Nosferatu, il principe della notte

Nosferatu, il principe della notte

di

Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull’ontologica natura predominante del Male, e sull’impossibilità di una sua distruzione da parte dell’uomo.

La danza notturna della peste

Jonathan Harker è un giovane agente immobiliare di Wismar, sul Mar Baltico, nella metà dell’Ottocento. Felicemente sposato con l’affascinante e sensibile Lucy, non l’ascolta quando questa gli dice di avere un brutto presentimento riguardo al viaggio che lui dovrà intraprendere per la Transilvania. Lì lo aspetta il Conte Dracula, interessato ad acquistare una casa proprio nei pressi della loro abitazione. [sinossi]

Nosferatu, il principe della notte ha compiuto quarant’anni: era infatti il 17 gennaio del 1979 quando venne distribuito su suolo francese – la Gaumont dopotutto risultava tra i produttori, insieme alla tedesca ZDF e alla piccola compagnia fondata da Werner Herzog. Il film sarebbe poi uscito anche nelle sale italiane a ridosso di San Valentino (in fin dei conti non si può certo negare la dimensione romantica, sia sotto il profilo concettuale che culturale, del film) prima di approdare alla Berlinale, nell’ultima edizione diretta dal compianto Wolf Donner, al quale la struttura attuale del festival deve moltissimo, a partire dalla scelta di collocarsi a febbraio – in precedenza le date oscillavano tra fine giugno e inizio luglio. Nell’edizione del 1979 Nosferatu se la vide in concorso tra gli altri con Messidor di Alain Tanner, L’amore fugge di François Truffaut (ultima avventura sul grande schermo per Jean-Pierre Léaud nella parte di Antoine Doinel), Alessandria perché? di Youssef Chahine, Hardcore di Paul Schrader, Incontri con uomini straordinari di Peter Brook. Gli altri film tedeschi oltre a quello di Herzog erano Il matrimonio di Maria Braun di Rainer Werner Fassbinder, Die erste Polka di Klaus Emmerich e David di Peter Lilienthal, che ricevette l’Orso d’Oro da una giuria capitanata da Jörn Donner. Così come l’opera di Fassbinder dimostra di leggere la storia tedesca come una lunga e articolata rincorsa al successo personale, al raggiungimento di un ruolo apicale che si fa beffe della morale, dell’etica, dell’umanesimo, allo stesso modo anche Herzog entra nuovamente in rapporto, e in conflitto, con la propria terra. La supposta modernità della nazione era stata già messa alla berlina ne L’enigma di Kaspar Hauser, e in modo ancor più misterico in Cuore di vetro; la vicenda del conte Dracula – com’è notorio Herzog reintroduce i nomi originali del romanzo, al contrario di quanto fatto nel 1922, perché i diritti sono scaduti – e il suo incontro con Jonathan Harker permette invece al regista di confrontarsi a tu per tu con una memoria scintillante della cultura teutonica, Nosferatu il vampiro di Friedrich Wilhelm Murnau.

Il “nuovo cinema tedesco” volta le spalle e guarda dietro di sé, a quello spicchio di anni in cui la cinematografia germanica svettò, al pari di quella sovietica, al di sopra del resto del mondo. Pochi anni, nella tumultuosa Germania della Repubblica di Weimar, prima della vittoria del nazismo e del ritorno alla barbarie. Pochi anni in cui l’ingegno di alcuni cineasti – oltre a Murnau Fritz Lang, Georg Wilhelm Pabst, Paul Leni, Robert Wiene – cambiò la prospettiva del cinema, e così facendo anche la prospettiva con la quale leggere e decodificare la società. Per questo nel vampiro messo in scena da Murnau c’è già l’ombra lunga di Hitler e allo stesso tempo la radicale negazione di una socialdemocrazia malata, che ha mandato a morte gli avversari politici – la distruzione della Lega Spartachista è del 1919 – e non sa uscire dal cono d’ombra di un’oligarchia ferale, immortale come il succhiasangue che viene dalla Transilvania.
Herzog non ha più bisogno nel 1979 di questa interpretazione della vicenda, perché il nazismo, la predazione notturna e lo sterminio non sono più metafore possibili, ma la crudele verità storica che una nazione divisa a metà porta sulle proprie spalle ogni singolo giorno. Il suo Dracula non è dunque l’immagine di un pericolo, ma del Male assoluto, dell’ontologica natura ferale dell’uomo, dell’impossibilità di sconfiggere il demone che affligge l’umanità. Il rituale del suggere con cui Dracula fa sua la bella Lucy Harker – Herzog, chissà perché, decide di invertire i nomi delle due donne protagoniste, facendo di Lucy la moglie di Harker – termina con la morte dell’ingordo vampiro, incauto nel non rendersi conto dell’avvento dell’aurora. Ma la luce può pietrificare il mostro, che non svanisce più nell’alba (il tempo degli effetti ottici è finito, la materica realtà rivendica il proprio spazio), non ucciderne l’essenza. Così è Harker, tornato con la febbre cerebrale dal suo viaggio all’estero, dove ha visto l’orrore nascere dal buio della notte e brulicare come i topi portatori di peste che infestano le bare trasportate dalla nave, a diventare Dracula, in un passaggio di consegne filosofico e spirituale.

La cavalcata finale di Harker/Dracula, con il deserto che rievoca la Fata Morgana, il miraggio, è la raffigurazione della propagazione del male, della pestilenza che annienta l’umano, lo rende schiavo di una perpetuazione infinita dello schema che vede la preda vittima del predatore. È la Messa solenne di Charles Gounod ad accompagnare la fuga verso l’orizzonte privo di confini di Harker (il resto della colonna sonora è, come d’abitudine in quegli anni, composta dalla musica cosmica dei Popol Vuh). Una fuga alla luce del sole, prova dell’evoluzione stessa del Male, che ora non teme più neanche il giorno, i raggi ultravioletti. Nel confrontarsi, e in qualche misura giocare, con Murnau, Herzog espone una verità filosofica tragica: esiste il martirio, ma questo non è redentore, non è salvifico, non comporta alcun tipo di vittoria. Il martirio è solo l’atto della sopraffazione, in realtà di per sé naturale – anche se portato a termine da una creatura soprannaturale – e destinato a diventare a sua volta sollazzo. Danza, Dracula, muovendosi nella piazza vuota. Quella piazza in cui la società di Wismar (Herzog andò a girare a Delft, nei Paesi Bassi) celebra la propria dannazione, tra le deiezioni dei maiali, il brulicare dei muridi; l’occidente si sgretola, la sua borghesia commerciale – Harker è pur sempre un immobiliarista, tanto nel romanzo di Stoker quanto nelle rappresentazioni varie, da Murnau a Herzog fino al Dracula di Francis Ford Coppola – va in decomposizione. Attira a sé il Male perché possa commerciare, portare soldi, visto che il conte che vive isolato nel suo castello in Transilvania è uno speculatore edilizio. E una volta che il Male è entrato a far parte della società, l’ha infettata, quest’ultima si lascia morire in mezzo ai bagordi. Herzog guarda a Murnau e vi legge in filigrana Poe, inneggia al cannibalismo di una società che si crede moderna e che tale non è. E può essere spazzata via in un batter d’occhio, senza che ne resti traccia. Eccolo il senso di quel vertiginoso incipit, in cui lo spettatore si trova a tu per tu con le mummie di Guanajuato, morte nel 1833 in Messico a seguito di un’epidemia di colera. Corpi mummificati, esseri umani che all’epoca delle riprese avevano meno di 150 anni e che, esposti in un museo, erano diventati qualcosa di più simile all’arte astratta, o a una rappresentazione deforme – perché ex-viva – dell’Urlo di Edvard Munch. Lì inizia Nosferatu, il principe della notte, e lì inizia l’incubo destinato a dimostrarsi realtà di Lucy Harker. Se la società moderna crede nella propria perpetua evoluzione, per poi finire a mangiare le proprie feci e budella sulla piazza gotica del municipio o del duomo, l’unica evoluzione è quella del vampiro, che sa essere pipistrello e tornerà in vita anche dopo la pietrificazione, cambiando “involucro”. E dimostrando la propria superiorità, la propria reale essenza eterna.

Info
Nosferatu, il principe della notte, il trailer.
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-01.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-02.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-03.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-04.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-05.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-06.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-07.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-08.jpg
  • nosferatu-il-principe-della-notte-1979-nosferatu-phantom-der-nacht-werner-herzog-recensione-09.jpg

Articoli correlati

  • Classici

    nosferatu il vampiro recensioneNosferatu il vampiro

    di Nosferatu il vampiro ha quasi cento anni. Un secolo che ha cercato di dissezionare il corpo non-morto del film di Murnau, tra letture politiche e analisi del linguaggio, metafore e cronache del "reale". Un capolavoro senza tempo, che rilegge il tempo e lo spazio, e il senso del perturbante.
  • Cult

    Nosferato no brasil recensioneNosferato no Brasil

    di Il più iconoclasta dei vampiri è senza dubbio quello immortalato in Nosferato no Brasil dall'allora diciottenne Ivan Cardoso, tra i nomi più sperduti del tropicalismo cinematografico carioca. Con protagonista il poeta e paroliere Torquato Neto, che morirà suicida a soli 28 anni.
  • Rassegne

    Werner Herzog omaggiato dal Postmodernissimo di PerugiaWerner Herzog omaggiato dal Postmodernissimo di Perugia

    Werner Herzog viene omaggiato dal Postmodernissimo di Perugia nella rassegna "Germania in autunno". Tra ottobre e dicembre verranno presentati al pubblico di Perugia cinque opere di finzione, sei documentari e le sue lezioni di cinema.
  • Roma 2016

    Into the Inferno

    di Al cospetto dei vulcani più turbolenti del mondo, Werner Herzog con il vulcanologo Clive Oppenheimer enuclea in Into the Inferno una serie di argute riflessioni sull'uomo, la natura e il sentimento che li unisce: la paura. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    Lo and Behold - Internet: il futuro è oggi RecensioneLo and Behold – Internet: il futuro è oggi

    di Invisibile, inodore, pervasivo, è il Web secondo Werner Herzog, in un'inchiesta in prima persona destinata ai posteri, che non avranno più alcun "reperto" a disposizione per interpretare la nostra epoca. Al Biografilm Festival 2016 e ora in sala.
  • Berlino 2015

    Queen of the Desert

    di Tanto deserto ma poco Herzog: per una volta non è una contraddizione in termini, perché Queen of the Desert - in concorso alla 65esima edizione della Berlinale - è un film quasi-addomesticato.
  • Cannes 2012

    Dracula 3D RecensioneDracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • Documentari

    Into the Abyss

    di Qual è il segreto che si nasconde dietro la capacità di Werner Herzog di affrontare l'arte documentaria? Un interrogativo a cui forse può rispondere la visione di Into the Abyss...
  • AltreVisioni

    Cave of Forgotten Dreams

    di Con una apparente veste da documentario divulgativo, Cave of Forgotten Dreams è in realtà l'ennesimo esempio di come Herzog sia capace di reinventare continuamente il cinema e il suo cinema, affidandosi anche a strumenti atti al mero imbonimento spettacolare come il 3D.
  • Archivio

    My Son, My Son, What Have Ye Done RecensioneMy Son, My Son, What Have Ye Done

    di Con il suo nuovo film, My Son, My Son, What Have Ye Done, Werner Herzog firma uno sposalizio cinematografico, sorprendente quanto riuscitissimo, con David Lynch.
  • Speciali

    Vampiri al cinema: Innocent Blood - Un viaggio nell'oscuritàVampiri al cinema – Innocent Blood

    Un viaggio nell'oscurità: il mito del vampiro illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo.
  • Archivio

    Invincibile

    di Con Invincibile, che esce in sala a ben sette anni di distanza dalla sua presentazione veneziana, Herzog torna all'opera di finzione per mettere in scena - nel ritratto di un erculeo ebreo vissuto nella Germania nazista - la perenne lotta dell'uomo contro la natura, in un universo dominato dal caos.
  • Dvd

    Grizzly Man

    di La storia dell’iconoclasta Timothy Treadwell, il guerriero gentile dell’ecologia, è la storia di tutti gli eroi sconfitti di Herzog, ma è anche un po’ la storia dello stesso Herzog alle prese con un personaggio reale davvero vicino alla sua concezione di cinema/vita...
  • Archivio

    Grizzly Man

    di Nel raccontarci la vita dell'"uomo dei grizzly" Timothy Treadwell, Werner Herzog ci dice la sua sulla visione rassicurante della natura che caratterizza la cultura statunitense.
  • Archivio

    L’ignoto spazio profondo

    di Presentato a Venezia 2005 nella sezione Orizzonti, L'ignoto spazio profondo di Werner Herzog penetra l'apparato visivo-sensoriale dello spettatore e punta dritto ai centri nervosi più complessi e raffinati.
  • Archivio

    Il diamante bianco

    di Werner Herzog con Il diamante bianco ci dice, ancora una volta, che la conoscenza delle cose non è mai completamente oggettiva, e che uno sguardo personale e sentito sulla realtà non è affatto un suo tradimento, ma un atto di coerenza e fede in se stessi.
  • Trieste 2019

    Meeting Gorbachev RecensioneMeeting Gorbachev

    di , Presentato in apertura del Trieste Film Festival 2019, Meeting Gorbachev è una lunga intervista di Werner Herzog, curata con il suo collaboratore André Singer, all'uomo che cambiò il corso della Storia, l'ex leader sovietico Gorbaciov.
  • Berlinale 2019

    I Was at Home, But RecensioneI Was at Home, But

    di Fra ineleganti metafore animali, controcampi negati, sbalzi d'umore, apatie, isterie assortite, figli spariti e poi ritrovati, I Was at Home, But di Angela Schanelec procede confusionario, pretenzioso e inutilmente criptico verso un banale esistenzialismo d'accatto.. In concorso alla 69ma Berlinale.
  • In sala

    9 doigts Recensione9 Doigts

    di Dopo il premio per la regia al Festival di Locarno, 9 Doigts, quinto lungometreggio del francese F.J. Ossang, trova una distribuzione in sala: un lavoro dalla natura composita e ricca di fascino, tra suggestioni di genere, riflessioni di ampio respiro, riferimenti letterari e cinematografici.
  • Festival

    Bergamo Film Meeting - PresentazioneBergamo Film Meeting 2019 – Presentazione

    Parte il Bergamo Film Meeting, alla sua 37esima edizione, dal 9 al 17 marzo, con la preapertura, l'8 con la proiezione di Metropolis musicata da Jeff Mills. E quest'anno la manifestazione sarà all'insegna di Jean-Pierre Léaud, grande ospite per tutta la durata del festival, in un'ampia retrospettiva a lui dedicata.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento