Il Bi e il Ba

Il Bi e il Ba

di

Probabilmente nulla, nella storia del cinema italiano, si avvicina al livello di nonsense espulso dal corpo de Il Bi e il Ba. Merito del protagonista Nino Frassica, ma anche della regia ordinatissima e anarchica di Maurizio Nichetti, un talento dimenticato della produzione nazionale.

Un, due, tre… Paùsa

Antonino Scannapieco vive nel piccolo paesino di Scasazza, ma ha un unico sogno: conoscere Maria Giovanna Elmi. Per permettersi il viaggio fino a Roma, dove soggiornerà dagli zii, convince i suoi amici che tutti i loro problemi dipendono esclusivamente dalla forfora. Per questo deve recarsi da un celeberrimo medico romano per farsi dare la lozione miracolosa che li guarirà… [sinossi]

Il Bi e il Ba è l’unico film da regista per il cinema di Maurizio Nichetti in cui l’artista milanese non recita in prima persona. Può apparire come un dettaglio del tutto inessenziale o secondario, ma a ben vedere non è così. Nichetti è sempre stato un performer oltre che un regista: il lunare esordio Ratataplan non lasciava adito a dubbi di sorta già nel 1979, e a rincarare la dose erano poi arrivati Ho fatto splash e il geniale e a lungo tempo dimenticato Domani si balla!, di recente omaggiato con una serie di proiezioni nel capoluogo meneghino. Per non parlare, ovviamente, della partecipazione ad Allegro non troppo di Bruno Bozzetto, dove l’elemento umano e quello animato hanno modo di darsi del tu fronteggiandosi da vicino (una riflessione che Nichetti porterà a compimento nell’ambizioso Volere volare, punto di non ritorno della sua poetica espressiva insieme al metacinematografico Ladri di saponette, acida rappresaglia contro il potere televisivo.

Alla luce di tutto ciò Il Bi e il Ba assume i contorni sempre curiosi dell’eccezione che conferma la regola. In realtà Nichetti si limita al lavoro dietro la macchina da presa per lasciare spazio nell’inquadratura alla logorrea invasiva e dominante di Nino Frassica. È infatti il comico messinese, reso celebre in tutta Italia grazie ai programmi di Renzo Arbore, l’unico e incontrastato mattatore di un film che travalica il senso logico lanciandosi a rotta di collo in un’avventura completamente nonsense.
Nel prendere posto nella ricca e composita famiglia delle commedie di situazione basate sul dialogo Nichetti e Frassica vi entrano per minarla dall’interno, massacrandola a ogni pie’ sospinto. Basterebbe un breve accenno alla storia per rendersi conto della follia anarchica in cui si è precipitati: Antonino sogna di conoscere Maria Giovanna Elmi, ma non può permettersi il viaggio fino a Roma. Convince allora i suoi amici – vitelloni all’ultimo stadio – a prestargli i soldi con la scusa di recarsi da un dottorone capitolino, tal Svernagovich, che fornirà loro la soluzione a tutti i problemi, vale a dire una crema in grado di debellare la forfora. Appena arrivato a Termini però Antonino non solo utilizza tutti i soldi che ha per acquistare un’enciclopedia dedicata agli innaffiatoi, ma perde anche i regali che ha portato agli zii. Li rimpiazza dunque con delle scatole che sgraffigna a un clan mafioso, ignaro di regalare al nipotino un mitragliatore con cui sparare dal balcone.

Ma questo è solo l’inizio, perché Il Bi e il Ba non si ferma davanti a niente e a nessuno, tra calembour linguistici, giochi di parole ai limiti dell’infantile (Antonino storpia via Nomentana in via Momentanea, e ogni volta ripete “Via Camillo Benso, ma non sono sicuro, Conte di Cavour”), situazioni che farebbero impallidire i cultori del surrealismo. Tanto per fare un esempio visto che per spiegare (male) il funzionamento di un frigorifero ha scarabocchiato su La Repubblica, Antonino afferma di “scrivere sui giornali” e per questo viene trattato con tutti i riguardi in questura, dove incontra un uomo ossessionato dal cinema d’autore italiano. “Ma chi sono i fratelli Taviani?”, ripete senza sosta. È forse qui che si può cogliere con maggior precisione l’eleganza e l’intelligenza della regia approntata da Nichetti: attraverso un gioco di campi lunghi e di dissolvenze il regista rende quasi infinito il soliloquio paranoide dell’uomo (a interpretarlo uno spiritato Marco Messeri), portando alle estreme conseguenze la situazione.

Non esistono davvero molto paragoni possibili per questo oggetto deforme e così serio da non prendersi mai sul serio. Una comicità elettrica, quasi isterica, in cui ogni singola occasione può essere sfruttata per spostare di qualche centimetro il confine del lecito (in motorino alla domanda “l’hai messa la freccia?” la risposta non può che essere un delirante “e che so’, un indiano?”). E poi spostarlo ancora. E ancora. E ancora. Demenziale e mai demente Il Bi e il Ba è un gorgo che tutto assorbe e ingloba, e di fronte al quale è solo controproducente opporre resistenza. Ma che lascia un triste quesito. Perché Nino Frassica non ha continuato a sabotare il cinema con la stessa virulenza? E, in seconda battuta, per quale motivo il genio creativo, eversivo e mai prono di fronte alla prammatica produttiva di Maurizio Nichetti è stato progressivamente spostato, riposto in un angolo, completamente dimenticato? Perché i suoi film non vengono programmati in televisione? Perché nessuno nel corso degli ultimi diciassette anni, da Honolulu Baby in poi, ha pensato che ci fosse bisogno di un’idea di cinema così libera, fuori tono e fuori posto? Nichetti si è “ridotto” a lavorare per prodotti televisivi di scarso interesse, e a risentirne è stato l’immaginario complessivo del Paese. Sempre più standardizzato, sempre più allineato a una medietà culturale agghiacciate.

Info
Una clip de Il Bi e il Ba.

Articoli correlati

  • Buone Feste!

    Un mondo a parte RecensioneUn mondo a parte

    di Quando esordisce alla regia con Un mondo a parte il britannico Chris Menges è un apprezzato e pluripremiato direttore della fotografia. Per l'opera prima decide di mettere in scena in forma romanzata la vita di Ruth First.
  • Buone feste!

    bambole e sangue recensioneBambole e sangue

    di Con Bambole e sangue si inaugura la carriera sul grande schermo del newyorchese Paul Bartel, uno dei numi tutelari del cinema indipendente statunitense. Tra le trame di un racconto malsano e inquietante si rintracciano già i germi di una nazione impaurita e bigotta.
  • Buone feste!

    un dollaro d'onore recensioneUn dollaro d’onore

    di Tra i western più acclamati, omaggiati e plagiati di ogni tempo, Un dollaro d'onore può essere letto come una risposta polemica a Mezzogiorno di fuoco. Al di là di questo Howard Hawks firma uno dei suoi capolavori.
  • Buone feste!

    Monty Python's Flying Circus RecensioneMonty Python’s Flying Circus

    di , Quando nel 1969 la BBC si decise a mandarlo in onda, in diretta il sabato sera, Monty Python's Flying Circus fece l'unica cosa che poteva fare: rivoluzionò i costumi, il senso comune, il concetto stesso di programma televisivo.
  • Buone feste!

    Fucking Åmål recensioneFucking Åmål

    di Fucking Åmål è l'esordio alla regia di Lukas Moodysson oltre che, a distanza di venti anni dalla sua realizzazione, il film più potente della carriera del regista e poeta svedese. Un teen-movie liberissimo e vitale, che sfascia le convenzioni sociali.
  • Buone feste!

    the call of cthulhu recensioneThe Call of Cthulhu

    di All'interno del ciclo dedicato alla divinità aliena da H.P. Lovecraft non esiste titolo più suggestivo e spaventoso di The Call of Cthulhu (La chiamata di Cthulhu in italiano). Nel 2005 qualcuno sperimentò un folle mediometraggio muto e in bianco e nero dedicato al racconto...
  • Buone feste!

    la ragazza terribile recensioneLa ragazza terribile

    di Oramai quasi dimenticato, almeno in Italia, La ragazza terribile di Michael Verhoeven rappresentò un piccolo caso cinematografico nel 1990, con la sua versione romanzata della vita della saggista tedesca Anna Rosmus. Da riscoprire.
  • Buone feste!

    suburbia recensioneSuburbia

    di Tratto da una pièce di Eric Bogosian, Suburbia è il quinto lungometraggio da regista di Richard Linklater. Uno sguardo disilluso e partecipe sui destini della cosiddetta "generazione X", mandata al macello all'estero come in patria.
  • Buone feste!

    scorpio rising recensioneScorpio Rising

    di Scorpio Rising è il sogno irrealizzabile del biker, il volo pindarico nella notte nera come la pece o come il giubbotto di pelle ma bombardata dalle armonie e dai vocalizzi pop. Mai la cultura statunitense era stata così idolatrata e scarnificata nello stesso momento.
  • Buone feste!

    le avventure di pinocchio recensioneLe avventure di Pinocchio

    di In attesa di scoprire cosa sarà in grado di fare Matteo Garrone con il testo di Collodi, Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini resta la messa in scena più folgorante (con Disney) del burattino che vuole diventare uomo. Con Nino Manfredi e la colonna sonora di Fiorenzo Carpi.
  • Buone feste!

    fiore di cactus recensioneFiore di cactus

    di Scritto in punta di penna, come d'abitudine, da I.A.L. Diamond, a Fiore di cactus si può imputare al massimo l'assenza in cabina di regia di Billy Wilder. Ma Gene Saks firma una commedia straripante, spassosa, attualizzazione nevrotica della screwball comedy.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • Buone feste!

    l'uomo meraviglia recensioneL’uomo meraviglia

    di L'uomo meraviglia è Danny Kaye, al secondo grande successo commerciale della sua carriera e scatenato nella parte dei gemelli omozigoti Edwin e Buzzy. Buzzy, ucciso dai gangster, appare al fratello nelle vesti di fantasma per chiedergli di vendicarlo...
  • Buone feste!

    wend kuuni - il dono di dio recensioneWend Kuuni – Il dono di Dio

    di Wend Kuuni - Il dono di Dio è l'esordio alla regia del burkinabé Gaston Kaboré. Un'opera potentissima, che rivoluziona il cinema post-coloniale. La Settima Arte si fonde alla proposta politica di Thomas Sankara, rigettando il pensiero occidentale.
  • Buone feste!

    una poltrona per due recensioneUna poltrona per due

    di Diventato nel corso dei decenni un vero e proprio classico natalizio, Una poltrona per due mostra il volto più sardonico e dissacrante di John Landis. La messa in scena del capitalismo più bieco e crudele, e al tempo stesso il racconto della sua essenza effimera, e priva di reale consistenza.
  • Buone feste!

    topolino e i fantasmi recensioneTopolino e i fantasmi

    di Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts) raggiunse le sale statunitensi grazie alla RKO la vigilia di Natale del 1937, e compie dunque 81 anni. Un'età veneranda per un gioiello purissimo, tra i capolavori dei cortometraggi della serie dedicata a Mickey Mouse.
  • Buone feste!

    high school recensioneHigh School

    di High School è il secondo lungometraggio diretto da Frederick Wiseman, all'epoca trentottenne. Messo a punto il proprio stile di osservazione, il regista statunitense riesce a tenere insieme il particolare e l'universale, allargando lo sguardo all'America di quegli anni.
  • Buone feste!

    il buio si avvicina recensioneIl buio si avvicina

    di Il buio si avvicina è l'opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d'incontro tra l'immaginario western e l'horror vampiresco. A oltre trent'anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.
  • Buone feste!

    Alla 39ª eclisse recensioneAlla 39ª eclisse

    di Non è passato e non passerà mai alla storia del cinema Alla 39ª eclisse, seconda regia per l'allora trentottenne Mike Newell. Eppure nelle pieghe di questo horror dai contorni egizi si può ritrovare la scintilla di un approccio al genere oramai andato perduto.
  • DVD

    Sotto il ristorante cinese

    di Bel recupero grazie a Mustang e CG, arriva per la prima volta in dvd Sotto il ristorante cinese di Bruno Bozzetto. Favola moderna, tra grigiori milanesi, spiagge assolate di mondi paralleli, equilibrato ecologismo, decrescita felice, duplicità digitali ante litteram e desideri di fuga nel cinema.
  • Corti

    Il pranzo onirico

    di Nel 1996 Eros Puglielli conferma il suo talento visionario firmando il cortometraggio Il pranzo onirico, un viaggio surreale nelle ossessioni familiari. E non solo...
  • Fantafestival 2015

    Fantasticherie di un passeggiatore solitario

    di L'esordio al lungometraggio di Paolo Gaudio è una mesta e dolce incursione nel mondo dei sogni, della magia; una fuga dal reale mai realmente possibile, ma indispensabile per ritrovare l'umano.
  • Interviste

    Bruno Bozzetto intervistaIntervista a Bruno Bozzetto – parte seconda

    Le fonti di ispirazione, il signor Rossi, l'utilizzo delle nuove tecnologie, la crisi produttiva. Ne parliamo con Bruno Bozzetto nella seconda parte dell'intervista che ci ha concesso.
  • Intervista

    Intervista a Bruno Bozzetto

    Abbiamo intervistato Bruno Bozzetto, principale cantore del cinema d'animazione italiano, grazie a opere capitali come West and Soda e Allegro non troppo.
  • Buone feste!

    Brisby e il segreto di NIMH

    di L'esordio al lungometraggio di Don Bluth, già al lavoro negli anni precedenti per la Disney. Una fiaba ecologista ricca di fascino, tra i migliori esempi di animazione statunitense degli anni Ottanta.
  • Buone feste!

    chicken and duck talk recensioneChicken and Duck Talk

    di Nel 2018 Chicken and Duck Talk, una delle commedie di maggior successo critico e commerciale di Hong Kong, ha festeggiato trent'anni. Un gioiello che si mostra ancora in splendida forma, grazie agli oliatissimi meccanismi comici e alla maestria di Michael Hui.
  • Buone feste!

    school on fire recensioneSchool on Fire

    di A trent'anni dalla sua realizzazione School on Fire segna il punto di non ritorno della poetica di Ringo Lam, con la sua messa alla berlina dell'intero sistema sociale della città-stato, partendo dall'istruzione per arrivare alla polizia e, ovviamente, alla mafia locale.
  • Buone feste!

    eros + massacre recensioneEros + Massacre

    di Eros + Massacre è il primo dei tre capitoli che Yoshishige Yoshida ha dedicato alla storia del Giappone contemporaneo, ed è con ogni probabilità il più celebre. Un film anarchico come e più del suo protagonista, Sakae Ōsugi.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Buone feste!

    grosso guaio a chinatown recensioneGrosso guaio a Chinatown

    di Il 2019 sarà il nono anno consecutivo senza film diretti da John Carpenter al cinema. Per sopperire a questo vuoto si può tornare ad altre epoche, più floride. Ma occorre sempre ricordare come anche un cult del calibro di Grosso guaio a Chinatown si dimostrò un clamoroso flop commerciale.
  • Buone feste!

    izo recensioneIzo

    di Izo è l'opera più estrema della sterminata filmografia di Takashi Miike, e con ogni probabilità rappresenta il suo apice poetico e artistico. Attraverso una vera e propria carneficina il regista giapponese ragiona sulla storia del Giappone, sull'umanità e sul cinema come reiterazione di sé.
  • Buone feste!

    colpo vincente recensioneColpo vincente

    di Il colpo vincente è quello con cui la microscopica squadra di basket del liceo di Hickory, in Indiana, vince il campionato statale sotto la guida del "redento" allenatore interpretato da Gene Hackman. Un classico del film sportivo, ma anche un'interessante lettura della società rurale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento