Cosa fai a Capodanno?

Cosa fai a Capodanno?

di

Esordio alla regia di Filippo Bologna, tra gli sceneggiatori di Perfetti sconosciuti, Cosa fai a Capodanno? tenta la carta della commedia noir d’atmosfera natalizia – e dunque fuori stagione – ponendosi ambizioni smisurate (con echi perfino tarantiniani), ma facendo i conti con l’amarissima realtà di un film sconclusionato, modesto, schizofrenico e vertiginosamente privo di costrutto narrativo e registico.

Gli hateful otto

31 dicembre, strade di montagna e boschi innevati. Mentre la radio annuncia una tempesta solare, il furgone di una ditta di catering cerca di raggiungere uno chalet di montagna, dove i padroni di casa hanno deciso di salutare l’arrivo del nuovo anno con una serata tra scambisti. Gli invitati sono tutti estranei tra loro. [sinossi]

Nella sua palese inconcludenza, il primo lungometraggio di Filippo Bologna – scrittore e sceneggiatore (L’ultima ruota del carro, Perfetti sconosciuti, il prossimo film di Pieraccioni) – cui si è scelto il titolo (ben poco originale) di Cosa fai a Capodanno? sembra la perfetta esemplificazione degli enormi, abissali, limiti del cinema italiano cosiddetto commerciale. Un cinema commerciale – leggasi commedia – che ha toccato il fondo sia qualitativamente sia per riscontri al botteghino, e che pure sembra incapace di cambiare strada, di tentare soluzioni nuove, quasi come quegli zombie di Romero che non riescono a non tornare – quale cieca coazione a ripetere – nel centro commerciale perché era la loro attività preferita da esseri viventi.

Tutto pare sbagliato in Cosa fai a Capodanno?, a partire dalla data d’uscita, che è a metà novembre, mentre invece avrebbe dovuto essere programmata per le festività natalizie. E anche se una scusante può essere quella di essersi resi conto della debolezza del film, ciò non toglie che gli incassi sarebbero stati comunque maggiori a dicembre. Dunque, un primo macroscopico errore – voluto o meno – dal punto di vista del marketing. E ce n’è almeno un altro sul piano – diciamo – della confezione: la presenza in scena di Riccardo Scamarcio e Valentina Lodovini ridotta a un paio di pose nell’incipit e nel finale, e completamente avulsa rispetto allo sviluppo del film. Che senso ha sprecare due attori di nome? Forse per giocare con le attese dello spettatore? Ma a che pro se poi questo gioco non viene impostato?
E poi, c’è il film in sé…

Filippo Bologna dà l’impressione di puntare molto in alto: occhieggia evidentemente all’impostazione di The Hateful Eight (un gruppo di persone circondate dalla neve e isolate rispetto al resto del mondo), senza negarsi persino un retrogusto alla Buñuel (nel pasto rimandato sembra di riconoscere tracce de L’angelo sterminatore). Ma è abbastanza ovvio che, al contempo, Bologna intenda ripercorrere i meccanismi di Perfetti sconosciuti, l’idea cioè di far esplodere le ipocrisie di un gruppo di personaggi, costretti a confrontarsi severamente tra di loro. In questo schema, però, le cose che non funzionano sono davvero molte, anzi troppe.
Non regge la scusa – il macguffin – dell’orgia, perché se l’obiettivo di un certo numero di personaggi è una serata orgiastica, in quella direzione si deve procedere veramente, anche solo in parte, anche solo per un po’; e poi, casomai, deve esservi il rimpianto se le premesse non sono andate a buon fine. Nulla di tutto questo c’è in Cosa fai a Capodanno?, che evidentemente aveva delle tentazioni erotiche, abortite però a un certo punto della lavorazione, non sappiamo bene quando.
L’altro meccanismo che si inceppa prima di partire è proprio quello che – con i suoi difetti – aveva senso in Perfetti sconosciuti: lì le ipocrisie avevano modo di essere messe a nudo perché avvenivano tra personaggi che si conoscevano e che per una scusa gettavano via le rispettive maschere. Qui i personaggi non si conoscono tra di loro – a parte ogni singola coppia – e dunque quali ipocrisie dovrebbero mai emergere, quali maschere dovrebbero togliersi i personaggi? Si aggiunga che la coppia protagonista non è veramente quello che sembra e dunque ciò da un lato innesca un’altra sottotrama, dall’altro ritarda il vero inizio del film – o almeno quello che ci si aspetta che sia l’inizio – finché poi il film finisce e ci si rende conto che non è mai davvero cominciato.

Da ciò ne consegue che Cosa fai a Capodanno? non ha un tono dominante: vi è un momento splatter all’inizio ma senza seguito, vi è la commedia surreale e troppo teatrale nei due addetti al catering spersi tra le nevi (interpretati da Massimo Di Lorenzo e Carlo De Ruggeri, entrambi ex Boris, ed entrambi per la prima volta a disagio in scena), vi è l’erotico non dispiegato, vi è il comico scollacciato non percorso, vi è il noir inconcluso (i ladri che non subiscono alcuna conseguenza e che, sostanzialmente, non rubano nulla), e così via. Potrebbe darsi che nelle intenzioni Bologna volesse fare un film crudele a metà tra Ferreri e Buñuel e che poi si sia convinto – o spontaneamente o in maniera indotta – a tentare un percorso più consono a una commedia nostrana, come d’altronde dimostra il cast (Luca Argentero e Ilenia Pastorelli sono sostanzialmente i protagonisti) e come dimostra il tentativo di mettere in piedi qualche gag di facile consumo (nessuna riuscita, d’altronde). Potrebbe essere questa supposizione a giustificare in parte un disastro come Cosa fai a Capodanno? Ma non basta. Perché le incertezze narrative sono davvero troppe (per esempio, il suicidio di un personaggio appare totalmente inspiegabile, reggendosi su premesse sbagliate), quelle registiche altrettanto e la totale mancanza di ritmo fa cadere le braccia.
E allora, continuiamo così, facciamoci del male.

Info
Il trailer di Cosa fai a Capodanno?
  • Cosa-fai-a-capodanno-2018-Filippo-Bologna-001.jpg
  • Cosa-fai-a-capodanno-2018-Filippo-Bologna-002.jpg
  • Cosa-fai-a-capodanno-2018-Filippo-Bologna-003.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Quanto basta RecensioneQuanto basta

    di Francesco Falaschi, senza perdersi dietro facili ambizioni (che dieci anni fa per esempio resero indigeribile Si può fare di Giulio Manfredonia), dimostra con Quanto basta come sia possibile dirigere una commedia sulla disabilità - nel caso specifico la sindrome di Asperger - evitando il bozzettismo e la semplificazione.
  • In sala

    Contromano RecensioneContromano

    di Commedia malinconica firmata e interpretata da Antonio Albanese, Contromano sfoggia una brillante idea di partenza, ma la declina con scarso acume.
  • Roma 2017

    The Place

    di Un intreccio intrigante per un epilogo deludente, con The Place Paolo Genovese riconferma i pregi e i difetti del suo marchio di fabbrica. Film di chiusura della Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    Beata ignoranza

    di Dopo la parentesi drammatica - e infelice - di Gli ultimi saranno ultimi, Massimiliano Bruno torna alla commedia pura, con meno verve però rispetto al passato e con una storia decisamente più debole.
  • Archivio

    Non c’è più religione

    di Provando a includere nell'usurato schema comico Nord/Sud anche la coabitazione tra italiani e arabi, Luca Miniero realizza con Non c'è più religione un film paternalista, maldestro e, soprattutto, mai divertente, ad eccezione di una fugace apparizione di Herlitzka.
  • Archivio

    Perfetti sconosciuti

    di Avvalendosi di un cast di star nostrane, Paolo Genovese in Perfetti sconosciuti prova finalmente a mandare all'aria la melassa della neo-commedia italiana e ci riesce anche. Solo che poi decide di aver osato troppo e si ritrae.
  • Archivio

    The Hateful Eight RecensioneThe Hateful Eight

    di Girato nel "glorious 70mm", il nuovo film di Tarantino prosegue nello scavo della storia statunitense, mostrandone il volto mai pacificato, barbarico e sudicio. Un kammerspiel immerso nella neve, e nel sangue.
  • Archivio

    noi-e-la-giuliaNoi e la Giulia

    di Con il suo terzo film da regista, Noi e la Giulia, Edoardo Leo semina qualunquismo e raccoglie disastri: registici, narrativi e recitativi.
  • Roma 2013

    L’ultima ruota del carro

    di Disastroso il nuovo film di Veronesi, ambizioso ma incapace di farsi affresco storico a causa di un affastellamento episodico di gag a sé stanti.
  • TFF 2018

    L'ospite RecensioneL’ospite

    di Dopo il buon Short Skin, Duccio Chiarini compie un leggero passo indietro con il suo nuovo film, L'ospite, presentato al Torino Film Festival, e già selezionato al Festival di Locarno. Non mancano ironia, malinconia e preciso ritratto generazionale, ma è l'esilità della struttura narrativa a mostrare alla lunga la corda.
  • In sala

    Se son rose RecensioneSe son rose

    di Con Se son rose Leonardo Pieraccioni prova ad aggiornare la sua comicità ai tempi d'oggi, ma si assesta su trovate poco divertenti e sull'ennesimo ritratto dell'uomo medio italico.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento