The Giraffe

The Giraffe

di

Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, The Giraffe racconta storie di degrado che si incrociano in una Cairo notturna, un film sociale con qualche punta di realismo magico. Primo lungometraggio di finzione del filmmaker e attore egiziano Ahmed Magdy.

La giraffa chiazzata del Cairo

Ahmed guida nel paesaggio notturno degradato del Cairo, ansioso di trovare i soldi per pagare l’aborto a una giovane donna, cosa che deve essere fatta al più presto. Raggiunge un gruppo stravagante di ragazzi che raccontano storie delle giraffe, una per una, che vivono o sono vissute negli zoo egiziani. [sinossi]

Ahmed percorre nervoso le strade perdute della capitale egiziana, subisce un incidente in un traffico sregolato, incrocia storie di degrado umano, ragazze che acquistano con vergogna il test di gravidanza in farmacia, che cercano i soldi per procurarsi un aborto clandestino. The Giraffe (titolo originale: La ahdun huna), presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, sembra l’equivalente egiziano di Taxi Driver, con il corrispondente marciume sociale, con i personaggi che lottano per sopravvivere. Pur raccontando i bassifondi di una metropoli in fase di grande decadenza e crisi, il regista inserisce una serie di elementi che distanziano il film dal puro e semplice neorealismo. C’è una fotografia per esempio di colori scialbi virata al giallo nelle scene notturne illuminate da pochi lampioni al vapore. Ahmed Magdy mostra una buona padronanza del mezzo filmico, come quando isola, incornicia i suoi personaggi, riprendendoli con lunghe carrellate all’indietro da un punto di vista rialzato, mentre camminano per strada, come nella celebre sequenza di Le armonie di Werckmeister. E poi c’è il realismo magico riservato però a piccoli tocchi, minimale nel film, assolutamente non pervasivo. Le stanze sporche come se i muri fossero imbrattati da un disegno a ragnatela che si allarga, e la giraffa che la ragazza incrocia magicamente di notte, e quella con ‘giraffino’ nel finale su cui torneremo.

Il flusso narrativo di The Giraffe incontra una serie di nodi rappresentati dalla narrazioni verbali interne, da personaggi che raccontano una storia, sempre in forma orale. C’è quella della vecchia malata, del dottore il cui figlio è morto, e poi c’è la storia delle giraffe raccontate dai ragazzi, quasi una storia parallela con doppi finali, colpi di scena. Anche quello che è il racconto di appassionati di animali, che conoscono per nome tutti gli esemplari di giraffa che sono stati ospiti negli zoo egiziani, si colora di realismo magico, sconfina nei territori del leggendario. Così è la storia di quella giraffa femmina che partorì dopo un anno dalla morte del maschio, una nascita miracolosa secondo chi racconta la storia, come un’immacolata concezione. In realtà c’è una semplice spiegazione perché la giraffa ha un periodo di gestazione tra i 400 e i 460 giorni, quindi più di un anno e quell’esemplare potrebbe benissimo essere stata fecondata prima della morte del maschio. L’errore che fanno i protagonisti è quello di antropomorfizzare l’animale.

La giraffa è una creatura assurda, quasi da bestiario fantastico, con una morfologia unica, con quel lungo collo che la rende l’animale più alto che esiste. Un animale che fa parte della tradizione folkloristica ancestrale di tutti i popoli africani, e non solo. Gli antichi egizi avevano un geroglifico apposito per designarla, le sono dedicate pitture rupestri, danze tribali, racconti popolari. Uno di questi enormi quadrupedi in giro per Il Cairo rappresenta da un lato un’irruzione della natura in un contesto urbano di forte degrado, ma anche un ricordo ancestrale di una cultura comune panafricana che sembra ormai estinta. Così il parto finto miracoloso, ma ogni parto lo è in fondo, della giraffa non è un messaggio antiabortista ma assume un significato di speranza di umanità in un film tanto cupo, dominato da un senso di crudeltà. La giraffa è un inno alla vita.

Info
La scheda di The Giraffe sul sito del Marrakech International Film Festival.

Articoli correlati

  • Marrakech 2018

    Une urgence ordinaire RecensioneUne urgence ordinaire

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Une urgence ordinaire è un film del regista marocchino Mohcine Besri, con coproduzione svizzera, alla sua seconda prova nel lungometraggio. Film claustrofobico, quasi tutto ambientato in un ospedale che diventa la facile metafora del paese.
  • Marrakech 2018

    Irina RecensioneIrina

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Irina è l'opera prima della regista bulgara Nadejda Koseva, un ritratto sociale al femminile di un personaggio che riesce a stare a galla nonostante il mondo le stia cadendo addosso.
  • Festival

    Marrakech 2018Marrakech 2018

    Quattordici titoli, scelti tra opere prime o seconde di cineasti da tutto il pianeta, tra cui sei donne, si contendono il Marrakech Etoile d’Or, il riconoscimento più alto del Marrakech International Film Festival 2018, assegnato da una giuria presieduta da James Gray.
  • Venezia 2018

    Dachra

    di Dachra non è solo l’esordio alla regia di un lungometraggio di Abdelhamid Bouchnak. È anche il primo horror mai prodotto in Tunisia, palesamento di una nazione che ha saputo mantenere le promesse della Rivoluzione. Film di chiusura fuori concorso alla SIC di Venezia.
  • Cannes 2018

    Yomeddine

    di Sorta di blockbuster festivaliero, Yomeddine, opera prima del giovane regista egiziano A.B. Shawky, è un'abile miscela di dramma, avventura, buoni sentimenti, location inedite, ampie spennellate di retorica. In concorso a Cannes 2018.
  • In sala

    Omicidio al Cairo RecensioneOmicidio al Cairo

    di Con Omicidio al Cairo il regista svedese di origine egiziana Tarik Saleh tira le fila non solo di un noir claustrofobico e ben orchestrato, ma anche di una riflessione sulla cosiddetta Primavera Araba, sulle sue illusioni e sui destini di una nazione oramai lontana anni luce dalla sua indubbia bellezza monumentale.
  • Venezia 2016

    Intervista a Mohsen Makhmalbaf

    Abbiamo incontrato Mohsen Makhmalbaf durante Venezia 2016, in maniera un po' rocambolesca. Ci ha dato infatti appuntamento genericamente “sotto gli alberi”.
  • Cannes 2016

    Intervista a Frédéric Bonnaud

    In occasione della presentazione a Cannes del restauro di Adieu Bonaparte di Youssef Chahine, abbiamo intervistato il nuovo direttore della Cinémathèque française, Frédéric Bonnaud, per parlare con lui di una delle istituzioni cinetecarie più importanti al mondo e della sua posizione a proposito di pellicola e digitale.
  • Cannes 2016

    Adieu Bonaparte

    di Film di attualità stringente, anche per le sue contraddizioni politiche, Adieu Bonaparte segnava nel 1985 l'atto d'inizio per Youssef Chahine delle co-produzioni tra Francia ed Egitto. Ripresentato a Cannes Classics in una eccellente versione restaurata.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento