When Love Blossoms

When Love Blossoms

di

Presentato nella sezione Hidden Dragon del 2° Pingyao International Film Festival, When Love Blossoms è l’opera prima di Tian Ye, una storia d’amore nella Cina odierna, dove enorme è il divario sociale tra ricchi e poveri e quello urbanistico tra grattacieli ed edilizia residenziale e quartieri popolari.

L’ultimo risciò

Qiang fa il corriere e, durante una consegna in un teatro assiste alla prova di uno spettacolo, in una scena dove ancora un corriere salva un’impiegata, cui sta consegnando una missiva, dal suicidio. Qiang è segretamente innamorato, non ricambiato, della sua coinquilina Xia, agente di una grande società immobiliare. Un attore della compagnia ha un incidente prima del debutto e a Qiang viene chiesto di sostituirlo. Così il ragazzo invita Xia ad assistere allo spettacolo nella speranza che ciò possa fare breccia nel suo cuore… [sinossi]

Xia e Qiang escono dalla loro casa, in un quartiere popolare di Pechino, per recarsi al lavoro. Una serie di passaggi ci porta a una metropoli completamente diversa, la Pechino dei grattacieli, dei grandi ed eleganti palazzi di vetro, appena costruiti e in costruzione come giganteschi scheletri d’acciaio che spuntano come funghi, i cui appartamenti vengono messi in vendita a caro prezzo. Tian Ye mostra i due ragazzi nella loro attività lavorativa quotidiana con montaggio in parallelo. È l’incipit di When Love Blossoms, presentato nella sezione Hidden Dragon del 2° Pingyao International Film Festival.

La Cina contemporanea è il paese con il più alto divario sociale ed economico, con una diseguaglianza impressionante tra nuovi classi di arricchiti e le fasce popolari. Il percorso di Xia rappresenta proprio questo. Lei diventa un’impeccabile agente di una grande società immobiliare. Qui si esercita l’ironia del regista nel mostrare tutto quel training motivazionale cui sono sottoposti i venditori con momenti estremi e grotteschi: sembra di assistere all’addestramento dei marine di Full Metal Jacket. Qiang invece consegna pacchi e mentre ne sta recapitando uno presso un teatro assiste a qualcosa che lo colpisce: la scena, durante una prova. dove un corriere suo omologo consegna un pacco a un’impiegata, cogliendola mentre sta tentando il suicidio. È una scena del testo When Love Blossoms del drammaturgo Zou Jingzhi. La scena sconvolge il giovane protagonista che tornerà di continuo ad assistere alle prove. Tian Ye gioca a questo punto a un progressivo allargamento del frammento che vediamo della rappresentazione teatrale. Ogni volta che Qiang assiste alla scena questa appare allo spettatore del film un po’ più lunga in modo tale da dipanare progressivamente quello che vi si racconta. Lo spettacolo è un tipico allestimento di teatro borghese della tradizione europea, e rappresenta un momento sospeso, una scenografia naturalistica dove però il grande quadro di Klimt che campeggia e gli oggetti di arredamento art decò ci portano a un’ambientazione occidentale, comunque retrò. E si usano i trucchi affabulatori classici del teatro come l’occhio di bue da cui scendono dei fogli di carta.

Tian Ye ricrea un contesto di alienazione con una fotografia glaciale alla Christopher Doyle: vedi per esempio il momento in cui la ragazza è vista attraverso un acquario con pesci rossi. Domina l’incomunicabilità e, nel loro appartamento, Xia e Qiang sono metaforicamente separati da una tendina, come un sipario abbassato. L’amore può prendere il sopravvento in una condizione di simile alienazione, solo attraverso le lettere d’amore di una volta e l’arte, i disegni e il sipario alzato di un teatro, dove inevitabile sarà il ribaltamento tra spettatore e protagonista.

Info
Il sito del Festival di Pingyao.
  • when-love-blossoms-2018-tian-ye-recensione-03.jpg
  • when-love-blossoms-2018-tian-ye-recensione-02.jpg
  • when-love-blossoms-2018-tian-ye-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Pingyao 2018

    Patrolman Baoyin RecensionePatrolman Baoyin

    di Presentato nella sezione Made in Shanxi del 2° Pingyao International Film Festival, Patrolman Baoyin è un film di genere poliziesco distillato nelle lande della Mongolia, dove tutto è imperniato alla lentezza, alla piccolezza e alla tranquillità.
  • Pingyao 2018

    Les météorites RecensioneLes météorites

    di Presentato nel concorso Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival,dopo l'anteprima al San Sebastián International Film Festival, Les météorites è il primo lungometraggio di finzione del giovane regista francese Romain Laguna, un racconto delicato e vero sulle scoperte di vita di una adolescente.
  • Pingyao 2018

    The Load RecensioneThe Load

    di Presentato nella competizione Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, The Load di Ognjen Glavonic è un road movie ambientato durante i bombardamenti NATO sulla Serbia nel 1999, il percorso esistenziale di un uomo, di una generazione che ha visto la dissoluzione del proprio paese.
  • Pingyao 2018

    Dear Son RecensioneDear Son

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del Pingyao International Film Festival, Dear Son del tunisino Mohamed Ben Attia affronta il tema dei foreign fighter dal punto di vista dei genitori di chi è partito a combattere in Siria, ritraendo un paese sotto la psicosi del terrorismo.
  • Pingyao 2018

    Hotel Império RecensioneHotel Império

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, Hotel Império racconta in chiave noir la decadenza di Macao, l'ex colonia portoghese, quel coacervo di architetture popolari miste cinesi e lusitane che sta per essere spazzata via da uno skyline postmoderno quanto anonimo.
  • Pingyao 2018

    Half the Sky RecensioneHalf the Sky

    di , , , , Presentato in apertura del Pingyao International Film Festival, Half the Sky è un film di cinque episodi assegnati ad altrettante registe di paesi emergenti sul tema della condizione femminile nel proprio paese. Un'operazione guidata da Jia Zhangke non del tutto riuscita.
  • Festival

    Pingyao International Film Festival 2018 - PresentazionePingyao International Film Festival 2018 – Presentazione

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, sta per iniziare la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, la manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Torino 2016

    Intervista a Christopher Doyle

    Australiano d’origine, il direttore della fotografia Christopher Doyle ha mosso i suoi primi passi nel cinema orientale, divenendo un cardine della New Wave di Hong Kong, e ben presto anche il cinema americano si è accorto di lui. Lo abbiamo incontrato al Torino Film Festival, dove gli è stato assegnato il Gran Premio Torino.
  • Festival

    Pingyao 2018Pingyao 2018

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Pingyao 2018

    Red Flowers and Green Leaves RecensioneRed Flowers and Green Leaves

    di , Presentato nella sezione Galas del 2° Pingyao International Film Festival, dove ha vinto il People's Choice Award, Red Flowers and Green Leaves, diretto da Hu Weijie e dalla regista della Quinta generazione Liu Miaomiao, appartenente all’etnia Hui, è un ritratto di personaggi di quella stessa popolazione, che vive ancora seguendo i ritmi della natura.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento