Giornate del Cinema Muto 2018

Giornate del Cinema Muto 2018

Le Giornate del Cinema Muto 2018, 37esima edizione, che si terrà dal 6 al 13 ottobre a Pordenone e di cui anche quest’anno Quinlan è media partner. In calendario un classico del muto italiano come Assunta Spina, la retrospettiva dedicata a Mario Bonnard, un inedito di Victor Sjöström, l’omaggio a John M. Stahl, maestro del melodramma americano, e molto altro ancora.

Tra gli eventi di spicco Giornate del Cinema Muto 2018 (Pordenone, 6-13 ottobre) il direttore Jay Weissberg ha voluto sottolineare la proiezione de I promessi sposi di Mario Bonnard, al quale viene anche dedicata una retrospettiva. Bonnard, attore e regista, è stato una delle figure più significative del cinema italiano sia nel periodo muto che in quello del sonoro, con una dimensione internazionale, per aver vissuto e diretto anche in Germania. I promessi sposi non sono la prima versione al cinema del capolavoro di Alessandro Manzoni, ma questa di Bonnard del 1922 è certamente la più spettacolare e si avvarrà di una nuova partitura, commissionata da Piano FVG, composta dal musicista Valter Sivilotti ed eseguita con la direzione di Massimo Belli dalla Nuova Orchestra da Camera Ferruccio Busoni in collaborazione con l’Accademia Naonis.
L’attenzione al cinema italiano si estende anche alla proiezione di Assunta Spina di Gustavo Serena e Francesca Bertini del 1915, certamente uno dei titoli più famosi all’estero, conosciuto anche come Lacrime napulitane. Il film sarà accompagnato dal duo John La Barbera alla chitarra e Carlo Aonzo al mandolino.
Legato all’Italia è anche il progetto che si impernia sulla figura di un attore e regista italo americano, Robert Vignola, di origini lucane, poi trasferitosi a Hollywood dove all’epoca del muto divenne un regista tra i più affermati. In pre-apertura di festival viene proiettato a Sacile uno dei pochissimi suoi titoli sopravvissuti, Beauty’s Worth… [continua a leggere]

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto 2018.
Il programma delle Giornate del Cinema Muto 2018.

Articoli correlati

  • Giornate 2018

    Intervista a Mauro ColombisIntervista a Mauro Colombis

    Nato a Pordenone ma di casa a Sydney, Mauro Colombis è fra i più giovani musicisti impegnati a Le Giornate del Cinema Muto. Pianista di formazione classica diplomato prima in Italia e poi a Mosca, deve proprio alla kermesse friulana la sua scelta di specializzarsi nell'accompagnamento delle immagini del passato. Lo abbiamo incontrato per una chiacchierata sulla sua formazione e sul suo lavoro.
  • Giornate 2018

    A Straightforward Boy RecensioneA Straightforward Boy

    di Dodicesimo film di Yasujirō Ozu per lunghissimo tempo creduto perduto, A Straightforward Boy si presenta oggi come il ponte che lega Charlie Chaplin a Hirokazu Kore-eda. Alle 37esime Giornate del Cinema Muto di Pordenone.
  • Giornate 2018

    The Enemy RecensioneThe Enemy

    di Giunto a noi in forma incompleta - mancante proprio di un posticcio happy end tipicamente hollywoodiano - The Enemy, diretto da Fred Niblo nel 1927, è un potente dramma antimilitarista, tanto che il suo pacifismo apparve eccessivo al pubblico dell'epoca. Alla 37esima edizione delle Giornate del cinema muto.
  • Giornate 2018

    O-Sen delle cicogne di cartaO-Sen delle cicogne di carta

    di Fra i film post-sincronizzati presentati alle 37esime Giornate del Cinema Muto di Pordenone, riemerge il magnifico e commovente O-Sen delle cicogne di carta di Kenji Mizoguchi, in cui la poetica e lo stile del gigante nipponico stavano iniziando a delineare la grandezza di uno degli autori più preziosi nella storia del cinema.
  • Giornate 2018

    L'homme du large RecensioneL’homme du large

    di Presentato alla 37esima edizione delle Giornate del cinema muto, in una bellissima copia in 35mm, capace di restituire in maniera impressionante il viraggio dei colori, L'homme du large di Marcel L'Herbier si presentava nel 1920 come un tradizionale dramma sociale ispirato a Balzac, arricchito però da uno stile nervoso e sincopato già moderno.
  • Giornate 2018

    La vedova del pastore RecensioneLa vedova del pastore

    di Secondo lungometraggio di Carl Theodor Dreyer, La vedova del pastore anticipava già nel '20 e nelle forme di una commedia apparentemente leggera di matrimoni, convenzioni sociali, acquavite e stregoneria molti di quelli che saranno i dilemmi psicologici e morali che faranno grande la sua filmografia. Alle Giornate del Cinema Muto 2018.
  • Giornate 2018

    Captain Salvation RecensioneCaptain Salvation

    di Blockbuster ante-litteram, Captain Salvation di John S. Robertson è un melodramma avventuroso sulla fede e la carità cristiana, che sogna un Nuovo Mondo più libero e giusto. Film d'apertura delle Giornate del Cinema Muto 2018.
  • Giornate 2018

    The Price of Beatrayal RecensioneThe Price of Betrayal

    di Creduto per lunghissimo tempo perduto, miracolosamente ritrovato in Svizzera e straordinariamente restaurato con piena filologia dal CNC, il dramma morale di The Price of Betrayal restituisce finalmente un altro tassello straordinario della filmografia di Victor Sjöström. Alle Giornate del Cinema Muto 2018.
  • Giornate 2018

    Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi RecensioneLe straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi

    di Nel 1924, fresco delle sue fondamentali teorie sul montaggio come interazione significante di immagini correlate, Lev Kulešov giocava apertamente in Le straordinarie avventure di Mr. West nel paese dei bolscevichi con gli stereotipi occidentali terrorizzati dalla “barbarie sovietica”. Alle 37esime Giornate del Cinema Muto.
  • Giornate 2018

    Lo spaventapasseri RecensioneLo spaventapasseri

    di , Classico mirabolante e frenetico, ripresentato alla 37esima edizione di Le giornate del cinema muto, Lo spaventapasseri è l'esaltazione del corpo-cinema di Buster Keaton e la perfetta equazione della sua visione del mondo, smontabile e rimontabile a piacimento.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto 2018 - PresentazioneGiornate del Cinema Muto 2018 – Presentazione

    Presentato oggi il programma delle Giornate del Cinema Muto 2018, che si terrà dal 6 al 13 ottobre a Pordenone e di cui anche quest'anno Quinlan è media partner. In calendario un classico del muto italiano come Assunta Spina, la retrospettiva dedicata a Mario Bonnard, un inedito di Victor Sjöström, l'omaggio a John M. Stahl, maestro del melodramma americano, e molto altro ancora.
  • Bergman 100

    Il carretto fantasma RecensioneIl carretto fantasma

    di Folgorazione giovanile di Ingmar Bergman, Il carretto fantasma è fra i capolavori più celebrati di Victor Sjöström, che già nel 1921 incastonava in un perfetto connubio visivo di naturalismo ed espressionismo la sua parabola morale di rimorsi, pentimento, perdono, redenzione e resurrezione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento