Rencontres du Cinéma Italien 2018 – De Rome à Paris

Rencontres du Cinéma Italien 2018 – De Rome à Paris

Arrivata all’undicesima edizione, si tiene a Parigi fino all’undici dicembre Rencontres du Cinéma Italien – De Rome à Paris, manifestazione che permette agli spettatori francesi di vedere film italiani per loro inediti, che non hanno una distribuzione oltralpe.

Rencontres du Cinéma Italien – De Rome à Paris celebra la sua undicesima edizione, dal 7 all’undici dicembre a Parigi. La manifestazione, che permette agli spettatori francesi di vedere film italiani per loro inediti, che non hanno una distribuzione oltralpe, o che non l’hanno ancora avuta, si tiene al cinema l’Arlequin e propone dieci film inediti, in cerca di un distributore francese. A questi si aggiungono alcune anteprime. Quelle di Euforia di Valeria Golino, di Benedetta follia di Carlo Verdone e dei primi due episodi di L’amica geniale di Saverio Costanzo. Presenti anche numerosi ospiti che accompagneranno le proiezioni con presentazioni e q&a.

Una selezione eterogenea, operata da un comitato di esperti (Viviana Andriani, Thierry De Courcelles, Ilaria Gomarasca, Nadia Turincev, Pamela Pianezza), dove prevale il senso di servizio della manifestazione, che vuole aiutare i film italiani, soprattutto quelli di giovani autori, a essere distribuiti sul territorio francese. Stupisce la presenza, e quindi l’assenza dalle sale francesi di opere di autori ben conosciuti non solo in Italia, come Ferzan Ozpetek con Napoli velata o Marco Tullio Giordana con Nome di donna. Mentre spicca Menocchio di Alberto Fasulo, film da sostenere anche oltralpe. In apertura della manifestazione verranno presentati dai produttori sei propri progetti adatti alla coproduzione d’iniziativa italiana e sei d’iniziativa francese, nell’ambito delle giornate professionali che prevedono anche una tavola rotonda sulla circolazione del cinema italiano in Francia. Previsti anche 13 Work in Progress, estratti di film in produzione, pronti per il 2019 e ancora inediti in Francia, che verranno mostrati ai distributori francesi.

Rencontres du Cinéma Italien è promosso dalla DG Cinema del MIBAC (Ministero della Cultura Italiana), organizzato dal ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali ), in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà, l’UNEFA (Istituto di Commercio Estero), ICE (Istituto del Commercio italiano), l’Ambasciata Italiana e l’istituto della cultura italiana in associazione con il CNC e Unifrance.

Info
Il sito ufficiale di Rencontres du Cinéma Italien 2018 – De Rome à Paris.

Articoli correlati

  • Venezia 2018

    L'amica geniale RecensioneL’amica geniale

    di Saverio Costanzo adatta per il piccolo schermo L'amica geniale, il bestseller di Elena Ferrante. Nei primi due episodi presentati alla Mostra di Venezia lo fa con uno stile piano e pedissequo, privo di forza e che si riscatta solo grazie alla verve delle giovani protagoniste.
  • Locarno 2018

    Menocchio RecensioneMenocchio

    di Con Menocchio il regista friulano Alberto Fasulo firma la sua opera più ambiziosa, rendendo omaggio a Domenico Scandella detto Menocchio, mugnaio filosofo che sul finire del XVI Secolo venne tacciato di eresia dalla Chiesa di Roma.
  • Cannes 2018

    Euforia RecensioneEuforia

    di Tutto incentrato sui suoi interpreti, Euforia, opera seconda di Valeria Golino, sconta a lungo andare l’esilità sostanziale del suo plot, configurandosi come il resoconto di un frammento di vita tra l’oggi e la fine, riempito di incontri, bugie, metafore, sentimenti. In Un certain regard.
  • In sala

    Nome di donna RecensioneNome di donna

    di Marco Tullio Giordana torna alla regia a sei anni di distanza da Romanzo di una strage con Nome di donna, che si inserisce all'interno delle riflessioni sul ruolo della donna nella società contemporanea e sull'abuso di potere da parte del maschile. Peccato che al di là del tema non ci sia nulla, né a livello di scrittura né tantomeno di messa in scena.
  • Archivio

    Benedetta follia RecensioneBenedetta follia

    di La sequenza centrale di Benedetta follia vede il Carlo Verdone di oggi preso in giro dallo specchio dal Carlo Verdone di venticinque anni prima; una metafora fin troppo facile di un cinema inerte, che non sa più uscire da schemi mentali usurati. Peccato.
  • In sala

    Napoli velata

    di Ferzan Özpetek si lancia nel sabba misterico partenopeo, affidando a Giovanna Mezzogiorno le chiavi di un thriller psicologico che sconfina nel soprannaturale e ha luogo alle pendici del Vesuvio. Un'occasione sprecata, per i difetti insiti nel cinema del regista italo-turco.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento