Tutto l’oro che c’è

Tutto l’oro che c’è

di

Presentato in anteprima mondiale all’International Film Festival Rotterdam 2019, nella sezione Signatures, Tutto l’oro che c’è è un’opera elegiaca che segue il corso del fiume Ticino osservando gli ecosistemi, anche umani, delle sue sponde.

Il fiume azzurro

Un giorno bellissimo, sulle rive del fiume Ticino. La vita celebra il suo corso. Uccelli, formiche, cinghiali sono poco interessati ai visitatori umani. Ne seguiamo cinque in particolare, di età crescente da giovane a vecchio: un ragazzo che sembra essersi perso, un nudista, un carabiniere, un cacciatore e un cercatore d’oro. I loro tragitti non si incrociano. [sinossi]

«Il nascere si ripete di cosa in cosa e la vita a nessuno è data in proprietà ma a tutti in uso»: con questa citazione da Lucrezio inizia l’elegiaco e poetico Il pianeta azzurro di Franco Piavoli. Potrebbe essere anche l’esergo per Tutto l’oro che c’è di Andrea Caccia, presentato all’IFFR 2019, laddove i luoghi, del Garda e del Mincio cari al regista bresciano, sono sostituiti dalla valle del Ticino. Originatosi in Svizzera, tra il Passo della Novena e il Passo del San Gottardo, il fiume Ticino percorre complessivamente 248 km, andando a confluire nel Po nei pressi di Pavia. Rappresenta il secondo fiume italiano per portata d’acqua e, per il fatto di allargarsi, praticamente, nel Lago Maggiore, si depura e le sue acque sono poco inquinate, nonostante attraversi un territorio fortemente antropizzato tra Lombardia e Piemonte. Per questo e per la sua trasparenza viene chiamato il fiume azzurro. Nel 1974, a seguito di un movimento popolare, venne istituito il parco naturale lombardo della Valle del Ticino, il primo parco regionale italiano e a oggi il parco fluviale più grande d’Europa, e la Regione Piemonte seguì a ruota istituendo un analogo parco per la sponda di sua competenza.

Il fiume rappresenta in tante culture la metafora della vita, che origina da una sorgente e da un piccolo rigagnolo che si trasforma in un impetuoso corso d’acqua. E allo stesso tempo simboleggia lo scorrere del tempo e delle cose, inarrestabile, il corso del fiume non si può arrestare né invertire. Con dei bambini dai vestiti colorati che giocano, tra il verde dei prati di montagna, le rocce grigie e le mucche al pascolo, Andrea Caccia fa iniziare il film, accompagnando la nascita stessa del grande fiume. E Tutto l’oro che c’è è un film che scorre in un flusso di immagini e suoni, praticamente senza parole, come enunciato dal lungo momento della barca, inquadrata nella sua punta, che naviga tra le acque fluviali; il regista è un Caronte che ci accompagna, non da una sponda all’altra, ma lungo le rive del fiume, con i suoi abitanti, i suoi ecosistemi fatti di animali, tra cui gli uomini, i vegetali, i minerali. Tutti gli esseri viventi presenti nel film vengono poi elencati nei titoli di coda, a conferire loro la stessa dignità dei protagonisti umani, come del resto faceva anche Michelangelo Frammartino in Le quattro volte.

Ancora Piavoli insegnava un sapiente alternare di primissimi piani e di campi lunghi, seguendo lo schema dell’Infinito leopardiano, la siepe e gli interminati spazi al di là di quella. Anche Andrea Caccia lavora analogamente, con paesaggi e riprese di dettagli di insetti e animali seguendo i dettami della fotografia naturalistica. Immagini bellissime che però sono parti di un contesto più ampio, che comprende anche l’uomo e ciò che fa e ha fatto, e non si esauriscono nel mero estetismo da National Geographic. A volte riprende situazioni, come il corpo del naturista o il ragazzo, partendo dal dettaglio di una libellula che lì si è posata. Il nudista è ripreso, un’altra volta, nel dettaglio ravvicinato della sua pelle, i peli, le rughe, quasi a formare un’immagine astratta. La carcassa abbattuta di un cinghiale femmina è poi mostrata nel close-up delle sue mammelle.

Uccelli, insetti, mammiferi sono ripresi spesso nell’atto dell’accoppiamento, come quello delle libellule che disegnano una forma a cuore, della metamorfosi, della predazione. Immagini che a volte sono istantanee di bellezza e di morte, come quelle degli uccelli dal piumaggio variegato, il gruccione, il martin pescatore, con un insetto o un pesciolino nel becco. L’ecosistema umano riproduce con diversa complessità questi cicli della natura. Il cacciatore che spara ai fagiani. La sessualità esibita del naturista, che espone il suo corpo come la livrea di un animale in corteggiamento, il preservativo lasciato sul terreno. Ma la sessualità è anche quella dei cartelli, di indicazioni, divieti che tornano spesso come elementi di scrittura che inframmezzano il flusso visivo, scarabocchiati con quello spirito goliardico scurrile tipico degli anonimi writer dei muri di città o dei bagni pubblici, dove per esempio la parola “piene” viene modificata in “pene”. Le immagini umane suggeriscono delle narrazioni. Il carabiniere ci fa immaginare una detective story, ma del resto anche il naturalista che esamina le tracce, impronte, cadaveri di cui scoprire il colpevole, compie un lavoro di detection. E il cercatore d’oro richiama a quell’epica americana della corsa all’oro. L’umanità che si annida nell’alveo del fiume è pittoresca, da osservazione etologica, quasi un mondo dimenticato dal tempo, lontanissimo dalla vita di città. Ci sono le sagre attorno alla comunità di picnic e grigliate sulla sabbia, le canzoni in lontananza di Mia Martini, come le balere dei tempi che furono. Ci sono i manufatti industriali, gli stabilimenti dismessi, i ponti. C’è il grande ristorante, di quelli enormi di una volta, anonimi, senza stile, ora sempre vuoto, gestito da una vecchia signora.

Lavorando al montaggio di 150 ore di girato, di cui, garantisce, nulla è stato provocato o ricostruito – tutto è stato semplicemente osservato, è capitato davanti all’obiettivo della mdp a volte dopo estenuanti attese –, Andrea Caccia ha costruito una polifonia di immagini e suoni, di uomo e natura.

Info
La scheda di Tutto l’oro che c’è sul sito dell’International Film Festival Rotterdam.
  • Tutto-l-oro-che-c-è-2018-Andrea-Caccia-001.jpg
  • Tutto-l-oro-che-c-è-2018-Andrea-Caccia-002.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    International Film Festival Rotterdam 2019 - PresentazioneInternational Film Festival Rotterdam 2019 – Presentazione

    In corso fino al 3 febbraio l'International Film Festival di Rotterdam 2019, giunto alla 48esima edizione, con un programma come sempre fittissimo, dall'installazione curata da Godard al focus dedicato al cinema brasiliano di origine africana, passando per la sezione dedicata ai "ruin film".
  • I Mille Occhi 2018

    Intervista a Fabrizio FerraroIntervista a Fabrizio Ferraro

    Presentato a Rotterdam 2018, Gli indesiderati d'Europa si è rivelato uno dei film più interessanti dell'annata festivaliera in corso. Il regista Fabrizio Ferraro ha all'attivo già dieci titoli, in una filmografia iniziata nel 2006. A I mille occhi è stato presentato, insieme a Gli indesiderati d'Europa, anche il suo lavoro del 2009 Je suis Simone (La condition ouvrière). Abbiamo incontrato Fabrizio Ferraro a Trieste in questa occasione.
  • Venezia 2018

    I diari di Angela - Noi due cineasti RecensioneI diari di Angela – Noi due cineasti

    di Presentato come evento speciale fuori concorso a Venezia 75, I diari di Angela - Noi due cineasti porta avanti il lavoro di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi dopo la scomparsa della seconda, avvenuta lo scorso febbraio. Gianikian sfoglia l'archivio della coppia in un homemovie che è un percorso di guerre, viaggi, incontri di culture e cucina.
  • Rotterdam 2018

    O Termómetro de Galileu

    di Presentato nella sezione Signatures dell'International Film Festival Rotterdam, O Termómetro de Galileu è il racconto di un'estate trascorsa da Teresa Villaverde ospite della casa di campagna piemontese dell'amico Tonino De Bernardi.
  • Rotterdam 2018

    Insects RecensioneInsects

    di Presentato nella sezione Signatures dell'International Film Festival Rotterdam, Insects è l'ultima opera del genio surrealista Jan Švankmajer, un adattamento da una pièce dei fratelli Čapek. Almeno così finge di essere.
  • Archivio

    I cormorani

    di I cormorani di Fabio Bobbio è con ogni probabilità il miglior esordio italiano degli ultimi anni, una scheggia di cinema del reale che non teme la scrittura, ispirato viaggio nella 'quasi' adolescenza.
  • Locarno 2016

    Intervista a Franco Piavoli

    Franco Piavoli ha presentato al Festival di Locarno il suo ultimo lavoro Festa. Un'occasione per parlare con lui di cinema, antropologia, riti e stagioni della vita.
  • Torino 2013

    Habitat [Piavoli]

    di , Un documentario d'osservazione dedicato a Franco Piavoli, maestro dimenticato del nostro cinema, che però finisce per perdersi in una manierata ricerca della bella immagine.
  • Solothurn 2019

    Islander RecensioneIslander

    di C'è un legame tra l'isola sperduta di Robinson Crusoe e la Svizzera. A raccontarcelo è il regista Stéphane Goël nel documentario Islander presentato al Solothurner Filmtage 2019.
  • Rotterdam 2019

    end of season recensioneEnd of Season

    di Presentato all'International Film Festival Rotterdam 2019 nella sezione Bright Future, End of Season racconta attraverso la vita di una normale famiglia borghese il paese d'origine del regista, l'Azerbaigian, e una società in bilico tra la tradizione e la modernità forzata.
  • Festival

    Rotterdam 2019Rotterdam 2019

    Dal 23 gennaio al 3 febbraio la 48esima edizione di Rotterdam, con un programma come sempre fittissimo, dall'installazione curata da Godard al focus sul cinema brasiliano di origine africana, passando per la sezione dedicata ai ruin film...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento