Doclisboa 2018 – Presentazione

Doclisboa 2018 – Presentazione

Si tiene dal 18 al 28 ottobre il festival Doclisboa 2018, diretto da Cíntia Gil e Davide Oberto, giunto alla 16esima edizione, con sede sempre nella capitale lusitana. Retrospettiva dedicata quest’anno al cineasta colombiano Luis Ospina.

In partenza Doclisboa 2018 che dal 18 al 28 ottobre proporrà un programma di 243 film, 68 anteprime mondiali e 22 internazionali. Nel concorso internazionale ci saranno 22 opere, mentre la competizione portoghese ne prevede 18. Tra tutte le sezioni, i film presentati provengono da 54 paesi. Questi sono i numeri della manifestazione di quest’anno, diretta da Cíntia Gil e Davide Oberto, che si svolgerà nelle sale del Culturgest, del Cinema São Jorge, della Cinemateca Portuguesa e del Cinema Ideal.

Ricco il programma anche delle varie sezioni collaterali. Come sempre la retrospettiva è molto preziosa. Quest’anno è dedicata al cineasta colombiano Luis Ospina, l’animatore dagli anni ’70 del Grupo de Cali. Di lui sarà presentata l’opera omnia e anche una sua carte blanche in cui sarà possibile vedere Melodrama di Jean-Louis Jorge. In From the Earth to the Moon attese le opere dei maestri Frederick Wiseman, Rithy Panh, Wang Bing e Želimir Žilnik, nonché i film di Stefano Savona e l’ultimo lavoro di Michael Moore, Fahrenheit 11/9.
In aggiunta anche i portoghesi Pe San Ie di Rosa Coutinho Cabral e The Plan di Steve Sprung. La sezione New Visions avrà come guest filmmaker James Benning e Mike Hoolboom; il focus “Sailing the Euphrates, travelling the time of the world”, con opere legate al grande fiume culla di civiltà; il focus “Transmission, Imagined Territories” con opere di Jorge Cramez, Manuel Botelho e Rui Simões.
E poi ancora Heart Beat, la tradizionale sezione su musica e danza, e la sezione The Greens Years sui registi portoghesi David Pinheiro Vicente, Cláudia Varejão e Miguel Gomes.
E infine da segnalare Arché, il laboratorio professionale del festival che avrà come tutor Marta Andreu, Luciano Rigolini e Andrés Duque. Quest’anno sono stati selezionati 12 progetti, quattro dei quali portoghesi.

Info
Il sito del Doclisboa 2018.

Articoli correlati

  • Venezia 2018

    Monrovia, Indiana RecensioneMonrovia, Indiana

    di Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2018, Monrovia, Indiana prosegue la sistematica mappatura degli Stati Uniti che Frederick Wiseman porta avanti instancabilmente e mirabilmente da mezzo secolo.
  • Venezia 2018

    les tombeaux sans noms recensioneLes tombeaux sans noms

    di Rithy Panh torna una volta di più con Les Tombeaux sans noms a interrogarsi sulla Cambogia, sulla memoria (per lui anche tragicamente autobiografica) del genocidio perpetrato dal regime dei Khmer Rossi, e sul destino dell'umanità: un'opera dolorosissima.
  • Cannes 2018

    La strada dei Samouni RecensioneLa strada dei Samouni

    di La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv.
  • Trieste 2018

    Intervista a Želimir ŽilnikIntervista a Želimir Žilnik

    Tra i maggiori autori della Onda nera jugoslava, Želimir Žilnik vanta una lunga filmografia a partire dal 1967. Lo abbiamo incontrato al Trieste Film Festival dove sono stati presentati i suoi lavori sul Sessantotto, Early Works e June Turmoil.
  • Festival

    Doclisboa 2017

    Giunto alla quindicesima edizione, Doclisboa, che si tiene dal 19 al 29 ottobre nella capitale portoghese, vanta anche quest'anno un programma molto ricco e variegato.
  • Locarno 2017

    Intervista a Wang Bing

    Con il trionfo a Locarno con Mrs. Fang, che segue gli ultimi giorni di vita di una donna allettata in un villaggio degradato di pescatori, Wang Bing si conferma tra i più importanti cineasti indipendenti contemporanei.
  • Interviste

    Intervista a Miguel Gomes

    Nel contemporaneo cinema d’autore, Miguel Gomes si è ormai ritagliato un ruolo di spicco. Dopo Tabu e dopo la personale dedicatagli dal Festival di Torino, il suo trittico Le mille e una notte, partito dalla Quinzaine, sta facendo un lungo tour per festival di tutto il mondo e sarà in sala in Italia dal 18 marzo. Abbiamo incontrato Gomes a Rotterdam.
  • DocLisboa 2018

    The Most Beautiful Country in the World RecensioneThe Most Beautiful Country in the World

    di Presentato a Doclisboa 2018 il nuovo film di Želimir Žilnik, cui il festival portoghese dedicò una retrospettiva importante quattro anni fa. Con The Most Beautiful Country in the World, che prosegue il lavoro del regista dell'Onda nera jugoslava sui rifugiati, sugli espiantati, sui reietti della società.
  • Doclisboa 2018

    Greetings From Free Forests RecensioneGreetings From Free Forests

    di Vincitore del concorso internazionale di Doclisboa '18, Greetings From Free Forests del giovane filmmaker Ian Soroka è un'opera sul paesaggio maestoso delle foreste della Slovenia quale serbatoio di ossigeno e di memoria, risorsa principale di un popolo cui ha offerto rifugio e sostentamento.
  • Doclisboa 2018

    Terra RecensioneTerra

    di , Vincitore della competizione portoghese di Doclisboa ’18, Terra è un nuovo capitolo dell'esplorazione dei registi Hiroatsu Suzuki e Rossana Torres nelle parti più remote del Portogallo rurale, dove sopravvivono tradizioni come quella di produrre il carbone vegetale nelle carbonaie all'aperto.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento