Pingyao 2018

Pingyao 2018

Tra le lanterne rosse che addobbano l’antica città cinese, con i suoi 3000 anni di storia, sta per iniziare il Festival di Pingyao 2018, manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller. Una cinquantina di pellicole selezionate, cinesi e internazionali, soprattutto opere prime e seconde.

Il Festival di Pingyao 2018, che si terrà dall’undici al 20 ottobre, verrà aperto con Half The Sky, una produzione del padrone di casa Jia Zhangke, un film a episodi di storie al femminile assegnate alle registe Daniela Thomas, Elizaveta Stishova, Ashwiny Iyer Tiwari, Liu Yulin, Sara Blecher. Ancora un’opera a episodi di storie di donne, in questo caso indiane, il film Lust Stories di Anurag Kashyap, Zoya Akhtar, Dibakar Banerjee, Karan Johar scelto come rappresentante della sezione New Media. Un altro film fuori sezione è quello scelto dal mentore del festival, il popolare attore e regista di commedie Xu Zheng. Si tratta di The Wind Guardians di Liu Kuo, il kolossal wuxia fantascientifico già campione di incassi in Cina.

La sezione competitiva Crouching Tigers, dedicata a opere prime e seconde, vedrà le proiezioni del portoghese Hotel Império di Ivo Ferreira, dell’indiano Soni di Ivan Ayr, del tunisino Dear Son di Mohamed Ben Attia, del serbo The Load di Ognjen Glavonić, del francese Les météorites di Romain Laguna, del russo The Man Who Surprised Everyone di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov, del film di Singapore A Land Imagined di Yeo Siew Hua e del cinese The Crossing di Bai Xue…
La sezione Hidden Dragons è dedicata ai più innovativi film di genere: si va dalla commedia sentimentale francese, ambientata in un mondo di detective della Costa Azzurra, En liberté! di Pierre Salvadori, alla ghost story brasiliana, The Silences di Beatriz Seigner, in una sperduta isoletta amazzonica, dal cinese When Love Blossoms di Ye Jiangtian, storia di una ragazza salvata dal suicidio da un postino, all’eccentrico Volcano di Roman Bondarchuk, ambientato nelle steppe ucraine… [continua a leggere]

Info
Il sito di Pingyao 2018.
Il programma di Pingyao 2018.

Articoli correlati

  • Pingyao 2018

    Intervista a Marco Müller

    Direttore artistico del Pingyao Film Festival, la manifestazione fondata da Jia Zhangke, Marco Müller porta avanti percorsi, idee, filoni di cinema che hanno caratterizzato la sua carriera, di oltre 35 anni, di direttore. Ne abbiamo parlato con lui in una lunga chiacchierata, durante l'ultimo giorno del festival.
  • Pingyao 2018

    Red Flowers and Green Leaves RecensioneRed Flowers and Green Leaves

    di , Presentato nella sezione Galas del 2° Pingyao International Film Festival, dove ha vinto il People's Choice Award, Red Flowers and Green Leaves, diretto da Hu Weijie e dalla regista della Quinta generazione Liu Miaomiao, appartenente all’etnia Hui, è un ritratto di personaggi di quella stessa popolazione, che vive ancora seguendo i ritmi della natura.
  • Pingyao 2018

    when love blossoms recensioneWhen Love Blossoms

    di Presentato nella sezione Hidden Dragon del 2° Pingyao International Film Festival, When Love Blossoms è l'opera prima di Tian Ye, una storia d'amore nella Cina odierna, dove enorme è il divario sociale tra ricchi e poveri e quello urbanistico tra grattacieli ed edilizia residenziale e quartieri popolari.
  • Pingyao 2018

    Patrolman Baoyin RecensionePatrolman Baoyin

    di Presentato nella sezione Made in Shanxi del 2° Pingyao International Film Festival, Patrolman Baoyin è un film di genere poliziesco distillato nelle lande della Mongolia, dove tutto è imperniato alla lentezza, alla piccolezza e alla tranquillità.
  • Pingyao 2018

    Les météorites RecensioneLes météorites

    di Presentato nel concorso Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival,dopo l'anteprima al San Sebastián International Film Festival, Les météorites è il primo lungometraggio di finzione del giovane regista francese Romain Laguna, un racconto delicato e vero sulle scoperte di vita di una adolescente.
  • Pingyao 2018

    The Load RecensioneThe Load

    di Presentato nella competizione Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, The Load di Ognjen Glavonic è un road movie ambientato durante i bombardamenti NATO sulla Serbia nel 1999, il percorso esistenziale di un uomo, di una generazione che ha visto la dissoluzione del proprio paese.
  • Pingyao 2018

    Dear Son RecensioneDear Son

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del Pingyao International Film Festival, Dear Son del tunisino Mohamed Ben Attia affronta il tema dei foreign fighter dal punto di vista dei genitori di chi è partito a combattere in Siria, ritraendo un paese sotto la psicosi del terrorismo.
  • Pingyao 2018

    Hotel Império RecensioneHotel Império

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, Hotel Império racconta in chiave noir la decadenza di Macao, l'ex colonia portoghese, quel coacervo di architetture popolari miste cinesi e lusitane che sta per essere spazzata via da uno skyline postmoderno quanto anonimo.
  • Pingyao 2018

    Half the Sky RecensioneHalf the Sky

    di , , , , Presentato in apertura del Pingyao International Film Festival, Half the Sky è un film di cinque episodi assegnati ad altrettante registe di paesi emergenti sul tema della condizione femminile nel proprio paese. Un'operazione guidata da Jia Zhangke non del tutto riuscita.
  • Festival

    Pingyao International Film Festival 2018 - PresentazionePingyao International Film Festival 2018 – Presentazione

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, sta per iniziare la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, la manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Locarno 2018

    Hotel by the River RecensioneHotel by the River

    di Secondo film dell'anno di Hong Sangsoo, Hotel by the River, in concorso a Locarno dopo Grass al Forum della Berlinale. Contemplando un fiume d'inverno, in bianco e nero, il regista sudcoreano supera le sue abituali schermaglie tra i sessi per approdare alla poesia, alla natura, alla vita e alla morte.
  • Cannes 2018

    The Pluto Moment RecensioneThe Pluto Moment

    di Raccontando la storia di un regista che non riesce a finire la sua sceneggiatura, The Pluto Moment di Zhang Ming - presentato alla Quinzaine - ragiona con nettezza intorno al tema della crisi e dell'isolamento dell'intellettuale, che sente estranea sia la Cina urbanizzata sia quella rurale.
  • Cannes 2018

    En liberté! RecensioneEn liberté!

    di Commedia e film d'azione, parodia del poliziesco, isterie post-carcere e divertenti espiazioni. En liberté! di Pierre Salvadori corre via su ritmi sostenuti e indiavolati, sorretto da buone prove attoriali di Adèle Haenel e Pio Marmaï. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2018

    Lazzaro felice RecensioneLazzaro felice

    di L'opera terza di Alice Rohrwacher, Lazzaro felice, conferma il talento della regista fiesolana, che torna a ragionare sul mondo rurale lavorando in modo ancora più estremo e diretto sul tema di un realismo magico che arriva a sfiorare il sovrannaturale. Un racconto morale sulla coscienza dell'umanità.
  • Cannes 2018

    Ash Is Purest White RecensioneAsh is Purest White

    di Con Ash is Purest White, in concorso a Cannes, Jia Zhangke prosegue il discorso sulle trasformazioni violente della Cina contemporanea e arriva a descrivere un mondo in cui la realtà, mutata repentinamente, non esiste più ed è rimasta solo la sua immagine, da guardare ammutoliti.
  • Cannes 2018

    Wildlife RecensioneWildlife

    di Melodramma anaffettivo sulla crisi di un matrimonio, Wildlife segna l’esordio alla regia, un po’ acerbo ma non privo di interesse, del talentuoso attore statunitense Paul Dano. Film d’apertura della Semaine.
  • Pingyao 2018

    Intervista a Katsumi YanagijimaIntervista a Katsumi Yanagijima

    Storico dop giapponese, noto per il sodalizio con Takeshi Kitano e per film come Battle Royale di Fukasaku o Qualcuno da amare di Kiarostami. Abbiamo incontrato Katsumi Yanagijima a Pingyao, dove ha presentato Patrolman Baoyin, film indipendente cinese di cui ha firmato la fotografia.
  • Pingyao 2018

    intervista a yeo siew huaIntervista a Yeo Siew Hua

    Pardo d'oro all'ultimo Locarno Festival con A Land Imagined, Yeo Siew Hua, regista e scrittore, è uno dei fondatori del collettivo 13 Little Pictures che raggruppa filmmaker indipendenti di Singapore. Lo abbiamo incontrato durante il Pingyao International Film Festival.
  • Berlinale 2019

    Demons RecensioneDemons

    di Presentato al Forum della Berlinale 2019, Demons del filmmaker di Singapore Daniel Hui rappresenta un cinema sperimentale che si tinge di B-movie horror per dare espressione alle inquietudini politiche e sociali della città-Stato.
  • Berlinale 2019

    Intervista a Daniel HuiIntervista a Daniel Hui

    Conosciuto in Italia per Snakeskin presentato al TFFDoc 2014, in cui vinse il premio speciale della giuria, Daniel Hui è un filmmaker e uno scrittore di Singapore. Abbiamo incontrato Daniel Hui durante la Berlinale 2019, dove ha presentato, nella sezione Forum, il suo nuovo lungometraggio Demons.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento