Al via il 24esimo MedFilm Festival

Al via il 24esimo MedFilm Festival

Torna il MedFilm Festival, il primo e più importante evento in Italia volto a esplorare le varie declinazioni della settima arte in tutte le sponde culturali del Mediterraneo. La kermesse, presieduta da Ginella Vocca e diretta da quest’anno da Giulio Casadei, si terrà dal 9 al 18 novembre a Roma presso il Cinema Savoy, il MACRO – Museo di arte contemporanea e il Nuovo Cinema Aquila.

In programma ben 79 film provenienti da 34 differenti paesi. Ad aprire il festival, in concorso, sarà il siriano The Day I Lost My Shadow di Soudade Kaadan, Leone del futuro a Venezia 75, mentre chiuderà l’evento, fuori concorso, A Tramway in Jerusalem di Amos Gitai, una nuova riflessione sull’identità nazionale del più rinomato tra gli autori israeliani contemporanei, già presentato fuori concorso a Venezia 75.

Tra i film in programma: il tunisino Dear Son di Mohamed Ben Attia, il turco Sibel di Çagla Zencirci e Guillaume Giovanetti, l’egiziano Yomeddine  di Abu Bakr Shawky, il franco-marocchino Sofia di Meryem Benm’barek, il francese Treasure Island di Guillaume Brac, lo spagnolo Facing the Wind di Meritxell Colell Aparicio e l’algerino On the Hillsides di Abdallah Badis.
Tunisia e Spagna sono i Paesi protagonisti di questa edizione del MedFilm Festival, che prevede la proiezione di due dei tre finalisti del Premio Lux 2018: Styx di Wolfgang Fischer e The Other Side of Everything di Mila Turajilić. In programma anche Lazzaro felice di Alice Rohrwacher, unico italiano selezionato tra i primi dieci contendenti al prestigioso riconoscimento.

Un focus speciale, curato da Veronica Flora, sarà dedicato alla creatività femminile, tra i titoli in programma: Red Cow dell’israeliana Tsivia Barkai, la performance artistica I Have Sinned a Rapturous Sin dell’iraniana Maryam Tafakory e il film tunisino Cheikh’s Watermelons di Kaouther Ben Hania.

Nel corso della serata di apertura del 9 novembre, sarà inoltre conferito il Premio alla Carriera a Liliana Cavani, mentre Ilaria Cucchi consegnerà il Premio Koiné ad Amnesty International.

Info
Il sito del MedFilm Festival.

Articoli correlati

  • Pingyao 2018

    Dear Son RecensioneDear Son

    di Presentato nella sezione competitiva Crouching Tigers del Pingyao International Film Festival, Dear Son del tunisino Mohamed Ben Attia affronta il tema dei foreign fighter dal punto di vista dei genitori di chi è partito a combattere in Siria, ritraendo un paese sotto la psicosi del terrorismo.
  • Venezia 2018

    A Tramway in Jerusalem RecensioneA Tramway in Jerusalem

    di Nell'articolato Heimat, di film in film, che Amos Gitai dedica da decenni a Israele si aggiunge un nuovo capitolo a sé stante, eppure sempre giocato sullo stesso tema dell'identità nazionale: A Tramway in Jerusalem, fuori concorso a Venezia 75, si impone dei limiti spaziali (un tram, per l'appunto) per riflettere sull'isolamento del paese.
  • Cannes 2018

    Sofia RecensioneSofia

    di Puzzle morale con qualche dichiarata ascendenza farhadiana, Sofia di Meryem Benm'barek combina l'approccio a tematiche contingenti con un tentativo di riflessione universale intorno al paradosso della legge e dell'ipocrisia. Per Un certain regard.
  • Cannes 2018

    Lazzaro felice RecensioneLazzaro felice

    di L'opera terza di Alice Rohrwacher, Lazzaro felice, conferma il talento della regista fiesolana, che torna a ragionare sul mondo rurale lavorando in modo ancora più estremo e diretto sul tema di un realismo magico che arriva a sfiorare il sovrannaturale. Un racconto morale sulla coscienza dell'umanità.
  • Cannes 2018

    La strada dei Samouni RecensioneLa strada dei Samouni

    di La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv.
  • Cannes 2018

    Yomeddine

    di Sorta di blockbuster festivaliero, Yomeddine, opera prima del giovane regista egiziano A.B. Shawky, è un'abile miscela di dramma, avventura, buoni sentimenti, location inedite, ampie spennellate di retorica. In concorso a Cannes 2018.
  • Trieste 2018

    The Other Side of Everything

    di Proteso alla ricerca di un punto di sintesi fra gli eventi storici e i ricordi personali, The Other Side of Everything parte da una porta chiusa per tracciare la storia di un appartamento, di un'attivista in lotta contro Slobodan Milošević. Al Trieste Film Festival nel concorso documentari.
  • Torino 2017

    Talien

    di Padri e figli, il distacco dagli affetti e dalla seconda patria, un bilancio di vita e una riflessione sulla storia italiana degli ultimi 40 anni. Talien di Elia Mouatamid è un road-movie tenero e divertente. Al TFF in concorso per Italiana.doc.
  • AltreVisioni

    Con el viento RecensioneCon el viento

    di Rarefatto e profondo, emotivamente potente e privo di tentazioni lacrimevoli, Con el viento di Meritxell Colell Aparicio racconta l'elaborazione di un lutto attraverso i paesaggi, gli agenti atmosferici, i volti e i corpi dei suoi personaggi. In anteprima al MedFilm Festival 2018.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento