Le avventure di Pinocchio

Le avventure di Pinocchio

di

In attesa di scoprire cosa sarà in grado di fare Matteo Garrone con il testo di Collodi, Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini resta la messa in scena più folgorante (con Disney) del burattino che vuole diventare uomo. Con Nino Manfredi e la colonna sonora di Fiorenzo Carpi.

Come un burattino

Pinocchio è un ciocco di legno che Mastro Ciliegia ha regalato all’amico Geppetto, un vedovo che vi modella un burattino a immagine e somiglianza del bambino che non ha mai avuto. Per intercessione della Fata Turchina quella notte il burattino prende vita, trasformandosi in un vero e proprio bambino… [sinossi]
Per non essere più solo
mi son fatto un burattino
per aver l’illusione
d’esser padre di un bambino
che mi tenga compagnia
senza darmi grattacapi
che non usi la bugia
come pane quotidiano
e che adesso che son vecchio
possa darmi anche una mano.
Storia di Pinocchio, Nino Manfredi
A tutti questi cento e più perché, perché
io cerco una risposta anche per te
e urlano, strillano, corrono, mi vogliono ubbidiente,
docile, vinto e come un burattino
mi vorrebbero educar
è vietato schiamazzar, è proibito brontolar
il bambino ha da ubbidir, fare i compiti e studiar
Pinocchio Birichinata, Andrea Balestri

Le avventure di Pinocchio osserva dall’alto il cinema italiano dedito al fantastico da quasi cinquant’anni. La storia del burattino più famoso del mondo – citato in lungo e in largo, dall’estremo oriente a Hollywood – portato al cinema finora quindici volte, di cui la metà in opere d’animazione, appare a dir poco deflagrante nel proscenio nazionale, tanto da far finire nel dimenticatoio tutte le successive versioni lavorate in Italia, compresa l’ambiziosa trasposizione firmata da Roberto Benigni nel 2002, destinata a un insuccesso pressoché unanime di critica e a un risultato appena sufficiente al botteghino. Anche a livello mondiale, se si eccettua la splendida – e splendidamente infedele – rilettura prodotta da Walt Disney nel 1940, è davvero difficile trovare delle opere in grado di gareggiare e competere con la mastodontica operazione condotta in porto, come Geppetto e Pinocchio in fuga dal pescecane, da Luigi Comencini. Un’operazione non priva di strascichi, come testimonia la causa intentata alla RAI da Carlo Rambaldi, che la vinse, con l’accusa per la televisione di Stato di aver sgraffignato le idee per il pupazzo meccanico al quale stava lavorando gratis – con la promessa di un futuro compenso. Ma al di là di questo un’operazione soprattutto in grado di dimostrare come la RAI dell’epoca fosse in grado di andare oltre la propria stessa natura reale: nonostante nel 1972 le trasmissioni fossero tutte solo ed esclusivamente in bianco e nero e i colori non sarebbero arrivati prima di un lustro, Le avventure di Pinocchio venne fotografato a colori sotto la direzione di Armando Nannuzzi. Una scelta lungimirante, sia per la qualità del lavoro fotografico, sia perché questo dettaglio ha permesso allo sceneggiato di sopravvivere al proprio tempo, e di trovare uno spazio nel corso degli anni. Trasmesso in più occasioni ha poi trovato collocazione anche nell’home video, in un’edizione dvd piuttosto curata.

Se la presenza tra i produttori della Sampaolofilm può indurre a ipotizzare una lettura teologica del testo seguendo i dettami del cardinale Giacomo Biffi, a dominare Le avventure di Pinocchio è l’anarchia naturale dell’infanzia, tema centrale della poetica di Comencini, qui al lavoro in fase di sceneggiatura insieme a Suso Cecchi D’Amico. A sorprendere è in effetti la capacità del regista salodiano di far suo un materiale così ricco e iconico, e di maneggiare la componente fantastica senza però scendere mai a definitivi compromessi con il genere. Ovviamente in scena appaiono il Gatto e la Volpe, l’Omino di burro, il Paese dei Balocchi: Pinocchio e Lucignolo diventano dei ciuchini, trasformandosi l’uno di fronte agli occhi dell’altro. Comencini non fa nulla per svicolare dalla sovversione del reale, eppure la sua lettura della fiaba collodiana è immersa in un’aria dimessa, melanconica. Il suo Pinocchio è vitale, ribelle, anticonformista: non rispetta le regole solo perché è un monello, ma perché nel suo modo di intendere la vita non c’è spazio per tutti quei regolamenti, per la prassi, per l’abitudine sempre più asfittica e soffocante. È Geppetto forse a essere il vero protagonista di questa versione, lunga e articolata: vedovo triste e solo, sogna la creazione di un burattino che possa fungergli da figlio. “Com’è stato lo sapete, è la storia di Pinocchio”, canta uno splendido Nino Manfredi atteggiandosi a toscanismi un po’ forzosi forse ma colmi di stile. Perché per l’appunto Le avventure di Pinocchio sono note in ogni dove… Come innovarle?

La prima e più potente intuizione Comencini e Cecchi D’Amico la trovano nella scelta stessa del piccolo protagonista. Un burattino di legno, certo – e si è già accennato alla querelle che vide contrapporsi alla RAI il talentuoso Rambaldi –, ma anche e soprattutto un bambino in carne e ossa. Viene dunque stravolto il testo di Collodi: Pinocchio è in tutto e per tutto un bimbo, ma ogni qual volta si comporta in maniera inadeguata la Fata Turchina lo ritrasforma in un ceppo di pino. L’interpretazione del piccolo pisano Andrea Balestri, destinata a imprimersi con forza nell’immaginario collettivo, è la dimostrazione della straordinaria capacità di Comencini di lavorare con i bambini-attori. Lo testimonia anche l’eccellente Domenico Santoro nella parte di Lucignolo: il regista lo aveva conosciuto durante le riprese de I bambini e noi, viaggio reportage che Comencini condusse in giro per l’Italia nel 1970 e che la RAI trasmetterà solo sul finire del decennio. Curiosità vuole che Santoro e Balestri si ritrovino poco dopo le riprese de Le avventure di Pinocchio anche sul set di Torino nera di Carlo Lizzani, nel ruolo dei due piccoli figli di Bud Spencer, carcerato innocente. Il già citato I bambini e noi è un punto di passaggio fondamentale della carriera di Comencini, perché insinua nelle pieghe del racconto – nel quale da sempre il regista eccelleva – il germe del “reale”. Ne è pervaso anche Le avventure di Pinocchio, con il soprannaturale che prende corpo nella natura, in uno scenario sempre credibile, veritiero, al di là di ogni sospensione dell’incredulità. Girato interamente nel Lazio, tra il viterbese e il romano (la casina e la tomba della Fata sono sul lago di Martignano, il borgo in cui vive Geppetto è Farnese, nella Maremma laziale, mentre il Paese dei Balocchi è ambientato nei cosiddetti Baracconi – oggi abbattuti – di Colle Fiorito, frazione di Guidonia), Le avventure di Pinocchio possiede una sua dolorosa e allo stesso tempo dolcissima verità, e ha la capacità di trasfigurare il proprio tempo nel fantastico senza doversi asservire alle regole di quest’ultimo.

Per quanto esista una versione cinematografica, ridotta a due ore e un quarto per poter essere proiettata nei cinema e per essere diffuso e commercializzato nell’allora nuovo formato VHS, Le avventure di Pinocchio è da considerare solo nella sua funzione seriale. Nel primo passaggio televisivo la storia venne suddivisa in cinque episodi, per un totale di quattro ore e quaranta minuti, ma Comencini provvide a un ulteriore montaggio, portando la durata a cinque ore e venti e dividendo il tutto in sei episodi. È questa la versione definitiva, quella più accurata e nel complesso quella preferibile da vedere. I sei episodi ruotano attorno a un evento chiave (la creazione/nascita di Pinocchio; il circo di Mangiafoco; il Gatto e la Volpe; le peregrinazioni alla ricerca di Geppetto; il Paese dei Balocchi; il ventre del pescecane), e tengono insieme in modo miracoloso tanto l’aspetto favolistico quanto un afflato a suo modo quasi antropologico. In questa fusione resiste il fascino indiscusso di una delle migliori serie televisive italiane di sempre, in grado di contare per di più su un cast pressoché perfetto, capitanato da Nino Manfredi nelle vesti di Geppetto.

Info
La sigla de Le avventure di Pinocchio.
  • le-avventure-di-pinocchio-1972-luigi-comencini-recensione-01.jpg
  • le-avventure-di-pinocchio-1972-luigi-comencini-recensione-02.jpg
  • le-avventure-di-pinocchio-1972-luigi-comencini-recensione-03.jpg
  • le-avventure-di-pinocchio-1972-luigi-comencini-recensione-04.jpg
  • le-avventure-di-pinocchio-1972-luigi-comencini-recensione-05.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    fiore di cactus recensioneFiore di cactus

    di Scritto in punta di penna, come d'abitudine, da I.A.L. Diamond, a Fiore di cactus si può imputare al massimo l'assenza in cabina di regia di Billy Wilder. Ma Gene Saks firma una commedia straripante, spassosa, attualizzazione nevrotica della screwball comedy.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • DVD

    Cercasi Gesù RecensioneCercasi Gesù

    di Opera tarda di Luigi Comencini, Cercasi Gesù vedeva l'esordio al cinema di Beppe Grillo secondo chiavi abbastanza distanti dal suo profilo di comico televisivo. Film naïf, divagante, dai ritmi liberi e distratti. Debole e vecchiotto nella sua sostanza moralistica. In dvd per Mustang e CG.
  • Buone feste!

    l'uomo meraviglia recensioneL’uomo meraviglia

    di L'uomo meraviglia è Danny Kaye, al secondo grande successo commerciale della sua carriera e scatenato nella parte dei gemelli omozigoti Edwin e Buzzy. Buzzy, ucciso dai gangster, appare al fratello nelle vesti di fantasma per chiedergli di vendicarlo...
  • Buone feste!

    wend kuuni - il dono di dio recensioneWend Kuuni – Il dono di Dio

    di Wend Kuuni - Il dono di Dio è l'esordio alla regia del burkinabé Gaston Kaboré. Un'opera potentissima, che rivoluziona il cinema post-coloniale. La Settima Arte si fonde alla proposta politica di Thomas Sankara, rigettando il pensiero occidentale.
  • Buone feste!

    una poltrona per due recensioneUna poltrona per due

    di Diventato nel corso dei decenni un vero e proprio classico natalizio, Una poltrona per due mostra il volto più sardonico e dissacrante di John Landis. La messa in scena del capitalismo più bieco e crudele, e al tempo stesso il racconto della sua essenza effimera, e priva di reale consistenza.
  • Buone feste!

    topolino e i fantasmi recensioneTopolino e i fantasmi

    di Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts) raggiunse le sale statunitensi grazie alla RKO la vigilia di Natale del 1937, e compie dunque 81 anni. Un'età veneranda per un gioiello purissimo, tra i capolavori dei cortometraggi della serie dedicata a Mickey Mouse.
  • Buone feste!

    high school recensioneHigh School

    di High School è il secondo lungometraggio diretto da Frederick Wiseman, all'epoca trentottenne. Messo a punto il proprio stile di osservazione, il regista statunitense riesce a tenere insieme il particolare e l'universale, allargando lo sguardo all'America di quegli anni.
  • Buone feste!

    il buio si avvicina recensioneIl buio si avvicina

    di Il buio si avvicina è l'opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d'incontro tra l'immaginario western e l'horror vampiresco. A oltre trent'anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.
  • Buone feste!

    Alla 39ª eclisse recensioneAlla 39ª eclisse

    di Non è passato e non passerà mai alla storia del cinema Alla 39ª eclisse, seconda regia per l'allora trentottenne Mike Newell. Eppure nelle pieghe di questo horror dai contorni egizi si può ritrovare la scintilla di un approccio al genere oramai andato perduto.
  • Venezia 2016

    Tutti a casa RecensioneTutti a casa

    di La preapertura della Mostra è dedicata a un classico della commedia all'italiana, Tutti a casa di Luigi Comencini, con Alberto Sordi e Serge Reggiani.
  • DVD

    La finestra sul Luna Park

    di Padri veri e padri putativi, la solitudine dell'infanzia e le illusioni del progressismo sociale. La finestra sul Luna Park di Luigi Comencini, opera considerata minore eppure fondamentale, forza il (post)neorealismo e si affida a un intenso approccio morale. In dvd per CG.
  • DVD

    Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova RecensioneInfanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano

    di CG Home Video compie un'azione meritoria recuperando finalmente in dvd il Casanova di Luigi Comencini. Disperso da anni, uno dei migliori film dell'autore.
  • Animazione

    Pinocchio RecensionePinocchio

    di Il falegname Geppetto si costruisce un burattino da un ciocco di legno e gli dà nome Pinocchio. Ma il burattino scappa e nei suoi numerosi incontri rischia di perdere la vita...
  • DVD

    la-bugiardaLa bugiarda

    di Prima ancora di essere una piccante commedia di costume, godibile nonostante il fiato un po' troppo corto e sorretta da un cast scelto con cura e ispirazione, La bugiarda è un piccolo manuale della messa in scena.
  • Saggi

    Addio a Luigi Comencini

    Un viaggio nel cinema di Luigi Comencini, padre putativo della commedia all'italiana e tra le massime espressioni del cinema popolare, con classici come Incompreso, Tutti a casa, Pane, amore e fantasia e Le avventure di Pinocchio.

1 Comment

  1. Trackback: Pinocchio di Comencini compie 50 anni – Padù Company

Leave a comment