Monty Python’s Flying Circus

Monty Python’s Flying Circus

di ,

Quando nel 1969 la BBC si decise a mandarlo in onda, in diretta il sabato sera, Monty Python’s Flying Circus fece l’unica cosa che poteva fare: rivoluzionò i costumi, il senso comune, il concetto stesso di programma televisivo. A quasi cinquant’anni di distanza l’effetto è ancora dirompente, inarrestabile. Un capolavoro di comicità nonsense che non ha eguali.

I re della foresta

Un programma televisivo composto di sketch, uniti tra loro dalle animazioni curate da Terry Gilliam. [sinossi]

Per quanto esistano versioni televisive chiamate Il circo volante dei Monty Phyton, questo capolavoro di surrealismo comico e di devastazione dell’ordinario è passato alla storia – e lì vi rimarrà, tra i gioielli imperituri del piccolo schermo mondiale – con il suo titolo originale, Monty Python’s Flying Circus. Prendete l’usato sicuro dello slapstick, genere standardizzato da sessant’anni quando i Monty Python irrompono sulla scena britannica, mescolatelo con l’umorismo anglosassone, aggiungete un pizzico di dada, di surrealismo, scuotete con forza ripetendo misterici e geniali giochi di parole e forse vi avvicinerete a quel guazzabuglio ultrasonico che la gang londinese riuscì a proporre alla vasta platea televisiva per ben un lustro, e sulla BBC! Appare quasi impossibile oggi, quando lo spettatore del piccolo schermo è abituato alle miserabili pacchianerie comiche che la televisione regala, con una capacità di scioccare l’immaginario borghese così risibile che non farebbe arrossire neanche le gote di un’educanda in odor di monastero o di santità. La vera e propria clausura dell’immaginario sovversivo, e della sua potenza destabilizzante. Mala tempora currunt, si sa. Le sorti progressive di una nazione che viveva la primavera tutta lustrini e luci al neon della cosiddetta Swinging London permisero al contrario l’irruzione di una banda di intellettuali innamorati del demenziale e del calembour – ma non lo era forse anche l’austero Lewis Carroll, il babbo di Alice che attraversa lo specchio? – nelle case della piccola e media borghesia, della nobiltà e della classe operaia. Un’operazione di rieducazione che neanche il Grande Timoniere Mao sarebbe mai stato in grado di prendere in considerazione.

Ma occorre non essere precipitosi, e non dare per scontate determinate nozioni. Domanda iniziale: cosa è stato il Monty Python’s Flying Circus? Un contenitore televisivo, che andava in onda in diretta il sabato sera, e che metteva insieme gli sketch più disparati, accomunati tra loro da alcuni personaggi ricorrenti e legati – anche per esigenze legate alla diretta, come ad esempio il cambio di costumi tra un gag e l’altro – da animazioni surreali. La seconda domanda è d’obbligo: chi sono stati i Monty Python? In ordine puramente alfabetico Graham Chapman, John Cleese, Terry Gilliam, Eric Idle, Terry Jones e Michael Palin. Sei comici? Sì, senza dubbio. Sei attori? Dato scontato, anche se ovviamente per Gilliam il gioco si fa più complesso (sue, se qualcuno se lo stesse domandando, le già citate animazioni). Ma soprattutto sei pensatori tanto della struttura della commedia quanto, e questo è ancor più rilevante, del senso del ridicolo e del suo superamento. Da principio accompagnato da risate episodiche, anche perché il pubblico della BBC era abituato a ben altro tenore, e questo rende ancor più coraggioso sia il programma sia la rete che decise comunque di produrlo e dargli la massima visibilità, Monty Python’s Flying Circus divenne già nel corso della prima stagione un appuntamento fisso, un’arma controculturale, la risposta migliore a chi pensa che gli standard televisivi non possano che essere rispettati, a danno della qualità e della libertà di espressione.

Non c’è limite, nel corso delle quattro stagioni, che i sei attori e creatori non siano riusciti a valicare. Limiti estetici, culturali, filosofici, concettuali, comici. Limiti del buongusto, ripetutamente mandato al massacro. Limiti della prassi, mai neanche presa in considerazione. Attraverso un flusso di coscienza ideale che già lavora sulle riflessioni di Marshall McLuhan, in direzione di un blob solo all’apparenza confuso, i Monty Python edificano una struttura incrollabile, che si concentra su temi fissi e vere e proprie ossessioni – la messa alla berlina del pensiero comune, la presa per i fondelli del mondo politico, la parodia cinefila e cinematografica, l’utilizzo degli stessi meccanismi televisivi per dimostrarne la vacuità – che vengono sviscerate facendo ricorso a un nonsense sublime, che non ha pari nella storia della comicità moderna e contemporanea e che riprende vezzi e consuetudini del vaudeville (il grammelot, il gioco di parole, l’utilizzo di anagrammi e del grottesco) per portare il tutto alle estreme conseguenze.
Ma al di là della mera soddisfazione intellettuale, che rende in ogni caso l’operazione tra le più brillanti, rivoluzionarie e innovative dell’intera storia della televisione, Monty Python’s Flying Circus è un puro, continuo e imperterrito esercizio di comicità deflagrante.

Non si può resistere di fronte agli sketch dei Monty Python. Non è concesso. Come si fa a non sperticarsi dalle risate con la partita di calcio tra filosofi greci e tedeschi, vinta dai primi grazie all’Eureka di archimedica memoria? E quale preferire tra Dead Parrot, che vede il commesso Michael Palin cercar di convincere il buon borghese John Cleese che il pappagallo che gli ha venduto non è morto, e Art Gallery, con protagonisti sempre i due attori nelle vesti di donne borghesi di mezza età che disquisiscono di arte di fronte a dei dipinti mangiandoli? Per non parlare della celeberrima The Lumberjack Song (“I’m a lumberjack and I’m OK I sleep all night and I work all day”), ovviamente. Ma la lista sarebbe lunghissima, pressoché inesauribile. L’unico consiglio è quello di recuperare tutti e quarantacinque gli episodi, usciti per di più in dvd anche in Italia, e di godere di ore di intrattenimento geniale, irriverente, caustico, lontano da qualsiasi propensione al buon senso e alla mediocrità dominante. La barzelletta più divertente del mondo forse non vi ucciderà, come accadde durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma la ricorderete per sempre.

Info
La sigla di Monty Python’s Flying Circus.
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-04.jpg
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-06.jpg
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-03.jpg
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-05.jpg
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-02.jpg
  • monty-pythons-flying-circus-1969-monty-python-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    The Man Who Killed Don Quixote RecensioneL’uomo che uccise Don Chisciotte

    di L'uomo che uccise Don Chisciotte è il testamento in vita di un regista che ha combattuto per anni contro i mulini a vento/giganti, ed è costretto a fronteggiare una realtà deridente e crudele. Gilliam dà vita a una creatura deforme e sbalestrata, quasi commovente nella sua tragicità in-volontaria.
  • In sala

    Absolutely Fabulous – Il film

    di Film strampalato che nasce sull'onda dell'omonima e longeva serie TV inglese - poco nota da noi - Absolutely Fabulous descrive il mondo della moda londinese con demenziale ironia, a tratti divertente, sia pur gravata da un'esile struttura narrativa.
  • In sala

    The Zero Theorem

    di Terry Gilliam torna alle atmosfere paranoidi e futuribili di Brazil, fallendo però miseramente il colpo. Anche Christoph Waltz appare spaesato e fuori contesto.
  • Cult

    I banditi del tempo RecensioneI banditi del tempo

    di Film spesso poco ricordato all'interno della filmografia di Terry Gilliam, I banditi del tempo è un patchwork visivo che spazia dalla filiazione cartoonistica al demenziale, passando per il vaudeville, fino ad approdare all’onirismo.
  • Buone feste!

    Brisby e il segreto di NIMH

    di L'esordio al lungometraggio di Don Bluth, già al lavoro negli anni precedenti per la Disney. Una fiaba ecologista ricca di fascino, tra i migliori esempi di animazione statunitense degli anni Ottanta.
  • Buone feste!

    bambole e sangue recensioneBambole e sangue

    di Con Bambole e sangue si inaugura la carriera sul grande schermo del newyorchese Paul Bartel, uno dei numi tutelari del cinema indipendente statunitense. Tra le trame di un racconto malsano e inquietante si rintracciano già i germi di una nazione impaurita e bigotta.
  • Buone feste!

    un dollaro d'onore recensioneUn dollaro d’onore

    di Tra i western più acclamati, omaggiati e plagiati di ogni tempo, Un dollaro d'onore può essere letto come una risposta polemica a Mezzogiorno di fuoco. Al di là di questo Howard Hawks firma uno dei suoi capolavori.
  • Buone Feste!

    Un mondo a parte RecensioneUn mondo a parte

    di Quando esordisce alla regia con Un mondo a parte il britannico Chris Menges è un apprezzato e pluripremiato direttore della fotografia. Per l'opera prima decide di mettere in scena in forma romanzata la vita di Ruth First.
  • Buone feste!

    il bi e il ba recensioneIl Bi e il Ba

    di Probabilmente nulla, nella storia del cinema italiano, si avvicina al livello di nonsense espulso dal corpo de Il Bi e il Ba. Merito del protagonista Nino Frassica, ma anche della regia ordinatissima e anarchica di Maurizio Nichetti.
  • Buone feste!

    chicken and duck talk recensioneChicken and Duck Talk

    di Nel 2018 Chicken and Duck Talk, una delle commedie di maggior successo critico e commerciale di Hong Kong, ha festeggiato trent'anni. Un gioiello che si mostra ancora in splendida forma, grazie agli oliatissimi meccanismi comici e alla maestria di Michael Hui.
  • Buone feste!

    school on fire recensioneSchool on Fire

    di A trent'anni dalla sua realizzazione School on Fire segna il punto di non ritorno della poetica di Ringo Lam, con la sua messa alla berlina dell'intero sistema sociale della città-stato, partendo dall'istruzione per arrivare alla polizia e, ovviamente, alla mafia locale.
  • Buone feste!

    eros + massacre recensioneEros + Massacre

    di Eros + Massacre è il primo dei tre capitoli che Yoshishige Yoshida ha dedicato alla storia del Giappone contemporaneo, ed è con ogni probabilità il più celebre. Un film anarchico come e più del suo protagonista, Sakae Ōsugi.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Buone feste!

    grosso guaio a chinatown recensioneGrosso guaio a Chinatown

    di Il 2019 sarà il nono anno consecutivo senza film diretti da John Carpenter al cinema. Per sopperire a questo vuoto si può tornare ad altre epoche, più floride. Ma occorre sempre ricordare come anche un cult del calibro di Grosso guaio a Chinatown si dimostrò un clamoroso flop commerciale.
  • Buone feste!

    izo recensioneIzo

    di Izo è l'opera più estrema della sterminata filmografia di Takashi Miike, e con ogni probabilità rappresenta il suo apice poetico e artistico. Attraverso una vera e propria carneficina il regista giapponese ragiona sulla storia del Giappone, sull'umanità e sul cinema come reiterazione di sé.
  • Buone feste!

    colpo vincente recensioneColpo vincente

    di Il colpo vincente è quello con cui la microscopica squadra di basket del liceo di Hickory, in Indiana, vince il campionato statale sotto la guida del "redento" allenatore interpretato da Gene Hackman. Un classico del film sportivo, ma anche un'interessante lettura della società rurale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento