Spider-Man: Un nuovo universo

Spider-Man: Un nuovo universo

di , ,

Probabile mattatore del box office natalizio, Spider-Man: Un nuovo universo è un blockbuster trascinante, ipercinetico, ispiratissimo dal punto di vista grafico e immaginifico: un bombardamento visivo che riesce a cogliere meglio di altre pellicole lo spirito dell’Uomo Ragno e che indica possibili nuove strade ai cinecomic e, soprattutto, all’animazione mainstream. Scritto e prodotto dai vulcanici Phil Lord e Christopher Miller.

La bomba e l’onda

Miles Morales è un ragazzino, ammira Spider-Man, deve abituarsi alla nuova scuola e soprattutto deve essere all’altezza delle aspettative dei suoi genitori. Un giorno, in compagnia dello zio Aaron a disegnare graffiti in una parte incustodita della metropolitana, Miles viene morso da un ragno radioattivo e sviluppa strane abilità. Incapace di contattare Aaron, torna alla stazione e trova un laboratorio segreto in cui Wilson Fisk ha costruito un pericolosissimo acceleratore di particelle: in quel momento arriva Spider-Man, che deve però vedersela con Green Goblin e Prowler. Gravemente ferito, Spider-Man affida a Miles una chiavetta USB per disabilitare l’acceleratore… [sinossi]
Peter Ramsey is the action guy,
Rodney Rothman is the comedy guy
Bob Persichetti is the poet.

Spider-Man: Un nuovo universo è effettivamente una bomba, ma ci interessa forse di più l’onda (d’urto) che potrebbe svilupparsi dopo le entusiastiche risposte di pubblico e critica. Felicissimo connubio tra cinecomic e animazione, figlio delle briglie sciolte di The Lego Movie, dell’accumulo divertito e divertente di Piovono polpette e della spavalderia di 21 Jump Street e 22 Jump Street, il film diretto da Bob Persichetti, Peter Ramsey (Le 5 leggende) e Rodney Rothman, ma soprattutto scritto e prodotto dai vulcanici Phil Lord e Christopher Miller, indica a pubblico, critica e produttori più di un bivio.

Tra le possibili (nuove) strade da imboccare, la più evidente è quella estetica. E non solo per l’animazione. Alternativo al piano narrativo del classico Uomo Ragno anni Sessanta e Settanta, Spider-Man: Un nuovo universo è soprattutto alternativo al Marvel Cinematic Universe: si distingue dal colosso Marvel/Disney per libertà narrativa e creativa, capovolgendo la standardizzazione marveliana che costringe i vari Doctor Strange, Black Panther e Ant-Man and the Wasp a una castrante uniformità stilistica. Discorso simile per gli stanchi binari dell’animazione mainstream nordamericana in CGI, appiattita su character design, cromatismi e cliché narrativi che si ripetono stancamente da anni, anni e anni – discorso in buona parte diverso per la Pixar, entrata però da tempo nel tunnel dei prequel/sequel. In questo contesto ingrigito e prevedibile, Spider-Man: Un nuovo universo è sconquassante e lo è in maniera programmatica e coerente: il funambolico intreccio da 3D e 2D, tra l’iconografia delle tavole dei comic book e un vortice inarrestabile di pixel, non cavalca solo lo stupore visivo e l’innovazione ma è una fertile chiave di lettura che coglie l’inarrestabile stratificazione dei multiversi marveliani.

Da Steve Ditko a Sara Pichelli, da Peter Parker a Miles Morales; dalle tavole cartacee al grande schermo; dall’animazione limitata della Filmation (in particolare, l’episodio Double Identity della prima stagione 1967/68) alle meraviglie della Sony Pictures Animation e della Marvel Animation. Il grande pregio di Spider-Man: Un nuovo universo è di elaborare e frullare tutto questo, di dare un senso grafico e un ordine narrativo a parole come continuity, Ultimate Marvel e Ultimate Comics, crossover, universi alternativi e via discorrendo. Serviva e servirà ancora ai supereroi del grande schermo un’idea di cinema strutturata, anche distante da quella di Lord e Miller, ma con delle fondamenta altrettanto solide: Spider-Man: Un nuovo universo si poggia infatti sul mondo in continua evoluzione e/o distruzione di Piovono polpette, su una poetica debordante e caotica (ri)calibrata con The Lego Movie e applicata con ammirevole perizia da Persichetti, Ramsey e Rodney Rothman.

Alfieri di un post-post-moderno giocoso, votato al divertissement privo di freni e di confini, capaci di agire negli schematici e spesso asfittici meccanismi dei remake/sequel/prequel/reboot/spin-off, Lord, Miller & Friends danzano sul sottile e scivoloso discrimine tra semplificazione e banalizzazione.
Reboot, altro Verso, un distinguo produttivo e artistico. Con Spider-Man: Un nuovo universo siamo in un Marvel Cinematic Universe altro, felicemente alternativo a Spider-Man: Homecoming e a tutta la truppa. Godiamo della messa in scena degli elementi grafici dei fumetti (i retini, ottima idea); delle citazioni a pioggia e dell’abbondante ironia; dell’animazione che capovolge i limiti in ricchezza (si veda, seppur a decine e decine di milioni di euro di distanza, Gatta Cenerentola). Sfrondata l’imponente sovrastruttura immaginifica, avremmo voluto qualcosa di più dal punto di vista narrativo – o, forse, qualcosa meno. La prossima volta?

Info
Il trailer italiano di Spider-Man: Un nuovo universo.
Il sito ufficiale di Spider-Man: Un nuovo universo.
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-01.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-02.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-03.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-04.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-05.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-06.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-07.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-08.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-09.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-10.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-11.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-12.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-13.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-14.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-15.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-16.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-17.jpg
  • Spider-Man-Un-nuovo-universo-2018-18.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    venom recensioneVenom

    di A forza di raschiare il fondo del barile dei personaggi Marvel (che però qui si tiene a debita distanza) si è arrivati anche a Venom, uno dei più apprezzati antagonisti di Spider-Man. Qui di Peter Parker non c'è l'ombra, e neanche di una sceneggiatura credibile, purtroppo...
  • Archivio

    Ant-Man and the Wasp RecensioneAnt-Man and the Wasp

    di Come il suo protagonista maschile, Ant-Man and the Wasp funziona bene nella dimensione micro della spensieratezza, meno quando le sue dimensioni si fanno titaniche per misurarsi con i veri giganti della squadra Marvel.
  • Archivio

    Avengers: Infinity War RecensioneAvengers: Infinity War

    di , Miracolosamente in equilibrio tra le mille star che mette in scena, Avengers: Infinity War è l'attesa e riuscita resa dei conti all'interno del Marvel Cinematic Universe, dove tutto si tiene e nulla sfugge.
  • Archivio

    Black Panther RecensioneBlack Panther

    di Accolto trionfalmente in patria, Black Panther non si discosta dai consueti valori produttivi, narrativi ed estetici del Marvel Cinematic Universe, nonostante le utopie del Regno di Wakanda, il Black Power e la colata di buoni sentimenti e propositi. Asgard e la Galassia sono distanti.
  • Archivio

    Thor: Ragnarok RecensioneThor: Ragnarok

    di Proseguono a rotta di collo le avventure dei supereroi marveliani, sempre più vicini all'apoteosi di Infinity War. In questo percorso non privo di incidenti di percorso e brusche marce indietro, Thor: Ragnarok si rivela una tappa a suo modo significativa...
  • Archivio

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...
  • Archivio

    Guardiani della Galassia Vol. 2 RecensioneGuardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • Animazione

    Lego Batman RecensioneLego Batman – Il Film

    di C'è un mondo dietro i celeberrimi mattoncini, dietro le icone della DC. Un mondo che con Lego Batman prende però una piega troppo prevedibile, priva delle intuizioni e della verve di Lego Movie...
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    22 Jump Street Recensione22 Jump Street

    di , Sequel del film realizzato nel 2012, questo 22 Jump Street diverte parodiando i generi con la sua demenzialità spinta all’eccesso, il che conferma anche il buon affiatamento raggiunto dalla coppia protagonista e dai due registi Phil Lord & Christopher Miller.
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2 RecensioneThe Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Animazione

    The Lego Movie RecensioneThe Lego Movie

    di , Emmet, onesta minifigura Lego, è erroneamente identificata come la persona più straordinaria di sempre e chiave per la salvezza del mondo...
  • Animazione

    Le 5 leggende RecensioneLe 5 leggende

    di Presentato in anteprima al Festival di Roma 2012, Le 5 leggende è un valido prodotto d'intrattenimento che riesce a dosare azione e comicità, buoni sentimenti e interessanti soluzioni grafiche.
  • Archivio

    21 Jump Street Recensione21 Jump Street

    di , I due poliziotti Jenko e Schmidt, che fanno parte dell'unità segreta Jump Street, vengono incaricati di intraprendere una missione sottocopertura in una scuola superiore...
  • Animazione

    Piovono polpette

    di , Il giovane inventore Flint Lockwood, cercando di debellare la fame nel mondo, scopre un modo per far piovere letteralmente cibo dal cielo...
  • Animazione

    Ralph spacca Internet RecensioneRalph spacca Internet

    di , Una fiumana di personaggi, pixel, piccole e grandi riflessioni sulla ricchezza e i pericoli della nostra dimensione virtuale e digitale. Con Spider-Man: Un nuovo universo, pochi mesi dopo Ready Player One, è il trionfo della realtà aumentata, della sua narrazione e messa in scena.
  • Animazione

    The Lego Movie 2 RecensioneThe Lego Movie 2: Una nuova avventura

    di Affidato all'esperienza di Mike Mitchell, cinque anni dopo il capitolo originale, The Lego Movie 2 è un sequel con parecchie frecce al proprio arco, a partire dai mattoncini Duplo e le loro prevedibili implicazioni interpersonali.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento