito non facile. Tanto è già stato detto, sul tema, e tanto la storia recente ne ha già modificato i contorni e la percezione, con le contraddizioni della presidenza Obama e il traumatico passaggio a quella attuale. Ci aveva comunque provato due anni fa (con risultati invero apprezzabili), l’haitiano Raoul Peck con il suo I Am Not Your Negro, scegliendo la strada della ricognizione storica, che prendeva come punto di partenza l’opera incompiuta dello scrittore James Baldwin. Ora, dopo le trattazioni storiche e contemporanee del cinema di fiction (quella di derivazione teatrale di Barriere di Denzel Washington, e quella acida, di genere, di Scappa – Get Out di Jordan Peele), il regista esordiente RaMell Ross tenta una strada completamente diversa. Il suo è un modello di documentarismo libero, radicale, che penetra direttamente nella vita del soggetto da riprendere, registrandola e trasfigurandola contemporaneamente col suo sguardo.

Non è un’opera facile, Hale County This Morning, This Evening, racconto dal di dentro di una comunità afroamericana della contea di Hale, in Alabama. Un centro pulsante di quel profondo sud che già aveva fatto da sfondo a diversi racconti americani, in quello stato di cui Neil Young, oltre un quarantennio fa, aveva evidenziato lucidamente i punti problematici. Sintetizza, il film di RaMell Ross, condensa e liricizza, ritagliando meno di 80 minuti su un totale di circa 1300 ore di girato, messe insieme in diversi anni. Il risultato è un’opera affascinante e ostica, che concede molto poco allo spettatore, ma che proprio da questa radicalità prende gran parte del suo fascino. Si muove in due direzioni apparentemente contrastanti, il film di Ross, costruendo il suo mosaico e oscillando costantemente tra l’una e l’altra. Da una parte c’è il documentarismo puro, in apparenza asettico ma in realtà partecipato, quello in cui l’osservatore si pone a diretto contatto con l’oggetto da osservare: di quest’oggetto, la presenza del regista condivide direttamente le dinamiche dell’esistenza, a volte entrando nel suo campo di azione, facendosi parte integrante del suo ”ecosistema” (lo stesso regista viene a volte appellato, direttamente, dai personaggi). Dall’altra parte c’è l’approccio più lirico, trasfigurante, che vuole rappresentare la vita della comunità (e dell’ambiente circostante) in forme simboliche, spesso oniriche, affidandosi alle luci iperrealistiche, al commento musicale, includendo spesso nell’inquadratura l’ambiente esterno (i boschi, le strade) che circondano la comunità.

In tutto ciò, Hale County This Morning, This Evening resta fiero del suo carattere a tratti criptico, facendo entrare lo spettatore nel suo mondo in media res, lasciando emergere le storie dei suoi personaggi (gli atleti liceali Daniel e Quincy, la giovane donna incinta Boosie, e tutti gli altri caratteri più o meno di contorno), senza fornire molti punti di riferimento. Il carattere apparentemente rapsodico, da free jazz per immagini, della costruzione del film, nasconde in realtà una strutturazione precisa, scandita dall’effetto (talora straniante) delle didascalie che ne illustrano i segmenti, all’insegna di un’attenta valutazione della distanza (fisica ed emotiva) da quanto viene rappresentato sullo schermo: non è un caso che proprio quando la tragedia irrompe nella famiglia al centro del film, il regista scelga di fare due passi indietro, lasciando fuori campo l’evento e le sue conseguenze, facendone filtrare solo successivamente (con efficacia forse ancor maggiore) le ferite. Il passato da fotografo di RaMell Ross emerge in modo chiaro nell’attenta costruzione dell’immagine, nel gusto figurativo che spezza una tesa sequenza (caratterizzata da un interessante esperimento di montaggio) per mostrare con taglio contemplativo una colonna di fumo proveniente da copertoni bruciati, che oscura e viene penetrata dai raggi del sole.

Mentre il film va avanti, la resa del quotidiano dei personaggi si sovrappone sempre più alla costruzione poetica del regista, trovando un punto di contatto nella rappresentazione dello scorrere del tempo, così come nell’esplicitazione del carattere isolato, autosufficiente eppure straordinariamente vitale, del microcosmo mostrato. Rifiutando ostinatamente (non solo) di declamare, ma anche di fornire una chiave d’accesso facile, diretta, a quanto vediamo sullo schermo. Ne usciamo consapevoli, più che mai, di aver assistito solo a una composizione di segmenti, piccoli ancorché ammalianti, di un ben più ampio e composito insieme di storie.

Info
La scheda di Hale County This Morning, This Evening sul sito del PerSo – Perugia Social Film Festival.
Il sito di Hale County This Morning, This Evening.
  • Hale-County-This-Morning-This-Evening-2018-RaMell-Ross-003.jpg
  • Hale-County-This-Morning-This-Evening-2018-RaMell-Ross-002.jpg

 

 

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    BlacKkKlansman RecensioneBlacKkKlansman

    di In concorso a Cannes, BlacKkKlansman ci restituisce almeno in parte uno Spike Lee graffiante e ispirato. Tra dramma, commedia e cronaca di una lotta senza fine, BlacKkKlansman cerca di rimettere a posto i tasselli storici e politici della supremazia bianca e del potere nero.
  • Prossimamente

    Scappa – Get Out

    di Esiste razzismo negli States post-Obama? E se sì, in che modo si articola? Con Scappa - Get Out, l'attore Jordan Peele esordisce alla regia per la Blumhouse tracciando con intelligenza i contorni di un thriller che guarda agli stati d'allucinazione degli anni '70.
  • Archivio

    I Am Not Your Negro RecensioneI Am Not Your Negro

    di Distribuito in occasione della giornata internazionale contro il razzismo, I Am Not Your Negro è un’opera preziosa, che da un progetto risalente ad oltre un trentennio fa allarga il suo sguardo per trattare, senza retorica, le contraddizioni e i nodi irrisolti dell’America attuale.
  • In sala

    Il diritto di contare

    di Tra period drama e biopic, Il diritto di contare evita le trappole della retorica, ma resta registicamente anonimo e poco incisivo nella resa dei personaggi di contorno.
  • In Sala

    Barriere

    di Adattamento dell'opera teatrale di August Wilson e terza regia di Denzel Washington, Barriere è un dramma solido, molto classico, dominato dalle parole e dalle performance dello stesso Washington e di Viola Davis, entrambi in corsa per una statuetta.
  • Marrakech 2018

    Regarde-moi RecensioneRegarde-moi

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Regarde-moi è il secondo lungometraggio di finzione del tunisino Néjib Belkadhi, un'opera che tratta di immigrazione, integrazione e disabilità nel mondo arabo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento