Trieste Science+Fiction Festival 2018

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Apre e chiude in bellezza il Trieste Science+Fiction Festival 2018, mostrando i muscoli coi pezzi da novanta First Man/Il primo uomo di Damien Chazelle e Overlord di Julius Avery (prodotto da J.J. Abrams), ma il cuore pulsante della kermesse continuano a essere le scoperte e riscoperte sul grande schermo, gli ospiti di prestigio (Douglas Trumbull!), gli incontri, i workshop, lo sguardo ad ampio raggio sulla fantascienza.

Dalla scienza e dalla storia (Il primo uomo) alle derive orrorifiche (Overlord). In mezzo, tra passato e futuro, tra bianco e nero e colore, tra classici sonorizzati e classici restaurati, un flusso continuo e inarrestabile di fantascienza. Di Sci-Fi. Sci+Fi. Dal 30 ottobre al 4 novembre, con repliche il 5, Trieste ritorna idealmente al centro dell’Universo e riarma i suoi raggi fotonici.
Una batteria non da poco. Si festeggiano doverosamente i cinquant’anni di 2001: Odissea nello spazio con la presenza di Douglas Trumbull (consegna del Premio Urania d’Argento 2018 alla carriera, masterclass, proiezione del documentario Trumbull Land di Grégory Wallet e del suo classico 2002: la seconda odissea), la proiezione della versione mirabilmente restaurata, l’incontro 2001: Odissea nello spazio. I primi 50 anni con Lorenzo Acquaviva, Giovanni Boni e Lorenzo Zuffi, moderato da Massimiliano Spanu. Non c’è solo il capolavoro kubrickiano: il Trieste Science+Fiction Festival 2018 riporta sul grande schermo Frankenstein di James Whale, Barbarella di Roger Vadim, Stalker di Andrej Tarkovskij, Zeder di Pupi Avati, Il mondo dei robot di Michael Crichton, A Trip to Mars di Holger-Madsen – ed è a suo modo un classico anche Scontri stellari oltre la terza dimensione (Starcrash) di Luigi Cozzi.
E non ci sono solamente i titoli d’antan. A Trieste sfilano astronavi e zombi, app letali e robot, macchine del tempo e astronauti, alieni e laboratori segreti… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale del Trieste Science+Fiction Festival 2018.
Il programma del Trieste Science+Fiction Festival 2018.

Articoli correlati

  • Trieste S+F 2018

    2002: la seconda odissea Recensione2002: la seconda odissea

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival per l'omaggio a Douglas Trumbull, 2002: la seconda odissea è il primo film da regista dello storico mago degli effetti visivi. Fantascienza distopica che riflette la sensibilità ecologica e lo spirito di ribellione dei primi anni Settanta.
  • Trieste S+F 2018

    Man Divided RecensioneMan Divided

    di Presentato e premiato al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Man Divided è la prima opera di finzione del documentarista danese Max Kestner, perfettamente a proprio agio tra gli intricati meccanismi e paradossi dei viaggi nel tempo.
  • Trieste S+F 2018

    Il mondo dei robot RecensioneIl mondo dei robot

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival, Il mondo dei robot è uno dei classici della fantascienza distopica degli anni Settanta, invecchiato un po' a fatica, non privo di qualche ingenuità, ma ancora terribilmente affascinante.
  • Trieste S+F 2018

    Overlord RecensioneOverlord

    di Un godibilissimo giocattolone, un po' tarantiniano e un po' spielberghiano, che si diverte a (ri)mischiare le carte del cinema di genere, contaminando il D-Day con massicce dosi di carne e sangue. In anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018.
  • Trieste S+F 2018

    Freaks RecensioneFreaks

    di , Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Freaks di Adam B. Stein e Zach Lipovsky è un low budget ricco di idee, capace di rielaborare un immaginario apparentemente saturo e di creare fertili paradossi spazio-temporali.
  • Trieste S+F 2018

    starcrash recensioneStarcrash – Scontri stellari oltre la terza dimensione

    di Sul cielo di Trieste, in occasione del Science+Fiction, atterrano le bislacche astronavi di Luigi Cozzi e del suo Starcrash, scult assoluto che a distanza di quarant'anni rivendica un proprio posto nell'immaginario, tra cartapesta e giocattoli, luci colorate e sogni proibiti di blockbuster.
  • Trieste S+F 2018

    Lajka RecensioneLajka

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Lajka è un piccolo, grazioso, fragile lungometraggio a passo uno realizzato in otto anni da Aurel Klimt e dal suo team tecnico-artistico. Una favolistica rilettura della triste parabola della celeberrima cagnetta dello spazio.
  • Trieste S+F 2018

    La nuit a dévoré le monde RecensioneLa nuit a dévoré le monde

    di Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, La nuit a dévoré le monde (The Night Eats the World) di Dominique Rocher è uno zombie movie dai contorni minimalisti, esistenziali, puntuale nel descrivere tutte le problematiche del "giorno dopo"...
  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2018Trieste Science+Fiction Festival 2018 – Presentazione

    Il Trieste Science+Fiction 2018 mostra i muscoli con First Man di Chazelle e Overlord di Julius Avery, ma il cuore pulsante del festival continuano a essere le scoperte e riscoperte sul grande schermo, gli ospiti di prestigio, gli incontri, i workshop, lo sguardo ad ampio raggio sulla fantascienza.
  • Roma 2018

    go home -a casa loro recensioneGo Home – A casa loro

    di Go Home - A casa loro di Luna Gualano approda alla Festa di Roma, nel programma Panorama Italia di Alice nella città, segnalandosi come un caso sia per la produzione completamente indipendente sia per la tematica. Peccato che a mancare sia l'elemento cinematografico...
  • Venezia 2018

    Il primo uomo RecensioneIl primo uomo

    di Film d'apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2018, selezionato in concorso, Il primo uomo (First Man) di Damien Chazelle filtra attraverso una lente minimalista il lungo viaggio verso la Luna del celeberrimo astronauta Neil Armstrong...
  • Buone feste!

    Zeder

    di Il meglio della sua filmografia Pupi Avati l'ha dato nella messa in scena del deforme e dell'horror. Prova ne è Zeder, che immerge Lovecraft nella bassa padana...
  • Blu-Ray

    Barbarella

    di Follie kitsch dal '68, tra fumetto, fantascienza e divertito erotismo. Barbarella di Roger Vadim è ormai più un mito di costume che un fatto cinematografico. A tratti ancora spassoso, ma anche inoffensivo e disomogeneo. In blu-ray per Sinister e CG.
  • Classici

    himmelskibet recensioneHimmelskibet

    di Himmelskibet di Holger-Madsen, conosciuto anche con il titolo internazionale A Trip to Mars, è uno dei primissimi esempi di fantascienza della storia del cinema. Un messaggio pacifista che viene dallo spazio, e per l'esattezza da Marte...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento